Il foruncolo

Il foruncolo

Spread the love

IL FORUNCOLO
(LUCA)La signora Benassi capì subito che Luca, il suo figliolo quasi quindicenne, non gliela contava giusta. La smorfia di dolore che era comparsa sul suo volto quella mattina quando si era seduto per fare colazione, tradiva una sofferenza autentica. Perchè il ragazzo tentava di dissimularla? Non aveva problemi nel lamentarsi con lei di ogni minimo malanno che lo affliggeva , spesso era anche esageratamente preoccupato della sua salute, ma stavolta…
“ Che c’è che non va?” chiese la donna dolcemente. “ cos’è che ti fa male?”
“ Niente ..non mi fa male niente mamma…” rispose Luca, ma il bel volto dai lineamenti femminei e delicati, malgrado il misero tentativo di un sorriso restò imbronciato…
“ A me non mi prendi in giro, ragazzo, io lo sento quando qualcosa non va e tu non stai bene…dimmi cos’è che ti provoca dolore e mamma te lo fa passare..come ha sempre fatto…non è vero che mamma ti ha sempre fatto passare il dolore? “ 
“Certo mamma…ma non ho niente, è solo che forse ho dormito male e mi sono svegliato con qualche doloretto alle ossa, come capita spesso a papà..”
“solo che papà ha cinquant’anni e tu neanche quindici…cos’è che vuoi nascondermi?pensi che sia scema e creda che hai i reumatismi?”
“Ma no è solo che non voglio che ti preoccupi, vedrai che tra un pò mi sentirò meglio…”
“ Hai fatto una faccia quando ti sei seduto..come se ti avessero infilzato il didietro…”
Luca arrossì e la madre capì di aver fatto centro. “ E’ lì che senti male?…guarda che non devi vergognarti, mamma ti dà una controllatina e vedrai che come sempre tutto si risolve…”
Ma che dici mamma… non ho nessun problema…ti prego non insistere…”La signora Benassi decise di soprassedere, la reazione inaspettata di Luca che non aveva mai avuto pudori nei suoi confronti l’aveva sorpresa e preoccupata, non le sembrò opportuno insistere, e lasciò che il suo amato figliolo finisse di mangiare in pace….
….non poteva sapere la signora Benassi, cosa era accaduto allo sventurato fanciullo nei due giorni precedenti…Due giorni prima infatti, durante la ricreazione, Luca, come al solito, aveva consumato il panino preparatole dalla madre, in classe, mentre i suoi compagni sciamavano nel corridoio, poi si era alzato e si era chinato a prendere dalla sua cartella il libro di testo della materia dell’ora successiva per ripassare la lezione, in tal modo ostruendo il passaggio a chiunque volesse raggiungere gli ultimi banchi della fila, ed infatti mentre era ancora chino udì una voce femminile alle sue spalle:” Se vuoi degnarti di spostare il tuo ragguardevole deretano…gradirei passare e raggiungere il mio posto…”
Luca riconobbe la voce di Simona una ragazza che in classe era nota per la sua altera bellezza e per il disprezzo che ostentava nei confronti dei compagni che reputava sciocchi ed infantili. Il ragazzo non colse appieno il senso delle parole ironiche che gli erano state indirizzate, ma dopo essersi prontamente spostato, seduto nel suo banco riflette per tutta l’ora successiva su quello che la ragazza gli aveva detto e su come l’aveva apostrofato….era un modo di dire? E cosa intendeva per ragguardevole? Sapeva che deretano era il termine educato per riferirsi a quella parte del corpo sulla quale ci si siede, insomma il povero giovinetto era stato inopinatamente messo davanti ad un problema che non aveva mai considerato? Com’era il suo sedere? Prima di uscire per recarsi a scuola era solito controllare il suo aspetto nello specchio a figura intera che si trovava nel corridoio, ma non aveva mai pensato di guardare come appariva visto di spalle , gli bastava accertarsi che fosse ben pettinato e che avesse la cravatta annodata bene, che le scarpe fossero lucide e che i pantaloni di flanella non fossero sformati in corrispondenza delle ginocchia.
Ma ora doveva assolutamente verificare: la ragazza aveva veramente inteso riferirsi alle reali dimensioni del suo posteriore o aveva soltanto voluto esagerare per sottolineare la sua mancanza di educazione nei suoi confronti? Non si era accorto che lei intendeva passare, non si era comportato da gentiluomo…forse era solo questo, sperò il timido giovinetto, riconquistando un pò di fiducia in sè stesso…poi decise di passare ad un immediato controllo tattile, chiese alla professoressa di scienze di andare al bagno ed una volta chiuso da solo nello stretto ambiente, portò entrambe le mani sulle natiche tentando di apprezzarne consistenza e dimensioni. In quanto alla prima dovette riconoscere che la sensazione era piuttosto piacevole, la carne era morbida e contemporaneamente soda ed elastica, la seconda però lo sconcertò: utilizzando il palmo della sua mano che era comunque quella di un ragazzo delicato di quasi 15 anni si rese conto che ogni natica richiedeva per essere completamente coperte più di due palmi, la cosa lo sconcertò, come appariva dietro allo guardo del mondo? Decise di rimandare al ritorno a casa la risposta a questa domanda cruciale, nel frattempo tirò giù il più possibile il maglione a V di lana a coprire quelli che cominciava a sospettare fossero promontori posteriori piuttosto pronunciati..Appena rientrato si precipitò nella sua camera senza neppure salutare la madre che se lo vide passare davanti senza proferire parola, lo specchio di cui disponeva era però troppo piccolo e non permetteva una visuale appropriata della parte posteriore del suo giovane corpo. Era necessario recarsi nella camera da letto della madre il cui armadio disponeva di uno specchio a figura intera. Decise di rischiare, la madre era in cucina per gli ultimi preparativi del pranzo e forse era il momento giusto per appurare quanto gli premeva. Nella penombra della camera genitoriale, aiutandosi con uno specchio più piccolo vide per la prima volta come si presentava visto da dietro il suo corpo. Fu costretto a riconoscere immediatamente e dolorosamente che la crudele Simona aveva inteso proprio riferirsi alle reali dimensioni, eccezionali quanto indecenti per un ragazzo, del suo didietro: i pantaloni di flanella sembravano sull’orlo di esplodere sottoposti alla pressione di cotanta adolescenziale esuberanza femminea di carni posteriori. Preso da una sorta di rabbiosa frenesia sbottonò i pantaloni e li tirò giù insieme alle esigue mutandine bianche da bambino che la madre si ostinava a fargli indossare, a scoprire finalmente ciò che tentavano invano di dissimulare: un grosso, candido, liscio, glabro osceno arrogante sedere che sembrava votato alle peggiori umiliazioni….La prima reazione del povero giovinetto fu una sorta di delusione mista a rancore nei confronti della madre e di quanti essendosi trovati quotidianamente davanti a tale indecente spettacolo non avevano ritenuto, seppur in modo discreto, di avvertirlo. Era pur vero che Il liceo che frequentava era piuttosto esclusivo e, di conseguenza, i ragazzi che lo frequentavano provenivano da famiglie che impartivano, con severità, la buona educazione ai loro rampolli cosicché nessuno avrebbe osato ferirlo alludendo alle sue ricchezze calllipigie, anche se ora ricordava, con improvvisa, terribile sofferenza, scambi di sguardi, ammiccamenti, risatine che probabilmente erano generate da quanto aveva appena visto riflesso nello specchio, fedele, crudele, imparziale riproduttore della dura realtà …
Il timido giovinetto, reso ancora più fragile nello spirito da quanto aveva appena constatato, quasi che quelle forme femminee nella loro perentoria quanto indifesa abbondanza lo costringessero a prendere atto della sua più intima debole natura, si sorprese a provare un’improvvisa, inedita eccitazione….tornò a guardare nello specchio le sue forme posteriori e percepì assieme alla vergogna, ( mentre gli pareva di udire nuovamente le parole di Simona che si riferivano proprio a quanto ora contemplava) una sorta di piacere perverso…immaginò che la bella, altera ragazza potesse vederlo così com’era ora il suo grosso sedere, nudo ed esposto allo sguardo crudele del mondo….pensò al suo sguardo sprezzante sulle sue grosse natiche, ed ebbe la sensazione che gli marchiasse le carni, si passò una mano su una delle grosse prosperose colline e rimase colpito da quanto la carne fosse liscia, vellutata come quella di una vergine fanciulla… ma poi la vergogna ebbe il sopravvento e precipitosamente ricoprì i due ragguardevoli globi gemelli….tirando su con violenza mutandine e pantaloni insieme sentì un dolore acuto in prossimità della sommità della natica destra…vi passò sopra l’indice delicatamente e sentì come un bozzetto, un rilievo, lo premette con circospezione ed ebbe una smorfia di dolore…un foruncolo piuttosto grosso covava sottopelle in attesa di fiorire proprio laddove la sua grossa natica conquistava l’aggetto maggiore….
Se non avesse scoperto quanto imponente ed indecente fosse il suo didietro, probabilmente ne avrebbe immediatamente parlato con sua madre, pauroso com’era..ma ora il solo pensiero di mostrare il suo sedere nudo a qualcuno, anche se questo qualcuno era sua madre, lo faceva morire di vergogna, eppoi la madre, più ansiosa di lui in quanto a problemi di salute l’avrebbe portato dalla dottoressa Quarenghi…una donna che lui, con tutta la timidezza della sua giovane età, trovava bella ed affascinante…avrebbe dovuto esibire anche al suo sguardo le sue imbarazzanti ricchezze posteriori..eppoi c’era l’nfemiera, una ragazza che entrava ed usciva dallo studio della dottoressa mentre ignari fanciulli se ne stavano seminudi o nudi esposti agli sguardi di chiunque sbirciasse dalla porta rimasta semiaperta aperta..
Pensò a quante volte coperto solo dalle mutandine la Quarenghi lo aveva fatto camminare su e giù nel suo studio, per controllare come andava sviluppandosi la sua colonna vertebrale, un inizio di scoliosi faceva sì che il suo sedere sporgesse un pò all’infuori…come se non bastassero le sue scandalose dimensioni, pensò arrossendo, ci mancava anche quest’altro problema….Ecco cos’era accaduto al povero Luca, ecco perchè mentre finiva di bere la sua tazza di latte tentava come meglio poteva di dissimulare il suo dolore…quella mattina appena sveglio il suo pensiero era andato subito all’indiscreto foruncolo che aveva scelto per affacciarsi al mondo proprio la sommità della sua natica destra, come ad attirare l’attenzione sulle sue indecenti dimensioni, una bandierina messa sulla vetta di una morbida candida collina di carne..
Si era reso conto che il fiore era sbocciato ed il dolore aumentava…
Si alzò ed istintivamente portò la mano sul foruncolo, persino sotto la spessa stoffa dei pantaloni invernali avvertì il rilievo dell’importuna escrescenza. Prese la cartella e si avviò mogio verso la porta d’ingresso.
La signora Benassi lo osservava di sottecchi fingendo indifferenza, nel frattempo rimuginava: era evidente che il suo bambino aveva un problema là dove ci si siede, non era certo noto per il suo coraggio quando si trattava di problemi, anche banali, di salute, cos’era che lo spingeva a soffrire senza dire nulla? Cos’era accaduto?
Decise che non poteva lasciare che il suo figliolo andasse a scuola in quelle condizioni, ed agì di conseguenza, si parò dinnanzi alla porta e fissandolo negli occhi gli disse dolce ma ferma:“Tu oggi non vai a scuola se non mi lasci vedere cos’è che ti fa tanto male….”
“ti prego mamma lasciami andare..non ho niente…dài..faccio tardi ..”
La signora Benassi perse la pazienza e passò alle vie di fatto, prese Luca per un braccio e se lo tirò dietro strattonandolo fino all’interno della sua camera da letto dove lo costrinse a sdraiarsi bocconi sul letto , ebbe facilmente la meglio sul debole ragazzino, poi non senza fatica e tenendo lontano le sue mani riuscì a tirare giù pantaloni e mutandine sino alla zona dove le cosce formose incontravano i grossi promontori posteriori, zona liscia e setosa foderata di sano adipe adolescenziale, come sempre la donna si sorprese ad ammirare le ricchezze callipigie del suo figliolo, Luca scoppiò a piangere, ma lei fu irremovibile , il grosso foruncolo spiccava rosso per l’infiammazione sulla candida vasta superficie della natica destra, la signora Benassi lo toccò delicatamente e Luca emise un lamento scuotendo il sedere e provocando una tempesta di carni sode ed elastiche che ritornarono solo dopo qualche secondo allo stato di quiete conservando il loro eccezionale aggetto malgrado la posizione…
“Qui ci vuole la dottoressa Quarenghi, oggi salti la scuola, andiamo subito all’ambulatorio anche senza appuntamento si tratta di una cosa urgente non vorrai rischiare un ascesso…”
“Che vuoi dire mamma….che può capitarmi…?”
“Niente se provvediamo subito…dài muoviti” e per sottolineare che doveva sbrigarsi prevenne ogni possibile protesta somministrando un energico schiaffone sulla prosperosa natica sinistra, quella integra, Luca piagnucolò come una ragazzina mentre il grosso posteriore danzava…La sala d’attesa dell’ambulatorio era come sempre piena di mamme ragazzini e ragazzine, tutti sotto i 16 anni, limite di età per essere poi dirottati al medico di base generico…
Luca sedeva accanto alla madre, il bel volto dai femminei ,delicati lineamenti era imbronciato, gli eventi occorsigli negli ultimi due giorni avevano messo a dura prova il suo amor proprio, forse lo avevano definitivamente minato. Mentre aspettava rievocò per l’ennesima volta nella sua mente le parole di Simona e gli accadde di riflettere su come una femmina potesse essere crudele nei confronti di un timido debole maschietto come lui, e del potere enorme di cui disponeva…e pensare che come tutti i suoi compagni sin dal primo giorno di scuola, aveva fantasticato su di lei, si era visto al suo fianco come possibile fidanzato. Simona teneva a distanza col suo sguardo sprezzante tutti i ragazzi della classe. Si diceva fosse fidanzata con un prestante ventenne che frequentava l’università. Spesso all’uscita dalla scuola Luca l’aveva vista dirigersi sorridendo verso un bel ragazzo alto ed atletico, spalle larghe e fianchi stretti da sportivo, ora sapeva che la sua conformazione era l’esatto contrario di quella che caratterizzava un corpo virile, la scioccante immagine che lo specchio gli aveva crudelmente rimandato parlava di morbida arrendevole debolezza femminea, parlava di sottomissione e di umiliazione…ora sapeva di non avere alcuna speranza né con Simona né con altre ragazze…
Assorto nei suoi pensieri non avvertì subito lo sguardo di Laura, l’infermiera che seduta dietro la scrivania accanto all’ingresso dello studio accoglieva i pazienti, la ragazza gli sorrideva interrogativa, come per metterlo a suo agio, evidentemente il suo volto esprimeva in modo evidente lo stato d’animo nel quale si dibatteva, inoltre più volte aveva tradito una smorfia di dolore, anche se tentava di non poggiare troppo sul foruncolo, tenendo la natica destra sollevata…
La signora Menassi colse lo sguardo di Laura e le sorrise a sua volta: “ Un grosso foruncolo che va preso in tempo sennò può degenerare in un ascesso..”
Luca arrossì e strattonò la madre, con gli occhi bassi sibilò sottovoce:” mamma ..ti prego…”
Laura apparve interessata: “ La faccio entrare subito..appena esce il paziente che ora è dentro….meglio controllare…”
Proprio in quel momento la porta dello studio della Quarenghi si aprì ed una donna con una bambina comparve sulla soglia…immediatamente una delle signore che attendevano si alzò come accingendosi ad entrare, Laura tentò di convincerla a dare la precedenza alla signora Benassi ma ottenne solo di dar luogo ad una protesta generale tanto che la dottoressa Quarenghi si affacciò sulla soglia attirata dal trambusto..alla fine fu deciso che un controllo immediato poteva esser effettuato da Laura…tutto questo avvenne dinnanzi alle persone presenti nella sala d’attesa, si parlò del foruncolo di Luca e di dove fosse spuntato, il ragazzo, rosso come un peperone, si accorse di qualche sorrisetto di troppo…
Una ragazza sui sedici anni lo fissò con insistenza negli occhi godendo del suo imbarazzo, poi spostò gli occhi sul suo grosso didietro che il maglione non riusciva a dissimulare…
Laura invitò madre e figlio a seguirla nello studiolo accanto a quello della Quarenghi, la signora Benassi fece per entrare ma Luca si ribellò con tale veemenza che la povera donna decise di accontentarlo, l’infermiera sottolineò che era contrario alla procedura visitare un minorenne senza la presenza della madre, ma la signora Benassi la pregò di fare un’eccezione visto lo stato d’animo del suo figliolo: “Non so cosa gli abbia preso… non l’ho mai visto così agitato, ora ciò che mi preme è la sua salute, poi, a casa, faremo i conti…”
“Non dovrei farlo, non lo dica alla dottoressa…”
Luca era così sconvolto dagli ultimi eventi che ancora non aveva realizzato che si accingeva a mostrare il suo sedere o una sua parte ad una ragazza giovane e carina, inoltre ora sapeva per averlo constatato de visu cosa stava per esibire…tuttavia non c’era via d’uscita tutto era precipitato così in fretta negli ultimi due giorni che questa imbarazzante prova sembrava assegnatagli da un destino ineluttabile. Era come se il fato crudele gli dicesse: “Hai appena preso atto dell’indecenza ,in quanto a dimensioni, del tuo didietro ed ecco che subito dopo sei chiamato ad esibirlo seminudo allo sguardo di una giovane femmina, povero il mio candido femmineo giovinetto callipigio questa è solo la prima della lunga serie di umiliazioni che ti attende…”
Appena dentro il piccolo ambiente Laura invitò con aria professionale il ragazzo a tirare giù i pantaloni e poi a stendersi bocconi sul lettino. Luca iniziò l’operazione che si rivelò come sempre piuttosto complicata, la madre si ostinava a fargli indossare dei pantaloni che gli erano divenuti piuttosto stretti visto lo sviluppo delle sue forme posteriori avvenuto nell’ultimo anno, il sedere del ragazzo era sempre stato di ragguardevoli dimensioni, ma da qualche tempo era come fiorito, sicchè gli fu impossibile scoprire solo parte della natica interessata, insomma con qualche sforzo sarebbe riuscito a tirare giù completamente i pantaloni, ciò che sembrava impossibile era farli scendere solo quanto bastava a scoprire la zona interessata. Visti i suoi sforzi, con un certo imbarazzo Laura gli si avvicinò mormorando: “eh..sono un pò stretti questi calzoni…aspetta che ti aiuto..” Chinatasi dietro il ragazzo Laura tirò con forza e finalmente pantaloni e mutandine insieme superarono l’aggetto formidabile, facendo quasi i esplodere verso l’esterno, il grosso candido posteriore del giovinetto che apparve in tutta la sua indecente ed arrogante abbondanza, liscio e glabro, come quello di una giovane vergine ipercallipigia.
Laura non potè evitare di fermarsi come ipnotizzata a guardare un simile spettacolo, arrossì imbarazzata, immedesimandosi nel timido ragazzino che ora era costretto ad esibire cotanta prosperità di carni posteriori al suo sguardo di giovane femmina…Luca tentò goffamente di tirar su, in parte, i pantaloni, a coprire parte delle natiche ma la stoffa sembrava incollata alla base delle cosce anch’esse formose nella parte alta laddove si congiungevano alle natiche quasi preannunciandone l’opulenza.
Decise di non continuare nei suoi ridicolo tentativi e si rassegnò a distendersi sul lettino col posteriore completamente nudo proiettato in modo osceno verso l’alto, Laura non potè non notare, quasi con ammirazione, l’aggetto che le formidabili natiche del ragazzo conservavano malgrado la posizione, quasi che la carne soda imbottita di sano grasso adolescenziale si ribellasse alla legge di gravità.
La ragazza dopo ave indossato un guanto si avvicinò al lettino ed osservò il grosso foruncolo “dunque vediamo…è molto infiammato e di notevoli dimensioni…” lo toccò lievemente e Luca non potè trattenere un gemito scuotendo istintivamente il sedere che danzò per qualche secondo sotto gli occhi attenti della ragazza, lo spettacolo sembrò turbarla, per la prima volta sentì il potere che aveva sempre avuto senza rendersene conto.Ci voleva un ragazzino così dotato in quanto a ricchezze posteriori per farle prendere coscienza che potevagovernare le emozioni di giovanissimi pazienti ancora in boccio? Che poteva godere della loro vergogna nell’esibire corpi che in fase di sviluppo esibivano mutazioni spesso imbarazzanti?
Insomma quel grosso sedere così perentoriamente offerto al suo sguardo urlava la debolezza che le veniva consegnata e della quale lei poteva disporre come voleva.
“Non mi pare ci sia nulla di grave… “mormorò come tornando in sè “possiamo risolvere facilmente il problema se tu ti dimostri coraggioso come sicuramente sei…ora resta pure fermo così, io vado a parlare con la dottoressa..torno subito… puoi anche tirare su…o forse meglio di no, vista la fatica che abbiamo fatto per …devo dire a tua madre che hai bisogno di una taglia superiore sei cresciuto evidentemente..” Luca tacque ancora frastornato da quanto gli andava accadendo.
Laura uscì ed informò la signora Benassi che intendeva sentire il parere della Quarenghi ed eventualmente procedere a far fuoriuscire il pus con una procedura che aveva già altre volte attuato con successo.
La signora Benassi apparve sollevata ed appena Laura scomparve oltre il corridoio, scostò lentamente la porta per sbirciare dentro, la prima cosa che vide fu il grosso sedere del figlio ammiccare nella sua direzione “tutta salute..tesoro di mamma adesso risolviamo tutto” pensò tra sè e sè”.
In quel momento la ragazza che in sala d’attesa aveva a lungo fissato maliziosamente Luca comparve all’inizio del breve corridoio diretta verso il bagno, sorrise alla signora Benassi quando fu giunta alla sua altezza mostrandosi interessata alle sorti del suo ragazzo ” come va? tutto bene?”
La signora Benassi sollevata dalle parole di Laura ed ansiosa di condividere anche col primo venuto la ritrovata serenità, si affrettò a rispondere: “Bene , sembra che la cosa possa essere risolta dall’infermiera, si tratta solo di far fuoriuscire il pus da quel maledetto foruncolo…”
“Bene..sono contenta per voi…” disse la ragazza, mentre parlava sbirciò a sua volta dalla porta rimasta semiaperta, la signora Quarenghi fece per chiuderla ma come tutte quelle mamme che trascurano il pudore dei loro figlioli pensandoli sempre bambini, finì col ritenerla, paradossalmente, una scortesia nei confronti di chi si era interessato al suo amato Luca, così la ragazza potè vedere, completamente nude, le prosperose natiche del ragazzo ed il foruncolo che ne deturpava una, violandone il niveo vellutato candore.
” Certo si trova in un punto scomodo..anche mio fratello ne ha sofferto ed io stessa l’ho curato..” Disse continuando a fissare lo spettacolo indecente di quel grosso sedere, il cui proprietario esibiva inconsapevolmente al suo sguardo ironico di maliziosa fanciulla.
“mio fratello lo aveva nella stessa posizione, sulla sommità della …natica un pò spostato all’interno, verso..verso la spaccatura che separa..visto che mio fratello ha anche lui un sedere piuttosto…consistente, io credo che dipenda dallo sfregamento…”
La signora Benassi fu colpita dall’attenzione e dalla cura che una ragazza così giovane aveva dedicato al proprio fratellino, preoccupandosi di capire come aiutarlo a risolvere il suo fastidioso problema..assieme tornarono guardare un’ultima il ragguardevole mappamondo placidamente esposto al loro sguardo…
Luca sentiva che la madre in corridoio parlava con qualcuno, ma non sospettava che la porta fosse semiaperta e che la ragazza che già lo aveva fissato maliziosa nella sala d’attesa ora stesse guardando il suo grosso sedere completamente nudo…restò fermo come gli aveva detto Laura, ancora annichilito da quanto il suo fragile spirito era stato costretto a sopportare si addormentò.
La signora Benasssi si accorse subito che il suo ragazzo si era appisolato” Dorme..” Disse con tenerezza alla ragazza…”era così agitato ieri, sono sicura che stanotte non ha dormito..” Lei sorrise comprensiva” Deve aver molta cura per il suo figliolo…si vede che lo ha nutrito bene…è florido…tutta carne soda grazie ai manicaretti che le prepara lei…”
“ Certo che l’ho nutrito bene…” ribadì la signora Benassi con orgoglio..” Si vede eh? Quest’ultimo anno è cresciuto, non molto in altezza, ma per il resto non sembra certo uno di quei ragazzi patiti che si vedono in giro…”
Ancora i quattro occhi femminili si posarono sull’imponente posteriore immobile del ragazzo, proprio mentre Laura compariva in fondo al corridoio, l’infermiera raggiunse le due donne mentre la ragazza si accomiatava allontanandosi.Laura informò la Benassi su quanto deciso dalla Quarenghi: si poteva procedere, aveva la sua piena fiducia.Laura svegliò dolcemente Luca e gli disse di prepararsi a sopportare un piccolo dolore…
“Piccolo quanto? “ gemette lui.
“Devo incidere questo cattivo di foruncolo e poi fare una leggera pressione per far uscire il pus, dobbiamo fermare l’infezione.”
La giovane infermiera procedette a disinfettare l’intera area interessata con della tintura di iodio , l’operazione di sfregamento attivò una sorta di terremoto che scosse le due opulente masse carnose per qualche secondo, poi prelevato un bisturi da una vaschetta incise con decisione la sommità del foruncolo…
In piedi dietro la porta con l’orecchio quasi poggiato sul vetro smerigliato la signora Benassi udì l’urlo di dolore del suo sventurato figliolo…IL FORUNCOLO
(LUCA)La signora Benassi capì subito che Luca, il suo figliolo quasi quindicenne, non gliela contava giusta. La smorfia di dolore che era comparsa sul suo volto quella mattina quando si era seduto per fare colazione, tradiva una sofferenza autentica. Perchè il ragazzo tentava di dissimularla? Non aveva problemi nel lamentarsi con lei di ogni minimo malanno che lo affliggeva , spesso era anche esageratamente preoccupato della sua salute, ma stavolta…
“ Che c’è che non va?” chiese la donna dolcemente. “ cos’è che ti fa male?”
“ Niente ..non mi fa male niente mamma…” rispose Luca, ma il bel volto dai lineamenti femminei e delicati, malgrado il misero tentativo di un sorriso restò imbronciato…
“ A me non mi prendi in giro, ragazzo, io lo sento quando qualcosa non va e tu non stai bene…dimmi cos’è che ti provoca dolore e mamma te lo fa passare..come ha sempre fatto…non è vero che mamma ti ha sempre fatto passare il dolore? “ 
“Certo mamma…ma non ho niente, è solo che forse ho dormito male e mi sono svegliato con qualche doloretto alle ossa, come capita spesso a papà..”
“solo che papà ha cinquant’anni e tu neanche quindici…cos’è che vuoi nascondermi?pensi che sia scema e creda che hai i reumatismi?”
“Ma no è solo che non voglio che ti preoccupi, vedrai che tra un pò mi sentirò meglio…”
“ Hai fatto una faccia quando ti sei seduto..come se ti avessero infilzato il didietro…”
Luca arrossì e la madre capì di aver fatto centro. “ E’ lì che senti male?…guarda che non devi vergognarti, mamma ti dà una controllatina e vedrai che come sempre tutto si risolve…”
Ma che dici mamma… non ho nessun problema…ti prego non insistere…”La signora Benassi decise di soprassedere, la reazione inaspettata di Luca che non aveva mai avuto pudori nei suoi confronti l’aveva sorpresa e preoccupata, non le sembrò opportuno insistere, e lasciò che il suo amato figliolo finisse di mangiare in pace….
….non poteva sapere la signora Benassi, cosa era accaduto allo sventurato fanciullo nei due giorni precedenti…Due giorni prima infatti, durante la ricreazione, Luca, come al solito, aveva consumato il panino preparatole dalla madre, in classe, mentre i suoi compagni sciamavano nel corridoio, poi si era alzato e si era chinato a prendere dalla sua cartella il libro di testo della materia dell’ora successiva per ripassare la lezione, in tal modo ostruendo il passaggio a chiunque volesse raggiungere gli ultimi banchi della fila, ed infatti mentre era ancora chino udì una voce femminile alle sue spalle:” Se vuoi degnarti di spostare il tuo ragguardevole deretano…gradirei passare e raggiungere il mio posto…”
Luca riconobbe la voce di Simona una ragazza che in classe era nota per la sua altera bellezza e per il disprezzo che ostentava nei confronti dei compagni che reputava sciocchi ed infantili. Il ragazzo non colse appieno il senso delle parole ironiche che gli erano state indirizzate, ma dopo essersi prontamente spostato, seduto nel suo banco riflette per tutta l’ora successiva su quello che la ragazza gli aveva detto e su come l’aveva apostrofato….era un modo di dire? E cosa intendeva per ragguardevole? Sapeva che deretano era il termine educato per riferirsi a quella parte del corpo sulla quale ci si siede, insomma il povero giovinetto era stato inopinatamente messo davanti ad un problema che non aveva mai considerato? Com’era il suo sedere? Prima di uscire per recarsi a scuola era solito controllare il suo aspetto nello specchio a figura intera che si trovava nel corridoio, ma non aveva mai pensato di guardare come appariva visto di spalle , gli bastava accertarsi che fosse ben pettinato e che avesse la cravatta annodata bene, che le scarpe fossero lucide e che i pantaloni di flanella non fossero sformati in corrispondenza delle ginocchia.
Ma ora doveva assolutamente verificare: la ragazza aveva veramente inteso riferirsi alle reali dimensioni del suo posteriore o aveva soltanto voluto esagerare per sottolineare la sua mancanza di educazione nei suoi confronti? Non si era accorto che lei intendeva passare, non si era comportato da gentiluomo…forse era solo questo, sperò il timido giovinetto, riconquistando un pò di fiducia in sè stesso…poi decise di passare ad un immediato controllo tattile, chiese alla professoressa di scienze di andare al bagno ed una volta chiuso da solo nello stretto ambiente, portò entrambe le mani sulle natiche tentando di apprezzarne consistenza e dimensioni. In quanto alla prima dovette riconoscere che la sensazione era piuttosto piacevole, la carne era morbida e contemporaneamente soda ed elastica, la seconda però lo sconcertò: utilizzando il palmo della sua mano che era comunque quella di un ragazzo delicato di quasi 15 anni si rese conto che ogni natica richiedeva per essere completamente coperte più di due palmi, la cosa lo sconcertò, come appariva dietro allo guardo del mondo? Decise di rimandare al ritorno a casa la risposta a questa domanda cruciale, nel frattempo tirò giù il più possibile il maglione a V di lana a coprire quelli che cominciava a sospettare fossero promontori posteriori piuttosto pronunciati..Appena rientrato si precipitò nella sua camera senza neppure salutare la madre che se lo vide passare davanti senza proferire parola, lo specchio di cui disponeva era però troppo piccolo e non permetteva una visuale appropriata della parte posteriore del suo giovane corpo. Era necessario recarsi nella camera da letto della madre il cui armadio disponeva di uno specchio a figura intera. Decise di rischiare, la madre era in cucina per gli ultimi preparativi del pranzo e forse era il momento giusto per appurare quanto gli premeva. Nella penombra della camera genitoriale, aiutandosi con uno specchio più piccolo vide per la prima volta come si presentava visto da dietro il suo corpo. Fu costretto a riconoscere immediatamente e dolorosamente che la crudele Simona aveva inteso proprio riferirsi alle reali dimensioni, eccezionali quanto indecenti per un ragazzo, del suo didietro: i pantaloni di flanella sembravano sull’orlo di esplodere sottoposti alla pressione di cotanta adolescenziale esuberanza femminea di carni posteriori. Preso da una sorta di rabbiosa frenesia sbottonò i pantaloni e li tirò giù insieme alle esigue mutandine bianche da bambino che la madre si ostinava a fargli indossare, a scoprire finalmente ciò che tentavano invano di dissimulare: un grosso, candido, liscio, glabro osceno arrogante sedere che sembrava votato alle peggiori umiliazioni….La prima reazione del povero giovinetto fu una sorta di delusione mista a rancore nei confronti della madre e di quanti essendosi trovati quotidianamente davanti a tale indecente spettacolo non avevano ritenuto, seppur in modo discreto, di avvertirlo. Era pur vero che Il liceo che frequentava era piuttosto esclusivo e, di conseguenza, i ragazzi che lo frequentavano provenivano da famiglie che impartivano, con severità, la buona educazione ai loro rampolli cosicché nessuno avrebbe osato ferirlo alludendo alle sue ricchezze calllipigie, anche se ora ricordava, con improvvisa, terribile sofferenza, scambi di sguardi, ammiccamenti, risatine che probabilmente erano generate da quanto aveva appena visto riflesso nello specchio, fedele, crudele, imparziale riproduttore della dura realtà …
Il timido giovinetto, reso ancora più fragile nello spirito da quanto aveva appena constatato, quasi che quelle forme femminee nella loro perentoria quanto indifesa abbondanza lo costringessero a prendere atto della sua più intima debole natura, si sorprese a provare un’improvvisa, inedita eccitazione….tornò a guardare nello specchio le sue forme posteriori e percepì assieme alla vergogna, ( mentre gli pareva di udire nuovamente le parole di Simona che si riferivano proprio a quanto ora contemplava) una sorta di piacere perverso…immaginò che la bella, altera ragazza potesse vederlo così com’era ora il suo grosso sedere, nudo ed esposto allo sguardo crudele del mondo….pensò al suo sguardo sprezzante sulle sue grosse natiche, ed ebbe la sensazione che gli marchiasse le carni, si passò una mano su una delle grosse prosperose colline e rimase colpito da quanto la carne fosse liscia, vellutata come quella di una vergine fanciulla… ma poi la vergogna ebbe il sopravvento e precipitosamente ricoprì i due ragguardevoli globi gemelli….tirando su con violenza mutandine e pantaloni insieme sentì un dolore acuto in prossimità della sommità della natica destra…vi passò sopra l’indice delicatamente e sentì come un bozzetto, un rilievo, lo premette con circospezione ed ebbe una smorfia di dolore…un foruncolo piuttosto grosso covava sottopelle in attesa di fiorire proprio laddove la sua grossa natica conquistava l’aggetto maggiore….
Se non avesse scoperto quanto imponente ed indecente fosse il suo didietro, probabilmente ne avrebbe immediatamente parlato con sua madre, pauroso com’era..ma ora il solo pensiero di mostrare il suo sedere nudo a qualcuno, anche se questo qualcuno era sua madre, lo faceva morire di vergogna, eppoi la madre, più ansiosa di lui in quanto a problemi di salute l’avrebbe portato dalla dottoressa Quarenghi…una donna che lui, con tutta la timidezza della sua giovane età, trovava bella ed affascinante…avrebbe dovuto esibire anche al suo sguardo le sue imbarazzanti ricchezze posteriori..eppoi c’era l’nfemiera, una ragazza che entrava ed usciva dallo studio della dottoressa mentre ignari fanciulli se ne stavano seminudi o nudi esposti agli sguardi di chiunque sbirciasse dalla porta rimasta semiaperta aperta..
Pensò a quante volte coperto solo dalle mutandine la Quarenghi lo aveva fatto camminare su e giù nel suo studio, per controllare come andava sviluppandosi la sua colonna vertebrale, un inizio di scoliosi faceva sì che il suo sedere sporgesse un pò all’infuori…come se non bastassero le sue scandalose dimensioni, pensò arrossendo, ci mancava anche quest’altro problema….Ecco cos’era accaduto al povero Luca, ecco perchè mentre finiva di bere la sua tazza di latte tentava come meglio poteva di dissimulare il suo dolore…quella mattina appena sveglio il suo pensiero era andato subito all’indiscreto foruncolo che aveva scelto per affacciarsi al mondo proprio la sommità della sua natica destra, come ad attirare l’attenzione sulle sue indecenti dimensioni, una bandierina messa sulla vetta di una morbida candida collina di carne..
Si era reso conto che il fiore era sbocciato ed il dolore aumentava…
Si alzò ed istintivamente portò la mano sul foruncolo, persino sotto la spessa stoffa dei pantaloni invernali avvertì il rilievo dell’importuna escrescenza. Prese la cartella e si avviò mogio verso la porta d’ingresso.
La signora Benassi lo osservava di sottecchi fingendo indifferenza, nel frattempo rimuginava: era evidente che il suo bambino aveva un problema là dove ci si siede, non era certo noto per il suo coraggio quando si trattava di problemi, anche banali, di salute, cos’era che lo spingeva a soffrire senza dire nulla? Cos’era accaduto?
Decise che non poteva lasciare che il suo figliolo andasse a scuola in quelle condizioni, ed agì di conseguenza, si parò dinnanzi alla porta e fissandolo negli occhi gli disse dolce ma ferma:“Tu oggi non vai a scuola se non mi lasci vedere cos’è che ti fa tanto male….”
“ti prego mamma lasciami andare..non ho niente…dài..faccio tardi ..”
La signora Benassi perse la pazienza e passò alle vie di fatto, prese Luca per un braccio e se lo tirò dietro strattonandolo fino all’interno della sua camera da letto dove lo costrinse a sdraiarsi bocconi sul letto , ebbe facilmente la meglio sul debole ragazzino, poi non senza fatica e tenendo lontano le sue mani riuscì a tirare giù pantaloni e mutandine sino alla zona dove le cosce formose incontravano i grossi promontori posteriori, zona liscia e setosa foderata di sano adipe adolescenziale, come sempre la donna si sorprese ad ammirare le ricchezze callipigie del suo figliolo, Luca scoppiò a piangere, ma lei fu irremovibile , il grosso foruncolo spiccava rosso per l’infiammazione sulla candida vasta superficie della natica destra, la signora Benassi lo toccò delicatamente e Luca emise un lamento scuotendo il sedere e provocando una tempesta di carni sode ed elastiche che ritornarono solo dopo qualche secondo allo stato di quiete conservando il loro eccezionale aggetto malgrado la posizione…
“Qui ci vuole la dottoressa Quarenghi, oggi salti la scuola, andiamo subito all’ambulatorio anche senza appuntamento si tratta di una cosa urgente non vorrai rischiare un ascesso…”
“Che vuoi dire mamma….che può capitarmi…?”
“Niente se provvediamo subito…dài muoviti” e per sottolineare che doveva sbrigarsi prevenne ogni possibile protesta somministrando un energico schiaffone sulla prosperosa natica sinistra, quella integra, Luca piagnucolò come una ragazzina mentre il grosso posteriore danzava…La sala d’attesa dell’ambulatorio era come sempre piena di mamme ragazzini e ragazzine, tutti sotto i 16 anni, limite di età per essere poi dirottati al medico di base generico…
Luca sedeva accanto alla madre, il bel volto dai femminei ,delicati lineamenti era imbronciato, gli eventi occorsigli negli ultimi due giorni avevano messo a dura prova il suo amor proprio, forse lo avevano definitivamente minato. Mentre aspettava rievocò per l’ennesima volta nella sua mente le parole di Simona e gli accadde di riflettere su come una femmina potesse essere crudele nei confronti di un timido debole maschietto come lui, e del potere enorme di cui disponeva…e pensare che come tutti i suoi compagni sin dal primo giorno di scuola, aveva fantasticato su di lei, si era visto al suo fianco come possibile fidanzato. Simona teneva a distanza col suo sguardo sprezzante tutti i ragazzi della classe. Si diceva fosse fidanzata con un prestante ventenne che frequentava l’università. Spesso all’uscita dalla scuola Luca l’aveva vista dirigersi sorridendo verso un bel ragazzo alto ed atletico, spalle larghe e fianchi stretti da sportivo, ora sapeva che la sua conformazione era l’esatto contrario di quella che caratterizzava un corpo virile, la scioccante immagine che lo specchio gli aveva crudelmente rimandato parlava di morbida arrendevole debolezza femminea, parlava di sottomissione e di umiliazione…ora sapeva di non avere alcuna speranza né con Simona né con altre ragazze…
Assorto nei suoi pensieri non avvertì subito lo sguardo di Laura, l’infermiera che seduta dietro la scrivania accanto all’ingresso dello studio accoglieva i pazienti, la ragazza gli sorrideva interrogativa, come per metterlo a suo agio, evidentemente il suo volto esprimeva in modo evidente lo stato d’animo nel quale si dibatteva, inoltre più volte aveva tradito una smorfia di dolore, anche se tentava di non poggiare troppo sul foruncolo, tenendo la natica destra sollevata…
La signora Menassi colse lo sguardo di Laura e le sorrise a sua volta: “ Un grosso foruncolo che va preso in tempo sennò può degenerare in un ascesso..”
Luca arrossì e strattonò la madre, con gli occhi bassi sibilò sottovoce:” mamma ..ti prego…”
Laura apparve interessata: “ La faccio entrare subito..appena esce il paziente che ora è dentro….meglio controllare…”
Proprio in quel momento la porta dello studio della Quarenghi si aprì ed una donna con una bambina comparve sulla soglia…immediatamente una delle signore che attendevano si alzò come accingendosi ad entrare, Laura tentò di convincerla a dare la precedenza alla signora Benassi ma ottenne solo di dar luogo ad una protesta generale tanto che la dottoressa Quarenghi si affacciò sulla soglia attirata dal trambusto..alla fine fu deciso che un controllo immediato poteva esser effettuato da Laura…tutto questo avvenne dinnanzi alle persone presenti nella sala d’attesa, si parlò del foruncolo di Luca e di dove fosse spuntato, il ragazzo, rosso come un peperone, si accorse di qualche sorrisetto di troppo…
Una ragazza sui sedici anni lo fissò con insistenza negli occhi godendo del suo imbarazzo, poi spostò gli occhi sul suo grosso didietro che il maglione non riusciva a dissimulare…
Laura invitò madre e figlio a seguirla nello studiolo accanto a quello della Quarenghi, la signora Benassi fece per entrare ma Luca si ribellò con tale veemenza che la povera donna decise di accontentarlo, l’infermiera sottolineò che era contrario alla procedura visitare un minorenne senza la presenza della madre, ma la signora Benassi la pregò di fare un’eccezione visto lo stato d’animo del suo figliolo: “Non so cosa gli abbia preso… non l’ho mai visto così agitato, ora ciò che mi preme è la sua salute, poi, a casa, faremo i conti…”
“Non dovrei farlo, non lo dica alla dottoressa…”
Luca era così sconvolto dagli ultimi eventi che ancora non aveva realizzato che si accingeva a mostrare il suo sedere o una sua parte ad una ragazza giovane e carina, inoltre ora sapeva per averlo constatato de visu cosa stava per esibire…tuttavia non c’era via d’uscita tutto era precipitato così in fretta negli ultimi due giorni che questa imbarazzante prova sembrava assegnatagli da un destino ineluttabile. Era come se il fato crudele gli dicesse: “Hai appena preso atto dell’indecenza ,in quanto a dimensioni, del tuo didietro ed ecco che subito dopo sei chiamato ad esibirlo seminudo allo sguardo di una giovane femmina, povero il mio candido femmineo giovinetto callipigio questa è solo la prima della lunga serie di umiliazioni che ti attende…”
Appena dentro il piccolo ambiente Laura invitò con aria professionale il ragazzo a tirare giù i pantaloni e poi a stendersi bocconi sul lettino. Luca iniziò l’operazione che si rivelò come sempre piuttosto complicata, la madre si ostinava a fargli indossare dei pantaloni che gli erano divenuti piuttosto stretti visto lo sviluppo delle sue forme posteriori avvenuto nell’ultimo anno, il sedere del ragazzo era sempre stato di ragguardevoli dimensioni, ma da qualche tempo era come fiorito, sicchè gli fu impossibile scoprire solo parte della natica interessata, insomma con qualche sforzo sarebbe riuscito a tirare giù completamente i pantaloni, ciò che sembrava impossibile era farli scendere solo quanto bastava a scoprire la zona interessata. Visti i suoi sforzi, con un certo imbarazzo Laura gli si avvicinò mormorando: “eh..sono un pò stretti questi calzoni…aspetta che ti aiuto..” Chinatasi dietro il ragazzo Laura tirò con forza e finalmente pantaloni e mutandine insieme superarono l’aggetto formidabile, facendo quasi i esplodere verso l’esterno, il grosso candido posteriore del giovinetto che apparve in tutta la sua indecente ed arrogante abbondanza, liscio e glabro, come quello di una giovane vergine ipercallipigia.
Laura non potè evitare di fermarsi come ipnotizzata a guardare un simile spettacolo, arrossì imbarazzata, immedesimandosi nel timido ragazzino che ora era costretto ad esibire cotanta prosperità di carni posteriori al suo sguardo di giovane femmina…Luca tentò goffamente di tirar su, in parte, i pantaloni, a coprire parte delle natiche ma la stoffa sembrava incollata alla base delle cosce anch’esse formose nella parte alta laddove si congiungevano alle natiche quasi preannunciandone l’opulenza.
Decise di non continuare nei suoi ridicolo tentativi e si rassegnò a distendersi sul lettino col posteriore completamente nudo proiettato in modo osceno verso l’alto, Laura non potè non notare, quasi con ammirazione, l’aggetto che le formidabili natiche del ragazzo conservavano malgrado la posizione, quasi che la carne soda imbottita di sano grasso adolescenziale si ribellasse alla legge di gravità.
La ragazza dopo ave indossato un guanto si avvicinò al lettino ed osservò il grosso foruncolo “dunque vediamo…è molto infiammato e di notevoli dimensioni…” lo toccò lievemente e Luca non potè trattenere un gemito scuotendo istintivamente il sedere che danzò per qualche secondo sotto gli occhi attenti della ragazza, lo spettacolo sembrò turbarla, per la prima volta sentì il potere che aveva sempre avuto senza rendersene conto.Ci voleva un ragazzino così dotato in quanto a ricchezze posteriori per farle prendere coscienza che potevagovernare le emozioni di giovanissimi pazienti ancora in boccio? Che poteva godere della loro vergogna nell’esibire corpi che in fase di sviluppo esibivano mutazioni spesso imbarazzanti?
Insomma quel grosso sedere così perentoriamente offerto al suo sguardo urlava la debolezza che le veniva consegnata e della quale lei poteva disporre come voleva.
“Non mi pare ci sia nulla di grave… “mormorò come tornando in sè “possiamo risolvere facilmente il problema se tu ti dimostri coraggioso come sicuramente sei…ora resta pure fermo così, io vado a parlare con la dottoressa..torno subito… puoi anche tirare su…o forse meglio di no, vista la fatica che abbiamo fatto per …devo dire a tua madre che hai bisogno di una taglia superiore sei cresciuto evidentemente..” Luca tacque ancora frastornato da quanto gli andava accadendo.
Laura uscì ed informò la signora Benassi che intendeva sentire il parere della Quarenghi ed eventualmente procedere a far fuoriuscire il pus con una procedura che aveva già altre volte attuato con successo.
La signora Benassi apparve sollevata ed appena Laura scomparve oltre il corridoio, scostò lentamente la porta per sbirciare dentro, la prima cosa che vide fu il grosso sedere del figlio ammiccare nella sua direzione “tutta salute..tesoro di mamma adesso risolviamo tutto” pensò tra sè e sè”.
In quel momento la ragazza che in sala d’attesa aveva a lungo fissato maliziosamente Luca comparve all’inizio del breve corridoio diretta verso il bagno, sorrise alla signora Benassi quando fu giunta alla sua altezza mostrandosi interessata alle sorti del suo ragazzo ” come va? tutto bene?”
La signora Benassi sollevata dalle parole di Laura ed ansiosa di condividere anche col primo venuto la ritrovata serenità, si affrettò a rispondere: “Bene , sembra che la cosa possa essere risolta dall’infermiera, si tratta solo di far fuoriuscire il pus da quel maledetto foruncolo…”
“Bene..sono contenta per voi…” disse la ragazza, mentre parlava sbirciò a sua volta dalla porta rimasta semiaperta, la signora Quarenghi fece per chiuderla ma come tutte quelle mamme che trascurano il pudore dei loro figlioli pensandoli sempre bambini, finì col ritenerla, paradossalmente, una scortesia nei confronti di chi si era interessato al suo amato Luca, così la ragazza potè vedere, completamente nude, le prosperose natiche del ragazzo ed il foruncolo che ne deturpava una, violandone il niveo vellutato candore.
” Certo si trova in un punto scomodo..anche mio fratello ne ha sofferto ed io stessa l’ho curato..” Disse continuando a fissare lo spettacolo indecente di quel grosso sedere, il cui proprietario esibiva inconsapevolmente al suo sguardo ironico di maliziosa fanciulla.
“mio fratello lo aveva nella stessa posizione, sulla sommità della …natica un pò spostato all’interno, verso..verso la spaccatura che separa..visto che mio fratello ha anche lui un sedere piuttosto…consistente, io credo che dipenda dallo sfregamento…”
La signora Benassi fu colpita dall’attenzione e dalla cura che una ragazza così giovane aveva dedicato al proprio fratellino, preoccupandosi di capire come aiutarlo a risolvere il suo fastidioso problema..assieme tornarono guardare un’ultima il ragguardevole mappamondo placidamente esposto al loro sguardo…
Luca sentiva che la madre in corridoio parlava con qualcuno, ma non sospettava che la porta fosse semiaperta e che la ragazza che già lo aveva fissato maliziosa nella sala d’attesa ora stesse guardando il suo grosso sedere completamente nudo…restò fermo come gli aveva detto Laura, ancora annichilito da quanto il suo fragile spirito era stato costretto a sopportare si addormentò.
La signora Benasssi si accorse subito che il suo ragazzo si era appisolato” Dorme..” Disse con tenerezza alla ragazza…”era così agitato ieri, sono sicura che stanotte non ha dormito..” Lei sorrise comprensiva” Deve aver molta cura per il suo figliolo…si vede che lo ha nutrito bene…è florido…tutta carne soda grazie ai manicaretti che le prepara lei…”
“ Certo che l’ho nutrito bene…” ribadì la signora Benassi con orgoglio..” Si vede eh? Quest’ultimo anno è cresciuto, non molto in altezza, ma per il resto non sembra certo uno di quei ragazzi patiti che si vedono in giro…”
Ancora i quattro occhi femminili si posarono sull’imponente posteriore immobile del ragazzo, proprio mentre Laura compariva in fondo al corridoio, l’infermiera raggiunse le due donne mentre la ragazza si accomiatava allontanandosi.Laura informò la Benassi su quanto deciso dalla Quarenghi: si poteva procedere, aveva la sua piena fiducia.Laura svegliò dolcemente Luca e gli disse di prepararsi a sopportare un piccolo dolore…
“Piccolo quanto? “ gemette lui.
“Devo incidere questo cattivo di foruncolo e poi fare una leggera pressione per far uscire il pus, dobbiamo fermare l’infezione.”
La giovane infermiera procedette a disinfettare l’intera area interessata con della tintura di iodio , l’operazione di sfregamento attivò una sorta di terremoto che scosse le due opulente masse carnose per qualche secondo, poi prelevato un bisturi da una vaschetta incise con decisione la sommità del foruncolo…
In piedi dietro la porta con l’orecchio quasi poggiato sul vetro smerigliato la signora Benassi udì l’urlo di dolore del suo sventurato figliolo…

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.