Occhio non vede Culo non duole

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Occhio non vede Culo non duole

Spread the love

Sono in viaggio per passare un mese con mio padre divorziato ho 16 anni in montagna dai nonni e poi al mare da Mamma sono tre anni che non vedo mio padre sono eccitato e emozionato ,Arrivo alla stazione e lo vedo che si sbraccia sulla pensilina chiamando il nome sono cresciuto alto 178 biondo magro e capelli lunghi sulle spalle stile Hippy ,Cazzo si è ringiovanito aria di montagna fa bene sembra un giovanotto ci abbracciamo i soliti convenevoli mi da strette forti da sballo ,Mi dice che mi farà mangiare e mettere kg perché sono troppo magro per lui , Arriviamo a casa la mia camera con bagno privato e tv cavo tutto ceniamo e poi in salotto lui con il suo brandy e a me un liquore che fano qui il nocino alcool a 90 gradi buono va giu’ che un amore la testa mi gira sento caldo ma sto bene parliamo di noi e del nostro passato mi riempie il bicchiere mando giù rido sbiascico le parole lui ride mi viene vicino e mi abbraccia mi stringe e mi bacia gli sono mancato e restiamo cosi sul divano sudo sono rosso lo abbraccio e lo bacio e gli dico che uno stronzo perché mi ha lasciato solo avevo bisogno di lui e mi stringe e parlandomi dolcemente all’ orecchio mi rassicura che anche io e che mi ama da impazzire e questi 30 giorni dobbiamo passare alla grande e scivolo sul divano e lui mi viene sopra e mi accarezza e mi bacia lo tiro a me e lo bacio in bocca tenendolo stretto il suo corpo si strofina con il mio e allargo le gambe e lo faccio aderire al mio corpo sento il suo cazzone duro che appoggiato sul mio inguine mi toglie i vestiti e io a lui restiamo nudi ha un cazzo lungo grosso e la cappella gigante la accarezzo poi scendo inizio a leccare da sotto tutta asta il cazzo si muove lo succhio e gli strappo un gemito mi tiene fermo la testa sul suo cazzo e mi dice bravo cosi succhialo prendilo tutto fino in gola piccolo amore di amore di Papà mi fai impazzire chi ti ha insegnato dimmelo tolgo il cazzo dalla bocca e lo guardo e gli dico che il mio compagno di banco eravamo in fondo all’ aula grosso alto grezzo e ruspante ma mi difendeva quando qualcuno mi sfotteva lui interveniva e io gli passavo i compiti scritti quando abbiamo fatto esame io avevo due giorni prima di nascosto con lo scock sotto il suo banco tutte le risposte e cosi ha superato esame e quando mi ha invitato a casa sua per festeggiare eravamo soli mi ha aperto con una canottiera che gli copriva inguine e sotto solo uno slip e le ciabatte mi ha abbracciato stringendomi con la sua forza enorme e mi baciava dicendo grazie grazie abbiamo bevuto e ha messo sul pc un video porno grossi cazzi e donne calde che se li facevano entrare fino alla radice e ha mostrato la bestia 24 cm grosso e lungo e nodoso e duro aveva capito che non ero etero e cosi mi ha afferrato la mano e lo stretto e poi lo baciato e mi ha insegnato a succhiarlo e ingoiarlo senza avere conati di stomaco e mi ha leccato il culo e quando ha visto che tremavo e avevo i brividi mi ha steso a gambe aperte e appoggiato la cappella e piano piano è entrato poco dolore ma tanto piacere e ho goduto senza toccarmi mentre mi sbatteva schizzandomi il suo sperma dentro e da allora come ci capita lo facciamo Mio padre si era eccitato alla grande che ha spinto la cappella e fuori e dentro facendomi rantolare e mugolare e mi chiedeva se mi piaceva e cosa provavo e lo stringevo a me baciandolo e dicendogli sono tua fai tutto quello che ti piace godi e fammi godere ho voglia di tanto cazzo dammeloooooo e mi ha girato in tutte le posizioni a mi ha sventrato fino a scaricarmi dentro il suo nettare .La prima settimana tutto sesso in qualsiasi momento ero diventato una porca puttana lo eccitavo e lui mi correva dietro e mi inculava Una mattina mi sono svegliato sentivo delle voci nel cortile e affacciato e mio Padre parlava con tre maschioni grossi e robusti tute verdi erano i boscaioli Cazzo mi facevano sangue e cosi sono corso giù e ho chiesto se volevano il caffè li ho invitati ad entrare li volevo vedere da vicino odore del legno e il sudore mi faceva girare la testa preparato il caffè e ho scambiato delle parole ho saputo la zona , chi erano due romeni e uno bulgaro che vivevano in fondo alla valle nella casa del vecchio boscaiolo . Mio padre aveva capito che avevo voglia di farmi sbattere da quelli e quando siamo rimasti soli mi ha preso per il collo e mi ha sussurrato all’ orecchio Cagna non vedi ora di farti sbattere ma io voglio essere presente quando lo fai capito e mi ha piegato ficcando le dita nel culo e quando ero bello bagnato mi ha sbattuto fino a farmi urlare di piacere ,ha organizzato con quei signori una cena a casa nostra a fine settimana Preparato la cena arrivati i maschioni dalle camicie uscivano peli e pettorali da sballo pantaloni stretti mostravano tanta carne grossa finita la cena in salotto amari e hanno messo la musica del loro paese ci hanno mostrato i passi mi è venuta un idea ho preso mio figlio portato in camera e nudo ho trovato indumenti da donna truccato ho abbassato le luci e ho annunciato dai più grandi spettacoli ecco a voi Chantal musica e le movenze applausi ballava scivolando sui loro corpi e togliendo ad ognuno un indumento e alla fine tutti in slip la puttanella aveva adocchiato chi dei tre era più dotato e si subito buttata nelle sue braccia ubriachi e il tipo lo ha tirato a se e spogliato e passava le mani sul corpo stringeva le chiappe mentre gli leccava i capezzoli a poi passato all altri due e anche loro eccitati si sono spogliati completamente e lui li ha succhiato i cazzi a turno passava da un cazzo all’ altro poi si è alzato e preso il cazzone enorme e sdraiato sul tappeto a gambe aperte lo ha attirato e mettendogli le gambe sui reni lo ha baciato in bocca e con la mano ha indirizzato il cazzo verso il buco e entrato scivolando fino alle palle e muovendosi insieme hanno iniziato a danzare e mio Padre è venuto leccandoci da dietro il cazzo il culo che entrava e usciva poi mi ha girato e gli sono salito sopra e cavalcavo e succhiavo i cazzi dei suoi amici e lo sentito scaricarsi dentro e poi a turno anche gli altri mi hanno sbattuto forte facendomi avere orgasmi da sballo e li ho spremuti fino all ultima goccia ,Non avevo goduto cosi tanto il culo mi faceva male alla fine hanno voluto mettere due cazzi insieme nel culo .Passati 4 giorni mio padre mi ha chiesto come stavo e che i ragazzi avevano chiamato per fare una serata ma avevano invitato 3 amici loro ok falli venire Sabato sera era tutto pronto io ero nudo con un perizoma sono entrati e devo dire che questi erano ancora meglio e giravo portando i bicchieri per aperitivo sculettavo e mi trusciavo tra risate e toccatine e palpeggiamenti ho iniziato a spogliare uno dei nuovi mi eccitava da impazzire era tutto muscoli un armadio un viso squadrato un cazzo largo doppio non riuscire a chiudere la mano intorno per come era grosso le sue mani che mi stringevano le chiappe e infilava le dita nel culo facendomi male e piacere mi ha alzato e trascinato in camera chiudendo la porta e mi ha buttato sul letto e venuto sopra e mi ha infilato la lingua in bocca a con passione mi ha baciato ci siamo rotolati nel letto e mi ha leccato il culo e seduto sulla sedia e mi ha fatto sedere infilandomi il cazzone che faceva fatica ad entrare ma alla fine tutto mi alzava con le braccia dandomi il ritmo poi girato a pecorina e tutto fino allo stomaco e sono venuto senza toccarmi per come era eccitante e poi si aperta la porta entrato un altro che mi ha messo il cazzo in bocca e quando il primo è venuto mi ha sbattuto anche lui facendomi urlare e godere e mugolare e cosi a turno anche altri la seconda abbiamo fatta in salone sul tavolo io a gambe aperte e loro che giravano ficcandolo tutto e schizzandomi in bocca e cosi anche mio padre mi ha fatto fare la doppia dopo la terza sono andati via avevo il culo l argo rosso e colava la sperma ma ero felice e soddisfatto prima che parto mio padre sta cercando degli arabi speriamo bene

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.