Antonella

Antonella

Spread the love

Antonella
Buongiorno a tutti, occorre che faccia una premessa recentemente o letto un racconto
alla fine nella sezione dei commenti o trovato delle critiche rasenti la maleducazione per
come era scritto, mi rivolgo a tutti quei sapientoni per ricordarvi;
Sono racconti porno, non testi letterali.
Vorrebbero trasmettere emozioni non correzioni
Se non vi piacciono potete sempre rileggervi Il De camerone.
Non fate le maestrine e godetevi quei pochi minuti di lettura, scusate lo sfogo io sono di
quelli che non anno una cultura universitaria o a malapena fatto le scuole d’obbligo.
Mi chiamo Domenico mi chiamano Mimi come si usa dalle mie parti la storia comincia
anni fa la mia attuale compagna e una bellissima donna di 50 anni portati ancora bene,
praticamente la conosco da sempre eravamo vicini di casa, da piccoli giocavamo insieme,
andavamo insieme a scuola, già a 15 anni Antonella aveva un seno da donna, la sua
esuberanza molto spesso era scambiata per facilita in questo era stata aiutata da una
serie di ragazzi sbagliati, ma intanto in paese girava voce che fosse una che la da, e
questo le provocava non pochi fastidi perché anche tanti uomini sposati se ne avevano
l’occasione ci provavano a volte anche con la forza sperando che lei cedesse, lo so perché
malgrado tutto era una mia buona amica ci confidavamo tutto sapevo che malgrado la
nomea a 20 anni era ancora vergine ma era una esperta in certe cose.
Per qualche anno ci siamo persi di vista, mi ero trasferito in città per lavoro, mi ero
fidanzato ero in procinto di sposarmi, avevo 25 anni, Antonella 24. una sera ricordo era
di sabato ero con degli amici a ballare in una discoteca, la sala era piena di fumo, di voci
che urlavano, di musica assordante, tutte cose che non amo ma ero li per stare insieme
agli amici era una serata che non ero con Anna, esco fuori per fumare una sigaretta, era
buio fitto poco distante c’è una coppia che litiga di brutto, ne sento le voci, ma non li
vedo mi incuriosisco e resto in ascolto sento lui dire; “ tu sei una puttana va a fanculo “
lo vedo allontanarsi e lasciarla sola poi sento lei piangere mi avvicino e la riconosco la
chiamo Anto mi avvicino di più anche lei mi riconosce mi si butta addosso la lascio
calmare mentre lei mi spiega quello che era successo, lui era quasi ubriaco e già
dentro cercava di spogliarla li su quelli divanetti e lei gli resiste cosi la porta fuori con
l’intenzione di scoparla in macchina di fronte al suo rifiuto anno cominciato a litigare.
Ero contento di averla rivista era sempre più bella la riporto dentro per salutare gli amici
e andare via, in macchina era un fiume in piena mi chiede di tutto arrivati in una
raduna non ne posso più per averla ritrovarla, mi fermo vestita l’abbraccio e cerco di
baciarla mi aspettavo che rifiutasse invece mi dice; era ora, continuiamo a baciarci
passiamo sui sedili di dietro e andiamo oltre alla fine finiamo per fare sesso li in
macchina, quando la lascio sotto casa sua, scappa via con un ciao ci si rivede.
Faccio ritorno a casa e riprendo la mia vita di sempre considero quell’incontro come una
scopata extra punto, non ci penso più.
Mi sono sposato o due figli mi sono anche separato a dire il vero e Anna che un giorno
mi a lasciato dicendomi non provo più niente per te sono innamorata di un altro e
sparita, lasciandomi con i due bambini mi ritrovo a 35 anni ad essere un papa sin gol,
meno male che c’è ci sono i miei per i ragazzi.
vado in comune dove sono nato per dei documenti allo sportello ritrovo Antonella
erano più di dieci anni che non ci eravamo più incontrati, parliamo poi decidiamo di
scendere a prenderci un caffè al bar, mi aggiorna un po della sua vita, mi dice di aver
convissuto con un tizio per molti anni, di non essersi mai sposata e senza figli si sono
lasciati, alla fine decidiamo di rivederci il sabato successivo dal mattino per stare insieme
tutto il giorno ci scambiamo i numeri di telefono.
Già durante i giorni che ci separano ci sentiamo almeno tre volte al giorno, ma e di sera
che parliamo a lungo scendendo sempre più in particolari il venerdì sera la sento
particolarmente giù le chiedo cosa c’è che non va, dopo molte insistenza sento la sua
vocina dirmi; tanto e tutto inutile ci stiamo facendo solo del male finirà come l’altra
volta.
E cioè le chiedo; be faremo sesso, ti farai una bella scopata poi amici come prima, tanto
io non ti interesso se non a letto, avevo sperato tanto che tu l’altra volta mi avresti
cercato invece niente sei sparito.
Anto non ai capito io sono pazzo di te lo sono sempre stato o solo paura che possa finire
tutto cosi com’è cominciata e non voglio sono già stato abbandonato una volta.
Con me non succederà, dai ci vediamo domani e un altro giorno.
L’indomani mattina preciso come un orologio svizzero, con un mazzo di fiori in mano e
il cuore che batte a mille come un ragazzino busso al citofono, sento la sua voce dirmi;
sali sento lo scatto del cancello aprirsi, salgo con il fiato in gola busso, mi viene aperto
entro e me la ritrovo davanti bella come non mai Antonella e alta quanto me i capelli
lunghi, scuri come pece una carnagione bianca, un sorriso smagliante, occhi marroni di
quelli che ti leggono dentro, un seno prosperoso sodo credo una 4 misura, due cosce
tonde forti, un culo che e uno spettacolo, e favolosa e la donna che tutti vorrebbero a
letto, e vestita con un vestito largo che la modella un decolte molto intrigante sandali con
tacco un trucco perfetto non troppo carico, le porgo i fiori li annusa li appoggia al tavolo
mi tira a se e mi bacia, le nostre lingue si cercano si incrociano si succhiano sento sotto
le mani la durezza del suo culo, passa un tempo indefinito, si sposta e mi chiede; vuoi
davvero uscire?
Riprendo a baciarla alla fine le dico; ti voglio ora, infilo la mano sotto il vestito passo
sotto la leggera stoffa delle mutandine le accarezzo il culo mentre la tengo stretta in
braccio, mi prende per mano e mi dice vieni, siamo in camera da letto mi spinge sul
letto, Anto e in piedi sta spogliandosi lentamente, via il vestito, via le scarpe, via le calze
via il reggiseno, via le mutandine e una favola, con il dito mi chiama a se, le vado vicino
mi bacia mentre tira via la camicia la sbottona la lascia cadere, slaccia la cintura,
sbottona i pantaloni mi aiuta e levarli mi sfila la maglietta intima scende a leccare a
succhiare i capezzoli mentre infila la mano afferra il cazzo duro con l’altra mano fa
scivolare giù slip sono rimasto solo con le scarpe e i calzini scende ancora arriva al
punto giusto lo tiene in mano davanti alla sua bocca mi guarda e comincia a leccarlo,
insiste sono in estasi quando apre la bocca e lo lascia entrare fino in fondo lo serra e
ricomincia a succhiarlo le porto le mani sulla testa e gli do il ritmo sento lo sperma salire
le dico Anto non c’è la faccio più tira su gli occhi in un muto consenso senza mollare,
esplodo Anto vengo godo lo tira via aspetta il primo schizzo le arriva in faccia lo porta
sulle tette lo tiene fermo e mi lascia scaricare del tutto, solo quando mi sono calmato si
sposta afferra un asciugamano e si pulisce, finito lo riprende in mano lo bacia poi mi
dice ora tocca a te fammi godere ti voglio, e stesa a gambe aperte in un attesa, lo punto e
scivola tutto dentro a una fica stretta che pare come chiuso in mano la scopo fino a
quando non la vedo muoversi sotto alzare il bacino e venire incontro ai miei colpi e
urlare si si vengo godo godo sento i suoi umori colare poi mi dice leccami ti prego
leccala un po per favore, scendo sulla fica con le mani allargo le labbra e comincio a
leccare in lungo a giro infilo la lingua dentro mi aiuto con le dita lecco e la scopo con le
dita vedo il clito crescere lo prendo lo stringo con le labbra e mi godo i suoi umori sono
dolci la vedo tenermi la testa spinta sopra e muovere il bacino, dopo poco e un esplodere
gesti convulsi e la vedo stringere le labbra e dire si si si cosi ancora ancora dio che bello,
la lascio godere poi la faccio girare, e stesa a pancia sotto accarezzo quel culo fantastico
lo apro lo lecco le passo il cazzo duro capisce quello che voglio e mi dice fa piano ti
prego le infilo le mani sotto la pancia la metto a novanta le prendo le mani le sostituisco
alle mie per tenerlo aperto con il cazzo in mano lo porto sul buchetto e spingo ci vuole
più di una spinta lo sento farsi strada mi fermo non appena dentro la lascio abituarsi e
ricomincio a spingere e ad ogni spinto lo vedo entrare sempre di più fino a quando sono
in fondo, mi dice con voce implorante fa presto ti prego mi fa male.
Le rispondo vuoi che lo levo.
No ti piace non voglio ma fa presto.
l’afferro per le cosce e incurante del suo male la inculo fino a quando con due colpi più
forti non le riempio il culo resto dentro fino a quando ormai moscio esce da solo, mi
butto al suo fianco, si butta addosso ci baciamo, mi dice vieni mi porta in cucina seduta
sulle gambe mi chiede ti va un caffè o qualcosa da bere poi ci vestiamo e mi porti fuori,
mi guarda negli occhi mi dice; Mimi ti amo ora non ti mollo più non mi scappi.
Ma io non voglio andare da nessuna parte, ti ricordo che ci sono due birbe te la senti.
E tua moglie?
Anto non ne parliamo non so nemmeno dove sia non a mai chiesto dei bambini, all’inizio
sono andato spesso dai suoi, ma mi dicevano di non sapere dove fosse, be non mi va di
cercarla ma e sempre la loro madre.
Dai datti da fare dammi una coca se c’è l’hai e vestiti e andiamo.
Si ma poi torniamo non abbiamo mica finito noi due ai detto a tua madre che non saresti
rientrato.
No ma mi ai dato un’idea ora la chiamo, lei era li che ascolta la telefonata quando dico a
mia madre di preparare i ragazzi che sarei passato a prenderli, mi giro e le dico ora te li
faccio conoscere i due terremoti ma se non vuoi.
Ma scherzi vediamo se sono come dici tu.
Che cosa stupenda quei due sembrano addomesticati composti calmi dolci e diffidenti
con Antonella come giusto che sia durante il pranzo e dopo al parco alla fine della
giornata giocavano con Anto come se la conoscessero da sempre e quando li o riportati a
casa l’hanno incanta baciandola,senza che io gli dica niente da soli in macchina era
raggiante, mentre io non toccavo terra, sono stato con Antonella tutta la sera e la notte
ne o approfittato a piene mani era da tanto che non mi capitava o certo avevo avuto delle
storie ma niente di serie anche perché erano quasi tutte con donne sposate, mi sono
deliziato farmi una spagnola tra quelle tette vedere con quanta gioia si da scopare in tutti
i modi, ma e follia vederla su di me impalata sul cazzo o messo un cuscino sotto il culo
per farlo penetrare di più tenerla per le tette stringerle leccarle succhiarle stringere
quelle chiappe dure e vederla muoversi con il bacino sentirmi colare sulle cosce bere
dalla sua fonte ma farlo per il piacere di donarsi e stupendo.
Chiedo scusa se l’ho fatta lunga, la mia storia finisce qua Antonella vive con noi e quella
madre che i miei ragazzi non anno avuto al loro fianco, sono cresciuti lo sanno che
Antonella non e la loro madre le vogliono bene come se lo fosse, recentemente la
signora si e fatta viva con un avvocato, i ragazzi si sono rifiutati di incontrarla malgrado
che io volessi che la incontrassero, non voglio forzarli ormai sono grandi e decidono da
soli quello che non capisco e come una madre possa sparire per anni e poi ripresentarsi
e chiedere amore per dei figli che non a mai tenuto in braccio a parte i primi tre anni.

 

One thought on “Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.