Monica – Parte 2

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Monica – Parte 2

Spread the love

Non mi rendevo conto più di nulla. Non stavo capendo più nulla. Tutto era stravolto. Mai avrei pensato che potesse succedere una cosa del genere e mai avrei pensato che potesse piacermi. Stavo scoprendo una nuova me.Chiesi a Silvia di riportarmi alla macchina.Durante il viaggio verso il parcheggio Silvia continuava a toccarmi. La sua mano che mi accarezzava le gambe e poi ancora la fica. Ero muta. Non parlavo. Ma non riuscivo a tenere la gambe chiuse. Era un modo per invitarla a continuare.
Ad un certo punto iniziò a passarmi le dita sulle labbra. A sfiorarmele. Senza rendermene conto le stavo succhiando. Le stavo succhiando come se stessi facendo un pompino.
Le sue due dita che entravano nella mia bocca, mi sentivo ingorda, e anche tanto eccitata. Forse più eccitata di quando in bocca mi mettevano il cazzo.
Ero accaldata.
“Vedo che ti piace leccare….”
Non riuscivo a rispondere, a parlare.Arrivate al parcheggio, uscii in fretta dalla macchina. Come se volessi scappare. Ero confusa come mai in vita mia.Appena entrata casa andai in bagno. Avevo il perizoma completamente bagnato. Come se lo avessi messo in acqua.
Mi spogliai per andare in doccia.
Ero in bagno nuda davanti allo specchio e le parole di Silvia mi tornarono in mente
“Vuoi essere la mia puttana?”
Al solo ricordo sentii un calore pazzesco ed iniziai a bagnarmi ancora. I capezzoli erano duri. Una mano scese sulla fica bagnatissima. Mi stavo masturbando. In piedi davanti allo specchio. Mi guardavo, guardavo questa nuova me. Ad un certo punto senza renderemene conto dissi “Sono una puttana!” e mentre lo dicevo… un orgasmo.Inaspettatamente crollai dal sonno.La mattina seguente mi alzai per andare al lavoro. Scontato dire che non riuscivo a togliermi dalla mente la notte passata.
Ad un certo punto un messaggio su WhatsApp “Ciao, tutto bene?”
Non sapevo cosa fare. Rispondere? Ignorare?
Dopo un paio d’ore, durante la pausa caffè, decisi di rispondere “Si si, tutto bene grazie”
Ero distaccata, ma non sapevo che altro dire.
“Spero di non averti turbato troppo ieri sera… però se posso azzardare un’opinione, mi sembra che tu ti sia divertita :-)”
“Silvia…. non ho capito cosa sia successo…. mi sento molto in confusione ora…. ed anche in imbarazzo”
“I tre spritz ci hanno tolto qualche freno. Ahahaa. A me non è dispiaciuta la cosa.”
“Qualche freno!?!?!?!?!. Non sono mai stata così. Dio mio!!!!”
“Ma ti è piaciuto?”
“Cazzoooo Silvia…. cosa mi hai fatto?….. faccio fatica a dirlo, ma sì…. mi è piaciuto”
“Cosa ti ho fatto?…. ho fatto uscire la vera Monica… l’ho liberata :-)”Non continuai a chattare, dovevo tornare al mio posto e poi non volevo dirle che forse aveva ragione.
Di nuovo le sue parole nella mia testa “Vuoi essere la mia puttana?” e di nuovo iniziai a bagnarmi. Ripensavo alle sue mani che mi toccavano, che entravano nella mia fica bagnata. Non riuscivo a resistere, dovevo masturbarmi, dovevo godere. Andai in bagno, mi abbasai pantaloni e perizoma, inziai a masturbarmi. Ero bagnatissima, come la sera prima. Bastò poco e venni. Dovetti trattenermi per non farmi sentire dai colleghi.
Cosa stavo facendo? Mi stavo masturbando al lavoro! Ero incredula. Ma questa piccola trasgressione mi piaceva e molto.
Tra me e me pensai “Sono una puttana!”
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “Monica – Parte 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.