Carnevale 1970 4 parte

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Carnevale 1970 4 parte

Spread the love

Qualche giorno dopo arrivò il dottore, questo era un uomo alto e grosso dal viso serio,mi fece quasi paura, mi prese del sangue poi rivolto ad Alberto gli disse
“Senti in questo momento sono un pò impegnato ti darò l’esito frà una settimana per ora non dare nulla al ragazzo”
“Va bene Franco tanto non abbiamo premura vero Ivano?”
“Per niente”
Passò una settimana e il risultato era che da solo stavo cambiando, non c’era bisogno di una cura, in me la percentuale di ormoni femminili era già abbastanza alta, io fui contento e anche Alberto, ma quanto e fin dove mi sarei effeminato, mi sarei fermato ad avere solo un corpo prettamente femminile ma con solo due piccole tettine o sarei diventata veramente una trans? non mi sentivo pronto ad una tale possibilità.
Passò del tempo in cui la maggior parte delle notti giacevo a letto col mio amante, al mattino puzzavo di sborra da far paura, dentro la mia pancia la sentivo muoversi, il mio corpo lentamente cambiava cambiava e diventava sempre più femminile, avevo imparato a portare le scarpe coi tacchi sempre più alti, mi guardavo allo specchio e mi vedevo sempre più bella sexy quasi arrapante, ormai ero sempre vestita da femmina, mi sentivo femmina ormai, anche i miei gesti, il mio modo di esprimermi era tipico di una femmina, Alberto mi aveva fatto un corredi di intimo e abiti ultra sexy e le volte che uscivamo sentivo dietro di me una scia di apprezzamenti anche un pò osè, insomma ero diventata una gran figa, si stavo diventando una transessuale, dopo 5 mesi avevo due tette della terza misura e il mio cambiamento per fortuna si fermò.
Una volta ero intenta a sentire la radio, parlava di genitori con figli gay, ad un certo punto sentii la voce di mio padre che ipocritamente diceva
“Ma io se avessi un figlio gay gli starei ancora più vicino perchè più sensibile”
Non ce la feci a stare zitta e telefonai alla trasmissione
“Vede il signore che ha parlato prima dicendo che starebbe più vicino al figlio, è un ipocrita”
“Perchè?” chiesero dalla trasmissione
“Io sono suo figlio e mi ha buttato fuori di casa appena sono stato maggiorenne, diceva che gli facevo schifo ogni volta che mi vedeva visto che mi ero effeminato”
“E adesso dov’è?”
“Adesso sono in casa di una persona che mi ama profondamente, mi sono effeminato ancora e sono diventata una trans”
“Grazie della sua testimonianza e sputtaneremo in diretta suo padre”
Difatti poco dopo sentii una reprimenda sul signore che aveva parlato.
Il tempo passava felice, un giorno Alberto mi venne vicino, aveva qualcosa in mano lo aprì e vidi un anello bellissimo
“Flavia ti sei accorta che ti amo?”
“Certo anch’io ti amo”
“Mi sposeresti?”
Rimasi completamente basita dalla domanda tanto da rimanere per un secondo senza fiato poi tutto di un colpo dissi
“Siii sii mille volte sii anch’io voglio sposarti amore”
Il mese dopo ci sposammo a Stoccolma.
Ormai ero diventata una femmina, una femmina col cazzo ma lui non volle mai che mi operassi, mi voleva così e andava bene anche a me, tanto il mio culo era diventato come una figa.
Una volta, ad un capodanno andammo in un locale, indossavo un tutto rosso, intimo e abito rosso con lustrini, l’abito naturalmente era super sexy ed ero ricercata per fare dei balli, il mio povero Alberto non sapeva ballare era una vera frana per cui mi lasciava ballare con chi me lo chiedeva e ad un certo punto spuntò mio padre a chiedermi di ballare, io rifiutai con forza e lui si arrabbiò
“Ma come ha ballato con tutti e mi rifiuta?”
“Prima di tutto sono appunto un pò stanca e vorrei rifiutare secondo e è molto più importante non ballerei mai con uno che mi ha buttato fuori di casa”
Mio padre divenne di tutti i colori, andò a prendere anche mia madre che stava ballando con un’altra persona e una volta che anche lei fù vicina
“Vedi questa femmina? la vedi cara moglie, lei è Ivano”
“Mia madre scoppiò a piangere mentre mio padre rimase sconvolto dal mio cambiamento.
“Ora come ti chiami?”
“Flavia e sono sposata col conte Alberto Alderighi”
“Sposa di un conte?”
“Certo quella notte mi ha accolto in casa sua, mi ha dato un posto dove dormire, io mi sono effeminata senza cure, naturalmente, madre natura stava compiendo il suo lavoro dentro di me”
“Sei tu allora che mi hai sputtanato in radio”
“Certo quando ho sentito la tua ipocrisia”
“Ho parlato così perchè ho capito il mio errore il nostro errore e adesso non ti caccerei via più, scusami”
“Ora sono felice con Alberto, ci amiamo e vorremmi adottare un bambino o una bambina”
“Che c’è Flavia chi sono queste persone?”
“Ciao Alberto loro erano i miei genitori”
“Bè ho il vivo piacere di non avervi conosciuti, adesso prendo Flavia e torniamo a casa nostra, ho voglia di lei, tanta voglia di lei.
Tornammo a casa, ci cambiammo e andammo a letto i rimasi col solo perizoma
“Sai Flavia sono talmente innamorato di te che stò male se non ti vedo per solo 10 minuti, mi manca l’aria”
“Anch’io Alberto mi sei mancato questa sera ora ti prego prendimi, fammi sentire che mi ami, che mi vuoi, voglio sentirti godere dentro di me”
“Si amore si”
Mi misi con la nuca appoggiata al cuscino lui mi prese le gambe e se le mise dietro la schiena mi venne vicinissimo e mi penetrò completamente, ormai i mio culo come ho detto era diventato meglio di una figa, ci baciammo e mentre lo facevamo lui cominciò a scoparmi, la sua voglia era tanta per cui il ritmo si alzò velocemente fino a diventare frenetico
“Flavia ti amo, non potrei più vivere senza di te”
“Anch’io Alberto anch’io dai prendimi prendimi fammi tua, dai daii scopami amore mio scopami”
“Certo amore, sei bellissima”
“Grazie Alberto sono bella perchè sono vicina a te, perchè sono tua moglie e tu mi vizi”
“Ti amo ti amooo vengooooooooooo”
Mi sentii riempire il culo dal suo liquido denso e caldo e appiccicoso, quando uscì da me lo pulii perfettamente con la mia bocca come tutte le altre volte, poi mi mise della carta nel culo e ci addormentammo.
La nostra vita fù felice e serena, il nostro amore rimase intatto come il primo giorno, adottammo un bambino che con nostra sorpresa fece il mio stesso tragitto, diventammo vecchi ed il ragazzo divenne una splendida trans e divenne una porno star richiestissima.
il racconto finisce qui.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.