Roger in baita…..

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Roger in baita…..

Spread the love


…….Roger dopo avermi fatto suo sulla moto,mi prese in braccio,un braccio intorno alla schiena l’altro avvolgeva le gambe,la mia mano sul su viso,dove appoggiai le mie labbra e lo baciai,anche se sentivo un dolore prurito anale indescrivibile….Leggero il dolore delle sue sculacciate, anche se i segni eran bene marcati e visibili…Varcata la porta di legno massiccio della baita, mi buttò sul divano,Roger usci per prendere i vestiti e io mi misi a guardare intorno ,tavolo sedie in legno, il divano in pelle nera dove ci stavo disteso,una credenza,libreria impianto stereo e una chitarra,due cestoni in paglia ben grandi, in uno c’erano della riviste e dei libri e nell’altro vestiti in pelle e attrezzature per cavallo in cuoio,stivali e in porta ombrelli di legno dei bastoni da passeggio,ad un chiavistello un paio di frustini uno in vimini l’altro di cuoio….Osservato velocemente, sento i passi di Roger che sta entrando…Chiude la porta….”Ho messo a posto la moto e mi son sistemato meglio……”Infatti era vestito,in pantaloncini in pelle e a petto nudo …..Ancora Roger guardandomi e sedendosi vicino mettendo un braccio dietro la mia testa e l’altra sulle gambe, guardandomi negli occhi “Sei mio e (puntandomi il dito) guai a te se frequenti altri,sono geloso e abbastanza duro, visto come ti ho battuto per bene ,non ci penso due volte,a proposito ti sei guardato bene intorno,vedi ho anche un cavallo stupendo,ti insegnerò a cavalcarlo…(con gli occhi cadde sul chiavistello)…vedi quei frustini sono per quando si va a cavallo (stringendomi di più il collo) e anche per te se serve un bella lezione o una punizione meritata, (toccandomi tastando il culo) le hai anche belle sode le chiappette…”…..Due forti sculaccioni sottolineavano le sue parole….Mi veniva la pelle d’oca sentirlo,cenammo, mi suonò la chitarra,pezzi rock….Poi mi spogliai e mi lavai,dallo specchio notavo i segni delle sculacciate sulla coscia e sulla natica,strinsi i denti, anche pensando ai frustini appesi al chiavistello…..Andammo a letto,misi un camicione, lui era in slip…..Durò poco, dopo un po’, sentii le sue mani che mi tiravano verso il suo corpo,lo baciai e lo leccai sul collo,sul petto,e i capezzoli,glieli strinsi anche forte e scesi giù verso il suo pene turgido che sobbalzava nella mano,lo leccai e lo sbucciai con la bocca e la lingua,finchè Roger mi girò e mi fece suo, con il suo cazzo ,sentivo i suoi fianchi fare splashsplash, sentivo male, mi bruciava,fu una notte tutta a cavallo, ero stanco, ma Roger ci dava dentro, come fosse su un cavallo,verso la prateria…Gli splash si alternavano con dei spankspank…Dopo un po’ un torrente,quasi un delta di sperma sentii dentro e versai sul suo petto….Pensai, sarà dura ma mi piaceva, sentire il cazzo dentro e le sue mani battermi,come si batte un tamburo…..(2\continua)

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.