Mia madre va a neri – parte 1 –

Mia madre va a neri – parte 1 –

Spread the love

Prima di cominciare ci tengo a precisare che non specificherò se questo racconto è reale o meno, starà a voi capirlo. È la prima volta che scrivo un racconto e spero vi piaccia, accetto qualunque consiglio da persone che già scrivono su questo sito, per migliorarmi.
Eventuali nomi saranno frutto della mia immaginazione, per motivi di privacy.Mi chiamo Claudio ho 20 anni, e da uno o due anni circa mi sono appassionato al genere Cuckold, anche se essendo single non ho mai avuto modo e piacere di provare e sperimentare quest’esperienza sulla mia pelle, ma ho sempre avuto la convinzione che in una persona non esiste alcun limite alla propria fantasia, e da quest’ultima che infatti scaturiscono le proprie perversioni e voglie che vanno fuori dagli schemi della nostra quotidianità. In questo racconto proverò a spiegarvi la mia esperienza con questo mondo fuori dagli schemi, di come ho fatto di una fantasia, una cosa che vivo attualmente e di cui nessuno ha mai saputo nulla, tranne i diretti interessati di cui parlerò nel racconto. È da un po’ che oramai fantastica o sul genere cuckold, mi ha sempre eccitato parecchio, ho sempre avuto un carattere un po’ remissivo, un po’ chiuso, questo in tutto, sono sempre stato tendente all’essere sottomesso, dal cuckold infatti son finito poi su vari siti, e ho scoperto varie sfaccettature di questo genere. Arrivai poi a scaricare Twitter, social network con la quale le persone possono condividere di tutto anche sul sesso, senza limiti, e così pian piano sono venuto a conoscenza del fatto che in America il Cuckoldismo era molto avanti, ed era praticato da molte coppie, da lì cominciai ad appassionarmi al genere Interraziale, cominciai ad adorare quei corpi che trasudano sesso solo a guardarli, e mi appassionai molto a vederli avere rapporti sessuali con ragazze bianche, non so perché ma ciò mi eccita tantissimo, e da lì cominciai a farmi una vasta quantità di seghe su porno Interraziali, su video di mogli che si concedono a bull neri, su video cuckold con mogli che si lasciano spianare la figa da quelle verghe nere, in presenza del cornuto che le spia. Tutto ciò mi ha sempre eccitato, ma sarebbe rimasta sempre e solo una fantasia, venni perfino a sapere che in America il concedere le proprie mogli, madri o figlie a uomini di colore, era visto quasi come un culto nel mondo erotico, tanto che le donne che praticano questo, si fanno chiamare Queen Of Spades, e arrivano perfino a tatuarsi il simbolo dell’asso di picche, per far in modo di far capire ad eventuali uomini di colore, di essere disposte a concedersi a loro e di diventare di loro proprietà. In tutto questo il marito è messo in disparte, deve solo assecondare e servire la moglie e il loro bull, servirli e spesso farlo da chiusi in castità, in segno di devozione..
Continuai a fantasticare e a masturbarmi su questo, ogni qual volta che vedevo ragazzoni neri in stazione lì ammiravo quasi con devozione. In tutto questo c’è mia madre, una donna piacente, con due seni da far invidia e un culo che ti fa desiderare di penetrarla, bello grosso, non è una donna chissà quanto in carne, ma ha delle belle forme e soprattutto delle labbra che ispirano pensieri osceni. È una di quelle donne che noi ragazzi chiamiamo Milf, non a caso molti miei amici me l’hanno sempre un po’ invidiata. Lei ha 45 anni, ed è in perfetta forma, fa attività fisica e si occupa della casa, del resto mio padre che lavora fuori città non ci fa mancare nulla, e non ci possiamo lamentare di questo, se non della sua lontananza, difatti rientra ogni due mesi resta a casa una o due settimane per poi ripartire. Mia madre sente spesso la sua mancanza, e sempre in ambito sessuale, l’ho spiata un paio di volte a masturbarsi il pomeriggio. Una volta l’ho osservata masturbarsi con una specie di minidildo, al che mi eccitai davvero tanto, e spesso mi capitava di sera o di mattina quando non era a casa, di andare a trovare quel dildo e leccarlo, per poi segarmi con la sua biancheria usata. Oramai era una cosa che facevo abbastanza spesso, e nella mia mente giravano delle immagini di mia madre alle prese con dei ragazzi di colore, questa fù la cosa per la quale provai un senso di eccitazione enorme.. Non so, ma il solo pensare mia madre con dei neri, mi faceva venire senza toccarmi.. Così ogni volta che di pomeriggio riuscivo a spiarla dalla finestrina che batte sul suo letto, mi tiro delle seghe immaginandola posseduta da ragazzoni neri. Questo durò un mesetto, al che mi feci forza e contattai una ragazza su Twitter, che era devota alle relazioni interraziali, parlai con lei di questa mia fantasia che avevo su mia madre, e lei rimase stupita, perché la maggior parte delle persone che la scrivevano, erano mariti che desideravano vedere la moglie con ragazzi di colore, ma io fui il primo che si presentò a lei parlando di sua madre, e la cosa la eccitava e non poco, tanto da volermi aiutare come meglio possibile, anche perché lei è americana, e più di tanto non poteva fare, però decise di aiutarmi dicendomi come muovermi e come fare. Come prima cosa in cui dovevo riuscire, era di cercare di indurla a desiderare il nero, quindi dovevo cominciare a guardare dei film con attori di colore insieme a lei la sera, e man mano aumentare la dose magari mettendo qualche foto un po’ spinta di qualche bel nero, nel suo cellulare, magari facendole credere sia una pubblicità, poi col tempo avrei dovuto cominciare ad intrufolarmi nella sua camera per mettere qualche pagina di porno interraziale nel suo PC per poi rimanerlo in standby, e fare in modo che se lo trovasse davanti appena si metteva al PC, ed avrei dovuto spiare la sua reazione.. Avevamo progettato varie cose, io e la mia amica virtuale esperta nel convertire giovani ragazze all’esperienza del nero, cose che attuammo.. Ma di cui vi parlerò nella prossima parte..
 

2 thoughts on “Mia madre va a neri – parte 1 –

  1. giuliano

    BELLISSIMO…racconto che secondo me è vero..goditi la mamma e tutte le fantasie attorno..lp faccio anche io…ho messo infatti l’inizio della storia in “donna ee mamma”se vuoi leggila.io sono giuliano

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.