I cazzi di Don, Rocco e Jack

I cazzi di Don, Rocco e Jack

Spread the love

Fin da prima che iniziassi a travestirmi, fin da quando ero stato sverginato si era sparsa la voce che me lo facevo mettere dentro, che ero una giovane troia.
Quel giorno, agli inizi di giugno, il figlio della domestica, Jack, era venuto a prendermi all’uscita del liceo, lo faceva spesso, faceva parte dei suoi compiti, fra questi non risultava quello che in realtà riteneva il principale e imprescindibile, ovvero sodomizzarmi quasi tutti i giorni.
Fin da quando mi aveva rotto il culo.
Andammo a casa, sua madre, Fiona, diede da mangiare a tutti e due, la mia stava tornando dal negozio. Fiona mi chiese se avevo compiti da fare, io risposi di no, l’anno scolastico stava finendo ed io da brava sissy studentella secchiona avevo terminato tutte le attività con un buon esito, allora mi disse di andare fuori con suo figlio a fare un giro, che doveva pulire.
Questo, però aveva delle cose da fare, allora a sua volta mi lasciò con Rocco, un amico.
Non era la prima volta che succedeva. Ovviamente questo mi inculava, venirmi in culo era il motivo principale per stare con me.
Eravamo nel parco vicino casa, parlottarono tra loro, Rocco gli diceva che mi avrebbe portato “…da quello, siamo già d’accordo, se lo incula, poi si vede…”, percepii questa frase, per Jack andava bene, ci saremo rivisti lì.
Devo dire che Rocco era un tipo tranquillo, faceva le cose con calma, mi faceva salire sopra il suo scooter, andavamo in qualche posto sicuro e lì mi faceva spogliare, poi glielo accarezzavo, succhiavo e poi me lo sbatteva dentro tutto quanto piano piano e mi riempiva di sborra.
Rocco inviò un messaggio col cellulare, attese la risposta e poi: “Semmai io ti scopo più tardi, adesso dobbiamo fare un’altra cosa, ci aspettano, dai, sali”, disse subito dopo indicandomi il motorino.
Obbediente mi accomodai sul retro del sellino.
Ci vollero pochi minuti ad uscire dal quartiere, dirigendoci verso la periferia, Rocco superò le case e dopo un paio di chilometri si fermò nella zona artigianale davanti ad un’officina meccanica, un posto abbastanza isolato, in fondo ad una strada laterale.
C’ero stato con mio padre non molto tempo prima, la macchina della ditta aveva dei problemi.
Oltre al titolare, ci lavorava Don, un ragazzo di circa venti, ventuno anni, molto più grande di me.
Mi ricordai che quella volta che ero stato lì mi aveva guardato strano, mi aveva strizzato l’occhio ridacchiando mentre si teneva in mano il pacco.
Al rumore del motorino di Rocco questo Don spuntò sulla porta: “Bravo, l’hai portato il frocetto, ti avevo detto che oggi sono solo”.
Era alto e muscoloso, metteva un po’ soggezione.
Era chiaro cosa voleva il meccanico.
Andammo nel retro dell’officina, lì c’era un altro edificio in muratura, più piccolo, entrammo, c’erano degli attrezzi e da un parte una brandina, che Don nelle pause usava per riposare.
“Dai spogliati, levati tutto che non ho molto tempo” mi ordinò, mentre Rocco si era seduto da una parte a guardare.
Ci misi un attimo, indossavo una maglietta, un paio di shorts, degli slippini insignificanti.
“Vai giù”.
Mi posizionai nella consueta maniera, come facevo sempre, sulle ginocchia, testa sulla branda e culo in alto a disposizione.
“Guarda che culetto liscio e pulito, rotondo, non c’è un pelo e i capezzoli… una signorina” diceva Rocco “E’ roba di lusso… Jack, lo conosci, l’ha tirato su lui, ne ha fatto una femmina, poi se l’è inculato per primo, se lo fanno anche gli altri, ma Jack è il suo padrone”.
“Si, l’ho saputo, quando l’ho visto l’altra volta mi ha subito fatto sangue al pensiero che si fa scopare. E’ più bello di una ragazza vera. Mi piacciono i culetti così, belli stretti, lo muove bene” gli rispondeva Don mentre si sfilava la tuta, sotto non aveva praticamente nulla, solo le mutande, faceva caldo.
“Ah ah ah! Non so se è tanto stretto!” ribatté ridendo Rocco.
In effetti, così nudo, ero e sono proprio come una ragazza, oltre al culo rotondo ho in fianchi morbidi come una femmina, le cosce lunghe, un accenno di seno, non un pelo. Il cazzo minuscolo. Ed il viso! Da zoccoletta, lineamenti delicati, labbra carnose, umide, ciglia importanti, occhi grandi, capelli lunghe, sulle spalle. Neppure un accenno di barba. I miei ormoni devono essere piuttosto incasinati.
Mentre mi guardava il tozzo cazzo di Don divenne subito duro. Arcuato, svettava verso l’alto. Era grosso, del resto mi sembravano tutti grossi, anche adesso il mio pisellino non supera i dieci centimetri.
“Ha anche una bocca stupenda” disse ancora Don.
“Provala!” lo incitò Rocco.
Allora mi fece tirare su, ma sempre in ginocchio: “Su Rosy, fighetta, baciamelo!”.
Effettivamente glielo baciai, sulla cappella, poi lo succhiai per alcuni istanti.
Però Don voleva scoparmi.
Mi misi nuovamente nella posizione da inculata.
C’era lì dell’olio di vaselina, di quello per sigillare il vino, ne fece colare qualche goccia fra le mie natiche poi si unse la cappella.
Si mise dietro di me e lo puntò sul buco, io cercai di rilassare i muscoli anali e spinsi appena, come per cagare, come avevo imparato a fare per agevolare la penetrazione.
Lo infilò dentro tutto di un colpo, così massiccio mi fece male e mi uscì un urletto, Rocco si mise a ridere: “Grosso, eh! Rosy, ti piace?”.
Non risposi, troppo impegnato a piagnucolare, sotto le spinte vigorose di Don, che mi stava dolorosamente arando, scavando come una ruspa.
Rocco guardava, seduto sopra una cassa, quello che vedeva sembrava piacergli molto, aveva il sorriso dipinto sulla faccia, anzi, quando mi lamentavo un po’ di più rideva.
I colpi di reni di Don erano forti, cadenzati, lui, così grande, peloso, grosso ed alto il doppio, col suo affare era completamente dentro di me così piccolo davanti a lui,
“Brava Rosy… signorina… così minuta come te lo prendi… tutto quanto… la mia ragazza il culo non me lo da…”, diceva queste cose, parlava con me e con Rocco.
“La mia non mi fa neppure scopare… me lo tocca solamente” gli rispose quest’ultimo.
Don sbuffava come una locomotiva, adesso ero crollato giù e lui mi era finito disteso addosso con tutto il peso del suo corpo, non mi si vedeva più, ricordo che oltre al culo mi faceva male la pancia dentro ed anche un po’ le palle, perché ogni volta che entrava a fondo me le spingeva contro il letto, dava dei colpi, godeva a farmi male.
Mi sentivo pieno, schiacciato sotto quel corpaccione, ansimavo, frignavo, latravo e venivo coperto proprio come una cagnetta in calore. La faccia sporca di lacrime e muco.
Passarono ancora vari minuti, aumentò il ritmo poi me lo schiacciò dentro, in fondo e sborrò dicendo parolacce.
Conoscevo bene la sensazione degli spasmi del maschio dentro di me, della sborra su, nel profondo dell’intestino. Questa, nonostante tutto, mi piaceva.
Si mosse ancora un po’ per scolare le ultime gocce, poi si tirò via.
Mentre si ripuliva il cazzo con l’acqua del rubinetto del pilozzo, io ero rimasto lì, a riprendere fiato.
Mi passò la carta di un rotolo sul culo e fra le chiappe, per togliere almeno l’olio di vaselina che era lì attorno al buco.
Ci salutammo, Don mi toccò ancora il culo e disse che ci saremo rivisti.
Fu Rocco a rispondere, che doveva trovare più tempo ed un posto più sicuro, perché Jack aveva del viagra, gliel’avrebbero venduto per pochi ed avrebbe potuto veramente spaccarmi il culo.
L’altro, sorpreso esclamò che non ne aveva bisogno, allora Rocco insistette: “Da giovani si dura veramente un casino, è pazzesco”.
Lui e Jack l’avevano preso, mi avevano scopato assieme, per ore, mi avevano fatto di tutto, alla fine ero distrutto, li avevo pregati di smettere allora erano andati a puttane.
Ora so che di sicuro Rocco e maggiormente Jack. avevano qualche tornaconto quando mi facevano scopare in questo modo da qualcuno, magari, nell’occasione, qualche riparazione, qualche lavoretto allo scooter, roba così.
Altre volte soldi.
Mentre tornavamo incrociammo il capo di Don che tornava all’officina, sul suo furgone, tempismo perfetto. Io mi tenevo a Rocco, stringendolo sui fianchi, mi spostò le mani e se le mise sul cazzo, era duro.
“Fra un po’ ci fermiamo, farai godere anche me”.
Si era diretto verso una zona piuttosto degradata, vecchi edifici fatiscenti fiancheggiavano la strada, ad un certo punto c’era un vecchio muro che ostruiva la vista di un cortile interno, davanti ad un edificio disabitato, ci girammo dietro, Roberto nascose il ciclomotore lì, poi scendemmo giù nel seminterrato, le porte non esistevano più.
Ero già stato in quel posto, per lo stesso motivo.
Mi tolsi di nuovo i pantaloni e le mutande, anche se provavo ancora una cosa strana ed un po’ dolorosa, ero aperto, come se il cazzo di Don fosse ancora dentro.
“Prima prendimelo un po’ in bocca”, mi abbassai e glielo succhiai per qualche minuto, lo strinsi fra le labbra e feci su e giù per qualche istante, poi mi girai, mi piegai ed appoggiai alla scala e lui: “Accidenti, Rosy, sei tutta impiastrata”, stando seduto sul motorino mi era colata fuori la sborra di Don, che mi aveva impiastricciato il culo e le cosce.
Comunque non si fece scrupolo di buttarmelo dentro, così bagnato e spanato entrò con facilità.
Ad ogni spinta si sentiva il rumore di appiccicaticcio, sgnack sgnack sgnack, del cazzo che si muoveva dentro lo sfintere, nel canale ancora unto e sborrato e quando il ventre di Roberto si accostava e poi si staccava dal culo sporco di sperma.
Incurante del fatto che fossi già ripieno come un raviolo schizzò dentro pure lui, giammai non marcarmi con la sua sborra!
Però adesso non c’era proprio nulla per provare a ripulirmi, e Rocco si lamentava del fatto che gli avrei sporcato il sedile, stavamo pensando come fare mentre cercavo di cacare fuori tutto quel liquido seminale, quando ci venne in mente che lì sotto c’era una cantina con un rubinetto, forse funzionava. Infatti funzionò, usciva un rivoletto d’acqua ma sufficiente a lavarmi il culo.
Questa volta tornammo. Eravamo al parco e Jack arrivò dopo qualche minuto.
Roberto gli raccontò cosa era successo con Don, lui mi accarezzò la testa e disse che ero proprio una brava cagnetta e che gli era venuta voglia.
Andammo nella capanna dei manutentori del parco, che si apriva come niente, Jack aveva domandato a Rocco se voleva venire anche lui, quello lo informò che avevamo già fatto, l’altro si mise ridere e gli rispose che se l’era immaginato, visto quanto era maiale.
Tirai un pompino a Jack che poi mi inculò di brutto, come ho detto succedeva quasi tutti i giorni, a prescindere da quanti cazzi avessi già preso o magari dovevo prendere dopo di lui.
Andammo a casa, dalle mammine, come niente fosse.
Erano contente di vederci assieme, eravamo proprio due bravi ragazzi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.