Alla fine ho scelto 3

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Alla fine ho scelto 3

Spread the love

Da quel giorno io e Carlo ci frequentammo sempre di più, fuori ero il suo ragazzo, in casa sua diventavo la sua ragazza, avevo conosciuto anche la sorella, una bambolona sexy con un corpo da pinup, Carlo volle che mi facessi vedere da lei en femme , lei ne fù entusiasta, mi girò intorno più volte poi mi disse
“Ivana ha ragione mio fratello sei molto sexy, sai ho un amico gay è sempre solo in casa, sai se ti presentassi a lui lo faresti più contento, gli faresti un pò di compagnia, Fabio è un ragazzo molto dolce e carino”
“Ma io sono di tuo fratello! vuoi fargli un dispetto?”
“No è solo per fare compagnia al mio amico!”
“Dai gli telefono e vi mettete daccordo”
Mi sentii un pò imbarazzato ma Carlo non diceva nulla.
“Pronto Fabio, ciao sono Ornella sai ho qui vicino a me un caro ragazzo gay come te, a Ivano piace molto essere travestito e truccato da donna”
“Domani alle 5 và bene, gli dò l’indirizzo”
Ivana domani alle 5 in via m……..8 suona Marzi.
“Mah Ornella non ti pare di essere un pò intrigante?”
“Ma no il mio amico è sempre solo, sai non sà aprirsi perchè è molto timido”
“Va bene ma io insisto sono di tuo fratello, gli appartengo, sono suo”
“Ahh Carlo non sapevo che eravate arrivati fino a questo punto! siete innamorati uno dell’altro”
“Ti dispiacerebbe Ornella?”
“Bè un pò si, non sapevo che eravate così intimi”
“Dai fratellone lascia il tuo amante a fare una buona azione”
“Ornella ha ragione Ivana sei proprio intrigante e se non volessi che Ivana andasse dal tuo amico?”
“Senti fratellone io devo andare, non torno stasera, dillo ai nostri genitori”
Appena Ornella se ne andò Carlo mi strinse a sè
“Sai Ivana mi sono piaciute le tue parole”
“Perchè non vuoi che mi senta tuo”
“No anzi, mi è piaciuto il calore con cui le hai pronunciate”
Ci baciammo e lui mi se subito le mani sul mio culo
“Vieni Ivana non ce la faccio più”
Carlo si sedette sul divano io mi misi a cavalcioni sulle sue gambe scostai il perizoma e mi infilai sul suo cazzo, stemmo un pò fermi poi lui mi strinse vicino a lui
“Ivana mi stò veramente innamorando di te”
“Carlo io sono già innamorato di te”
Cominciò a scoparmi il ritmo dapprima lento divenne piano piano sempre più frenetico e io andai fuori giri
“Ohhhhhh Carlo Carlo dai siiii siii ohhhhhh”
“Ivana sei dolcissima, un’amante deliziosa”
“Ohhh Carlo scopami ti prego scopa la tua Ivana prendimi mio signore prendimi”
“Certo tesoro certo, sono il tuo uomo e come tale ti voglio mia ragazza”
“Ohhhhh che cazzo che hai amore che cazzo”
“Sei tu che lo fai eccitare”
“Ohhhhhhhhhh mmmm siiiii che bello siiii ohhhh”
“Godi amore godi”
“Si godetti prima io e gli sporcai il pantaloncino poi fù un uragano di sborra che mi entrò nel culo, sborra densa calda e buonissima, si la volli assaggiare e la trovai buonissima.
“Carlo lo conosci Fabio?”
“Si l’ho visto più di una volta, stai attenta quello è un finto timido”
“Se mi dici di non andare non ci vado Carlo”
“No vacci ma stai molto attenta amore”
Carlo devo andare frà poco arrivano i miei”
“Tranquilla Ivana vai cambiati e lavati il viso”
Appena tornai Ivano ci baciammo ancora e poi tornai a casa.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

2 thoughts on “Alla fine ho scelto 3

  1. Corrado

    Avevo conosciuto un rumeno nella mia zona industriale aveva trentacinque anni era il mese di giugno faceva molto caldo era un pomeriggio passai vicino con la mia bici lui era nudo a fianco del suo camion si girò verso di me per mostrarmi il suo cazzo era molto enorme sui venticinque cm io mi avvicinai a lui mi disse ti piacerebbe fartelo lui mi tirò giù i miei boxer io le dico tu mi sventri con questo cazzo allora lui prende una coperta è andiamo un po’ distanti dal suo camion mi disse distenditi poi lui mi viene sopra a cavalcioni mi diete il suo culo dà leccare lui mi disse è pulito ho fatto una bella doccia aveva un bellissimo culletto due labbra rosa lui mi disse leccalo bene è vergine misi la mia bocca sul buco lui cominciò a spingere lui mi disse vuoi essere la mia 5kķ 7troia poi mi disse adesso metteti a pecora lui mi puntò il suo cazzo sul buco e spingeva dentro tutto poi cominciò a pompare molto forte dopo venti minuti mi sborava dentro nel mio buco del culo

     
  2. attilio

    Corrado, hai raccontato anche una mia avventura…Com’è stupendo il dualismo erotico****Lui il camionista si chiamava Valery,era francese,al posto della coperta c’era un tappeto d’erba verde…..E poi tutto il suo amore da dare e vivere nel possesso più vero e duro,piacevole e durevole…..Grazie Corrado****

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.