Le mutandine di mia suocera 2

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Le mutandine di mia suocera 2

Spread the love

scrissi la prima parte il 5 Marzo e invito i lettori a leggerlo prima di proseguire…
prima di tutto devo parlarvi del periodo di quarantena, io come voluto sia da Daniela, la mia fidanzata che da mia suocera Fernanda, matrigna di Daniela, ma devo dire anche con mia felicità l’ho trascorso con loro nella loro villa nella dependance con Daniela, ma ho dovuto giurare a mia suocera,che non dovevo approfondire i rapporti con la mia fidanzata,dovevo continuare con lei solo rapporti senza penetrazioni di nessun tipo fatta eccezione dei pompini, sapendo cosa sarebbe successo se avessi sgarrato. la società è rimasta aperta ma solo per svolgere attività interna. Fernanda mi faceva andare spesso nel suo studio dove con la scusa di rivedere alcune cose di lavoro, ne approfittava per costringermi a usare la mia bocca per soddisfarla in ogni modo, a volta ci faceva andare in ufficio divisi io un giorno Daniela un altro per aver libertà con me.
quando rimanevamo a casa, lei faceva in modo che la figliastra fosse al lavoro quando c’era anche il papà,così da stare tranquilli, c’era in casa la Samanta, governante di colore, di 50 anni ,grassoccia, a tempo pieno che aveva accettato anche lei di fare la quarantena con noi visto che il marito era in un altra città e lei aveva bisogno di guadagnare, ma seppe come coinvolgerla e mantenere il segreto, .Fernanda una mattina che eravamo soli mi chiamò in camera “buongiorno ,caro vieni a svegliare la tua padroncina” e per la prima volta mi concesse di baciarla in bocca, e mi trovai con il cazzo subito durissimo lei che con la sua lingua mi passava la sua saliva, poi mi fece scendere ai seni gonfi e volle sentirsi succhiare i capezzoli, quando scesi al pube, lei allargò le gambe ,un forte odore dalla sua fica mi raggiunse subito al nasa, fra le labbra scendeva del liquido bianco “non vedevo l’ora che mio marito se ne uscisse, mi ha scopata,ma non è riuscito a farmi godere,su ora leccala e ripuliscila della sborra di tuo suocero, e poi scopami tu, e fammi godere” , sinceramente non avrei voluto, ma il suo odore, la sua forza con cui mi spingeva la testa verso quella fica che mi ha stregato, mi sono trovato a infilare la lingua fino dove arrivava deglutendo tutto, fino al godimento di Fernanda; “vieni scopami, dovrai farlo spesso in questi giorni di quarantena, riempimi della tua sborra,non prendo precauzioni,perchè mio marito vorrebbe un figlio, e io lo aiuto” una scopata meravigliosa con una sborrata fantastica in quella fica calda e accogliente nel momento che anche lei raggiungeva l’apice ” mi sentivo il suo amante, ma il risveglio dei ruoli c’è stato poco dopo “avanti ,ora vieni con me in bagno devi farmi il bidet con la tua bocca e la tua lingua ” . una volta in bagno ,io nudo mi ha detto di sdraiarmi nella vasca, si è messa sopra di me, prima ha fatto sgocciolare la sborra dalla sua fica alla mia bocca (ora ho anche assaggiato il mio sperma) poi una lunga pisciato su tutto il mio corpo ,maggiormente sul cazzo, che si è indurito subito ” bene vedo che ti piace,credo proprio che con te ci sarà da divertirsi, ora apri la bocca che l’ultimo zampillo voglio fartelo in bocca e tu inghiottilo ” così è stato per 3 volte mi ha riempito la bocca ed io ho bevuto, mi sentivo un po chiudere la gola dall’aspro sapore, ma ce l’ho fatta, dopo di che mi ha dato la fica da ripulire con la lingua , lho fatto mentre mi masturbavo come lei voleva, poi si è voltata ed è toccato al suo buco posteriore, il sapore ben altro ,amaro, ma mi piaceva si devo ammetterlo, ,non ha voluto che venissi, mi ha detto di fare la doccia, vestirmi e mi aspettava in giardino che dovevamo parlare……..continua

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

3 thoughts on “Le mutandine di mia suocera 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.