Sesso lesbo con l’amante di mio marito

Sesso lesbo con l’amante di mio marito

Spread the love

Ho 30 anni e sono sposata con Amedeo, un uomo di 34 anni che ho scoperto mi tradisce da ben 2 anni con una ragazza molto più giovane di lui.
Sono venuta a conoscenza dei suoi tradimenti perchè lo sentivo sempre più distante, non avevamo più rapporti sessuali perchè lui era sempre stanco per il lavoro o stressato dai troppi pagamenti. Un giorno ho deciso di seguirlo, pedinarlo e leggere mentre faceva la doccia i suoi sms sul cellulare che aveva protetto da una password che fortunatamente sono riuscita a scoprire senza fargli sospettare nulla.
La sua amante si chiama Nadia, una 23enne che frequenta l’università e che è in procinto di laurearsi. E’ una bella ragazza, mora, occhi verdi ed ha il fisico slanciato e sodo di una ballerina. Frequenta la mia stessa palestra ma in orari diversi da quelli che ho io ed è per questo che non l’avevo mai vista prima di quel momento.
Io ho pensato di vendicarmi a modo mio di tutte le menzogne che Amedeo mi ha raccontato in questi ultimi anni, ma non l’ho tradito con un uomo bensì ho scopato come una porca proprio con la sua amante!
Con il tempo sono riuscita a diventare amica di Nadia che è una persona molto socievole e aperta a nuove avventure. Non è stato difficile farsi raccontare i suoi segreti, tanto che è arrivata a confessarmi di avere una relazione con un uomo molto più grande di lei che le dice di essere sposato con una donna che non ama più.
Dopo l’allenamento in palestra ci facciamo la doccia insieme continuando a parlare delle nostre passioni, ambizioni e di tanto altro ancora. Devo ammettere che quando ci laviamo non posso fare a meno di ammirarla in tutta la sua bellezza e capisco perchè mio marito è crollato ai suoi piedi.
Ieri Nadia mi ha chiamata in lacrime dicendomi che il suo uomo non si era presentato all’appuntamento e che non si è fatto sentire per tutta la serata. Lei non potrà mai sapere che in realtà ho fatto in modo di non far uscire mio marito di casa con una scusa!
Sono per questo andata a casa sua per “consolarla”, l’ho abbracciata, le ho accarezzato i capelli e approfittando del suo momento di dolore e debolezza ho iniziato a baciarla. Lei mi ha guardata un pò imbarazzata e sconvolta però non mi ha allontanata ed ha ricambiato con un bacio molto passionale.
Le nostre lingue si sono attorcigliate, l’atmosfera ha iniziato a riscaldarsi e la mia voglia di vendetta si è fatta sempre più viva. Le nostre mani cercavano lembi di pelle, ci siamo accarezzate ogni centimetro di pelle spostando gli abiti che avevamo addosso.
Le ho slacciato i jeans e ho iniziato ad accarezzare la sua figa che non era ancora molto umida, ma proprio come in palestra era completamente depilata. Lei dopo un pò ha divaricato le gambe per facilitarmi il tutto ed io ho iniziato ad accarezzarla delicatamente.
Le ho poi sbottonato la camicia, le ho tolto il reggiseno ed il suo seno, piccolo ma letteralmente meraviglioso, mi invitata a succhiare quei lunghi e turgidi capezzoli scuri.
Mi sono spogliata anche io che avevo indossato di proposito una biancheria molto sexy. Non credevo di eccitarmi all’idea di andare a letto con l’amante di mio marito, con una donna, ma è stato proprio così.
Mi sono sentita la figa umidissima, tutta bagnata ed avevo voglia di provare nuove emozioni. Ci siamo spostate sul letto, lei tutta nuda davanti a me sembrava una dea. Le ho messo un dito nella figa per masturbarla e le ho leccato il clitoride.
Nadia ha iniziato a gemere e dirmi di continuare. Mentre masturbavo lei mi sono infilata un vibratore dentro che avevo portato per l’occasione nella mia borsa ed ho così masturbato anche me stessa.
Dopo pochi minuti lei è arrivata all’orgasmo, mi ha tolto il vibratore ed ha iniziato a leccarmi l’ano, la figa, a sicchiarmi le tette e i capezzoli che stringeva tra le labbra allungandomeli e tirandomeli. Non la facevo così esperta ed io che non scopavo da troppi mesi ero in preda all’eccitazione più totale.
Nadi ha infilato il suo dito dentro il mio culo che aveva leccato mentre con l’altra mano mi ha sfiorato la figa che sentivo battere e bagnarsi sempre più. Avevo bisogno di un cazzo dentro di me, volevo essere penetrata, un dito non mi bastava e così le ho chiesto di infilarmi di nuovo tutto il vibratore dentro.
Lei ha prima inserito 3 dita e poi ha seguito la mia richiesta infilandomi il vibratore tutto dentro. Ha iniziato a spingere su e giù quel cazzo di gomma mentre con il dito cercava di allargarmi l’ano. Alternava il tutto con piccoli schiaffetti sulla vagina che umidificava sempre con la sua saliva. Io mentre sentivo i miei buchi pieni ed occupati da dita e da un cazzo finto mi massaggiavo le tette cercando di leccarmele da sola.
Ad un certo punto Nadia è salita su di me, sentire la sua figa sulla mia pancia mi ha mandato in estasi. I nostri fluidi si sono uniti, ci hanno sporcate ed era tutto così eccitante.
Mi sono dimenata come una troia, Nadia sapeva benissimo i punti deboli di una donna e come farla godere tanto che ho goduto come una pazza, ho raggiunto un orgasmo incredibile e tutto con l’amante di quello stronzo.
Alla fine della scopata, completamente sudate ci siamo abbracciate e siamo rimaste sul letto per altri minuti.
Ci siamo rivestite. “E’ stata una bella esperienza” le ho detto ma ero ancora incredula sul fatto di raccontarle o meno la storia che ci accomunava.
Prima di andare via allora, con ancora l’ano e la figa sfondate, le ho detto tutto. Lei è rimasta malissimo, in un primo momento non ha detto nulla. Poi si è voltata e mi detto “almeno è grazie a lui che ci siamo incontrate, grazie per la bella serata”. Ha chiuso la porta, io sono tornata a casa ed ho raccontato ad Amedeo che la sua amante ha saputo farmi godere meglio di lui.

Autore: Biagio b.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.