LA SIGNORA GIULIA SCHIAVA DEGLI AMICI DI SUO FIGLIO

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

LA SIGNORA GIULIA SCHIAVA DEGLI AMICI DI SUO FIGLIO

Spread the love

LA SIGNORA GIULIA
SCHIAVA DEGLI AMICI DI SUO FIGLIO
(ALESSANDRO BARDI)

CAPITOLO 1

  • UNA LUCE NEL BUIO –

La voce urlata di Luciano attraversò la casa e interruppe il silenzio che si era creato negli ultimi minuti: “Stasera ho invitato Manuel a cena.”
Sua madre, Giulia, lo sentì forte e chiaro, nonostante si trovasse in quel momento in camera da letto, dall’altra parte dell’appartamento che condivideva con il figlio, e solo con lui, dopo che il marito l’aveva lasciata, sedotto dalle arti amatorie di una donna più giovane di lei.
“Va bene”, gli rispose con un tono di voce decisamente più basso. Non era necessario che suo figlio sentisse la risposta; avrebbe fatto comunque quello che voleva.
Appoggiò per terra il cesto dei panni sporchi e si prese alcuni istanti per guardarsi nel grande specchio che, con la sua presenza, cercava di ampliare le dimensioni di quella stanza, almeno in apparenza.
Si trovò di fronte a una donna che portava bene i quarantasei anni che aveva appena compiuto. Quella che stava guardando era una donna matura, sicuramente affascinante, che con il suo grosso seno e con le sue gambe perfette avrebbe potuto sedurre ancora più di un uomo. Ma la ragione per la quale questo non accadeva stava nella luce degli occhi, neri come la notte più triste. Definirla “luce” era forse eccessivo. Il suo era uno sguardo sempre un po’ troppo spento, come se l’energia che metteva nel ricordare il passato non le consentisse di rivolgere la stessa attenzione anche al futuro.
Nei suoi occhi, Giulia poteva rivedere i giorni della sua infanzia, passati senza un padre, che girava il mondo per lavoro e che, solo ogni tanto si ricordava di tornare a casa, mentre la madre passava il tempo dedicandosi più a cercare uomini che potessero scaldarle il letto, piuttosto che alle due figlie che avrebbero potuto scaldarle il cuore.
La sua era stata una vita senza spunti particolari. Era stata una ragazza timida e introversa, con pochi amici e ancora meno spasimanti. E poi, come spuntato dal nulla, era arrivato Lorenzo, un uomo di sette anni più vecchio di lei, che l’aveva saputa amare e che le aveva dato un figlio, Luciano, per tutti “Lucio”, che oggi aveva quasi diciannove anni e frequentava con discreto successo la quinta in uno dei licei più prestigiosi di Treviso.
Guardandosi allo specchio si trovò a pensare che la luce dei suoi occhi sarebbe stata diversa, se dieci anni prima suo marito non avesse chiesto e ottenuto il divorzio, e se non si fosse sposato poco dopo con una mezza sgualdrina che aveva la bellezza di sei anni meno di lei.
Erano stati troppi i litigi dovuti al fatto che lei si rifiutava di assecondare le sue richieste sessuali. Troppo estremi i giochi che lui le proponeva, troppo volgari le situazioni nelle quali si sarebbe trovata se lo avesse soddisfatto.
Ma alla fine, i suoi rifiuti l’avevano portata a trovarsi a quarantasei anni compiuti, ferma immobile davanti a uno specchio che non poteva riflettere un’immagine diversa da quella che gli veniva proposta.
Si era tagliata i capelli corti, con una piega un po’ sbarazzina, forse per sembrare meno triste di quanto non fosse, e aveva anche pensato di farsi bionda, ma poi aveva desistito, mantenendo il suo colore naturale, nero assoluto.
Fece un sorriso, considerando che i lineamenti del suo viso avevano mantenuto quella bellezza elegante che l’aveva sempre contraddistinta, e sussurrò a se stessa: “Giuli, se fossi un uomo ti farei la corte.”
“Mamma, hai detto qualcosa?”
La testa di Luciano sbucò improvvisamente dalla porta della stanza, e le ci vollero alcuni secondi per riprendersi dallo spavento, prima di rispondergli: “No, no… niente.”
“Hai capito che stasera viene il Manuel a cena?”
“Sì, sì, ho capito.”
“Bistecche ai ferri vanno bene.”
Non fece nemmeno in tempo a rispondergli che suo figlio era già scappato via, di corsa come sempre, e come sempre totalmente disinteressato dal fatto che lei fosse d’accordo oppure no. Da quando il padre li aveva lasciati, Luciano aveva preso a trattarla male, accusandola per tutto quello che era successo, come se fosse stata lei ad abbandonarli per correre tra le braccia di una ragazzina.
Con il figlio aveva instaurato un rapporto ormai paritario. Non era più lei che gli diceva cosa fare, e questo era anche normale, visto che ormai lui era praticamente diventato un uomo, ma a darle fastidio era il fatto che lui la ignorasse completamente quando c’era da prendere qualche decisione. Aveva deciso che il suo amico Manuel avrebbe cenato da loro mangiando una bistecca, e lei avrebbe dovuto cucinare, senza se e senza ma.
Lui, Manuel, era un compagno di classe di suo figlio. Probabilmente il suo migliore amico, anche se i due non potevano essere più diversi. Tanto timido ed educato Luciano, quanto estroverso e irriverente Manuel. Erano due diversità che avevano trovato il modo di completarsi.
Poco meno di un paio d’ore dopo, l’amico di suo figlio stava entrando dalla porta d’ingresso, portando con sé quello sguardo furbo e sicuro che lo faceva sembrare padrone anche in casa d’altri.
La degnò di poco meno di uno sguardo, come sempre, e si chiuse in camera con suo figlio mentre lei si dedicava alla cucina, e quando le bistecche furono pronte in tavola e lei chiamò i due ragazzi, quelli si precipitarono come sparati da un cannone.
Per un attimo, solo per un attimo, il pensiero di non essere nient’altro che la serva di suo figlio le attraversò il cervello. Lui era ormai troppo grande per dedicarle la benchè minima attenzione, ma quando c’era da cucinare o da pulire, ecco che tornava a essere una presenza indispensabile.
La cena filò liscia come sempre. Giulia cercò di entrare nei discorsi dei due ragazzi, nel loro linguaggio e nei loro interessi, e poi, imprevisto come un temporale in agosto, arrivò il sorriso di Manuel, che guardandola dritta nel profondo dei suoi occhi neri, si rivolse a lei dicendole: “Comunque, signora Giulia, volevo farle i complimenti per le bistecche. Veramente buone.”
Lei quasi non credette alle sue orecchie. Quel ragazzino le aveva fatto un complimento. Andò mentalmente a rivangare nel passato ma non ne trovò altri. E mentre lei cercava nei suoi ricordi, lui si voltò verso suo figlio e continuò: “Lucio, sei un ragazzo fortunato. Tua madre è una donna bella, ed è pure brava in cucina. Non ce ne sono mica tante di donne così.”
A sentire quelle parole, Giulia arrossì leggermente. Nemmeno lei sapeva quanto tempo fosse passato dall’ultima volta che un uomo le aveva detto di essere bella, e poco importava se questa volta fosse stato un ragazzino. Per togliersi d’impaccio e per non far vedere che dentro di lei qualcosa si stava agitando, si alzò sussurrando: “Dai, dai, datemi i piatti.”
Li prese e se ne andò in cucina, ma dopo averli appoggiati nel lavandino, tornò in sala, buttò uno sguardo ai due ragazzi che stavano borbottando fra di loro e se ne andò in camera sua. Come guidata da una mano invisibile si ritrovò a osservarsi ancora una volta davanti allo specchio, mentre nella mente continuava a chiedersi cosa avesse spinto Manuel a farle quel complimento.
Forse era il seno. Sì, sicuramente doveva essere quello. Le sue tette erano davvero grosse, e istintivamente si ritrovò con le mani sull’ultimo bottone della camicia, che senza sapere perché, aveva appena aperto.
Sì, pensò, un bottone in meno non avrebbe portato la sua mise oltre il confine della decenza, ma l’avrebbe fatta sicuramente sentire più donna, ora che un ragazzo di diciannove anni le aveva detto di essere bella.
Avendolo saputo prima, si sarebbe vestita diversamente. Avrebbe potuto indossare una gonna, invece dei jeans normalissimi che stava portando ora, e forse un paio di tacchi, al posto delle scarpe da ginnastica, l’avrebbero resa ancora più affascinante. Ma ormai era andata così, e quel ragazzo le aveva detto di essere bella. Tanto bastava. Tutto il resto erano dettagli.
Se ne tornò in salotto con un sorriso che prima non aveva, e si sedette al suo posto, mentre i due ragazzi stavano ridendo, svuotando il barattolo di gelato che erano andati a prendersi in cucina durante la sua assenza.
“Tutto apposto, mamma?”, le chiese Luciano.
“Sì, perché?”
“Hai un’aria strana…”
“Boh. Non so”, gli rispose lei cercando di riallineare il suo portamento a quello che era sempre stato, ma quando alzò gli occhi dalla coppa di gelato, che anche lei si era presa, quella scintilla che un complimento le aveva acceso l’anima, esplose in un fuoco indomabile. Sì, non si stava sbagliando. Il migliore amico di suo figlio la stava fissando nella scollatura e stava perdendo gli occhi sul suo seno.
Quando li alzò nei suoi, era ormai troppo tardi. Lei si era sicuramente accorta di quello sguardo lascivo, che solo per un secondo era andato oltre la decenza. Lui la fissò a lungo negli occhi, in profondità, instaurando con lei un legame visivo profondissimo, incurante di suo figlio, che avrebbe potuto accorgersi che il silenzio che era calato fra di loro era il frutto di un intreccio di sguardi che non avrebbe dovuto esserci.
Ma lui non si accorse di nulla, e ruppe quel momento dicendo: “Il cioccolato con l’amarena è un abbinamento splendido.”
Sua madre si lasciò andare a un sorriso, mentre Manuel abbassò di nuovo lo sguardo sul suo grosso seno, incurante del fatto che lei lo stava ancora guardando, e disse: “Sì, splendido.”
Giulia era sconvolta dall’impudenza di quel ragazzo, che dopo averla fissata nella scollatura, mentre lei lo guardava, era anche riuscito a rispondere a Luciano facendo un’allusione, che lui non poteva capire, al seno di sua madre.
Rimase zitta a lungo, piena di pensieri nuovi e indecifrabili, mentre i due ragazzi avevano ripreso a parlare come se nulla fosse successo. Andarono avanti alcuni minuti, fino a quando il trillo del telefono di suo figlio annunciò la chiamata di Emma, la sua nuova ragazza. Lui si affrettò a rispondere, mentre lei ne approfittò per alzarsi dal tavolo e andare in cucina annunciando: “Vi lascio soli. Vado a lavare i piatti.”
Quando chiuse la porta della cucina fece un esame alle sue emozioni. Lo sguardo di Manuel le aveva bloccato lo stomaco. Soprattutto la seconda volta, quando lui le aveva guardato le tette sapendo che lei l’aveva già visto farlo e che lo stava osservando. Quella sicurezza di sé, quella determinazione, l’avevano sconvolta. Non voleva ammetterlo a se stessa, ma lasciarsi guardare in quel modo da un ragazzino di quasi trent’anni più giovane, le aveva fatto oltremodo piacere.
Era completamente avvolta nei suoi pensieri, tanto immersa nelle sue emozioni da non accorgersi che la porta si era aperta alle sue spalle. Fu il rumore della serratura che si chiudeva, che la fece voltare. Davanti alla porta, ora chiusa a chiave, c’era Manuel. Lei rimase per un istante a guardarlo. Quasi un metro e novanta di ragazzo, muscoloso come suo figlio non sarebbe mai stato, con un enorme tatuaggio tribale su entrambe le braccia e con i capelli neri e tagliati corti, a spazzola, come fosse stato un militare. I suoi occhi incontrarono quelli di lui e fece in tempo a notare che quel colore, marrone chiaro, che la stava guardando, stava trasmettendo una luce strana, che non gli aveva mai visto.
“Posso darle una mano?”, le chiese muovendosi verso di lei.
“No, grazie, Manuel”.
Ma come mai la voce le era uscita così incerta? Forse perché la maglietta bianca che stava guardando non riusciva a contenere la straripante muscolarità di quei pettorali, che ora erano a meno di un metro da lei.
Si voltò istintivamente e appoggiò le mani sul ripiano della cucina, come per cancellare le emozioni che quella vista le stava procurando.
Riuscì ancora a dire: “Faccio da sola, tranquillo.”
Lo percepì vicino, alle sue spalle: “Davvero, se posso aiutarla, lo faccio volentieri.”
“No, non serve.”
Quando sentì la mano di quel ragazzo appoggiarsi delicatamente sul suo fianco destro, le sembrò di morire.
La voce di lui le entrò dentro, fino in fondo all’anima. Era un soffio, leggero, profondo, caldissimo, e vicinissimo: “Signora Giulia…”
“Sì?”
“Prima non stavo scherzando. Lei è veramente splendida.”
Si chinò su di lei, le appoggiò le labbra sul collo, sotto l’orecchio sinistro, e le diede un bacio leggerissimo.
La voce di lei riempì l’aria come un soffio: “Oddio, Manuel… cosa fai?”
Lui non le rispose. Non avrebbe potuto. La sua lingua stava ora muovendosi leggermente, delicatamente sulla pelle di lei.
Il brivido gelato che sconvolse tutto il corpo di Giulia non le impedì di sussurrare: “Manuel… no…”
Si rese subito conto che il suo “no” le era uscito troppo debole, troppo incerto, per poterlo fermare. Sentì le sue labbra succhiarle il lobo dell’orecchio, e le parve di morire.
“Manuel, ti prego…”
Lui allungò il suo braccio sinistro e la abbracciò da dietro, fino ad arrivarle con la mano sul fianco destro, avvolgendola in una presa molto meno delicata del tocco leggero con il quale l’aveva approcciata poco prima. E mentre la mano sinistra la teneva ferma, la destra scivolò lentamente in basso, fino ad arrivarle sulle natiche.
A Giulia mancava il fiato. Le si era annebbiata la vista, mentre il cervello cercava di farle capire che il migliore amico di suo figlio le stava palpando il culo, dapprima delicatamente, e poi con sempre maggior forza. E quando il messaggio arrivò a quella piccola parte di razionalità che ancora aveva in corpo, lei scattò di lato, sciogliendosi dall’abbraccio di quel ragazzo.
Ci mise tutta la forza che aveva per guardarlo negli occhi e sussurrargli: “Manuel, ma cosa stai facendo?”
Lui non la ascoltò neanche. Si scaraventò su di lei e la spinse contro il muro. Le mise la mano destra sul fianco, la sinistra dietro alla nuca e le si schiacciò contro, arrivando con le sue labbra a un centimetro da quelle di lei.
Giulia venne sconvolta dal contatto col cazzo di quel ragazzino, che sentì durissimo sotto i pantaloni, mentre lui le sussurrava qualcosa che non avrebbe mai dimenticato: “Signora Giulia, lei è una figa pazzesca.”
A sentire quelle parole, le parve di svenire, ma non ebbe il tempo di rendersene conto. La lingua del migliore amico di suo figlio entrò nella sua bocca con una forza e una determinazione che lei non avrebbe mai potuto fermare, neanche se l’avesse voluto. E non lo voleva.
La sentì agitarsi all’impazzata dentro di lei, mentre la sua lingua fece quello che non avrebbe dovuto. Si mise a muoversi su quella del ragazzo, cercandola, leccandola e unendosi a lei in un ballo osceno, fatto di sospiri e di saliva, nella quale le parve di affogare.
Manuel sentì il corpo di quella donna matura abbandonarsi alla sua presa. Capì immediatamente che lei si stava concedendo a lui, completamente. Il suo seno, così grosso e morbido, che tante fantasie gli aveva suscitato in quegli ultimi cinque anni, dalla prima volta che l’aveva vista, si stava ora schiacciando sul suo petto, in un contatto che lui non avrebbe mai creduto possibile.
Aveva sempre cercato di nascondere i suoi istinti, ma da quando aveva capito che lei si era slacciata un bottone della camicia per lasciarsi guardare, dopo che lui le aveva detto di essere bella, aveva deciso di provarci una volta per tutte.
Quando sentì che la madre del suo migliore amico aveva allungato le mani sulle sue spalle, in un contatto morbido dal quale era sparita ogni traccia di resistenza, le spinse il bacino ancora più contro, colpendola col cazzo sulla pancia, sapendo che lei l’avrebbe sentito perfettamente.
Giulia allungò ancora di più le mani su di lui, accarezzandogli la testa da dietro, infilando la mano destra nei suoi capelli corti, e attirandolo maggiormente contro di sé.
In quel bacio, lei sfogò tutte le sue frustrazioni, la sua solitudine, l’astio del figlio e l’inarrestabile sensazione del tempo che avanzava. Avrebbe voluto che il suo ex marito fosse lì a guardarla, mentre limonava con un ragazzino, che le stava passando la mano sinistra sulla schiena, in una carezza forte e decisa, che in pochi istanti le arrivò fino al fondoschiena, e poi più giù.
Lasciò che Manuel cominciasse a palparle il culo con un impeto animalesco, in modo volgare. Le impugnava le chiappe da sopra i jeans e gliele stringeva fortissimo, fino quasi a farle male, ma quello che lei sentiva non era dolore; era un piacere sconvolgente che le stava devastando l’anima.
Aveva ormai perso ogni ritegno, ogni forma di razionalità, ma questo non le impedì di accorgersi che si stava bagnando da morire. La sua fica stava spruzzando umori come non faceva da secoli. Aveva un lago in mezzo alle gambe e provò un desiderio irrefrenabile di essere nuda, e di lasciare che quel cazzo enorme e durissimo, che sentiva spingerle contro la pancia, le entrasse dentro, sfondandole il corpo e sconvolgendole la vita.
Manuel si sentì padrone di quel culo, che continuava a palpare con forza. Era grosso e morbido, non come quello delle ragazzine con le quali spesso usciva la sera, compagne di scuola o amiche di sua sorella, sue coetanee, belle presenze, dal culo piccolo e dalla sensualità acerba.
Quella con cui stava limonando era invece una donna vera, fatta e finita. Una donna matura, che trasmetteva una sensualità a lui sconosciuta, piena e consapevole.
Andò avanti a baciarla e a toccarle il culo per diversi minuti, e poi seguì l’istinto che mille volte aveva attraversato le sue fantasie. Spostò la mano destra dalla nuca che stava ancora accarezzando e scese lentamente. Gli sembrò di impazzire quando sentì nella sua mano la tetta sinistra di Giulia, enorme, morbida, avvolta da un sottile strato di cotone bianco che non gli impediva di provare un brivido pazzesco, ogni volta che la stringeva delicatamente.
Lei si mise ad ansimare profondamente, evidentemente eccitata dalla sua intraprendenza, e un soffio le uscì dalle labbra per finire direttamente in quelle di lui: “Oddio, Manuel…”
Non disse altro e riprese a baciarlo, mentre lui le aveva tolto la mano sinistra dal culo per prenderle di mira i bottoni della camicia. Con entrambe le mani glieli slacciò, uno alla volta, e quando anche l’ultimo cedette, lasciando che quella leggera stoffa si aprisse, le abbassò con forza il reggiseno, lasciando che le sue enormi tette schizzassero fuori in tutta la loro dimensione.
Ci mise meno di un secondo per impugnarle la tetta sinistra stringendogliela con forza. Non aveva mai toccato un seno così. Era morbido, gigantesco. Faceva fatica a tenerlo tutto in una mano, mentre il capezzolo, grosso e turgido, gli sfregava contro il palmo. Glielo strinse con tutta la forza che aveva, godendo del sospiro profondissimo che la madre del suo migliore amico gli regalò.
A Giulia sembrava di impazzire. Non aveva mai tolto la lingua dalla bocca di Manuel, e ora che sentiva il suo seno nudo, preso con forza dalla mano di quel ragazzino, provò l’irresistibile desiderio di essere sua, completamente sua. Voleva essere posseduta da quel compagno di classe di suo figlio, che tante volte era stato in casa sua, ma che mai le aveva dato la sensazione di essere attratto da lei.
Sentì di nuovo la sua mano sinistra sul culo, mentre con la destra le stava massacrando il seno. Nessuno l’aveva mai toccata così, con quella forza incontrollata e animalesca che le provocava un dolore enorme e un piacere sottilissimo, che le partiva dal cervello e le attraversava tutto il corpo.
Si sentiva talmente bagnata che, per un istante, immaginò che una chiazza sempre più ampia le stesse macchiando i jeans, e desiderò che lui se ne accorgesse e ne approfittasse per farla sua.
E mentre questo pensiero le attraversava il cervello, un dolore lancinante le attraversò il corpo. Ci mise un secondo per capire che lui le aveva impugnato il capezzolo e ora glielo stava strizzando con una forza sconvolgente.
Gli urlò in bocca: “Aaahhh!!!”
Lui si godette per un istante il suo grido, e poi le sussurrò: “Dai, dimmelo che ti piace.”
Le tolse la mano sinistra dal culo e le impugnò anche l’altro capezzolo, che si mise a strizzare con ancora più forza. Sentire quei capezzoli così lunghi e duri nelle sue mani, tirati con forza dalle sue dita, gli mandò il sangue al cervello.
A Giulia parve che lui glieli stesse strappando, e il dolore lancinante che provò, le trasmise una scarica di piacere devastante, che le arrivò direttamente in mezzo alle gambe. Non riuscì a rispondere alla domanda che lui le aveva fatto, ma si mise di nuovo a urlare: “Aaaahhh!!!”
La voce con la quale lui si rivolse a lei era gelida come l’inverno più freddo: “Dimmelo! Dimmelo che ti piace.”
Allentò la presa appena appena, giusto per consentirle di sussurrare: “Oddio, Manuel… così mi fai male.”
In tutta risposta lui le strizzò nuovamente i capezzoli, con una forza ancora maggiore. Per un istante lei credette di svenire, e la scarica elettrica che sentì violentissima nella fica le fece pensare di aver goduto.
Stava convincendosi del fatto che quello che aveva provato era un piacere meraviglioso, ma non un orgasmo, quando lui le soffiò ancora in bocca: “Dillo!”
Il “sììì…” con il quale gli rispose le uscì dalle labbra senza che se ne accorgesse, e venne soffocato dalla lingua di lui, che tornò a riempirle la bocca con il suo movimento profondo, incontrollato, e carico di saliva.
Manuel continuò a strizzarle i capezzoli ancora per alcuni secondi, fino a quando lei, sconvolta per il troppo dolore, staccò le mani dalle sue spalle per impugnargli delicatamente entrambi i polsi. Non fece forza, li accarezzò soltanto, trasmettendo a lui una silenziosa richiesta di tregua, e quando sentì la presa allentarsi, provò a respirare, rendendosi conto soltanto allora di aver trattenuto il respiro troppo a lungo.
La sua voce le arrivò direttamente al centro del cuore: “Cazzo, Giulia, hai due tette fantastiche.”
Lei riuscì solo a borbottare: “Oddio, Manuel…”, ma il suo cervello era pervaso dalla consapevolezza che il passaggio dal “lei” al “tu”, era il simbolo della nuova dimensione nella quale erano entrati. Lui si era messo al suo pari, e le stava parlando come se fosse stato il suo amante, il suo fidanzato, e non il migliore amico di suo figlio, un ragazzo di quasi trent’anni più giovane. Nel tono della sua voce non c’era più quel senso di rispetto che le aveva sempre rivolto.
Le disse ancora: “Mi piaci un casino.”
Lei sentì le sue parole attraversarle la testa, ed era ancora in uno stato di stordimento assoluto, quando si accorse che le aveva staccato la mano destra dal seno. Una frazione di secondo dopo capì improvvisamente dove fosse finita quella mano, e questa volta credette davvero di avere un orgasmo.
Fu come un tuono che squarcia il silenzio. Sentì una pressione forte in mezzo alle gambe, e comprese immediatamente che lui le aveva messo la mano sulla fica, standole sopra i jeans.
Una bomba le scoppiò nel corpo, squarciandole l’anima, e quando la pressione di quella mano divenne ancora più intensa, come se volesse entrarle dentro, dovette sforzarsi al massimo delle sue capacità per ridare energia alla razionalità e impedire che il suo corpo venisse squarciato da quell’orgasmo devastante che sentiva ormai vicinissimo.
Una nuova luce si fece largo nel buio delle sue emozioni. Non voleva venire. Non voleva far sentire a quel ragazzino il piacere che la stava prendendo completamente. Seguendo un istinto inaspettato, gli mise entrambe le mani sul petto, sentendolo di marmo, e lo allontanò con tutta la forza che le restava.
Lui indietreggiò di un passo, e fece per dire qualcosa, ma lei lo anticipò: “Fermati Manuel, non possiamo.”
Sentì la mano staccarsi dalla fica per spostarsi delicatamente sulla guancia sinistra.
“Perché?”
Fece per baciarla di nuovo, ma lei sgusciò via, allontanandosi dal muro contro il quale lui l’aveva sbattuta.
Credeva di morire, e mentre le emozioni più incoerenti le sconquassavano l’anima, riuscì a sussurrare: “È una follia. Non si può.”
Lui non rispose, e fu solo allora che lei alzò lo sguardo nei suoi occhi marroni, che trovò ancora più chiari di quanto ricordasse.
Disse ancora: “Mio figlio potrebbe entrare da un momento all’altro.”
La voce di lui era molto più sicura di quella di lei: “No, non credo. Quando lo chiama la Emma va fuori di testa. Potrebbe stare al telefono per ore. E poi ho chiuso la porta a chiave.”
Lei barcollò, ma solo per un istante. Fissò i tatuaggi che lui portava sulle braccia. Quelle braccia così forti e possenti che fino a pochi istanti prima la stavano tenendo stretta. E poi le sue mani, che strizzandole i capezzoli e toccandola in mezzo alle gambe le avevano dato un piacere sconosciuto.
Fu solo allora che si ricordò di avere le tette al vento. Si tirò su il reggiseno e si riallacciò velocemente la camicia, mentre lui la lasciava fare e la guardava con un sorriso malizioso e sicuro, che le lasciò addosso un brivido pazzesco.
Andò alla porta, che aprì con le mani ancora tremanti, così come tremante era la voce che uscì dalle sue labbra: “Dai, torniamo di là.”
Manuel aveva ragione. Suo figlio era ancora al telefono, e sicuramente non si era accorto di nulla, così come non si accorse dello stato di totale sconvolgimento che si era impadronito di sua madre. Luciano non capì che lei stava tremando ancora, dopo essersi seduta, e non vide che il suo migliore amico le si era seduto di fronte e continuava a osservarla, regalandole un sorriso sottile che lei non poteva scorgere, visto che continuava a fissare il bicchiere, come cercandovi dentro il segreto del mondo.
Non aveva ancora alzato lo sguardo, quando suo figlio chiuse la telefonata e si mise alle spalle di Manuel, dicendogli: “Andiamo?”
Quello si alzò senza rispondere. Guardò Giulia ancora una volta, e quando lei sollevò timidamente lo sguardo su di lui, il sorriso che le arrivò dritto negli occhi le diede la conferma finale di quello che non avrebbe mai voluto ammettere a se stessa. Limonare con quel ragazzino e farsi palpare da lui in quel modo così volgare le aveva dato un piacere infinito e sconvolgente.
Pochi secondi dopo si ritrovò in sala da sola, assorta nelle sue fantasie, che ormai non riusciva più a controllare. Ci mise un istante per seguire l’istinto che la fece alzare. Andò in bagno, si chiuse a chiave, e quando fu sicura che la porta fosse sufficientemente sbarrata da separarla dal resto del mondo, si spogliò completamente, si sdraiò nella vasca, spalancò le gambe, chiuse gli occhi e sprofondò la mano destra nel mare di umori caldi che le stavano bagnando l’anima.
Pochi secondi dopo il suo corpo fremette come colpito da una scarica elettrica potentissima. Si sentì vibrare come non aveva fatto mai, e si lasciò sprofondare nel piacere assoluto che le provocò l’orgasmo più intenso della sua vita.
Crollò in un buio caldo e piacevolissimo, dal quale riemerse a fatica, avvolta da un mare di respiri tanto profondi da farle dubitare di essere ancora viva. E quando tornò sul pianeta Terra si trovò con la mano destra immersa un mare di liquido caldo e vischioso. Non ci voleva credere, ma era vero. Aveva squirtato, per la prima volta nella sua vita.
Sentì il caldo bagnato dei suoi umori fin sotto il culo, e si lasciò immergere in quel piacere sconosciuto per lunghi minuti.
Si addormentò senza rendersene conto, cullata dal ricordo della lingua del migliore amico di suo figlio, elettrizzata dal piacere sconvolgente e doloroso dei suoi capezzoli tirati come non lo erano stati mai.

CAPITOLO 2

  • LA PRIMA VOLTA –

Quelli che seguirono furono giorni carichi di un’inquietudine estrema, che Giulia passò persa in mille pensieri contraddittori e incoerenti. Non riusciva a dimenticare la lingua di quel ragazzo e le sembrava di sentire sempre su di sé le sue mani forti e sicure, che alternavano carezze a palpate decise. E poi quel brivido sconvolgente che l’aveva dilaniata quando lui le aveva strizzato i capezzoli con una forza sovrumana, dandole dolore e piacere insieme, come mai nessuno aveva saputo fare.
Tutte le mattine si recava al negozio dove faceva la commessa, si lasciava immergere nei vestiti che avrebbe dovuto vendere alle signore di una certa età alle quali erano destinati, ma non riusciva a smettere di pensare a lui, Manuel, il migliore amico di suo figlio che, finalmente, dopo anni di silenzio, aveva ridato una voce al suo corpo e alle sue fantasie.
E mentre lei se ne stava in negozio, lui era seduto in classe in parte a suo figlio, che nulla sapeva e nulla avrebbe mai dovuto sapere. Manuel non gli aveva detto niente, ma ogni volta che lo guardava, non poteva togliersi dalle labbra un leggero sorriso, pensando di aver limonato durissimo con sua madre, strizzandole le tette fino a portarla vicinissima all’orgasmo.
Aveva deciso che prima o poi l’avrebbe fatta sua, anche se ancora non sapeva come. E mentre lui sentiva ancora nella mano la sensazione delle sue tette, enormi e morbide, lei non perdeva occasione per chiudersi in bagno e masturbarsi con forza, cercando di sfogare da sola quel piacere che, non riusciva più a negarlo a se stessa, avrebbe voluto provare con quel ragazzino.
Ci vollero più di due settimane, prima di poterlo rivedere. Due settimane che lei passò presa da mille dubbi. Avrebbe dovuto chiamarlo? Si fece questa domanda almeno cento volte, e ogni volta si rispondeva che no, non avrebbe dovuto farlo. Era una pazzia. Lui aveva quasi trent’anni di meno, e poi cosa sarebbe successo se qualcuno l’avesse saputo?
No, lei era, fra i due, la persona adulta, quella che avrebbe dovuto far prevalere la razionalità. E la razionalità le imponeva di stare zitta e tranquilla, come sempre.
Ma quel pomeriggio in cui il suo telefono si mise a suonare e sul display comparve il nome di Franca, la madre di Manuel, i suoi tormenti tornarono ad agitarsi come le onde della peggiore tempesta.
Le tremava la mano, quando premette il pulsante verde, e mentre lo faceva un pensiero orribile le entrò nel cervello. E se Manuel avesse raccontato tutto a sua madre?
“Pronto, Giulia, mi senti?”
Balbettò: “Sì… sì… ciao Franca, scusa. Ero sopra pensiero.”
“Stai bene?”
“Sì, sì.”
“Senti, siccome i ragazzi vorrebbero vedersi sabato sera, ho pensato che potremmo andare a mangiarci una pizza tutti insieme. Ti va?”
“Sì”.
Lo disse senza nemmeno essersene accorta. Così come non si accorse del sospiro di sollievo che aveva accompagnato il suo assenso. Franca non sapeva nulla, evidentemente.
“Ottimo, dai, così non passi un’altra serata da sola. Ci sarà anche il Mario. Avrebbe preferito uscire senza figli, ma quando gli ho proposto di invitare anche te, ha subito cambiato idea. Mi sa che gli piaci.”
“Ma dai…”
“Potrei essere gelosa, se la donna in questione non fossi tu. Ma cosa vuoi, a cinquant’anni suonati ai mariti bisogna anche lasciare qualche spazio. Dai, allora è deciso. Ti mando un messaggino con luogo e ora. Va bene?”
“Sì, sì, va bene.”
Non riuscì a dire altro, e pochi secondi dopo dovette guardare il display del telefono per essere sicura di aver riagganciato.
Ci mise alcuni secondi prima di razionalizzare il fatto. Era giovedì, e due giorni dopo avrebbe rivisto Manuel. Si lasciò cadere sul divano della sala e rimase immobile alcuni minuti, abbandonandosi a pensieri confusi e inconcludenti.
Passò due giorni con un’unica domanda nella testa: “Come mi vesto?”, e quando Luciano le gridò, dalla propria stanza “Mamma, tra un quarto d’ora usciamo, va bene?”, lei era già pronta da un pezzo e si stava guardando allo specchio per la centesima volta.
Aveva indossato una gonna nera che le arrivava subito sotto il ginocchio, mentre una camicetta rosa cercava di contenere il suo grosso seno. Aveva lasciato volutamente l’ultimo bottone aperto, assaporando il piacere che avrebbe provato nel vedere lo sguardo di Manuel finirci dentro. Per un istante pensò anche di slacciarne un altro, ma poi si convinse che sarebbe stato troppo.
Questa volta scelse le scarpe con cura. Mise un paio di sandali aperti sulla punta e chiusi sul tallone. Erano neri ed eleganti, come la gonna, e avevano un tacco non vertiginoso ma sufficiente per dare alla sua linea quello slancio femminile che stava cercando. Aveva tinto le unghie delle mani e dei piedi di un bordeaux scuro, molto raffinato. Ecco, raffinata era la parola che meglio la definiva. Si guardò un’altra volta e concluse sottovoce: “Raffinata e sensuale. Almeno un po’.”
Si sarebbero trovati direttamente al ristorante, in centro a Treviso, e quando Luciano parcheggiò la macchina a cento metri dall’ingresso, mancavano cinque minuti alle otto.
“Ottimo”, le disse mentre spegneva il motore, “siamo puntuali. Non capita sempre.”
E mentre si avviavano verso l’ingresso, Giulia gli chiese: “Sei sicuro che non ti dispiaccia che ci sia anch’io?”
“Mah, i genitori del Manuel hanno insistito.”
“Ma a te non dispiace?”
“No, no, va bene. Basta che non rompi e che non ti metti a raccontare delle cose stupide che facevo da bambino.”
Lei gli sorrise appena, rispondendogli: “Va bene, promesso.”
Entrarono e si diressero al tavolo dal quale Franca, la mamma di Manuel, stava facendo ampi segni, non molto discreti, ma sicuramente efficaci.
Mentre si avvicinava, Giulia poté ammirare ancora una volta la straripante energia che quella donna sapeva trasmettere. Aveva da poco compiuto i cinquant’anni, ma ne dimostrava almeno dieci di meno. Era bionda, di un biondo pulito, molto chiaro, e portava i capelli corti, come lei, ma più ordinati, quasi a caschetto. I suoi occhi verdi e il suo fisico asciutto ne facevano una bella donna. Se avesse avuto un seno come il suo sarebbe stata irresistibile, mentre quello di lei era piuttosto piccolo, seppure ben proporzionato.
I saluti furono rapidi e informali, come sempre, e un minuto dopo Giulia si trovò seduta davanti a Franca, con Luciano alla sua destra, che si mise subito a chiaccherare con Manuel che gli stava davanti.
Suo padre, Mario, si era messo a capotavola, e Giulia se lo ritrovò alla sua sinistra. Era sicuramente un bell’uomo, che sapeva portare i suoi cinquantaquattro anni con un’energia non comune. I capelli brizzolati e gli occhi scuri gli davano un’aria di maturo seduttore, e il suo fisico sempre ben allenato non faceva altro che confermare questa sensazione.
In apparenza la cena andò come sempre. Una buona pizza accompagnata da un’ottima birra e da chiacchiere varie. Ma dentro di sé, Giulia si sentiva morire. Ogni tanto guardava Manuel, che sembrava non degnarla di uno sguardo, mentre ogni volta che lei lo fissava, sentiva una fitta colpirla in mezzo alle gambe. Le sembrava di percepire nell’aria il profumo della sua pelle, mentre le stava addosso, schiacciandosi su di lei e baciandola come nessun uomo l’aveva mai baciata.
Sentiva ancora il suo cazzo duro sulla pancia e la sua mano sulla fica, e non poteva fare a meno di pensare che, se non l’avesse fermato, lui l’avrebbe sicuramente posseduta lì, contro il muro, mentre suo figlio se ne stava nella stanza accanto.
Cercava di restare calma, parlando con Mario e con Franca come se niente fosse, ma il fuoco che le bruciava dentro la stava divorando.
Aveva quasi finito la pizza, quando Manuel si voltò improvvisamente e le regalò un sorriso. Una frazione di secondo che sfuggì all’attenzione di tutti, ma non alla sua. Quello sguardo malizioso e sicuro di sé, quella luce che gli aveva visto brillare in fondo agli occhi, le avevano fatto scoppiare una bomba in mezzo alle gambe. Si accorse di essere bagnata fradicia, ed ebbe il desiderio istintivo di allontanarsi da lì. Non ce la faceva più.
Si rivolse a Franca e a Mario dicendo: “Scusate, vado un secondo in bagno”, e si alzò con decisione.
Si incamminò velocemente verso i servizi, senza mai voltarsi. Entrò in quello delle donne, dove non c’era nessuno. Buttò un occhio alle due porte di destra, e scelse la seconda. Vi si fiondò dentro e fece per chiudersi la porta alle spalle, ma non ci riuscì.
Fu un attimo, una frazione di secondo, e tutto le fu subito chiaro. Non si era accorta che Manuel l’aveva seguita e che ora stava entrando nel suo stesso bagno, dando uno spintone fortissimo alla porta che lei stava per chiudere. Gliela sbattè quasi in faccia, entrò come una furia e la richiuse a chiave.
Giulia fece solo in tempo a dire: “Mah…”, che lui la spinse contro il muro con una forza irresistibile, le mise la mano destra dietro la nuca e le sbattè la lingua in bocca.
In un secondo le cadde il mondo addosso. Non fece nulla per resistere all’impeto di quel ragazzino e ricambiò il bacio che lui le stava dando, lasciando che la sua lingua si muovesse impazzita su quella di lui.
Le sue mani si mossero istintive, prive di una guida. La destra finì nei capelli neri di Manuel, mentre con la sinistra gli cinse la vita e lo attirò a sé, come se non volesse lasciarselo scappare.
Anche le mani di lui diedero libero sfogo ai suoi istinti. Avvolta in un turbinio di emozioni esplosive, Giulia sentì una mano sul culo, sopra la gonna, mentre l’altra le finì sul seno, che lui prese a palpare con una forza incontrollata.
Si baciarono a lungo, lasciando che la passione che stavano sprigionando riempisse l’aria di quel piccolo spazio nel quale si erano chiusi.
Lei gli soffiò direttamente in bocca con una voce tremante: “Oddio, Manuel…”
“Cazzo, Giulia, ti voglio un casino!”
Rimase colpita dalla sicurezza del suo tono. Era un ragazzino poco più che maggiorenne, ma le sapeva trasmettere una forza che nessun uomo le aveva mai dato.
Manuel si staccò dal suo corpo e si slacciò i pantaloni, e mentre lei restava a guardarlo paralizzata, lui se li abbassò fino alle caviglie, insieme alle mutande, lasciando che lo sguardo di Giulia si riempisse della vista di un cazzo enorme e durissimo.
Le sue parole, dirette e sprezzanti, la colpirono allo stomaco: “Porca troia, ho voglia di scoparti.”
Detto questo le mise una mano dietro la nuca, le impugnò i capelli, e con una forza alla quale lei non avrebbe mai potuto resistere, la spinse a inginocchiarsi davanti a lui. Nel momento in cui lei sentì il freddo del pavimento a contatto con le ginocchia, lui le disse: “Fammi un pompino!”
Non era una richiesta; era un ordine. Un ordine che lei non vedeva l’ora di eseguire. Istintivamente chiuse gli occhi e aprì le labbra, lasciando che la mano che le stava impugnando i capelli la guidasse in avanti. E quando sentì il cazzo entrarle in bocca, il suo corpo venne scosso da un fremito sconvolgente e incontrollabile.
Non capì più nulla. La razionalità era svanita in un attimo e l’istinto si mise a guidare i suoi movimenti. Chiuse le labbra sul cazzo del migliore amico di suo figlio e prese a leccarglielo furiosamente, cominciando a muoversi avanti e indietro, assecondando il movimento che la mano di lui stava facendo fare alla sua testa.
Sentì una voce provenire da un’altra dimensione: “Merda, Giulia… sei bravissima…”
Allungò le mani sul suo culo, che prese a palpargli spingendoselo sempre più contro, fino a quando sentì che con la bocca gli era arrivata alla base del cazzo.
Ancora non poteva crederci. Stava tenendo in bocca tutto il cazzo enorme di quel ragazzino, che ora le stava regalando il suo mugolio: “Mmmhhh… sììì…”
Lui stava cercando di tenere gli occhi aperti, con lo sguardo fisso in basso, sui capelli corti e neri della madre del suo migliore amico. Una donna di quarantasei anni, che conosceva benissimo. Una donna tutta casa e chiesa, con quello sguardo triste e rassegnato sempre addosso, che ora se ne stava inginocchiata davanti a lui, nei bagni di una pizzeria, mentre gli succhiava il cazzo, prendendoselo in bocca fino alle palle.
Non aveva mai fatto sesso con una quarantenne. Era sempre stato maggiormente attratto di corpi snelli e perfetti delle sue coetanee. Ma questa signora, nel pieno della sua maturità, con i fianchi e il culo un po’ larghi, e con le tette molli e giganti, lo stava mandando fuori di testa.
“Cazzo, Giulia… che bocca che hai…”
Continuava a impugnarle i capelli e a guidarne i movimenti, provando una sensazione di potere e di possesso che gli fecero fremere l’anima.
Quando sentì che lei gli stava accarezzando le palle con una mano, le tolse il cazzo dalla bocca, lo impugnò, e tenendoselo dritto, puntato verso l’alto, le sbatte i testicoli sulle labbra dicendole: “Leccami le palle!”
Lei non fece una piega. Tirò fuori la lingua e ubbidì all’ordine che le era stato dato. Gliele leccò lentamente, trasmettendogli una passione e un desiderio sconfinato, tanto che lui non resistette oltre e fu costretto a chiudere gli occhi, sussurrando: “Cazzo, sììì… cosììì…”
Se le fece leccare per alcuni lunghissimi istanti. Poi le tirò i capelli con forza verso l’alto, obbligandola a tirarsi su. E quando lei si trovò di nuovo in piedi di fronte a lui, incrociò il suo sguardo e si sentì persa. Quelli che aveva davanti erano gli occhi di un ragazzo completamente in trance, abbandonato all’istinto del sesso.
Le alzò la gonna con forza, tanto che lei temette che gliel’avrebbe strappata. La cosa le sarebbe anche piaciuta, ma come avrebbe fatto a tornare al tavolo?
Lo aiutò nell’impresa, e quando si ritrovò con la gonna arrotolata in vita, come fosse stata una cintura, lui allungò la sua mano destra con decisione sulla sua fica. Le scostò velocemente le mutande e le mise due dita dentro, mentre lei allargava le gambe senza nemmeno rendersene conto.
“Cazzo, Giulia, sei fradicia.”
Lei sentì le sue dita arrivarle fin quasi al cuore, e ricambiò le sue parole con un mugolio di piacere: “Mmmhhh…”
“Porca troia, adesso ti scopo!”
Così dicendo le tolse la mano dalla fica e la fece voltare. Lei istintivamente allungò entrambe le mani contro il muro e allargò le gambe, mentre lui le scostava con forza le mutande.
Lei divaricò le gambe ancora di più, e quando sentì che lui, con una mano le stava aprendo le grandi labbra da dietro, fece il respiro più profondo della sua vita e sussurrò: “Oddio…”

LA VERSIONE COMPLETA DEL ROMANZO CONTINUA SU
https://www.amazon.it/SIGNORA-GIULIA-SCHIAVA-DEGLI-FIGLIO-ebook/dp/B08K86RFLC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=alessandro+bardi&qid=1602497318&sr=8-1

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “LA SIGNORA GIULIA SCHIAVA DEGLI AMICI DI SUO FIGLIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.