L’anniversario.

L’anniversario.

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Anna era quasi pronta. Si controllò nello specchio, prima di indossare l’abito nero a tubino. Si trovò bella. I capelli raccolti in alto valorizzavano il suo viso, che era costituito da un’ovale perfetto, ben truccato: i grandi occhi scuri, le labbra rosse e carnose, un sorriso dolce e irresistibile. Spalle tonde, seno pieno, che traboccava del reggiseno a balconcino di pizzo nero. La vita stretta con fianchi dalle curve morbide. Il reggicalze e le mutandine, anch’esse di pizzo nero, completavano, unitamente alle calze appena velate, un quadro davvero intrigante. Anna si compiacque della sua avvenenza: con i suoi trentacinque anni, era veramente una donna capace di far girare gli uomini quando passava per strada. Erano passati dieci anni dal giorno del matrimonio. Anche allora indossava una combinazione come questa, ma bianca. Quando Mario l’aveva spogliata la prima notte di nozze, aveva trovato le sue mutandine inzuppate dei suoi umori, tanto era eccitata. Era stato veramente bravo, molto dolce, determinato, l’aveva posseduta con passione e dolcezza fino a sfinirla. Al solo ricordo Anna si stava bagnando ancora. Indossò l’abito scuro e si osservò allo specchio, era perfetta. Dieci anni volati, lui era diventato un bravo avvocato, senza mai mettersi troppo in vista, aveva un modo di fare discreto e lei era sempre stata la donna perfetta al suo fianco. Spesso lui le diceva:
«Sei bellissima, la più bella del mondo»
Anna rideva e si schermiva.
«Sì, figurati, se sono ancora bella?! Sai quante ne trovi di ragazze più giovani e belle, al posto mio?»
Ma lui insisteva.
«La più bella donna del mondo».
Entrambi amavano le situazioni particolari; spesso lui le infilava le mani dappertutto e, poi, succedeva che si eccitavano e lei finiva per fargli un pompino, oppure lui le leccava la fica con molto ardore. Amavano molto le situazioni trasgressive, le trovavano molto divertenti oltre che eccitanti, ne avevano vissute tante, ma questa sera era particolare. Anna finì di vestirsi e si diede un’ultima occhiata allo specchio, perfetta!
Si girò verso la stanza, constatando che tutto era pronto per una cenetta a lume di candela: lo champagne, le ostriche e tutto il resto.
Si versò un Martini, quindi si affacciò sulla terrazza della suite dove alloggiavano; l’aria calda della sera le procurò un brivido di piacere.
Napoli era stupenda. Stava rimirando via Caracciolo e, sulla sinistra, vide il Castel dell’Ovo, mentre le luci illuminavano la baia; aspettava con una certa impazienza, guardò dentro e vide le dodici rose rosse che lui le aveva mandato nel pomeriggio.
“Scusami, farò un po’ tardi.”
Così era scritto nel biglietto e lei non vedeva l’ora di riabbracciarlo. Era stato il caso a far sì, che fossero finiti lì per il loro anniversario; una conferenza a cui avrebbe dovuto partecipare il socio dello studio più anziano, ma, all’ultimo momento, un problema cardiaco lo aveva messo fuori gioco, e Mario aveva dovuto sostituirlo. Quando glielo aveva detto, lei era rimasta un momento a riflettere: capiva che per lui era come essere promossi sul campo e, quindi, decise che avrebbero festeggiato lì la loro ricorrenza. Tre stupendi giorni dedicati anche a loro, ma ora, proprio quella sera, lui ritardava.
«Amore, buon anniversario».
La voce di Mario la fece tornare con la mente alla serata.
«Ma sei splendida! Mi preparo in un secondo, poi ceniamo e, magari, prima vorrei un assaggio della serata, poi si va, se non hai cambiato idea».
Mentre diceva così, appoggiò le labbra sul suo collo. Anna apprezzò il bacio, la sua dolcezza era sempre una cosa piacevolissima.
«No, preparati, poi ceniamo, e poi…»
Accese le candele. Lui la raggiunse subito, lei prese un’ostrica e la portò alle sue labbra: il gesto era assolutamente eloquente, lui sfioro il frutto con la punta della lingua, lei lo portò alla bocca, le loro labbra si unirono, il sapore del mare, il desiderio e la passione si fusero insieme. Il copri spalle fasciava Anna, mentre sicura camminava al fianco di suo marito; erano nella parte vecchia del porto, le strade quasi buie, non incoraggiavano certo un turista a passare da quelle parti. Lui si guardò intorno, forse quella sera avevano esagerato, non si fidava troppo; un brivido gli passò lungo la schiena, era oltre la mezzanotte ed il rischio di fare brutti incontri lo preoccupava non poco, ma era il loro anniversario e Anna si era data da fare per organizzare una sorpresa per lui, tanto più che erano a Napoli. Dopo una via stretta, voltato l’angolo si trovarono davanti a un bar, dove lei entrò decisa. Il locale era peggiore di quanto sembrava da fuori; c’era gente sporca e già parecchio alticcia. Mario si portò dietro di lei e, insieme, raggiunsero il bancone; due tipi, dall’aria poco raccomandabile, li osservavano. Lei si avvicinò al bancone ed il barista, un tipo grasso, pelato e dalla barba incolta, li osservò.
«Due whisky».
Li servì. Anna bevve tutto d’un fiato, lui invece lo sorseggiava, guardandosi intorno.
«Un altro».
Chiese lei. Da una porta laterale entrò una donna, con dei lunghi capelli tenuti legati dietro la nuca, li vide e si avvicinò.
«Decisa?»
Anna fece un cenno d’assenso.
«Allora seguitemi».
Passarono attraverso la porta da cui era entrata. Furono investiti da un tanfo di piscio, poi un lungo corridoio; lei accese una piccola pila, aprì una porticina e illuminò l’interno. Doveva essere stata una palestra di boxe, vi era ancora il ring, ma abbassato, senza le corde, loro si avvicinarono. Anna si girò verso di lui.
«Mi ami?»
Lui la baciò con passione.
«Allora lascia che lei si occupi di te».
Mario seguì la donna sul ring, seguito da Anna; lei gli passò la pila e lui fu fatto sedere su di uno sgabello posto in un angolo, l’unico dove c’era ancora il palo imbottito del ring.
«Dovrò sostenere un incontro di boxe?»
«Peggio, amore mio, molto peggio, fra poco vedrai», fu ciò che rispose Anna. La donna gli legò, con gesti semplici ma rapidi, le caviglie e le mani. Anna passò la pila alla donna, che scese dal quadrato ed accese un vecchio mangianastri, che diffuse una musica lenta: una specie di nenia indiana e spense la pila. Subito una luce dal soffitto illuminò il ring, tutto il resto era al buio. Anna incominciò a seguire la musica come stregata dalla melodia. Danzava muovendosi sinuosa, sembrava una diva, la cubista di una discoteca, intanto, allungate le mani in basso, prese a spogliarsi e, con un gesto semplice e ben studiato, si sfilò il vestito verso l’alto: la splendida lingerie indossata, risaltava sul bianco candore del suo corpo. Dal buio emersero quattro individui, dall’aria poco raccomandabile, sembravano usciti da un film dell’orrore.
Uno era altissimo, flaccido e grasso, con un’aria funebre, con radi ciuffi di capelli rossi sulla testa, indossava dei pantaloni da lavoro, una maglietta che forse era stata azzurra, ma ora era sudicia e piena di macchie.
Il secondo era tutto l’opposto: basso, tarchiato con dei pantaloncini corti e sandali, che mettevano in risalto le sue gambe assolutamente storte, una maglietta che tentava di fasciare un torace molto peloso e grasso, con un viso da pugile devastato dai colpi ricevuti, che non lo rendevano certo invitante. Era di sicuro intorno alla sessantina, sembrava un incrocio fra un granchio e un orango. Il terzo, aveva una faccia da killer: baffetti e capelli neri con indosso una tuta da lavoro.
L’ultimo era davvero impressionante: era a torso nudo, con dei pantaloncini corti e ciabatte. Il corpo era completamente tatuato, il viso era pieno di piercing e la sua imponente mole, fece sobbalzare Mario.
I quattro salirono sul ring e si avvicinarono alla sua donna che continuava a danzare, incurante di loro. Lui ebbe un gesto come dettato dalla paura; voleva alzarsi per difenderla, ma si rese subito conto che lo sgabello era inchiodato al pavimento e che le cinghie lo immobilizzavano, erano state strette perfettamente. Guardò con occhi colmi di furore la donna che lo aveva legato, che si mise seduta vicino a lui; aveva appoggiato la testa sulle sue ginocchia, mentre lui osservava impaurito la scena.
Anna, con indosso solo lingerie, calze e scarpe, continuava a danzare in maniera sempre più sensuale, provocando i maschi, che, ora, si erano avvicinati a lei. Mario intanto cercava di liberarsi e la donna, seduta ai suoi piedi, allungò una mano e si mise a toccargli il sesso attraverso i pantaloni.
Con movimenti lenti ma precisi, si mise a segarlo lentamente, fino a che lui se lo ritrovò molto consistente e duro. Intanto l’orango, con un gesto rapido e veloce, strappò il reggiseno di Anna. I seni bianchi e sodi balzarono fuori in tutto il loro splendore, poi fu la volta delle mutandine: ora lei era nuda davanti a loro, con solo il sottile reggicalze, calze e scarpe e continuava a ballare, seguendo la melodia. Nel frattempo i quattro si erano liberati degli indumenti e cominciarono a darsi da fare con Anna e, nella luce del ring, i loro uccellacci apparvero grossi, osceni e guizzanti, quattro enormi cazzi di spropositate dimensioni, soprattutto quello del gigante tatuato, appariva incredibile: grande e grosso sembrava finto e, ad ogni sobbalzo, sembrava un’arma pronta a colpire. Il grasso e l’orango afferrarono Anna per un’ascella e una caviglia ciascuno, sollevandola come fosse una bambola, offrendola, a gambe divaricate, al sesso del gigante; lui, con una cappella grande quanto una mela, si avvicinò e, dopo un attimo di esitazione, entrò dentro la profumata e depilata fessura di lei.
L’impatto le fece inarcare, per un istante, tutto il corpo, ma poi, lentamente, prese ad oscillare e dondolare su quel gigantesco palo di carne, che le trafiggeva.
Il killer dai baffetti neri si sdraiò sotto di lei: aveva un sesso lungo e svettante, si sputò ripetutamente su di una mano e lubrificò il palo poi, attese che il grasso e l’orango depositassero la donna, sempre ripiena del palo del gigante su di lui. Vide le morbide chiappe di lei essere appoggiate alla punta del piolo, che entrò in lei. Mario stordito, emozionato, impaurito dallo spettacolo della sua donna presa da quelle creature dotate di sessi enormi, sentì la donna che aveva aperto la patta dei suoi pantaloni e, estratto il suo cazzo duro, se lo mise in bocca; lui cercò di assecondare il movimento, ma lei gli lo impedì: si teneva il suo cazzo in bocca, senza che lui potesse fare un movimento; insomma, pur rimanendo eccitato, non doveva venire. Intanto, appena Anna fu impalata sul cazzo del killer, il grasso si pose davanti a lei e si mise a strofinare il lungo arnese fra le sue guance e seni, mentre l’orango s’impadronì velocemente della sua bocca, infilandovi, senza nessun riguardo, il suo cazzo duro e lungo fin dentro la gola. La musica era sovrastata dalle urla di piacere di Anna: i mostri la sfondavano senza nessun ritegno e il primo ad eruttare fu il gigante; sfilò il suo lungo sesso da lei e la inondò di schizzi di sborra, con un urlo simile a un grugnito, poi fu la volta di quello dietro, che uscì rapidamente da lei e le schizzo il suo seme direttamente sul viso. Il killer, alla vista di tutto ciò, si posizionò velocemente sotto di lei e occupò il posto dietro, lasciato libero e, con un movimento rapido e senza nessun riguardo, infilò Anna, che poi fu spinta distesa su di lui dall’orango, che con un movimento fulmineo, andò a infilarsi davanti e prese a fare un movimento strano, ma che gli permetteva di scoparla quasi stando in piedi.
I due che avevano già dato si disposero ai lati della donna, che ebbe il compito di succhiare i loro membri che sembravano ancora di buone proporzioni. Le grida di piacere di Anna si confusero con incomprensibili parole in dialetto napoletano. Quasi con furore la scoparono ripetutamente, godendo sempre addosso a lei. L’orango schizzo molta sborra sul seno e viso, mentre l’altro la fece girare e, con un grido rauco, le ricoprì la schiena di schizzi bianchi. Poi, come tutto era cominciato, i quattro energumeni raccolsero i loro vestiti e tornarono nel buio. Anna, allora, si avvicinò a Mario, la donna si tolse il sesso dalla bocca ed offrì a lei un panno pulito per asciugarsi, poi si girò e li lasciò soli.
Di colpo rimasero soli: Anna si mise seduta sul sesso duro e voglioso di suo marito e lo baciò.
«Buon anniversario, amore mio».
Lui rispose al bacio, sentiva il calore della sua vulva che lo risucchiava e con un sospiro liberatorio venne in lei.
«Sono passati dieci anni, ed io ti amo come la prima volta».
Disse lui, mentre lei lo liberava; poi raccolse il vestito.
«Le mutandine e il reggiseno sono irrecuperabili».
Lui sorrise.
«Non importa, te ne regalerò di nuove e più belle. Direi che quest’anno ti sei superata, spero non ti sia costato troppo».
Lei lo guardò con occhi di adorazione.
«Ho dato dei soldi alla donna: i maschi, suoi amici, si sono accontentati di partecipare».
Si guardarono negli occhi.
«E ci credo, chi non vorrebbe scopare una bellissima donna come te».
Sorrisero e tornarono sui loro passi. Il fetido corridoio, poi il lurido bar.
C’era ancora gente seduta a bere, forse, in mezzo a loro, vi erano anche i tipi di prima, ma nessuno li degnò di uno sguardo. La donna che li aveva aiutati ora era appoggiata al bancone, beveva un liquore, non disse nulla al loro passaggio. Anna e Mario uscirono, non gli interessava la gente che era lì dentro; come inutili comparse, erano entrate ed uscite dalla loro vita, il loro mondo non gli apparteneva se non per un capriccio di una notte.
Percorsero alcuni vicoli e uscirono in via Caracciolo; la luna piena splendeva sul Castel dell’Ovo, lei si strinse al suo braccio, avvertiva che dei liquidi le colavano fra le cosce, e quella era l’ennesima conferma che la serata era stata indimenticabile.
«Ti amo».
Si appoggiò con la testa alla sua spalla; la notte era tiepida e Napoli era splendida più che mai.

Author

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *