Ascolta chi sei 2

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Ascolta chi sei 2

Spread the love

RICCARDO

La tua ingenua libertà di confessione, come una piccola fiamma di candela sciolse la cera del mio cuore. Non erano previste intimità verbali, in questo nostro incontro fortemente voluto e pianificato. Ora, che tutte le regole andavano a puttane, mi sentivo più coinvolto di prima.
Mentre entro ed esco da te, inizio a studiare i tratti del tuo viso, ogni smorfia, espressione, fremito del tuo corpo, luci e ombre che inizio a scorgere, sono per me nuove chiavi di lettura. Voglio capire i tuoi segnali, voglio condividere con te la scelta di azioni, senza prendermi la responsabilità di violare deliberatamente un tuo volere. Non finché me lo permetterai e finché non ci sarà la confidenza giusta per oltrepassare ogni piccolo limite.
Un padrone gentile che inizia a prendersi cura delle voluttà del suo sottomesso, e non solo le proprie.
Stai diventando ai miei occhi un libro aperto, ogni pagina una nuova scoperta.
La tua bocca aperta implora necessità di nefande attenzioni.
La gioia di sputare tutto me stesso dentro la tua gola, la durezza nelle mie mani che ti soffocano i gemiti, i miei occhi che serenamente ti guardano, facendoti sentire magnificamente inferiore. È tutto fottutamente giusto. Questo è il romanticismo che dovrebbe esserci in ogni coppia.
«Sono tuo, completamente tuo.» sospira Manuel in un fremito di pienezza anale.
Spingo il cazzo tutto in lui, riuscendo a riempirlo di quei tre centimetri che non gli avevo ancora concesso. Un colpo feroce che è finalmente disposto ad accogliere. Ruota gli occhi indietro e avvinghia le sue gambe muscolose attorno al mio bacino. In completa estasi, contorto tra dolore e piacere, si abbandona alla sottomissione.
Rimango dentro di lui immobile, impalandolo per qualche minuto ancora. Faccio pulsare a comando il cazzo in quella magnifica caverna accogliente e bagnata. Mi sdraio sopra il suo corpo bollente ansimando e trattenendo un’eiaculazione che pregava di essere cacciata via.
«Mi hai spaccato il culo.» sussurrò al mio orecchio in tono decisamente allegro, abbracciandomi dal collo.
«Sembri contento di essere rotto.»
«Sono contento di ascoltare chi sono.»
«Chi sei?»
«Sono Manuel.»
«Chi è Manuel?»
«Un uomo che si gode il momento.»
Nelle sue parole sincerità, ma ancora tanto pudore. Non era quello che volevo sentirmi dire.
Si instradava in lui la consapevolezza di voler essere trattato come un oggetto sessuale, ma non era pronto a confessarlo.
Ma a me piace troppo, e la voglia di aiutarlo prevale sulla mia prepotenza al comando. Vince la pazienza.
«Ti prego, ne voglio ancora.» disse mentre gli sfilavo la spada dalla roccia.
«Devo andare a pisciare.» rispondo, dandogli uno schiaffetto in faccia.
Pisciare con il cazzo duro non è semplice. Ho dovuto accarezzare più volte la cappella prima di sentire finalmente il getto dell’urina contro le pareti del water.

Pensai a tutta la birra bevuta quella sera, birra che veniva sprecata in quel cesso invece di riempire l’intestino di Manuel.
Non aveva senso berne altra perché mi sembrava di capire che non fosse il tipo. Chissà se ha bevuto quella della ciotola.
Un buco aperto è la prima cosa che vedo entrando in camera.
Manuel con il culo a ponte in direzione della porta mi invita ad entrare nel suo orifizio cercando con le mani di aprire i glutei. Fiondo la lingua in quel paradiso, mentre con la mano destra gioco con la sua asta che per metà usciva dal perizoma. È umido davanti come dietro.
Gli metto in bocca i suoi stessi umori, dita sporche del suo liquido seminale. Lecca voracemente e le succhia con spasmodica avidità.
Era giunto il momento di dargli il biberon. In piedi sul letto, gli poggio il cazzo sulla bocca. Il suo istinto è quello di aprire le fauci affamate, ma prendendolo dai capelli lo tiro indietro.
«Non così in fretta. Devi meritarlo.»
Gli sbatto il cazzo in faccia come fosse un manganello. Manuel alterna piacere a piccoli dolori, perché ho l’uccello effettivamente troppo duro e gonfio. Ma, più lo picchio di nerchia, più sbava.
«Dammelo ti prego, fammelo succhiare.»
«Adesso no. Rimani a quattro piedi e guardalo. Devi solo guardarlo e annusarlo. Lo devi desiderare con tutto te stesso. Lo senti il suo odore?»
«Sì. Sa di sudore e piscio.» si passa la lingua tra le labbra mentre parla.
Gli strofino il cazzo su tutta la faccia, cospargendolo di quel profumo che sentiva, un profumo che adesso appartiene alla pelle del suo splendido viso. È in completa adorazione. Con gli occhi gonfi di desiderio mi prega di prenderlo in bocca.
«Fammelo succhiare, dai!»
«Lo vuoi?»
«Ti prego sì.»
«Quanto lo vuoi?»
«Troppo, non ce la faccio più ad aspettare.»
«Perché lo vuoi?»
«Perché… sono eccitato.»
«Te lo ripeto, perché lo vuoi? Perché sei…»
«Perché… sono una troia.»
Ecco la parola magica, pronunciata l’ultima vocale rimane con la bocca aperta, stupito per la libertà acquisita. Con un colpo sordo mi faccio strada per deflorare la sua gola.

Tratto dal libro Ascolta chi sei, by Master Daddy.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.