la troia di mia figlia.

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

la troia di mia figlia.

Spread the love

Ma chi se ne frega se è una cosa che non si può fare, mi faceva scoppiare il cazzo nei boxer, mia figlia oramai non era più in fase di sviluppo, anzi lo aveva finito abbondantemente, poi pensavo io, non sono mica io che me la voglio fare, era lei.

Lei si fà il bidet con la porta aperta, lei mi guarda tra le gambe il cazzo duro la mattina quando mi sveglio, lei quando io mi lavo i denti in bagno mi infila le mani da dietro e mi tocca il pacco…lei si fa la doccia nuda davanti a me… era diventata una donna mia figlia, aveva 27 anni oramai, le sue esperienze già le aveva avute, e io sò per scontato che aveva dato anche il culo.

Il culo, che in tutta la mia vita mia moglie me lo ha dato una sola volta contato, e poi mai più, molto tradizionalista mia moglie, si scopava solo sul letto, mai una idea fuori posto, ora quella mia moglie che ho scopato per 20 anni iniziava a vedere come mia figlia bazzicava sempre più spesso vicino a me, ed era gelosa mia moglie, infatti ogni qual volta con la porta aperta si faceva la doccia, la richiamava, Valentina chiuditi in bagno che ce papà, e MAMMA CHE Fàà è mio padre, rispondeva Valentina, ma che vuoi, lasciami stare.

Poi rivolgeva lo sguardo a me intento a fare la barba allo specchio e mi faceva il gesto con la mano ad indicare la sua fica, una strisciolina verticale sottile appena sopra il monte di venere, le tettine piccole, con un aureola rosa, alzate e dure, due pietre. a differenza di quelle di mia moglie che oramai iniziavano a cedere.

Capitò un fine settimana, che l’amica migliore di mia figlia perse il cagnolino di vecchiaia, e dato che eravamo a Luglio, Papi ci portiamo anche eleonora al mare con noi? così si distrae un poco? Io che sapevo che mia figlia pure si era lasciata col fidanzato da un mesetto, pensai che non c’era nulla di male, anzi, il week end, il bagno a mare si sarebbero fatte compagnia a vicenda e io e mia moglie stavamo tranquilli a prendere il sole.

Detto fatto, arriva il venerdì mattina, prepariamo i trolley per la partenza, a 7 kilometri abitava eleonora, l’andiamo a prendere verso le 10.30, i genitori di eleonora sono affacciati e ci ringraziano che ci portiamo la figlia, convenevoli, carico il trolley di eleonora e partiamo, dovevo macinarmi 200 km., quindi tra un caffè in autogrill e una sigaretta, una chiacchiera, loro dietro parlare di ragazzi, discoteche e io e mia moglie già a pensare cosa e dove mangiare la sera, perchè a pranzo avevamo già le macedonie pronte per sotto l’ombrellone.

Dopo un tre ore, eravamo gia sulla spiaggia, mia moglie, mia figlia e l’amichetta, sotto l’ombrellone a chiacchierare, e io invece occhi chiusi appoggiato alla corda di una barca a gustarmi quel piccolo ondeggiare del mare che mi coccolava, ma la mia quiete durò poco, all’improvviso tutte le mie donne si tuffarono insieme in acqua, schizzi, a buttarmi l’acqua addosso, insomma giochi d’acqua.

E dopo un bel bagno, mia mgolie mi si avvicina e mi fà: amore non vieni sopra a mangiare che son le 13? e mi abbraccia, quell’abbraccio, quel contatto con la pancia di mia moglie mi provoca un erezione, ma sei il solito porco, ci sono le ragazze a mare, e io: e cosa ci posso fare se mi scaldi sempre? No comunque adesso così non puoi salire, cerca di darti una calmata e sali, e io: ok.

Il fatto che dovevo salire con il mio pacco ben visibile a tutti era un problema, se mi bagnavo,i liquidi del piacere, quelli si nascondevano, magari una strofinata sul costume e andavano pure via, ma il mio cazzo come lo nascondo?? Decisi, di mettermi sul bagnoasciuga, dove l’acqua si infrange con la sabbia, appena appena più giù di 1 metro.. pancia verso la sabbia, ma il contatto del mio cazzo con la sabbia del mare stava peggiorando la situazione, invece di ammorbidirsi, si faceva sempre più duro, cercavo di contenermi ma ero pronto per esplodere… sarebbero bastati 5 colpi di una sega e sarei venuto, ero fradicio, che faccio, cosa non faccio..inizio a pensare che forse nella posizione di prima, appoggiato alla barca, facendomi coccolare dal movimento del mare calmo, forse mi sarebbe passato, e così faccio..

Mi giro, dò le spalle alle ragazze che stavano sotto l’ombrellone, e fatti una decina di bracciate, arrivo di nuovo alla barca con quella corda sulla fiancata laterale, c’era anche piede, si toccava, altri 2/3 gozzi mi avrebbero nascosto dalla visuale, volendo se non i passava avevo già deciso che mi davo pace da solo, mi faccio una sega e buonanotte così si ammoscia e salgo.

E mentre lo pensavo ad occhi chiusi…
Uhhh guarda come stai bene è papà? mia figlia si avvicina a me, col suo costume nero, un bikini lavorato a mano, ah ecco perchè stai così rilassato qui dietro..non ti vede nessuno… e dicendo questo io che ero in una posizione quasi eretto, che i miei piedi toccavano la sabbia, senti avvolgermi dalla gambe di mia figlia, solo che era lei che aveva divaricato anche le braccia e si era aggrappata alla corda della barca, e con le gambe divaricate mi teneva avvinghiato al centro del suo piacere…la mia durezza la doveva per forza avvertire, e infatti.. quel piccolo ondeggiare del mare, ci spostavano entrambi in un unico movimento, il mio cazzo da sotto il costume era pulsante.. e avvertivo ogni volta quando si infrangeva e toccava la fica di mia figlia da sopra il costume.. prima piccole botte..poi una più forte..e mentre mi lasciavo trasportare, guardavo negli occhi mia figlia…che col viso bagnato..quelle labbra bagnate, gli occhi chiusi a farsi baciare dal sole… aprì gli occhi e mi disse: papà ma sei arrapatissimo, se ci fosse mamma qui ora cosa faresti??

A quella domanda, persi totalmente ogni freno, da sotto l’acqua, infilai la mano spostandole il costume lateralmente, appena quel poco da potermi permettere di chiavarla.. CHE FAI? che stai facendo???
E io: mi hai chiesto se ci fosse mamma cosa farei?? e io te lo sto facendo vedere…
richiuse gli occhi al sole, feci svettare il cazzo da fuori il mio costume e finalmente ebbe piacere a toccare la sua carne caldissima,bollente che avvertivo anche da dentro l’acqua,
Fù una penetrazione bellissima, AHhhh siii… papà…fottimi…infilalo tutto dentro..così…
aveva una fica stretta,, un piacere ad entrarle dentro, avvertivo il mio cazzo avvolto dalla sua carne…

Ah papà è bellissimo…fotti tua figlia così… bravo….
zitta non urlare cagnetta mia che possono sentirci e capire tutto…
Fottimi papà che stò venendo, sono un lago..riempimi di sborra…allagami tutta…

e a queste parole..dopo 7/8 movimenti dentro e fuori, alla decima spinta le venni tutto dentro…così… e lei se ne accorse…ahhhh e come mi hai fottuta bene…sono tutta piena del tuo seme papà…

E adesso?? risposi io? prendi la pillola?? No disse.. ma non ci sono problemi…andiamo un attimo in farmacia e compriamo la pillola del giorno dopo e diciamo a mamma che ho dimenticato di comprare la crema protettiva, vedi che non sospetta nulla,…

Papà, ma stasera eleonora dorme con noi, se io voglio fottere di nuovo??
A quella domanda mi venne da ridere…e dissi: ma pensa st’impunita.. stai con la tua amica e vuoi continuare a fottere il paparino??
E certo, sono 2 mesi che non ho il fidanzato, qualcuno questa fica la deve pur far godere.

STORIA VERA. ho 48 anni, sono sposato, il sesso non mi manca, quindi potete credermi.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

3 thoughts on “la troia di mia figlia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.