The Handyman (Cap 7) – Le fidanzate

The Handyman (Cap 7) – Le fidanzate

Spread the love

Antonella, quasi sicuramente, era la mia migliore amica la dentro, ed è quella che, ancora oggi dopo tanti anni, mi manca di più. Il fatto che fosse lesbica rafforzava di più la nostra amicizia. Sia chiaro, era bellissima, avrai passato volentieri ore di passione con lei. Ma sapevo che era impossibile, almeno lo pensavo. Io e lei parlavamo praticamente ogni sera, ci sedevamo nel mio piccolo giardino, e parlevamo del più e del meno. Soprattutto del lavoro che svolgevo al condominio.
Con Francesca il rapporto era completamente diverso, direi quasi che mi odiasse, forse era gelosa.
Pure fisicamente e caratterialmente erano diverse. Una era bionda (Antonella), l’altra era mora (Francesca). Una era atletica, del resto faceva la personal trainer, l’altra era formosa, era una specie di ingeniere. Una era liscia, l’altra era riccia. Una era leggermente più alta, l’altra un po’ più bassina. Una aveva il sedere come suo punto di forza, l’altra aveva il seno. La mia amica era sociale, allegra, divertente, semplice e a volte ingenua. La sua fidanzata invece era introversa, calcolatrice, pensierosa, scorbutica e, in quei primi mesi, pensavo che fosse un piccolo demonio.

Appena scesi dall’appartamente di Satin, cercai subito la videocamera. La trovai su uno scaffale del garage. Devo dire che il condominio non badava a spese. Era una Canon XAII. Giusto il tempo di mangiare qualcosa, per riprendere le forze perse nella mia attività fisica precedente. Salii all’appartamento 2B. Mi apri Francesca che subito mi fulminò con il suo sguardo.
Mi prese la videocamera – “A grazie, ora te ne puoi andare” – E fece per chiudere la porta.
“Va Ben..” – Era questo tutto l’aiuto che dovevo dare?.
Ma subito arrivò Antonella – “Dai tesoro, non fare la solita scontrosa, fallo entrare”.
Come potete immaginare, per via del mio lavoro, ero entrato spesso in casa loro, ma stavolta notai qualcosa di diverso. L’ambiente era più scuro. Le tende erano tirate. La cosa che mi stupì di più erano gli oggetti sessuali, in sala sul tavolo. Strano che erano state cosi sbadate.
“Come è andata con Satin?” – Fu Antonella a parlare per prima.
“Bhe, che ti posso dire” – Pensai un attimo alle parole da usare – “L’ho aiutata a portare il nuovo materasso nel suo appartamento”
“Dicono tutti così” – Quella battuta acida veniva da Francesca.
Notai per la prima volta Francesca. Indossava tailleur scuro, gonna e giacca con bottoni bianchi e sotto una camicia bianca con bottoni neri e un cravattino al collo. Probabilmente era appena tornata dal lavoro. Invece Antonella invece si era cambiata, rispetto a prima, era, come posso dire, più casalinga. Aveva una sottoveste nera con una scollatura molto profonda e delle calze autoreggenti semitrasparenti nere. La monella poi si era fatta due codini come pippi calzelunghe.
“Smettila di fissare la mia ragazza”
“Tesoro, smettila di fare la gelosa, Ale ormai mi ha vista così un sacco di volte. E’ abituato”
Oddio a certe cose non ci si abitua mai.
“Cosa vorresti dire che è abituato” – Disse seccata Francesca.
“Su come sei pesante, io e lui parliamo spesso di sera. Soprattutto quando tu vai a Roma per lavoro. Non abbiamo mai fatto nulla di male.” – Poi con una sguardo cattivo, che non gli avevo mai visto – “E poi parli tu , che quando vai a Roma, sei sempre ospite di quella troia di Ludovica”.
Dopo quella risposta, mi sembrò, che Francesca volesse dare uno schiaffo alla mia amica, ma si trattenne.
“Ho portato la videocamera, come mi avevi chiesto” – Mi permisi di parlare per smorzare la tensione – “Ora me ne posso andare”
“No ti prego rimani, non sappiamo come si usa quella cosa. Ci serve proprio il tuo aiuto” – Non potevo dire di no ad Antonella.
“Antonella non ci serve questo pervertito” – Poi, quasi rimangiandosi le parole – “Ascolta questa pazza ha avuto l’idea di girare un filmino di famiglia”
“Di che genere?” – chiesi in modo ingenuo.
“Ma che domande stupide che fai, tesoro, un bel filmino lesbo” – Antonella quasi arrosì.
Guardai Francesca imbarazzato – “Bhe.. forse è meglio che chiedere a un professionista”.
“Dai Ale, io voglio te. Con altri mi sentirei a disagio”
“Allora lo fai o no?. Non mi piace perdere tempo.” – Ovviamente questa era Francesca.
“A quanto pare, secondo il mio contratto, non posso rifiutare. Poi come posso dirvi di no.” – Guardai entrambe – “Allora come volete fare?”
“Diccelo tu , visto che guardi un sacco di porno” – sempre simpatica la moretta.
“Bhe è inutile fare cose complicate, non pensate?” – Poi guardando il divano – “Visto il vostro outfit, io direi che Antonella aspetti sul divano che torni dal lavoro”
“Ok basta che lo facciamo, che mi tocca fare per rendere felice questa signorina capricciosa” – diede un bacio alla mia amica.
Presi il manico della videocamere – “Ora fai finta di essere appena rincasata” – Francesca si diresse verso la porta, e io dissi “Azione, scusate ho sempre sognato di farlo”.
Mi interruppi un attimo “Mi raccomanda dovete sembrare più naturali possibile, e dimenticatevi di me”
“Per quello che mi riguarda tu non esisti” – Prese la sua cartelletta e appena mise la mano sul pomello della porta, premetti il tasto Rec.
Puntai la videocamera su Francesca e poi su Antonella, appena si accorse di essere inguadrata “tesoso finalmente sei arrivata” – la baciò sulle labbra.
“Scusa amore soliti problemi al lavoro” – Erano un po rigide, e gli infilò la lingua in gola, e palpandole il culo – “E tu che hai fatto oggi?”
“Bhe ho avuto due lezioni private, un uomo sui cinquanta anni e Serena, ho chiaccherato un po’ in guardiola con Alexander” – Mi fece l’occhiolino – “Poverino la sua ragazza l’ha lasciato”.
“Bhe si vede che è una tipa intelligente”.
“Sai amore, ho così tanta voglia di te, che se non ti sbrigavi mi masturbavo”.
Francesca la stese sul divano – “Per fortuna, allora sono arrivata in tempo, monella”.
Lei le si gettò sopra, le infilò la lingua in gola e la sua mano destra si infilò sotto la sottoveste. Infilando due dita nella figa.
Antonella iniziò ad ansimare. Ovviamente a me diventò duro. Purtroppo se ne doveva stare chiuso nei pantaloni.
Le loro lingue si incrociavano appassionatamente. Io ovviamenti zoommai sul quel dettaglio.
“Chi è la mia dolce puttanella” – Spingendo le dita sempre più in profondità.
“Sono io, e tu sei il mio amore”- Antonella era di una dolcezza infinita.
Potete solo immaginare quanto sudavo. Francesca si tolse la giacca, poi si sbottonò la camicia e si sganciò il reggiseno. Tenne solo la cravatta al collo. Era la prima volta che vedevo il suo seno, era decisamente grosso e molto più sodo di quello che pensassi. Forse era il seno più bello che avevo visto in vita mia. Più bello di quello di Sabrina.
Antonella, con un gesto automatico, le mise la faccia nelle tette. Li dentro probabilmente soffocava – “Brava troietta, leccale tutte”.
Dopo aver detto quelle parole, sfilò la sottoveste alla sua ragazza. Come avevo immaginato, sotto era completamente nuda.
Ora la stronza aveva sicuramente il seno più bello, ma la mia Anto aveva un fisico spaziale. Non aveva un filo di grasso. Il suo corpo era di marmo, io suoi addominali facevano invidia a praticamente tutti gli uomini. Sicuramente a me.
Francesca stimolò i capezzoli della sua ragazza, li leccò. Poi la sua lingua scese verso la sua pancia, quasi inesistente. Le sue dita continuavano a stimolare la figa della sua partner, ormai completamente bagnata – “Visto che hai fatto bene ad aspettarmi, Troia”.
Dentro di me urlavo – “Che aspetti a leccagli quel paradiso”.
Come se avesse letto il mio pensiero. La sua bocca si diresse verso la vagina. Tolse le dita, se le lecco, forse per sentire il sapore della sua ragazza, e poi con un gesto rapido le infilò, stavolta, nel buco del culo.
Io feci una rapita carellata sul corpo della mia amica e mi sfuggì un “Sei bellissima”. Poi inguadrai Francesca atta a fare godere la sua ragazza. Lei fissò la telecamera come se mi volesse sfidare. Morse le grandi labbra. Le aprì dolcemente per arrivare a quelle piccole. Passò la punta della lingua sul clito, che si ingrossò subito. E Francesca lo succhiò immediatamente come se fosse un piccolo cazzo.
Antonella, d’istinto, allungo la mano afferrando il mio cazzo duro sotto i pantaloni, non so se lo fece apposta, ma sicuramente la tolse subito per non far incazzare la sua fidanzata. La quale immerse sempre di più il suo viso in quel delizioso monte di venere. Indurì la lingua, la infilo tutta nella passera, e la scopò, letteralmente. Le sue mani attaccarono con forza le tette della sua partner.
La mia amica inarcò ancora di più la schiena, mettendo, ancora di più in evidenza il suo fantastico corpo. La mia voglia di afferagli le tette fù tanta.
“Si sbattimi, amore mio” – Purtroppo non era rivolto a me.
“Sei una gran troia lo sai vero?”
“E’ sempre e solo merito tuo, mio unico amore”
Non so voi, ma mi stupii della mia resistenza. Forse il sesso fatto in precedenza con Satin, aveva smorzato la mia voglia. La mia “nemica” tolse le mani dalla tette, riemerse dalla figa che stava leccando. Si sdraiò sulla sua ragazza. I loro corpi erano praticamente incollati. Le loro bocche erano sigillate una all’altra, le loro tette si scontravano come due titani e le loro fighe si strusciavano. Dando piacere ad entrambe.
“Hai visto sfigato come si fotte”. Ok questa spero che la tolgono dal video.
Io mi misi esattamente dietro il culo di Francesca, e per mezzo secondo pensai di toccaglierlo.
Antonella strinse le sue gambe intorno al corpo della sua fidanzata. – “Voglia sentirti tutta”
Istintivamente mi misi una mano sul cazzo, ma dovetti resistere, altrimenti le immagini venivano mosse. Mi avvicinai per inguadrare le tue passere che interagivano e colavano.
Non smettevano mai di baciarsi. Non avevo mai visto una tale passione.
Francesca all’improvviso si alzò. Io rimasi, con la telecamera, su Antonella che continuava a toccarsi con due dita.
“E’ ora di fottere serialmente” – Prese dal tavolo un Eternal Swan, si sfilo la cravatta e, con mia grande sorpresa li gettò ad Antonella. Appoggiò le mani sul divano. Spostavo, in modo alterno, la telecamera da una troia all’altra.
La mia amica si infilò la parte che sembrava un uovo nella figa. Sembrava proprio che avesse un cazzo rosa tra le gambe.
“Ora ti sistemo io amore” – Non l’avevo mai vista cosi agressiva. Prese le braccia di Francesca, in modo così deciso, che la sua testa sbattè sull’imbottitudine dello schienale. Legò i polsi, della sua fidanzata, dietro la schiena con la cravatta. Gli leccò la schiena, e gli infilò il cazzo di silicone nella passera e la sua compagna urlò immediatamente. Antonella la fotteva con decisione. Io inquadrai la faccia della stronza, come se la stava godendo. Ad ogni spinta godeva sempre di più. Per vendetta, mi avvicinai cosi tanto alla sua faccia, che ogni volta che la mia amica spingeva, la sua faccia sbatteva contro il mio cazzo duro. Lo so me l’avrebbe fatta pagare.
Anto slego le mani e usò la cravatta come guinzaglio. Si sedette sul divano, aspettando con ansia il suo amore. Francesca si sedette immediatamente su quel coso. Sbattendo le tette in faccia ad Anto. Sembrava propro una cavallerizza che montava la propria puledra. Francesca inarco la schiena all’indietro, per sentirlo meglio, le sue tette sudate sembravano ancora piu sexy. Urlò intensamente, aveva appena avuto un orgasmo. Fu la mia inquadratura migliore.
Non perse tempo. – “Ora piccola tocca a te”.
Tolse il sex toys dalla figa della sua fidanzata. Ricominciò a leccarla. Le passò le sue tettone sulla passera.
Io mi inginocchiai per inquadrare meglio. Avevo la punta del cazzo che sbatteva sul pavimento.
A furia ti sbattegli la figa con le sue tette, Antonella squirtò direttamente su di esse.
Erano stavolte. SI misero sul divano a baciarsi e pulirsi a vicenda. Si misero a ridere. Erano cosi belle, che mi emozionai. Dimenticando cosa stessi facendo.
“Ora tesoro spegni pure la telecamera” – Lo feci subito, la mia amica rise forte vedendo la mia erezione nei pantaloni – “Chissà come ha sofferto quel coso in mezzo alle gambe”.
Io appoggiai la telecamera. Lei all’improvviso si alzò, si inginocchiò davanti a me, mi sbottono i pantaloni e me lo prese subito in bocca.
“Ma porca puttana che cazzo stai facendo?” – Francesca era incazzatissima.
“Dai calmati, lo sto solo ringraziando per il suo aiuto” – E se lo infilò tutto in gola.
Allora la mora si alzò di scatto, mi afferrò il cazzo con decisione, e mi sego così tanto velocemente, che venni immediatamente sulla faccia e sulle tette della sua amante.
“Ora vattene”
Tolsi la scheda Ultra SDHC dalla telecamera e me ne andai.

Appena appoggiai un piede sui primi scalini delle scale, sentii due voci che conoscevo bene.
“Tesoro torna a trovarmi settimana prossima” Questa era la voce di Marina, ma la voce che fui piu sorpreso di sentire era quella di Sabrina – “Certo signora” – Si baciarono e la mia ex se ne andò.
Cosa diavolo stava succedendo.
Ero assorto nei miei pensieri, quando mi sentii afferrare da dietro. Era Antonella, sta matta era ancora completamente nuda, tranne le autoreggenti. Mi porse la schedina.
“Lo sai che noi due siamo incapaci, c’è lo monti tu il video, vero?” – Mi baciò delicatamente le labbra – “Se vuoi puoi tenerdi una copia, te lo meriti” – Rimase ferma perplessa – “Tesoro c’è qualcosa che non va?”.
Stavo ancora pensando alla scena che avevo appena visto.
“Non preoccuparti, nulla di grave. Ora torna in casa, altrimenti quella ci uccide entrambe”
Mi baciò ancora – “Forse hai ragione” – Si strinse le tette, per farmi piacere e sculettando tornò in casa. Io invece restai, ancora per quache attimo, da solo su quelle scale. Il fantasma di Sabrina aleggiava ancora su quelle scale. Io dovevo sapere.

 

One thought on “The Handyman (Cap 7) – Le fidanzate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.