Pompino a mio cugino

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Pompino a mio cugino

Spread the love

Sono per il periodo delle feste di Natale da mia Zia a Trieste, c’è anche mia mamma è mio padre.
Tutti in casa sua non ci entriamo e così mio zio a pensato bene di mettermi nell’appartamento di mio cugino, che è praticamente difronte a loro.
Nicola mio cugino lavoro in marina e spesso a casa non c’è.
Uso praticamente il suo appartamento solo per dormire pranzo e cena da i miei zii, pomeriggio con le mie cugine e a dormire da lui.
Ha lui non dispiace siamo stati sempre molto legati anche se non ci vediamo spesso, infatti un po’ che non c’è mi dispiace.
Lui è il più giovane tra noi tutte tra me e lui ci corre cinque anni, mette con le mie cugine siamo quasi coetanee.
È sempre stato un bellissimo ragazzo ma ancora non ha una compagna fissa, forse per il lavoro o forse perché non ha trovato la compagna giusta.
Anche se non dovrei dirlo sono sempre stata un po’ gelosa di lui, anche se è mio cugino.
Quello che succede in questa settimana ci ha unito ancora di più.
Passato il Natale è quasi tre giorni che siamo lì e io ho praticamente ho tutto l’appartamento per me, lui non c’è.
Stasera è la serata della pizza a casa di mia zia, quindi tutti riuniti a mangiare la pizza cucinata da lei che è buonissima.
Mio zio è un ottimo bevitore e fra uno spicchio di pizza e l’altro riesce a farci bere a tutti.
Quando sono da loro mi capita spesso di alzarmi un po’ brilla da tavola ma questa sera più delle altre.
Per fortuna da casa di mia zia a quella di mio cugino basta attraversare il pianerottolo e ci sono.
Appena entrò in casa mi dirigo in bagno.
In bagno faccio pipì poi mi preparo per andare a letto, con mio zio stasera ho proprio esagerato mi sono veramente alticcia, duro fatica a cambiarmi.
Sento dei rumori mi rendo conto che tornato mio cugino, lui nota la luce in bagno e mi saluta, dalla porta del bagno parliamo un po’.
Appena esco dal bagno e mi dirigo verso la sua camera la porta è socchiusa entro senza bussare presa dalla voglia di salutarlo e vederlo.
Lui non se lo aspettava è praticamente nudo si stava preparando per fare la doccia, quando lo vedo imbarazzata chiedo scusa, ma non posso fare a meno di notare il suo fisico allenato, per essere un uomo di 33 anni è veramente in forma, involontariamente esclamo:

“….certo che sotto le armi vi mantenete bene…”

non so perché l’ho detto forse l’alcol forse l’imbarazzo, lui non mi dice niente forse è più imbarazzato di me.
Premetto che mio cugino è un bellissimo ragazzo tante mie amiche spesso mi hanno confessato che ci avrebbero fatto volentieri qualcosa, e io gli dicevo sempre che era impegnato o che loro erano troppo vecchie per lui, proprio per la mia gelosia.
Qualcuna ha anche insinuato che tra noi c’era qualcosa vista la nostra confidenza, ma noi ci siamo mai toccati fino a questa sera.
Io e Nicola restiamo un attimo fermi e immobili uno davanti all’altro.
Lo guardo non è la prima volta che lo vedo in accappatoio.
I suoi pettorali sono belli scolpiti come i muscoli delle sue gambe e delle sue braccia, sarei curiosa di vedere il suo cazzo, ma indossa l’ accappatoio e non riesco a vedere.
Mentre ci guardiamo un po’ arrossisco come se avesse capito a quello che sto pensando.
Faccio un passo verso di lui, per salutarlo, Nicola fa un movimento maldestro e l’accappatoio si apre, adesso lo vedo, con l’accappatoio aperto è praticamente nudo davanti a me, il suo cazzo penzola semi rigido, è completamente depilato come e depilato il resto del suo corpo, non resisto e guardandolo negli occhi accarezzo i suoi pettorali giù fino ad arrivare a toccare il suo cazzo e’ caldo e liscio.
Lui resta immobile per un attimo poi cerca di baciarmi io mi scanso e abbracciandolo inizio a baciarlo il collo poi, mi abbasso davanti a lui.
Ora sono inginocchio con il suo cazzo penzola davanti alla mia faccia è le mane che accarezzano le sue cosce.
Passo la mia lingua delicatamente sul suo cazzo mentre con una mano inizio a massaggiare le palle che sono calde e gonfie è completamente depilate, chissà da quanto che non scopa.
Lui sospira e resta immobile, vedo che il suo cazzo inizia a reagire, i nostri sguardi si incrociano gli sorrido, lui ricambia il sorriso.
Ha un bel cazzo e’ tozzo e dritto, anche se è ancora a riposo.
Con una mano lo sego lentamente mentre con l’altra continuo il massaggio alle palle.
Sento il suo cazzo che comincia a reagire e a crescere nella mia mano, inizio con la bocca a dedicarmi alle sue palle, le lecco, le succhio e le prendo in bocca lentamente mentre continuo a segarlo lentamente.
Sento i suoi sospiri di piacere e il suo odore che mi inebria e mi fa eccitare ancora di più. Da i suoi sospiri sembra che gradisce, tenendolo per il cazzo lo spingo seduto sul letto.
Nicola prova dirmi qualcosa ma io non lo ascolto mi butto tra le sue gambe muscolose e inizio a spompinarlo menando la testa su e giù lentamente facendo scorre il suo cazzo tra le mie labbra lo insalivo per bene il suo cazzo che è sempre più duro e grosso.
Penso a quello che mi dicevano le mie amiche, e no perché è mio cugino ma a cazzo e’ messo veramente bene.
Lecco il suo cazzo con la lingua giro intorno alla sua cappella e con le labbra la succhio, ci gioco un po’ è sempre più duro.
Lo bagno di nuovo con la mia saliva mi sembra buonissimo mi piace il suo sapore, forse perché è il cazzo di mio cugino, non lo so, non ho mai scopato con un parente.
Ci sputo sopra e poi lo inizio a spompinare, alterno movimenti lenti a velocissimi, quando lo sento sospirare o mugolare mi fermo con tutto il suo cazzo in bocca.
Nicola dice qualcosa ma io non lo ascolto.
Sento le sue mani accarezzare la mia schiena e la testa, cerca di spogliarmi ma io lo fermo.
Mi spingo tutto il suo cazzo in bocca, sento la sua cappella battere alle mie tonsille, poi lo lecco e lo succhio risalendo lentamente.
Nicola si irrigidisce mi mette una mano sulla testa e comincia ad assecondare i miei movimenti, lo lecco e succhio con passione.
Lui eccitatissimo sento il suo respiro che si fa sempre più affannoso a tratti emette dei gemiti di piacere.
Io non so da cosa sono presa, adesso ho voglia di scoparlo, forse no non lo so, mi fermo, ho il suo cazzo in bocca e cerco il suo sguardo lui cerca il mio come se entrambi cercassimo una sorta di consenso.
Nicola mi sorride e non dice niente, prende le mie mani.
Io riscendo con le labbra ben oltre la meta del suo cazzo mi fermo e incomincio a stringere e a succhiare con forza, lui mugola.
Inizio a risalire con estrema lentezza.
Mi dico dentro di me se non viene quando sono in cima melo scopo.
Nicola sospira e mentre stringe le mie mani inizia a mugolare dal piacere.
Nel sentirlo gemere mi viene da succhiare sempre piu forte quando arrivo con le labbra altezza della cappella sento il suo cazzo che inizia a pulsare.
Nicola lascia le mie mani e mugola il mio nome, io stringo le labbra intorno al suo cazzo e sento subito il suo piacere esplodere nella mia bocca.
Ha un orgasmo lunghissimo la mia bocca si riempie velocemente, ingoio i suoi spruzzi di sborra.
Il suo sperma è caldissimo mi piace anche il sapore, poi con la bocca ancora piena della sua sborra mi stacco da lui e apro la bocca per fargli vedere la gran quantità di sborra che ho ancora.
Nicola mi guarda ancora preso da l’orgasmo, nei suoi occhi leggo il piacere, pensa che voglio sputarla con un filo di voce riesce a dirmi, che se voglio posso farlo in terra, invece io lo guardo richiudo la bocca sorrido e ingoio tutto.
Nicola si sdraia sul letto io ho ancora il suo cazzo in mano, sento che si sta afflosciando, con la lingua subito ridiscendo lungo la sua asta mentre è ancora barzotto finisco di succhiare e ripulire quanto rimasto.
Io appena ho finito mi rialzo non riesco a dire niente lui mi dice:

“che sono stata eccezionale!”

Io gli sorrido gli do un bacio sul suo cazzo ormai moscio e imbarazzatissima esco dalla sua camera. [email protected]

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

7 thoughts on “Pompino a mio cugino

  1. elisaX

    noi lo facciamo da quando avevamo 16 anni, fu lui per primo a solleticarmi l’idea di lasciarmi baciare fino a praticarmi un cunnilinguo, poi io contraccambiai il piacere e il godimento con il primo pompino della mia vita, non abbiamo più smesso di vederci clandestinamente, ormai sono quasi vent’anni, nonostante le nostre rispettivi vite sentimentali e le varie esperienze sessuali con altri partner, non riusciamo a “separarci” da questa particolarissima relazione, che non può essere classificata come amore, forse come passione uno dell’altra, il lui ho trovato sempre un rifugio, riparo da ogni paura e delusione, mi ha protetta e continua a proteggermi meglio di altri, non lo amo ma provo per lui un affetto spropositato che non so controllare, come lui ammette di non amarmi ma prova una particolarissima adorazione che esula da qualunque rapporto con altre donne, perfino le sue ex, non rinuncia a me, io non rinuncio a lui perché mi piace il essere maschio e uomo nei mie confronti, esaltandomi come femmine e donna trasmettendomi sicurezza e concretezza dei sui sentimenti per me.
    Posso ritenermi una ragazza fortunatissima, prego che questa relazione anomala per la nostra cultura possa durare per tutta la vita.

     
      1. elisaX

        non troviamo questa sottilissima distinzione, forse la consapevolezza che tra noi non ci potrà mai essere un amore tradizionale causa la parentela e la consanguineità che ci lascia un margine di razionalità, non ne sono sicura, fino ad oggi ha funzionato benissimo, spero continui per sempre, meglio di così non mi poteva capitare nella vita, ho un uomo che mi adora è geloso al punto giusto, perchè mi lascia vivere altre relazioni.

         
  2. kart100

    in questo periodo di covid scopo con mia cugina, meglio di così non ci poteva andare, mentre i nostri amici si lamentano per l’astinenza, io e lei invece abbiamo trovato la soluzione ottimale, viviamo nello stesso palazzo ci siamo giurati di non fare sesso con altri per non rischiare, con lei ho anche provato il provato il sesso orale, cioè le ho baciato e leccato la figa, deve ammettere che l’odore mi eccitava moltissimo ma non avevo il coraggio di metterzi la bocca e la lingua, ma con mia cugina invece la cosa è stata spontanea o meglio mi ha condotto lei piano con delicatezza indicandomi che lo desiderava e paff che mistero buffo l’intimità di una femmina, mi è piaciuta moltissimo, mi ha attirato con il suo odore poi sapore caldo, ora la voglio e la pretendo, non si lascia mica pregare, me la concede senza problemi, mi ha anche chiesto come la desiderassi, pelosa al naturale, depilata parzialmente o totalmente alla brasiliana, io che ne sapevo di depilazioni le ho detto, fai tu l’importante che sia attraente e succulenta come sempre, lei con un sorriso mi disse: a se per questo puoi stare sicuro al 100% non la toccherà nessun altro e la curerò esclusivamente per te.

     
  3. DISO

    fare sesso con mia cugina è la cosa più belle che ci sia, l’unico problema e tenerlo nascosto a mia moglie! Ho sempre avuto un debole per lei e vezzeggiata fin da ragazzina, poi crescendo l’ho corteggiata sempre con molto rispetto, mi facevo voler bene in tutti i modo possibili senza mai farlo notare ai nostri parenti, compiuti i 16 anni l’ho marcata stretta ma senza mai assillarla, le piaceva sentirsi al centro delle mie attenzioni molto affettuose e gentilmente provocatorie, spesso mi chiamava al cell per parlare, io preferivo vederla e annusarla in tutta la sua profumata dolcezza, ma lei temeva di cedere alle mie avance, poi compiuti 18anni (io 27) ho spinto sull’acceleratore del corteggiamento fino ad arrivare in una sera d’estate al paradiso tanto ambito, era come la immaginavo, non più vergine purtroppo ma era come la sognavo, bella e gustosa, da quella sera sono passati 10 anni quasi e la relazione continua senza problemi, per certi aspetti meglio che con mia moglie, non so cosa alimenti di specifico la nostra relazione sessuale, sicuramente l’affetto, credo anche una certa porcaggine da parte mia, non mi risparmio per assecondare il suo piacere di godere, mi ha solo confidato che io le faccio tutto ciò che i suoi coetanei non le fanno.

     
  4. hellen

    mi vien da ridere leggendo questi racconti “incestuosi” che incestuosi non sono, trattasi di rapporti sessuali con cugini e la legge non li contempla come reati. Io l’ho sempre saputo da quando mio cugino di primo grado mi desiderava, all’epoca avevo 16 anni e lui 25 un bel ragazzo strafigo e simpatico, io introversa non avevo esperienze e lui lo intuì, mi corteggiava quando eravamo soli, io rimandavo con ogni scusa o motivo plausibile, ma poi dopo aver accertato che non correvo alcuno rischio mi sono concessa, quel momento lo ricorderò per tutta la vita per quanto mi divertì e piacque, lui rimase di sasso quando acconsentii, non se lo aspettava, colto di sorpresa e imbarazzato arrivammo al dunque, fu bellssimo, tra risatine sorrisi baci carezze e tenerezza la prima cosa che mi fece lasciò me di sasso, mi baciò tra le cosce, il mio imbarazzo era totale, ma non avevo il coraggio di contraddirlo, lascia che facesse i suoi porci comodi che poi mi accorsi che erano i mie porci piaceri sessuali, mi baciò e leccò divinamente fino all’orgasmo più potente che avessi mai provato, poi arrivò la penetrazione, si sdraiò su di me penetrandomi, un piccolo dolore e alcuni baci sulla mia bocca, sentivo il mio sapore e odore intimo sulla suo bocca, non mi dispiacque, anzi era proprio un esperienza intensa vera e molto eccitante, si dimenava su di me con ritmo e passione, toccandomi dove poteva, provai un secondo orgasmo in contemporanea con lui, lo sentivo ansimare con un sorriso di soddisfazione che non avevo mai visto sul suo viso, rimanemmo sdraiati un po poi andammo via per le nostre strade, il giorno dopo mi aspettavo una tel da lui, invece nulla, lo chiamai io per sapere e rivederci per scopare di nuovo, non si fece pregare e così mi diedi da fare io per lui, gli feci un pompino mi venne sul viso e non mi dispiacque affatto, ero in estasi per questa mia prima esperienza particolare, un classico pompino, da quel giorno non li conto più ormai, lui con me è generosi più di chiunque altro, non posso esimermi da non ricambiare le sue attenzioni particolarissime per me, ammettendo anche che il sesso orale mi piace riceverlo e farlo sopratutto a lui, in quei momenti è mio, ho il potere assoluto su di lui.
    Lui mi dice che non c’è cosa più divina che scoparsi una cugina e io gli dico che non c’è nulla di più divino che farsi scopare da un cugino!
    Credo sia la cosa più comoda e priva di controindicazioni, senza problemi e strascichi sentimentali, si scopa e si gode senza limitazioni.

     
  5. lavitaèstrana

    ragazzi e ragazze il nostro occidente si sta evolvendo in peggio o in meglio non saprei dire, ma sicuramente la libertà che ci è concessa può sia migliorare che peggiorare i nostri rapporti interpersonali, anche quelli più intimi, dagli affetti ai rapporti sessuali, io per fortuna o purtroppo sono una di quelle donne mature (zia) di un splendido nipote con cui ho instaurato un rapporto affettivo trasformato naturalmente in intimo e sessuale, non sto qui a spiegarvi i dubbi le domande che ci siamo posti, sopratutto io, donna matura divorziata e sola ma inaspettatamente ambita preda di un giovane maschio maggiorenne fidanzato con una bella ragazza non paragonabile con la mia età, se pur portati bene, lo scrivo non per compiacermi ma è un dato di fatto, ringrazio i mie genitori se oggi a quasi cinquant’anni ne dimostro almeno 10 di meno, mio nipote ha trovato in me questa realtà attraente a cui non si è sottratto, confidandomi che vedendomi sola e a volte in difficoltà non si è posto nessun problema per aiutarmi non solo nelle cose materiale della vita ma anche quelle affettive tra consanguinei, io non dissi mai di no alla sua disponibilità per svolgere una miriade di incombenze pratiche arrivate dopo il divorzio, di pari passo arrivavano anche quelle manifestazioni di affetto molto gradite, mi dava la certezza di non esser sola abbandonata, oltre a capire quanto bello e maturo fosse mio nipote per dedicarmi attenzioni che da anni non mi dedicava più nessun maschio, anche per colpa mia, non volevo che nessun mi manifestasse visto il disastro matrimoniale, non volevo avere più rapporti amorosi o sessuali con nessuno in quegli anni li odiavo tutti, l’unico maschio che aveva accesso a casa mia era lui mio nipote che con me era carino, gentile, premuroso, attento simpatico da riportarmi in “vita” e relazionarmi con l’altro sesso, ma non sospettavo minimamente che fosse interessato a me, senza dilungarmi in noiosi preamboli e spiegazioni, vi dico che anch’io incominciai a provare per lui delle strane sensazioni di piacere in sua compagnia, ne sentivo la mancanza quando non si faceva vedere per giorni, quindi capivo che tutto sarebbe cambiato, infatti da tre anni abbiamo una relazione nata e basata sull’affetto trasformato in rapporto prima intimo e poi sessuale molto intenso e passionale, ma con nostra grande meraviglia non ci sentiamo coinvolti sentimentalmente dall’amore, lui continua ad amare la sua ragazza che probabilmente sposerà, io continuo a godermi la mia nuova libertà acquisita grazie al divorzio, non ho intenzioni di risposarmi o accompagnarmi con altri uomini, sono ritornata single, in questo periodo ho avuto un flirt con un collega di lavoro iniziato e finito in una notte, per carità il solo sentire parlare d’amore di vita coniugale ecc… mi ha fatto scappare via. Per il resto me la godo da donna libera emancipata e sessualmente soddisfatta da una giovane a cui ho dato le chiavi di casa mia per esaudire i mie desideri irrinunciabili e indicibili, fino a quando non mi sentirò vecchia fisicamente e nell’animo, o fino a quando lui deciderà di non tradire più la sua donna.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.