Lavoro da Manfred….(2)

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Lavoro da Manfred….(2)

Spread the love

…Saluto Roger,lo bacio, ci avvinghiamo…..Manfred:”Che belli insieme….suvvia fra una settimana vi rivedete…..”…..Ero triste,ora avevo un lavoro e un’altra avventura di sesso con Manfred…Mi piaceva il suo pizzetto e i suoi baffi,il suo ciuffo nero,le sue mani,le sue cosce muscolose, sotto i suoi calzoncini di pelle un bel culo sodo…..Accompagno all’auto Roger che mi accarezza le cosce e sale fino all’inguine stringendolo e pizzicchettandolo….Stringo i denti e lo saluto insieme a Manfred che pure lui bacia si toccano entrambi le natiche*****Roger dall’auto:”Ti raccomando Alex…e tu Manfred trattalo ok****Ciaooooo”….Se ne va,lo seguo fino alla curva che me lo nasconde****Manfred mi fa cenno con la testa di rientrare,entrai in corridoio,dove Manfred mi disse con voce autorevole “Alex, mi piaci da morire con quei jeansrok, dai rimettili….”…Lo guardai e senza fiatare dissi solo un “Ok signor Manfred, ai suoi comandi***” e lui:”Bene bene,io sarò sempre il tuo signor e accetto il lei….Mi eccita solo il pensiero di essere il tuo padrone****Vai cosa aspetti***Cambiati e scendi presto non perder tempo,hai da pulire il cancone e preparare dei tavolini***”….Mentre parlava salivo le scale, entrai in stanza e rimisi i jeansrok e una maglietta rossa,feci delle flessioni e mi feci entrare bene il cavallo dei pantaloncini,,si vedevano gli slippini,scesi e andai verso Manfred,che era già al bancone, presi starccio e detersivo e incominciai a pulire e fare la polvere alle bottiglie degli alcoolici ed altro…..Manfred si avvicinò e mi baciò sul collo,lascai fare,anche le sue mani sulle mie cosce e sotto fino all’inguine…Mi chinai, lasciai fare,vidi che si calò i pantaloncini in pelle e dai BOXER,TRaSSE UN CAZZO IN TOTALE EREZIONE..Con una mano mi trasse vicino,l’altra mano sollevò ancora di più il bordo dei jeansrok…LO baciai sul collo e poi giù fino a prendere in bocca il cazzo che mi pulsava tra le mani,,mi girò con le mani e plaffete,il cazzo era pronto ad entrare dentro l’ano,mi cavalcò,ansimavo,gridavo dal dolore,mi cavalcò di brutto dandomi dei ceffoni sulle chiappe…..Mi segai sentendo il suo cazzo entrare e uscire finchè esplose tutta la sua sborra, pensavo a Roger,e pensai che anche Manfred non era da buttare, sapeva il fatto suo e me lo dimostrò…Quando e quanto voleva mi faceva suo…..Servire poi la clientela vestito così mi eccitava e si notava pure dal pacco che si formava sotto i pantaloni di cuoio o i jeansrok,quelli dovevo indossarli alle ore tarde,alcuni clienti ci infilavano le mani e ricevevo delle mance….Eran tutti giovani con i loro amichetti…Mi piaceva passar tra loro e strusciarmi sui corpi chinati ai banconi o seduti…..Manfred mi baciava e mi accarezzava anche davanti a loro,mi infilava la mano sotto fino alle natiche,che mi pizzicava,facendomi fare anche qualche saltino stringendo i denti dal dolore piacevole***.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.