Orgia in Betel 3

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Orgia in Betel 3

Spread the love

Il profumo del caffè al mattino ci aveva riportato sulla terra, ai giorni normali, a quella normalità cui malgrado ci eravamo abituati negli anni. Non era stato facile presentarsi nel grande salone della mensa in Betel dopo le avventure notturne avute con Matteo e Tiziana e soprattutto non era facile guardare negli occhi gli altri, fratelli e sorelle, per l’imbarazzante confessione che la coppia aveva fatto loro circa le abitudini sessuali dei componenti della filiale. Poteva esser vero come dicevano Matteo e Tiziana che tutti erano coinvolti in questa enorme e trasgressiva orgia collettiva, proprio lì nel culmine della spiritualità della loro organizzazione? Se tutti erano coinvolti in questi festini, persino il caro Zio sorvegliante e sua moglie erano a conoscenza delle cose che succedevano e pure loro partecipavano alle orge e agli scambi di coppia. Tutti questi piccanti particolari rendevano quel soggiorno romano più elettrizzante e allo stesso tempo misterioso. I testimoni di geova fuori dalla filiale vivevano in un mondo quasi medioevale, era proibito tutto, il divertimento centellinato, il sesso e ogni forma di argomento sessuale era da considerarsi un tabù. Erano talmente bombardati dalla dissuasione sessuale che imponevano i vertici da dimenticarsi di essere uomini o donne fatti di carne, ognuno con una propria vita sessuale da poter vivere e condividere. La vita nelle congregazioni aveva generato un numero incredibile di coppie diventate col tempo asessuate, vivevano solo per i piaceri spirituali che inculcava l’organizzazione, ovvero pregare, predicare, studiare, partecipare alle adunanze. Non c’era spazio per i piaceri della carne, per l’estasi tipica che provoca un rapporto sessuale. Quelli che non sopportavano più le rigide e anacronistiche restrizioni commettevano cazzate di ogni sorta, chi lasciava il coniuge, chi scopava a destra e a manca, chi si ammazzava di seghe e pornografia. Loro erano sempre stati in quella minestra di insipido equilibrio che aveva sconvolto e segnato le loro giovani vite.
La poca esperienza sessuale e la quasi assenza di curiosità e sperimentazione li aveva fatti invecchiare precocemente. Ieri sera invece… Ieri sera era stato fantastico. In una volta sola, tutte le esperienze mancate di una vita si erano palesate davanti agli occhi. Tutto il fascino del proibito aveva nesso unghie e mani nei loro corpi. L’assuefazione chimica del superbo bocchino di Tiziana, l’eiaculazione in bocca a Michela, il ricoprire la sua faccia con la sborra, una sensazione unica e mai provata. L’effimero gusto piacevole drl peccato, dell’essere andati contro tutto quello in cui avevano creduto, l’aver praticato forme di sesso che non erano contemplate nella loro cultura, l’aver assaporato il sapore e il sudore della pelle di persone al di fuori del loro nucleo familiare. Il fascino misterioso dell’adulterio, il mondo perverso delle orge, il piacere di poter infilare il proprio cazzo a piacimento in ogni buco, e non solo della propria moglie senza remore, senza vergogna, senza il timore di essere sbagliati, di essere giudicati, di essere messi al rogo. Senza il timore di doversi sentire in colpa, senza quel groviglio di sensazioni al cuore che rendono schiavi della propria coscienza, che rendono le persone malvage a sé stesse solo perché hanno voluto assaggiare il frutto del peccato. Quel frutto così buono ed invitante che ha la faccia di una porca di nemmeno trent’anni che si inginocchia per succhiarti il cazzo e bere il tuo sperma.
Come facevano tutti a fingere fosse normale, il giorno dopo presentarsi lì nella sala mensa della filiale, dopo aver scopato un po’ con tutti la sera prima?
Le sorelle bevevano il latte dalle tazze con la stessa malizia con cui probabilmente sorseggiavano lo sperma dei fratelli la notte. Tutti eravamo lì ai nostri posti aspettando una bella brioche da infilarci in bocca come un pisello, però con ripieno di crema o cioccolato , così come aveva fatto Michela la sera prima, in quel grande impeto di perversa sessualità a quattro. Michela che era schizzinosa, che quasi non mangiava il pollo con le mani per non sporcarsi le dita si era trovata inginocchiata come la più lurida delle puttane a ingoiare sperma di due maschi e a farsi sbattere in faccia il cazzo puzzolente come una ragazzina alle prime armi.
Intorno c’era un’allegra ipocrita compagnia. Matteo e Tiziana erano arrivati di buon’ora in mensa, vestiti di tutto punto, lindi e patinato come fotomodelli da rotocalco. Dispensavano baci e abbracci, strette di mano calorose, pacche sulle spalle, versetto biblici di incoraggiamento. Tutti aspettavamo di finire la lauta colazione per raccontarci cosa avevamo trovato di interessante nella Scrittura del giorno, ognuno di noi era chiamato ad esprimersi pubblicamente con un commento incoraggiante, significativo, profondamente spirituale. La stessa spiritualità che aveva messo Matteo la sera prima nello sfondare il buco del culo a mia moglie Michela, lui bravo e zelante anziano di congregazione rispettato da tutti, uomo forte della filiale, uomo su cui poggiare le proprie speranze nel giorno in cui sarebbe finito tutto. Lo stesso uomo che senza candore e spirito divino aveva sborrato in faccia a Michela, l’uomo che mi aveva fatto venire nella bocca di sua moglie. L’uomo che la sera prima, svestendosi dei panni sacri dello zelante testimone di Geova si era introdotto furtivamente nel suo alloggio per portarsi Michela in bagno, spogliarla e infilarle il grosso pisello gonfio nella figa fino a farle quasi mancare le forze. Lo stesso uomo che con rabbia aveva messo il proprio cazzo tanto a fondo nella gola delle due donne che a entrambe era quasi venuto da vomitare.
Ora era lì, come un dio, impettito in una finta e ipocrita bontà e sincerità a farci da capobranco e guida spirituale mentre come dei perversi burattini ascoltavamo in silenzio la preghiera rivolta a Geova. E mentre pregavamo ci toccavamo in mezzo ai pantaloni, perché l’unica benedizione che riconoscevamo come utile e Santa erano i corpi nudi e il pensiero di altri corpi nudi che ci aiutavano in questa masturbazione collettiva.
Tiziana si era seduta vicino a me durante la preghiera, io avevo ancora in testa le sue calde tette prosperose che la sera prima giacevano tra le mie nocche, avevo ancora in bocca il sapore della sua perversa bocca, della sua lingua nel mio palato, dei suoi dentini aguzzi che come una cagna mi avevano mordicchiato il pisello e accolto il mio sperma. E mentre il marito, tronfio di splendore intonava una cazzo di splendida e maestosa preghiera, mentre tutti eravamo a capo chino, la mia mano scivolò tra le gambe di Tiziana che non oppose resistenza. Mi lasciava fare. Michela se ne era accorta, aveva sentito il mio corpo muoversi e d’un tratto spostarsi a lato. Con le mani cercai l’orlo della gonna e andai su, come un salmone controcorrente bel fiume, tra le gambe di Tiziana. Percorsi la coscia fino al punto in cui il ventre e le gambe venivano chiusi a riccio da un bel paio di mutandine. Toccai la pelle e notai con sorpresa che Tiziana non portava affatto alcuna mutandina. Si era presentata alla preghiera mattutina nuda sotto, con i peli della figa liberi di esser toccati. E io toccavo, cazzo se toccavo, la toccavo la tra i peli, tra le labbra carnose di quella bella patata. La toccavo e lei sentivo godeva. Il respiro si faceva affannoso mentre a capo chino cercava di rimanere concentraa sulla preghiera che il marito stava declamando in pubblico. E io a capo chino, muovendomi in sordina, nel silenzio, al buio, infilavo le mie dita nella sua passera, muovendole, masturbandola come lei desiderava. Perché non c’era cosa più eccitwnte che farsi fare un ditalino durante la preghiera pubblica del mattino, col marito a condurre l’intera filiale in armonia col creatore. Stava venendo, sentivo il calore umido del suo corpo avvolgermi le dita, con la stessa intensa dolcezza con cui la sera prima la sua boccuccia porca aveva accolto il mio glande umido e pulsante. I suoi umori, il suo orgasmo erano nelle mie dita, io come Dio avevo il potere di farle sentire il brivido innaturale della beatitudine.
Poi arrivò un Amen all’unisono e le mie dita velocemente si spostarono dalla sua gonnellina. Ci guardammo negli occhi, complici di perversa complicità.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

2 thoughts on “Orgia in Betel 3

  1. Doris

    Frequento da anni i testimoni di Geova e posso dirti che tu con questi racconti stai disonorando tutta la congregazione e il nome di Geova. Non sono peccato le tue fantasie sessuali, è peccato che tu scriva quelle cattiverie sui tuoi fratelli e sorelle e che immagini addirittura orge in Betel.
    Tu non sei degno di essere testimone di Geova, perché il vero FALSO, il vero IPOCRITA sei proprio TU. Loro si impegnano ad essere persone migliori e sincere dinanzi a Dio e non è vero che si mortificano, ma tu sai che è richiesto un abbigliamento sobrio, che non significa né spento né da bacchettona.
    Col tuo racconto, che è PUBBLICO, hai dato un’immagine perversa della comunità a cui tu stesso appartieni e solo perché hai rivelato scarsa padronanza di te e grande incoerenza. Un consiglio? Smetti pure di essere testimone di Geova perché tu appartieni al mondo, non alla congregazione. E se anziani e sorveglianti te ne chiederanno il motivo fagli pure leggere questi scritti e saranno loro stessi a lasciarti andare, tranquillo…!

     
  2. Doris

    Se tu avessi scritto un racconto erotico anche spintissimo ma non lo avessi ambientato in Betel, non avessi menzionato il nome di Dio (!) e non avessi usato quelle parole quasi di disprezzo, anche nei toni, per il costume morale dei tuoi fratelli e sorelle (ed è QUESTO che rivela la tua falsità!) il tuo racconto sarebbe stato uno dei tanti. Oppure avresti potuto rappresentare una realtà che in quel momento per te era oppressiva in maniera che gli altri capissero che è una vita fatta di sacrificio… Invece il tuo è proprio un voltafaccia.
    Ti lascio con una scrittura che conoscerai benissimo: “Sii saggio figlio mio, e rallegra il mio cuore”. E rammenta che Geova (visto che hai menzionato tu stesso il Suo nome) vuole il donatore allegro, non sofferente…

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.