Diversivi

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Diversivi

Spread the love

La mail arrivava da Francesco Biancalani. Scaricai l’allegato proposte.pdf ed iniziai a leggerlo.
Era il progetto che il collega del grafico mi stava sottoponendo per l’impaginazione. A fine mese avremmo presentato la brochure per il Lucca Summer Festival ed eravamo ancora in alto mare.
Il mio nome? Marzia Frati e all’epoca ero la responsabile dell’Ufficio Relazioni Pubbliche del Comune: era compito mio dare il benestare.
Le prime righe corsero via spedite: l’argomento era sostanzialmente tecnico e riguardava cose tipo layout di stampa, incolonnature, grafici a torta. Un sacco di blabla, insomma, che non riuscivano a destare la mia attenzione. Del resto erano le nove meno dieci del mattino ed ero vigile dalle piante dei piedi sino alle sopracciglia. Per svegliarmi definitivamente forse non sarebbe bastato neanche un salto dal paracadute, mi dissi, eppoi lavarsi i denti o guidare la macchina erano attività che sin lì avevano richiesto il minimo del mio potenziale cognitivo.
Ad un tratto una parola di quattro lettere grassettata mi riempì l’occhio e fece suonare tutti gli allarmi. Alla voce tipo di carattere tipografico era indicato: Anal
Chiusi gli occhi, li riaprii e l’oscenità verbale stava ancora lì.
Che fosse un refuso poteva essere ma pensai che la coincidenza era troppo sospetta. In un file dal titolo: proposte trovare la parola anal mi fece fare uno più uno e conclusi che quella era una proposta diretta a Marzia in persona.
Come più d’una volta m’è accaduto omisi di contare fino a dieci prima di mettere in moto il cervello e mi precipitai nell’ufficio del Biancalani vestita da guerra. Entrai senza essere annunciata e gli piantai il grugno in faccia.
“Mi spieghi che cazzo significa: anal? Anal, cosa? Anal tua sorella?”, abbaiai.
Francesco mi guardò come fossi scappata da qualche reparto di psichiatria. Mi invitò a sedermi e m’offrì un caffè.
Nel giro di qualche istante il fatto fu chiarito. Sullo schermo del mio pc s’era appiccicato un minuscolo grumo di sporcizia. Ma che dico, minuscolo: era microscopico. Magari c’avevo starnutito contro e la polvere, nel tempo, doveva essersi addensata proprio sul pixel preciso in cui le due lettere erre ed i della parola ‘arial’ si staccavano. Quel pixel annerito sul mio video aveva trasformato arial in anal e stravolto completamente in senso della frase.
La figura di merda, da pubblicazione sulla Nazione riuscii ad evitarla esibendo il mio proverbiale sorriso da bambina pentita. Francesco, lo abbracciai forte forte, quasi a togliergli la parola. Appoggiai la guancia dove s’era annodato la cravatta e pronunciai a bassa voce una parola sola, ripetuta innumerevoli volte: scusami.
La tachicardia calò nel giro di un paio di minuti. Solo allora l’abbraccio si sciolse e prima d’uscire lo baciai a labbra chiuse.Al rientro a casa, la sera bisticciai con Giorgio, mio marito. Non ricordo per quale ragione ma tanto di occasioni di lite ce n’erano a bizzeffe. Tutti avevano una lagna ed anche i figlioli, seppure tenessi a loro più che a me stessa, sembrava facessero apposta a farmi irritare. Andandosene per i fatti loro pareva si fossero portati via la ragione sociale della nostra s.p.a. famigliare.
A confidarmi con mamma mi trovavo sempre più spesso a fare discorsi del genere: “Sai, Giorgio negli ultimi tempi è come assente. Gli parlo e qualsiasi cosa dica lui annuisce”.
Aiuto, mi stava sfuggendo la vita. Mi chiesi se ero diventata una pizza ed una Margherita fredda non la vuole proprio nessuno.
Una volta a letto un’onesta nottata di sesso avrebbe smorzato la tensione. Ma chi se la ricorda più: dopo 22 anni di matrimonio, a 45 compiuti, una sana scopata pareva diventata il santo Grall.
Iniziava a mancarmi l’ossigeno ed era una sensazione penosa.
A queste cose pensavo in bagno davanti allo specchio mentre mi stavo struccando ed anche all’episodio di stamani in ufficio.
Mi venne prima da piangere eppoi un attimo dopo anche da ridere: Marzia e l’anal, era il motivo. Risi da sola, mi burlai di me stessa e di questo caso grottesco. Considerai quanto fossi stata tarulla e mi scaldò il cuore anche pensare a Francesco. In quel frangente apprezzai molto come avesse mantenuto il sangue freddo ed evitato la lite da pollaio e m’era risultata gradita, seppur fugace la sensazione del suo corpo che si faceva stringere. Un amplesso, in senso tecnico, abbiamo avuto, mi dissi dalle mie reminiscenze liceali e ghignai ancora. Stavolta la smorfia era tutt’altro che candida.
Il ticchio della curiosità mi prese ed entrai nel sito del Comune a cercare notizie di lui. Il curriculum era davanti ai miei occhi: originario di Sarzana, 20-02-1967, 38 enne, dunque e segno zodiacale pesci. Tutta la sfilza di qualifiche scolastiche e professionali la saltai a piedi pari. La foto restituiva l’impressione di un bell’ometto, a prima vista con tutte le sue belle cosine a posto. E di fianco a lui una donna ed un paio di marmocchi. Parevano una famiglia felice. Almeno sino a prova contraria, non potei fare a meno di pensare.
A disposizione c’era anche la sua mail personale e non resistetti alla tentazione di scrivergli.da: [email protected]
a: [email protected]
data 12-03-2005 alle 23.21
Mi perdonerai mai, per stamani?
Cosa potrò fare per sdebitarmi?
Una convinta volessi farle proposte contronaturaLa risposta arrivò abbastanza sollecita, tre quarti d’ora dopo.da: [email protected]
a: [email protected]
data 13-03-2005 alle 00.18
Cosa avresti potuto fare, sarebbe meglio dire. Per esempio, tenerla aperta
Uno che ama la natura ed anche il suo contrarioIl solito spaccamontagne, fu il primo commento. Ci misi un po’, invece, ad interpretare il messaggio. Che intendeva per aperta? La bocca, le labbra? Gli sarebbe garbato baciarmi? O altro era il significato dell’ellissi?
Andai a dormire ed ebbi un sonno faticoso. Sognai babbo che da giovane faceva il burro agitando con forza una bottiglia piena di latte. Lo guardavo a bocca aperta, la veemenza che ci metteva, incredula di come un liquido potesse partorire un solido.
Quando mi svegliai ero oltremodo agitata: non fui in grado di connettere i fattori ma gli elementi del mio futuro c’erano tutti spiattellati lì: la bocca spalancata, lo scuotimento, il burro.
Di fianco a me Giorgio ronfava. Entrambi ignari di qualcosa che mi stava crescendo dentro.I giorni successivi furono assenza di contatti verbali e scariche di mail a ripetizione. Per lo più messaggi brevi, un po’ enigmatici, un po’ provocatori.da: [email protected]
a: [email protected]
data 15-03-2015 alle 14.41
Sono un tipo molto posato. Se avessi dimenticato di anteporre la S sarebbe poi così grave?E poco dopoda: [email protected]
a: [email protected]
data 15-03-2015 alle 15.02
Dai il meglio di te stessa a letto quando ti senti: libera o amata?Inutile dire che il loro traffico scandiva l’orologio della mia giornata, ed era il barometro del mio umore.
Sandra, la mia vice, vedendomi imbambolata davanti al video da un tot di tempo mi paragonò ad Ezechiele Lupo: “Hai i denti che gocciano saliva, i tre porcellini sono alle viste?”. Avesse avuto maggiore confidenza, l’espressione usata sarebbe stata meno gentile. Giorgio, quando la passione gli affannava la voce me l’ha ricordato parecchie volte come avessi stampata la voglia di pisello dappertutto, come un tatuaggio maori. Dal gergo toscano: “C’hai proprio la faccia a tegame”, poteva essere un magnifico autoscattoIo me ne rimanevo barricata dentro il mio ufficio dietro le mie unghie laccate rosa. A pestare tasti e ad attendere la manna dal cielo.
Ero affascinata dallo stile allusivo del mio spasimante. Mi sorpresi ad usarlo, questo termine: spasimante, come mai mi avesse fatto la corte. In realtà ero io che smaniavo.
Non si scopriva mai, le sue missive finivano tutte con un punto interrogativo. Pareva domandare e buttava lì cose terribili senza mai palesare passioni.
I pesci sono fatti così, constatai: sgusciano di mano.
Audace, ci piace? chiesi a me stessa e la risposta fu facile. Anzi, audace&sfuggente, ci piace di più.
Lui era sempre un passo di lato, fedele sino in fondo ad una sua massima di vita. Recitava: Alludere: sempre; Illudere: mai; per non Deludere
C’era questa parola: ludico che ricorreva spesso nel suo frasario e mi risuonava bellissimada: [email protected]
a: [email protected]
data 15-03-2005 alle 15.51
Preferisci una nottata bollente o esilarante?Eccolo lì, il sarzanese, ancora, a dare forma alle miei pensieri.
La sera stessa sera staccai dall’ufficio con qualche minuto di anticipo. Avevo qualcosa che si dimenava dentro, senza alcun piano preciso.
Lo attesi nel parcheggio e fu una specie di agguato, da chiamare la forza pubblica.
Mentre stava aprendo lo sportello dell’auto mi feci avanti a capo chino incapace di spiaccicare parola. Il seguito è da romanzetto rosa: lei si alzo sulle punte dei piedi, avvicinò le labbra alle sue e lo baciò. Andò più o meno così, con diversi cm di lingua da parte mia.
“Rimanere aperta, intendevi questo?”, buttai lì e senza attendere risposta mi allontanai. Correvo quasi fossi una ladra che scappa da un orafo, in realtà esultante monella che ha fatto uno scherzo cretino.L’accordo venne siglato in un attimo senza bisogno di alcun negoziatoda: [email protected]
a: [email protected]
data 15-03-2005 alle 23.02
Domani pomeriggio facciamo una passeggiata in centro, ti va?Risposero i miei capezzolini all’insù e l’esito risultò quella sperato. L’avevano inteso, loro con cosa facesse rima passeggiatada: [email protected]
a: [email protected]
data 15-03-2005 alle 23.09
SìMentre mi lisciavo i capelli canticchiavo una marcetta ed il testo faceva pressappoco così: dieci minuti, un caffè e via; che vuoi che sia, un flirt innocente; solo una volta eppoi basta; una cotta da ragazzini non lascia segni. Era una melodia più falsa che bella.
Il pettine aveva fatto il suo dovere e mi sentivo luminosa più che mai.
Bacio doppio sulla guancia, ciao come stai, e Marzia e Francesco sottobraccio. Il centro, scoprii rapidamente, era un simpatico alberghetto. Lì i miei propositi divennero cenere di sigaretta, un tiro forte e poi solo fumo al vento.
Le formalità amministrative furono la prima sorpresa, non avevo pensato alla necessità di esibire i documenti. L’imbarazzo assoluto, e dopo un attimo di esitazione la mia testa fece segno di sì.
Mentre il portiere riempiva le carte: “Prego, signora, la patente va bene”, mi sentii pure tastare il didietro ed era il mio cavaliere.
Se la mia faccia era arrossita poi virai sul viola, pensando: dov’è la botola per scomparire?
Quando fu il suo turno mi fermai un attimo ad osservarci riflessi allo specchio. Non c’era ancora stato modo di una foto, entrambi dentro la medesima cornice. Centosessantotto cm dentro una camicetta scozzese, la sottoscritta e gambe storte fasciate da jeans, lui: alti quasi uguali s’aveva l’aspetto di due amici in gita turistica ma io non ero lì per scrivere un diario di viaggio.
Dentro l’ascensore prese il via il tripudio delle lingue incollate e prosegui sino in camera, con movenze da sbronzi e risate da fatti.
La sua bocca sorrise sopra la mia, ma era una smorfia nervosa, s’era impicciato col reggiseno.
“Ti serve una mano, campione?”, lo canzonai
“Non ne ho poi slacciati così tanti in vita mia”, si giustificò.
E’ bastata la pressione dell’indice appoggiato sul seno per trovarmi sbattuta di schiena sul letto.
Mi afferrò per i piedi e finii coi calcagni appoggiati alle sue spalle.
La gonna si raccolse sul ventre. Stava lì a mangiarmi cogli occhi dove le cosce si fanno bacino e sono un invito alle giostre.
Poi toccò al mio cotone raffinatezza Oviesse a volare via nel vuoto e fu in un amen. Chissà se le avrei ritrovato, dissi a me stessa intanto che mi leccava da Trieste in giù. Fu la volta delle caviglie, a seguire le cosce all’interno e non erano baci ma colpi di lingua che annunciavano altro. Mi sentivo molle e avvolgente, liscia e gustosa. E pronta a fare sul serio.
Ero più aperta che al momento del parto quando mi saltò addosso con la foga di un cavallino rampante.
Erano dita e saliva che lavoravano Marzia. Davanti la bocca e dietro si spartirono il compito indice e medio. Prima l’uno e poi l’altro insieme mi frugavano dentro dove la carne diventa più stretta. Bastarono dieci minuti di quel massaggio e raggiunsi un orgasmo micidiale. Smaniavo, soffiavo e avevo il sorriso di una bambola gonfiabile.
Lo abbracciai forte forte e come pochi giorni prima, con il viso sul petto mi uscirono solo poche parole, ancora a voce bassa. Mi ero travestita di nuovo da bimba pudica. Avevo il tono della supplica ma era un capriccio: “Solo di dietro, ti prego”.
Legioni di maschi spacciano profilattici sovente scaduti e sono sempre le femmine esperte di quello che serve davvero. Tirai fuori dalla borsetta il mio tubetto di Luan, il burro del sogno, e la pomata magica fece il suo dovere.
Nonostante fossi già stata svezzata a certi rapporti, il bruciore non fece difetto. Non mancò però neppure la gioia così, poco dopo, io stessa roteavo le mele accogliendo una minchia da lode. La volevo tutta e di più.
A metà pomeriggio il cellulare suonò una volta e poi due. Alla fine furono otto ed ogni squillo era un’accusa. Echeggiavano come il martello del giudice prima delle sentenza. Era legno lucido che annunciava: Marzia, colpevole, di infedeltà e di sodomia.
Francesco aveva inteso chi fosse che mi cercava. Strinse lì all’indice dove portavo la fede ed era libidine come piovesse. Mi bisbigliò ad un orecchio: “Tuo marito ti rompe il cazzo, io, invece, il culo”.
“Glielo dirai a tua moglie come te la scopi quella mignotta della Frati? Giuralo, dai che glielo dici”, strepitai.
Avevo bisogno di parole, di quelle brutte, prima di tutto. Mi atteggiavo da vacca per provare una volta nella vita cosa significasse sul serio esserlo.
Francesco ne era parco, invece. Ha sempre saputo più di me quanto valessero. Le paragonava ai vestiti, ad usarli troppo diventano lisi alla svelta. Ad una donna, mi disse, si può dare della troia, e se vuoi che ci creda solo una volta puoi farlo eppoi basta. Me lo son ripetuta da sola e aspettai di vedere l’effetto che fa. Ed era un brivido denso.
Le gambe le stringevo forte per sentirlo più dentro e intanto proseguiva la monta.
C’era il ritmo lento del basso che mi solcava il sedere. Un accordo di corpi: battere e levare, battere e levare, andante in quattro quarti. Una pausa per un bacio, si tira il fiato e, dopo, la melodia riprendeva, continua ed insistente.
Insieme alla melodia salivano le immagini: Marzia dritta ed ero sulle punte dei piedi. Da qualche parte questo imperativo affiorava. Era la mia maestra di danza classica che mi ululava dietro e le altre bambine a bisbigliare: la Frati pare che abbia un manico di scopa infilato .. e si davan di gomito troncando lì la frase. Bizzarro, vero?, come le medesime parole: manico-culo-scopa avessero ora un significato completamente diverso.
Tum-gnee, tum-gnee recitava la rete del letto: io sopra, lui sotto, io crepa, lui picca.
E, poi, la cadenza virò sull’allegro con brio. Fui costretta su un fianco su quelle lenzuola sporche di noi. Obbligata a sentirlo più duro che mai.
Sgranai gli occhi, senza riuscire a vederlo. Era lì dentro di me, al fine corsa di Marzia.
“Stracciami”, urlai, quasi afona.
In prossimità della conclusione scalciavo come un asina. Piangevo e non solo dagli occhi sprizzavo lacrime e salmastro. Ero un reticolo innervato di orgasmi, carne buona solo allo spiedo. Un unico buco arrossato e perfettamente scorrevole.
Ad un certo punto la rumba cessò senza che avessi coscienza del tempo.
Rimanemmo in silenzio per qualche minuto, sfatti e bagnati di noi stessi. Fumando una sigaretta a turno e persi nell’oblio dei sensi svuotati. Il pompelmo strizzato era la rappresentazione perfetta di come mi sentissi.
Alle 19.30 lasciai l’albergo in concomitanza con l’orario di conclusione dello spettacolo cinematografico del pomeriggio.
In auto al telefono mentre mi sistemavo il mascara riferii a Giorgio del film di Salvatores: “Non è stato un gran che. Vedremo il prossimo?”
Il prossimo, già?Durerà questa relazione extraconiugale?
Ad ora son sei mesi che andiamo a letto insieme e quando qualcuno dei due ne ha voglia parte una mail.
Abbiamo trovato una nostro menage, di certo meno coinvolgente dell’inizio ma forse più soddisfacente. Non è che proprio facciamo l’amore anzi è difficile dire ci sia mai successo. Accade che io scopo lui e lui scopa me e può bastare.
Ci si vede, insomma, trombiamo ma con moderazione.
Il mio ganzo dice che è da nobili lasciare sempre un boccone nel piatto. Il pasto non va consumato tutto e subito. Le emozioni son magiche se non vengono date alle fiamme.
Francesco non è Gabriel Pontello e nemmeno Humphrey Bogart. Ha messo su un po’ di pancetta ma chi se ne importa, anche i miei, di fianchi non sono proprio da modella. Mi garba anche se quel che è certo che morto un papa sanno tutti che il soglio pontificio non rimane mai vacante.
E mi chiedo anche se durerà il mio matrimonio? Il vincolo: ‘finché figli&mutuo non vi separi’ ha ancora poco fiato. Prima di Francesco ho creduto che per me non ci fosse altro destino che una lento declino verso la menopausa. Temevo di dover mettere la potta sotto chiave e non se ne parli più.
Con Giorgio non accade che lui scopi me e neppure che io scopi lui, figuriamoci il resto.
Ad ora, io e mio marito, siamo un corpo a cui è stato amputato quell’arto chiamato sesso e non può che camminare vacillando. Traballa, zoppica ma non si sa come mantiene un suo equilibrio ed avanza.Ad ogni modo la mattina delle presentazione uscii con una mezzora d’anticipo e non perché dovessi fermarmi dalla sarta o avessi da prenotare una visita medica
Alle otto meno dieci ero scesa negli scantinati del Comune. Francesco era lì patta aperta e stavo dandogli soddisfazione con la bocca.
La cretinata che mi venne in mente non ce la feci proprio a reprimerla. Mi scostai e senza alzare gli occhi: “Dio, com’è buono. Ci fosse il gelato al gusto di cazzo ne farei indigestione”.
Francesco si lasciò andare ad una risata di pancia così fragorosa che il bischero gli si ammosciò di botto.
“Sei proprio un tegame, sig.ra Frati. Non si può scopa’ in questa maniera”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.