Inizio di una relazione che dura ancora adesso 2

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Inizio di una relazione che dura ancora adesso 2

Spread the love

Scesi dal treno che ero ancora illanguidito, ero in uno stato di confusione, il mio cervello era in uno stato di semi incoscienza, quell’uomo non solo mi ha scopato ma mi ha tolto l’anima, tornai a casa con fatica le mie gambe erano molli solo una volta dentro presi in mano il biglietto e lo lessi.
“Mio caro se leggi questo biglietto vuol dire che oltre ad essere stato mio ti ho pure preso l’anima, io sono Manuel La Paz, faccio lo scrittore di romanzi porno e seduttore di uomini, se vuoi ripetere l’esperienza sarò ben lieto di accoglierti nel mio alcova, abito a R………0 in via r……i 8, sono in una bella e piccola villetta con un bel giardino, ciao. e seguiva il numero di telefono.
Al solo pensiero di essere ancora nelle sue mani cominciai a tremare per cui misi il biglietto in un posto e a fatica preparai la cena, non avevo fame i almeno avevo fame di un’altra cosa, avevo fame di quell’uomo, avrei voluto in quel momento essere da lui, farmi stregare da lui a fatica mi tolsi il pensiero cenai e vidi la televisione fino a tardi, era l’una di notte quando mi coricai nel mio letto e per fortuna mi addormentai subito, ma nella notte lo sognai, sognai di essere con lui che mi baciava, mi leccava ed io mi illanguidivo sempre di più e lo pregavo di scoparmi, fù un sogni che mi parve lunghissimo, al mattino mi svegliai e sebbene non facesse tanto caldo mi feci una doccia appena tiepida, quel giorno ero completamente libero, non dovevo neppure andare a lavorare per cui mi presi la mattinata con estrema calma, presi il giornale, feci quattro passi, un aperitivo al mio solito bar poi lentamente a casa.
Pranzai in un completo silenzio, non accesi nè televisore ne radio, volevo gustarmi il tempo libero.
l pomeriggio lo passai leggendo ma dopo un pò una folata d’aria fece cadere il biglietto, lo presi in mano e improvvisamente mi sentii tutto caldo, mi misi davanti alla finestra ma non ci fù verso, la voglia di essere con lui mi prese improvvisamente, presi il biglietto chiusi la casa presi l’auto e di corsa andai da lui, lui che mi accolse con un largo sorriso, un sorriso compiaciuto, aveva vinto.
Manuel mi prese per mano e mi condusse in casa, una casa che sembrava una bomboniera dentro le pareti e i mobili erano tutti della tonalità del rosa dal più tenue al più forte, lo stesso Manuel indossava un sopravveste di rosa, mi fece sedere e insieme ci bevemmo un bicchierino di rum, lui si fece più vicino, aveva un profumo dolciastro molto forte che un pò mi stordì per cui quando un suo braccio circondò il mio collo lo lasciai fare così mi avvicinò a lui e così iniziò a baciarmi e mettermi la sua lingua in bocca, ora ero stretto nelle sue braccia e lui era sopra di me cominciò a leccarmi tutto ma insistette sulle mie orecchie ed il collo poi mi strizzò i capezzoli fino a farmi un pò male, mi sorrise e mi disse
“Vai nella mia stanza e spogliati completamente e mettiti quello che avevo preparato”
Mi alzai e andai nella sua camera mi spogliai, sul letto c’era un perizoma, delle calze autoreggenti, li misi e andai da lui che mi fissò.
“Tu sei un ragazzo da letto amico mio, guarda che corpo che hai, è bastato metterti due cose femminili e sei diventata una lolita, io farò di te la mia femmina” Manuel si alzò e mi venne vicino girò intorno a me mi palpò più volte il culo
“Guarda che culo che hai, hai un culo fatto per essere scopata”
Da quel momento Manuel si rivolse a me al femminile e la cosa invece di dispiacermi mi piacque molto, mi portò e mi accompagno a salire sul suo letto, mi disse di mettermi supino, mi accomodò un cuscino sotto il mio capo e uno sul fondo della schiena, lui si tolse la vestaglia così potei vederlo nudo, era magro ma con un pò di muscoli, aveva due piccole protuberanze ai capezzoli ehhh aveva un signor cazzo, Manuel salì sul letto e mi venne vicino in ginocchio prese le mie gambe e se le mise dietro la schiena, scese a baciarmi ancora poi puntò il suo cazzo e mi penetrò con un colpo solo e incredibilmente non sentii alcun dolore, mentre stette fermo dentro di me mi baviò e baciò ancora
“Ivano se sei quì vuol dire che vuoi essere ancora mio, anzi vuoi essere mio per sempre, io sarò il tuo uomo e tu la mia femmina, ora ti scopo per bene ma questa volta ti sborrerò nel culo e te lo tapperò però alla fine dovrai pulirmi il cazzo così dominata sarai veramente la mia femmina, sei pronta?”
Io gli sorrisi e dissi di si,
Manuel iniziò molto lentamente, quando mi entrava completamente rimaneva fino in fondo per un pò di tempo poi usciva ma mi entrava dentro quasi subito, andò avanti così per un pò fin quando io non ce la feci più e lo implorai
“Manuel dai scopami ti prego scopami tutta”
“Tesoro hai parlato di te al femminile!”
“Non credo”
“Si hai detto di scoparti tutta”
“Può darsi ma dai scopami scopami daiii daiii”
Manuel allora aumentò il ritmo, un aumento graduale ma che si fece intenso martellante insinuante, di lì a poco persi la testa
“Ohhhhh Manuel Manuel che cazzo divino che hai siiii scopami ti prego scopami tutta”
“Visto hai parlato ancora al femminile”
“Si ma tu scopamo tu prego siiiiii ohhhhhh che bello siiiii mmmmm”
“L’ho capito subito che sei una ragazza da letto”
“Si sono la tua ragazza ma scopami ti prego, mio signore scopamiiiiiii”
“Che bello mi hai detto che sono il tuo signore, allora tu sei la mia femmina, ti senti già la mia femmina”
“Siii siiii basta che mi scopi però non smettere nooooo”
“Tesoro sono 20 minuti che ti scopo, non ce la faccio più adesso ti sborro nel culo”
“Siiii nel culo voglio sentire dentro di me il tuo godimento siiiiiii”
Poco dopo Manuel mi sborrò nel culo 8 fiotti di sperma bollente e molti denso, provai un piacere intimo sentire quel liquido denso dentro di me, lui subito mi tappò il buco del culo ed io gli pulii il cazzo rendendolo come nuovo e accorgendomi che la sua sborra mi piaceva tantissimo, sembrava Orzata.

“Ivano cosa fai stai con me tutta la notte?”
“Mi piacerebbe tantissimo Manuel ma domani mattina mi devo alzare presto per degli impegni”
“Senti allora Sabato e Domenica rimani con me allora”
“Si quello potrei”
“Brava così tu darò un nome femminile e comincerò a convincerti a sentirti femmina”
“Va bene Manuel ora purtroppo devi scappare ciao, mio signore”

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “Inizio di una relazione che dura ancora adesso 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.