È completamente mia, quasi come una schiava

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

È completamente mia, quasi come una schiava

Spread the love

Rientro a casa dopo una merdosa giornata di lavoro. Ma non sono arrabbiato. Penso che magari andrò a correre. Qualche chilometro per scaricare la tensione. Un centinaio di addominali. Magari qualche peso. Giusto per spaccarmi abbastanza da riuscire a dormire stanotte. Giro la chiave nella serratura e apro la porta. Mi giro e richiudo. Attacco la borsa all’attaccapanni, tiro fuori il tabacco e vado in sala. Adesso ho bisogno di una sigaretta e di buona musica. Musica rilassante. Faccio un passo. Poi un altro. La mia mente fatica a registrarlo. Fatica a crederci. Il fatto che tu sia in questa stanza mi basterebbe ad eccitarmi. Il problema è che tu sei in questa stanza e sei nuda. Seduta sul divano, le braccia artisticamente allargate, a mettere in evidenza le tette e i capezzoli talmente turgidi da essere ormai entità autonome. Hai le gambe incrociate. L’incrocio delle gambe è come un cartello di indicazione per la tua fica. Infatti le seguo. Seguo i muscoli allungati e femminili fino al punto dove il mio piacere in un’altra vita si univa al tuo. Basterebbe che tu fossi qui per farmi impazzire, il fatto che tu sia nuda mi spinge oltre il limite della follia, oltre il limite del bene e del male. Oltre qualsiasi cosa che viene chiamata etica. Morale.
Ma per il momento sembro normale. Forse una parte del mio cervello sa che è impossibile che tu sia qui. Ti guardo e ti saluto. “Ciao”. Forse tu vedi nei miei occhi una goccia di lucida follia. La cosa non sembra spaventarti. Anzi, ti mordi il labbro. Sembri apprezzare. Il mio cazzo che durante tutta la giornata mi ha fatto impazzire con erezioni che ti chiamavano, adesso non ascolta più nulla e nessuno. E’ incredibilmente più grosso del solito, ha un colore violaceo, totalmente fuori controllo. Più grosso, più lungo. Ma tu non puoi ancora vederlo. Non so perché sento il bisogno di farti del male. Forse per vendetta. Un gemito di piaceredolore per ogni notte frustrata in un letto solo e freddo. Come se tu non avessi sofferto. Come se io fossi stato l’unico. Forse per la paura che qualcun altro ti abbia scopato in questi mesi di lontananza. Forse per la paura che ti sia piaciuto.

Ti ignoro totalmente, accendo la musica. Africa Unite. Forse serviranno a rilassarmi. Posso essere pericoloso, stasera. Mi rollo una sigaretta con calma. Ti guardo, e il tuo labbro è sempre più in ostaggio dei tuoi denti. Ora non hai più quella posizione sicura e tremendamente eccitante. Ora sei in mia balia. Fumo e ti guardo, senza dire nulla. Poi mi alzo. Spengo la sigaretta nel posacenere e mi giro verso di te. Sono violento dentro. Mi avvicino. Ora sono a poche decine di centimetri dal tuo corpo nudo, il tuo viso all’altezza del mio cazzo. Lo guardi, lo vedi anche attraverso i jeans più larghi che ho. Sopracciglia alzate simmetricamente, occhi spalancati. Sei sorpresa. Poi ti mordi di nuovo il labbro. Ti accarezzo piano una guancia, l’orecchio, i capelli, il retro del collo… E poi all’improvviso stringo. E tiro. Non da strapparti i capelli, ma deciso abbastanza da far si che tu segua la mia mano con tutto il tuo corpo per alzarti in piedi. Non sei spaventata. Sei eccitata. E questa è la fine della mia parte cosciente.

Sei in ginocchio, nuda. Io ho ancora la mano stretta tra la tua pelle e i tuoi capelli, in quel punto sensibile che di solito lecco per farti gemere. Il mio braccio è gonfio, le vene in evidenza. Ti prendo la testa con entrambe le mani e ti spingo contro i miei jeans, dove qualcosa di duro sta aspettando di uscire. Tu cerchi di aprirmi la lampo e di tirarlo fuori, ma io ti tiro i capelli verso il basso, allontanandoti. “No”, dico. Ti lascio andare i capelli e tu ti accasci un po’. Ma non credere che sia finita. Ti prendo i capezzoli turgidi, entrambi, con il pollice e l’indice. Schiaccio, e nello stesso tempo tiro verso l’alto. Anche stavolta non ti alzi perché ti trascino io, ma per lenire il dolore che ti sto strappando gemito dopo gemito. Il tatto dei tuo capezzoli schiacciati dalle mie dita mi eccita terribilmente. Ed è peggio. Ora sei in piedi. Ti prendo un braccio, lo giro dietro la schiena e ti costringo a girarti. Mi sporgo oltre te e con un braccio spazzo il tavolo nero, rovesciando a terra tutto quello che c’è sopra. Fortunatamente nessuna bottiglia di vetro. Gli oggetti del mio disordine vengono lanciati attraverso la stanza come nello spazio siderale. Ti giro il braccio dietro la schiena. Ancora non abbastanza per farti del male (gemito), ma abbastanza per assecondarmi. Spingo il braccio e la schiena contro il tavolo, tu adesso sei a novanta sul tavolo. Alzo ancora un po’ il braccio (gemito). Poi lo lascio andare. Il tuo culo è quello che ogni uomo desidera vedere almeno una volta nella vita. Almeno prima di morire. Mi abbasso e ti tocco le ginocchia, per allargare le gambe. Adesso sei a novanta sul tavolo, con le gambe leggermente divaricate. Respiri come se volessi che ti scopassi. Mi alzo e ti guardo. Se guardassi troppo a lungo potrei venire senza nemmeno toccarmelo. E, mentre non te lo aspetti, ti schiaffeggio (gemito), forte. Sul tuo culo c’è il segno rosso della mia mano, perfettamente definito. La carne e la pelle non si sono nemmeno mossi, nemmeno la piccola vibrazione. Mi fa male il palmo della mano, quasi come se fosse insensibile. Te ne do un altro (gemito) sempre sullo stesso punto. Sei un po’ più rossa, questo ha fatto un po’ più male. “Scopami”. Mi dici. Ha la voce dell’urgenza. Mi siedo sul divano. Mi rollo e mi accendo un’altra sigaretta. Tu fai per girarti. La mia mano aperta sul tuo culo (gemito) un’altra volta. Stavolta è la sinistra. Forse ho meno forza. “Stai ferma” ti dico. Guardo la tua fica. Il tuo culo. Il tuo ano. Sei bagnata, tanto che comincia a colarti lungo gli inguini e le cosce. Dio, come sono eccitato. Passo la sigaretta nella sinistra, con il medio della mano destra scorro sulle piccole labbra, avanti e indietro. Arrivo sul clitoride, ma mi soffermo appena un attimo, per tornare verso l’alto. Avanti. Indietro. Avanti. Indietro. Inserisco un dito, leggermente piegato verso il basso, alla ricerca del tuo punto G. Entra troppo facilmente. Lo estraggo. L’indice e il medio, sempre piegati. C’è un po’ più di resistenza, ma non sono abbastanza. Indicemedioanulare. Tu non urli, ma non manca molto. Ti masturbo con tre dita, ti tremano le gambe come quella volta in camera tua. “Non venire” ti dico. E so che è impossibile, ma te lo dico lo stesso perché così avrò una scusa per punirti. Perché continuo a masturbarti, sempre più veloce. Sempre sul tuo punto G, mentre le tue gambe hanno un tremito incontrollabile da crisi epilettica. Le tue tette sono schiacciate sul ripiano freddo, immagino i tuoi capezzoli che stanno scavando nel legno. E io continuo a schiacciare, a muovere le dita dentro di te finché non vieni e vieni e vieni. Ed ho il braccio e buona parte della felpa completamente inzuppati perché per la prima volta anche tu mi sei venuta addosso.
“Sei venuta” ti dico. Voce neutra, gelida. Incredibilmente mi chiedi scusa. “Adesso devo punirti”. Copione prevedibile, d’altra parte sono lo sceneggiatore. Mi alzo. Ti prendo i capelli e ti sollevo la testa. Contemporaneamente ti infilo il pollice nel culo. Non è doloroso, la mia mano è completamente bagnata da te. L’indice è invece ancora nella tua fica. Li muovo avanti e indietro, e ogni movimento è un gemito. Gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito. Poi esco con entrambe le dita e con la mano aperta ti schiaffeggio ancora (gemito). Ora il tuo culo che sta facendo impazzire me e il mio cazzo è rosso. Non come la mia cappella, ma non manca poi molto.
“Scopami” mi dici, ancora. Ma senza speranza. Ti prendo ancora per i capelli, ti giro e ti butto sul divano. “Ferma”, dico. Sei sdraiata a pancia in su, ti sollevo le gambe. Hai il respiro affannoso. Ti lecco, prima le grandi labbra, veloce. Come se fossi completamente assetato. E in effetti è così. Poi passo direttamente al clitoride. Lo succhio, come se volessi strappartelo. E mentre è allungato tra le mie labbra e lo sto succhiando la mia lingua ci gira intorno. Gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito. Sento che stai venendo… E allora smetto. La tua faccia è l’espressione della delusione. “nononononono” dici, quasi inarticolata. Io non rispondo. Ti prendo per un polso e ti alzo. Con forza. Non c’è nulla di cavalleresco. Ti trascino in camera. Ti lancio sul letto, tu atterri a pancia in giù. Ti sono sopra immediatamente e ti giro. Ti schiaffeggio il clitoride e le labbra, ho la presenza di spirito di non usare la stessa forza di quando il bersaglio era il culo. Meno forte. Ma non molto meno. Ogni rumore liquido della mia mano sulla tua fica bagnata è un gemito di dolore e piacere. Gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito gemito. Prima che tu venga mi rialzo. Tu cerchi di seguirmi, ti guardo, e capisci di stare ferma. Apro il cassetto, e tiro fuori scampoli di seta blu. Tu sei sorpresa, ma forse te l’aspettavi. Ti lego il braccio sinistro alla testiera del letto. Poi la caviglia destra, in fondo al letto. Poi quella sinistra. Sei a gambe aperte, con le ginocchia leggermente ripiegate e un braccio teso sopra la testa. Lascio libero il destro.

Io incredibilmente sono ancora vestito.

Mi tolgo la felpa. Tu vedi i miei avambracci. I miei bicipiti. Sono quasi come li volevo. Tu ti mordi il labbro. Tolgo la maglietta. Anche il resto è quasi come lo volevo. Addominalipettorali quasi senza grasso. Definiti, come l’amore violento che provo per te oggi. Slaccio la cintura. Il bottone e la zip dei pantaloni. Ancora non li abbasso. Apro la patta, abbasso i boxer. Il mio cazzo esce. Grosso. Lungo. Rosso carminio. Comincio a masturbarmi. Piano. C’è una sola cosa che puoi fare. Con la mano destra ti masturbi, le dita scorrono sul tuo clitoride gonfio. “Non puoi ancora venire”, dico. Ti stai mordendo il labbro a sangue. Ma continui a masturbarti. E nemmeno io mi sono fermato. Mi avvicino. Scavalco la barriera i piedi del letto. Continuo a masturbarmi. Continui a masturbarti. Ci guardiamo negli occhi e quello che vedo nei tuoi e che sento nei tuoi è amore incondizionato. Continuiamo a masturbarci guardandoci, e io vengo sulle tue dita che toccano il tuo clitoride. Credo di non essere mai venuto cosi tanto. La tua mano, la tua fica e le tue cosce sono piene di sperma. Senza smettere di gurdarmi avvicini la mano destra alle labbra. Lecchi. Poi abbassi la mano, recuperi quello che c’è sulle cosce. Lo porti alla bocca. Lecchi. Quello che c’è sul clitoride (quando lo tocchi hai un gemito). Porti la mano alla bocca. E lecchi. A quel punto non ce la faccio più. Il mio cazzo è più duro, più lungo e più grosso di prima. Strappo la seta che ti lega le caviglie. Te lo spingo dentro come se non desiderassi altro. Ed è così. Tu gemi. “Posso venire?” mi chiedi. “Se riesci…” ti rispondo. Spingo fortissimo. Ogni spinta è dolore e piacere da tanto è forte. Mentre stai per venire, esco. E senza attendere nulla te lo infilo nel culo. Urli. Non capisco più se di dolore o di piacere. Non sto attento. Non faccio piano. Continuo a spingere. Con la mano destra ti graffio. Dalla spalla all’inguine, passando per il capezzolo sinistro e la spalla, ci sono cinque segni rossi che sono i fantasmi delle mie dita e del tuo dolore. Quando penso che sia passato abbastanza tempo, ritorno dentro di te. Continuando a spingere. Pensavo fossi più lontana dall’orgasmo. Bastano tre spinte a riportarti sull’orlo del baratro. E allora ti giro a pancia in giù. E mentre sei sdraiata allargo l’ano con due dita e ci spingo dentro il cazzo. E spingo e spingo. Stavolta sulla schiena passano entrambe le mani, dieci segni rossi e brucianti dalle spalle alle cosce. Poi non aspetto più. Entro dentro di te e continuo a spingere, ti stringo le mani intorno al collo e mi sdraio su di te, e mentre ti sussurro “vieni” veniamo insieme, e tu urli e io urlo e il liquido seminale è l’oceano delle tempeste del nostro amore, oceano liquido e tempesta sonora che spacca i vetri e provoca blackout.

“E’ completamente mia, quasi come una schiava. Ma non la possiedo. Sono io ad essere posseduto”

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “È completamente mia, quasi come una schiava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.