una sera di carnevale

una sera di carnevale


Si sà che a Milano il carnevale dura di più, questo lo dobbiamo al nostro patrono Sant’Ambrogio, ultimo giorno di allegria ma io quella sera non ero per niente allegro, avevo litigato duramente coi miei genitori, per fortuna quella sera era l’ultima sera di carnevale e dovevo andare ad una festa di carnevale in una bellissima villa appena fuori città.
Quella sera non faceva per niente freddo anche se era fine Febbraio, per cui mi bastò mettere sopra un giubbottino di pelle ed una mascherina rossa per coprirmi il viso, quando arrivai la festa era già iniziata e le coppie si erano già fatte così mi misi ad un tavolino con tanto di bottiglia di spumante vicino e tanto di calice, non mi interessava di ballare ero ancora scosso dal litigio, un litigio duro, umiliante.
Era già un pò che mi guardavo in giro quando vedo arrivare un uomo elegantissimo, quest’uomo mi si avvicina
“Buona sera come mai così giovane rimane così appartato?”
“Buona sera anche a lei, sono venuto pi+ che altro per stare una sera lontano dai miei genitori, sà ho appena fatto una brutta litigata
“Hanno scoperto che sono gay e avevo indosso dell’intimo femminile”
“E che c’è? ci sono uomini famosi gay, non c’è nulla di male”
“Lo dica ai miei genitori”
” Ma che intimo aveva”
“Avevo un perizoma, calze autoreggenti e un babydoll, tutto in rosso”
“Mi sarebbe piaciuto vederti, hai un corpo magro, longilineo, il viso ha lineamenti delicati e poi i capelli lunghi, con un pò di trucco diventeresti una bella femmina”
“Può darsi ma mai in casa mia”
” Senti io devo stare attento alla festa aspettami fino alla fine che ti devo fare una proposta, tu mi piaci molto,
“Va bene signore”
“Chiamami Franco e tu come ti chiami”
“Ivano”
Passò difatti un bel pò di tempo, man mano che passava il tempo la sala si svuotava finchè anche l’ultima coppia se ne andò e infine Franco venne da me
“Allora Ivano questa sera ti propongo di rimanere con me, se i tuoi nonostante tutto ti vogliono bene domani ti accoglieranno a braccia aperte se invece continuano col loro comportamento potrai stare qui per sempre, io ho bisogno di un contabile e tu ho letto nella presentazione che ti sei appena diplomato con un 58 sessantesimi, vedi tu, quella porta a destra sarà la tua camera da letto vai pure ti vedo stanco, domani tornerai dai tuoi e poi vedremo.
Entrai nella camera forse ero veramente spossato, misi i miei abiti su una poltroncina e mi accomodai nel letto e forse mi addormentai subito.
Passò un bel pò di tempo quando percepii una persona nel letto mi girai e vidi che era Franco
“Scusami Ivano ma la tua storia e quello che sei mi hanno eccitato, ho avuto subito la voglia di dormire con te”
Franco era completamente nudo, non aveva un pelo su tutto il corpo e sul petto aveva due piccoli seni, insomma il corpo di Franco mi piacque moltissimo, ci baciammo a lungo poi mi fece mettere di fianco lui da dietro mi abbracciò stretto e infine sentii il suo uccello puntarmi il culo ed entrare lentamente, una volta dentro tutto non si mosse subito, stemmo insieme strettissimi lui mi leccava collo e orecchio era bravo poi cominciò a muoversi dapprima lentamente poi …… si scatenò ed io andai in delirio
“Si Franco si mi piace siiii scopami ti prego scopami”
“Si tesoro mio, sei dolce, sei intimam
ente femmina, ti voglio mio per sempre”
“Tu non mi perderai, verrò sempre da te, ti cercherò per essere ancora tuo, scopami lascia dentro di me il tuo godimento”
“Sei anche un poeta, sei sensibile”
“Anche se i miei mi vorranno ancora tu non mi perderai”
“Sono felice per le tue parole e soero che non sia l’ultima notte”
“No no non mi perderai ti cercherò e ti vorrò ed ora sento che sei pronto, sborrami pure nel culo, lo voglio”
“Franco veramente non ce la faceva più, mi sborrò una marea di sborra calda e densa, alla fine mi rimase dentro e ci addormentammo così.
Quì finisce la parte vera, col prossimo racconto partirà quello di fantasia, quello che immagino sarebbe successo se i miei non mi avrebbero accolto a casa loro.
FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.