Mi è piaciuto molto

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Mi è piaciuto molto

Spread the love

Mi chiamo Francesco ho 35 anni e vivo a Genova con mia moglie Katy (29) e vi voglio raccontare l’ inizio della mia storia con Enzo, il mio vicino di casa.
Eravamo due vicini di casa che si salutavano a mala pena se non che una sera rientrando dal lavoro incontro Enzo che mi chiede un consiglio per cambiare i serramenti in casa sua e mi dà appuntamento dopo cena per un preventivo dato che questo è il mio mestiere.
A cena ne parlo con mia moglie e lei mi dice di stare attento perché aveva l’impressione che a lui piacesse più il cazzo che la fica. Queste parole mi hanno incuriosito e allora mi sono messo un paio di pantaloncini e una canottiera e sono andato da Enzo.
Mi ha accolto in accappatoio, cosa piuttosto strana, e ci siamo messi a prendere le misure delle finestre io sulla scala e lui a sorreggermi, ma ogni tanto con la scusa che aveva paura che cadessi mi toccava il culo allora con una scusa tornai a casa e mi tolsi gli slip e rimasi con i soli pantaloncini. Naturalmente lui al primo palpeggiamento si accorse del cambiamento e si fece più audace e infilandoci la mano mi disse che avevo un bel culo e che se avessi voluto ci saremmo potuti divertire molto. A quelle parole mi spaventai un pochino e finsi di non aver capito, finii di prendere le misure dopo di che ci sedemmo sul divano per valutare il preventivo .Uno di fianco all’altro lui non perdeva occasione per toccarmi o per farmi notare che era nudo sotto l’accappatoio . La cosa mi intrigò parecchio anche perché vedevo la sua cappella spuntare sotta la stoffa e mi sembrava piuttosto grossa cosicché feci quello che non mi sarei mai aspettato, gli chiesi di farmi toccare il suo cazzo. Lui non rispose ma mi baciò sulla bocca infilandomi la lingua fra le labbra ed io risposi al suo bacio intrecciando la lingua alla sua, ero molto eccitato e il mio cazzo premeva contro i pantaloncini, lui lo tirò fuori e lo scappellò poi si mise a gambe larghe e io ebbi la vista piena del suo apparato genitale. Due belle palle grosse e un cazzo non grosso ma piuttosto lungo che mi sbrigai a segare con vigore fino a che lui mi disse di succhiarglielo e io con titubanza portai la testa al suo inguine e cominciai a leccare quel ben di Dio e finalmente iniziai il mio primo pompino.
Dire che mi piaceva era poco, non avevo mai provato tanta libidine e non vedevo l’ ora
che lui mi sborrasse in bocca. E il momento arrivò mi spinse il cazzo più a fondo nella gola, emise una specie di grugnito scaricando tutto il suo piacere e si abbandonò sul divano mentre io ripulivo tutto con la lingua e mi masturbavo furiosamente. Ma non venni perché lui mi interruppe proprio sul più bello consigliandomi di andare a casa a scopare mia moglie e promettendomi che alla prima occasione mi avrebbe sverginato il culo. Seguii il suo consiglio e quella notte chiavai mia moglie con soddisfazione pensando a quando Enzo mi avrebbe rotto il culo.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.