Sesso e poi amore

Sesso e poi amore

Spread the love

Ci mettemmo daccordo per l’ora e ci trovammo al solito posto, Ramon mi venne incontro sorridente e quando mi fù vicino mi diede un bacio sulla bocca per poi dirmi
“Non credevo più di rivederti, come ti chiami?”
“Io sono Ivano e sono pronto ad essere tuo”
“Vedi Ivano per essere veramente mio dovremmo fare sesso a casa mia, ma scusa non sono ancora pronto a riceverti a casa mia”
“Hai ragione, questo è solo il secondo giorno che ci conosciamo, dimmi tu quando vorrai però ti dico già qui che io mi sento già tuo”
“Sei una persona dolcissima Ivano, già ti voglio un pò di bene”
“Prendimi ti prego”
“Vorrei prima darti un pò di baci”
“Io ne vorrei uno solo ma lunghissimo”
“Hai ragione Ivano”
Detto questo Ramon mi baciò ancora e subito mi mise la sua lingua in bocca le sue mani sul mio culo che palpato mi dava una sensazione che solo le “femmine” possono capire, poi mi slacciò la cintura facendo cadere pantalone e mutandina, mi mise subito un dito nel culo, poi abbassò il suo pantalone e mi diede da succhiare il suo uccello, mi inginocchiai davanti a lui, con le mani mi attaccai alle sue gambe, con la lingua leccai la cappella, il prepurzio poi tutta l’asta e presi in bocca i suoi coglioni, li leccai e succhiai poi ripresi a succhiare la cappella e qui lui mi sborrò in bocca, uno sperma molto denso, molto caldo e devo ammettere molto gustoso, lo ingoiai e pulii il cazzo con devozione
“Io volevo scoparti ma sei troppo bravo a fare i pompini”
“Non ce la fai più allora a scoparmi?”
“Si ma devo aspettare un pò”
“Devi andare da qualcuno”
“No possiamo stare un pò assieme”
“Vorrei che tu mi tenessi come se fossi già tuo, una cosa tua”
“Ivano sei dolcissimo se ti conoscesse la mia amica potrebbe anche innamorarsi di te”
“Non mi interessano le femmine”
“Lei Carmen è una trans con un uccello enorme”
“Voglio te”
Presi in bocca ancora il suo cazzo e cominciai il pompino lento non avevo fretta, il pompino ebbe presto risultato positivo per me, il cazzo di Ramon divenne durissimo allora mi appoggiai alla pianta Ramon mi abbracciò da dietro e con un colpo solo mi penetrò completamente
“Lo senti tesoro? lo senti quanto è voglioso?”
“Si Ramon lo sento e il mio culo è felice di riceverlo, ora scopami con tutta la tua passione, con tutta la tua voglia”
“Si ti scopo e ti sborro dentro poi ti metterò della carta e così la mia sborra ti rimarrà dentro, felice?”
“Ohhh si ed io ti pulirò il cazzo”
Ramon prese a scoparmi subito con un buon ritmo ed io poco dopo entrai in estasi
“Ohhhh Ramon che bello siii scopami mio signore scopami che bello siii”
“Ivano sei un amante stupendo, non ho un gran cazzo ma tu lo rendi stupendo”
“E’ stupendo mio signore perchè è il tuo e tu sei mio signore, colui che ha preso il mio cuore”
“Sborro tesoro”
Sentii il mio culo invaso dalla sborra deliziosa di Ramon
sborro, tu mi fai eccitare e sborrooooooooooooooooo ancoraaaaa”
Il mio culo non riuscì a ricevere tutta la sborra allora con un dito la presi e la misi in bocca poi ripulii l’uccello perfettamente.
Una volta messoci a posto ci baciammo ancora e poi mano nella mano uscimmo dal boschetto, lo pagai e…. ci promettemmo di vederci ancora.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.