Umiliato da mia moglie e le amiche

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Umiliato da mia moglie e le amiche

Spread the love

Quella domenica mattina, io e mia moglie eravamo ancora a letto e dopo un po’ di carezze reciproche, le avevo leccato la passera a lungo e le stavo massaggiando i piedi, cosa che spesso la eccita ed anche a me non mi è indifferente. Quando suonano alla porta le sue due solite amiche Anna e Marcella. Loro avevano portato dei cornetti ed io mi sentii di prepararle un caffè. Ancora in pigiama, fui io a dover fare gli onori di casa intanto che Bea si preparava. Intanto che discorrevamo io ho preparato la tavola e cappuccini per tutti. Marcella prese a lamentarsi scherzosamente di come le avessi ricevute male in pigiama, che Bea meriterebbe di meglio, un uomo più efficiente. Quando arrivò Bea disse che avevo sbagliato tutto e che avrei dovuto apparecchiare sul tavolino del salotto. E così loro si andarono a sedere sul divano ed io ubidiente portai le vivande su quel tavolino. Marcella ridacchiando mi disse “certo che non ne indovini una. Bea dovresti portarlo ad addestrare meglio. Effettivamente erano amiche di Bea e sarebbe stato opportuno che fosse lei a fare gli onori di casa. Ovviamente si erano prese tutto il divano e non c’era posto per me. Quando Bea se ne accorse, invece di farmi posto, mi disse “ tu siediti qui a terra vicino a me così mi continui quel massaggino ai piedi”. Ubbidii imbarazzato. “che bravo maritino che fa i massaggi ai piedi!” fece Anna. La cosa era imbarazzante anche perché si misero a parlare di colleghi di lavoro che io non conosco. Marcella chiese dello zucchero e Bea dandomi un calcetto sulla guancia, mi disse “vai, sbrigati, che ti sei scordato lo zucchero” e tra di loro schignazzarono, ma non molto, perché erano prese dal discorso. Quando tornai Bea stese un piede verso di me dicendo”i miei piedini hanno sentito la tua mancanza, li hai lasciati soli, cattivone, chiedigli scusa e dagli un piedini”. Adoro baciare i piedi di mia moglie, ma così davanti alle sue amiche non sapevo che fare. Bea non aveva mai fatto così prima, neanche da soli, figuriamoci davanti alla gente. Ero confuso e mi stavo eccitando. Le presi il piede, gli chiesi scusa e lo baciai. Le amiche risero. Marcella ripeteva “ non ci credo, non ci credo” e Bea sorridendo mi disse “ e quest’altro, maritino, non me lo baci?” Feci finta di non fare caso ad Anna che aveva tirato fuori il cellulare e mi fece delle foto mentre baciavo anche l’altro piede. Poi tornai velocemente a sedere per non fare vedere il bozzo, che nel pigiama era molto visibile e ricominciai a massaggiare i piedi di Bea. Intanto il loro discorso andò a finire su di un nuovo collega tanto bello e prestante. “da quello più che un massaggio ai piedi mi farei dare una ripassata di dietro” fece Marcella, poi guardandomi, disse “ognuno ha la sua specialità, secondo me Tullio è bravo a leccare, vero Bea?” lei arrossì e disse “ effettivamente si impegna” e tutte risero. “ Ma effettivamente sembra che leccare gli piaccia, secondo me quando ti baciava i piedi si è eccitato” fece Anna “ e sì, i miei piedini ti piacciono, vero tesoruccio?” “secondo me ti stai anche eccitando, vero Tullio?” fece Marcella” tirati un po’ su, facci vedere” io mi alzai sulle ginocchia, mostrando una visibile erezione. E le tre troie fecero le scandalizzate. “ma che schifo” noi parliamo e tu ti ecciti senza riguardo?” mi strillò Bea “vergogna. Che figure mi fai fare?” “ma è involontario” cercavo di ribellarmi. “a sì, è involontario? Adesso te lo faccio vedere io involontario. Vai a prendere un mestolo di plastica, pervertito” io ubbidii, mi alzai in piedi svettando ancora meglio il mio cazzo duro sotto al pigiama leggero e le portai il cucchiaio di plastica.”rimetti in ginocchio come prima, che si veda come sei eccitato” ubbidii. “sembrava tanto devoto, invece è un porcone Tullio” disse Anna. Bea mi appoggiò il mestolo sul pigiama, sulla cappella e, dondolando a destra e sinistra mi chiese “ adesso secondo te cosa dovrei fare?””lo devi picchiare. Non ti fare intenerire” disse Marcella. Bea mi passava il mestolo lungo tutta l’asta e mi diede qualche leggera botta sulle palle in attesa di una risposta. “Fai piano, ti prego” dissi io. E lei cominciò dolcemente a darmi delle bottarelle da sotto, poi a destra e sinistra, incitata dalle amiche. “porco, vergogna, maniaco” mi dicevano mentre il mio cazzo si faceva sempre più duro sotto i colpi di mia moglie, sempre più energici. “basta, ti prego”. Allora lei disse “ ti faccio male? È giusto così. Adesso, se non vuoi più che ti picchi il pisello, girati che ti do le ultime sul culo. Io, umiliato e dolorante mi girai. “ abbassati i pantaloni, frocio”. “ma come davanti a loro?” “non ti sei fatto problemi a mostrare il cazzo duro, adesso ti vergogni del tuo sederino. Forza” mi abbassai i pantaloni e mia moglie mi sculacciò tre volte sulle chiappe davanti alle sue amiche e poi disse “avete diritto anche voi di sculacciare questo porcone se volete”. Le due non se lo fecero ripetere ed una dopo l’altra mi picchiarono sodo sui glutei nudi. Il cazzo in questa situazione continuava a stare dritto, allora Marcella, con il mestolo ancora in mano, passando melo tra le chiappe disse ridendo a Bea, che visto che ero così eccitato, l’ unica cosa era lasciarmi masturbare. Bea accolse l’idea e mi obbligò a farlo in quella posizione, dandogli le spalle, con Marcella che continuava ad accarezzarmi il fondoschiena col mestolo. Anna e Bea invece si alzarono e si misero in piedi davanti a me. Volevano vedere la mia faccia mentre mi segavo davanti a tre donne. Mi spogliai completamente nudo e cominciai a toccarmi l’asta e ad accarezzarmela sotto i loro occhi divertiti. Mi accarezzavo le palle con una mano e con l’altra stringevo il cazzo facendo su e giù. Volevo chiudere gli occhi ma se lo facevo, mi davano calci e me li facevano aprire. Intanto Marcella si divertiva col mestolo sulle mie chiappe. Che vergogna! Eppure godevo della mia umiliazione. Quando Bea mi appoggiò un piede sulla spalla per dominarmi, cercai di paciarlo, ma ricevetti uno schiaffo “ ma come adesso non posso nemmeno baciarti i piedi?” “solo se me lo chiedi per piacere, porcone” ma io stavo proprio per venire e sentivo il bisogno di leccarle i piedi o la passera. Mi permisero di leccare una scarpa di Marcella. Che bello! E che profumo. E che vergogna!

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.