Zia Bank Check

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Zia Bank Check

Spread the love

Premetto che, quanto sto per raccontare è tutto vero.
Erano gli anni 90 quando ho conosciuto mia zia acquisita. Ha suscitato in me una forte attrazione fisica perché anche se caratterialmente era un delirio dall’altra parte era una bella donna, bionda, con occhi celesti e 42 di taglia, sempre elegante e con classe. Non le piacevo perché non ero abbastanza ben messo economicamente per sua nipote. Per lei, l’aspetto fisico non contava, se fossi stato un cesso ma con tanti soldi allora sì.
Lei era quel genere di persona che pur di apparire faceva carte false. Infatti, per il suo benessere non aveva scrupoli a truffare le persone con la sua pseudo attività commerciale. Non entro nel dettaglio perché sarebbe troppo lungo da raccontare. Arriviamo a quando mi sposai con sua nipote che per lei voleva dire regali e quindi soldi. Venne un giorno a casa nostra e, con un racconto strappa lacrime riguardo l’andamento della sua attività, ci frego qualche milione di lire che a suo dire ci avrebbe restituito entro breve. Era per me scontato che non li avremmo più visti. Passarono diversi anni e i tentativi di spillarci soldi erano sempre più frequenti anche perché, nel frattempo ero diventato un imprenditore e quindi una preda per il suo modo di essere. Per questo motivo si era data anche a diversi uomini che l’hanno costretta a fare di tutto. Arriva il momento della crisi con mia moglie (sua nipote) con conseguente separazione e diventa per lei l’occasione per rifarsi avanti con me. In quel momento, lei aveva 50 anni ed io 30. Abitava in un’altra città perché nel frattempo aveva sposato un professionista ma solo per soldi, ma aveva mantenuto la casa dove abitava da sola nella mia stessa città. Mi aveva lasciato le chiavi di casa per eventuali emergenze e spesso mi chiedeva di passare per prenderle delle cose che le avrei dovuto sporgere a metà strada. Una volta però, senza forse rendersene conto, tra le diverse cose, mi chiese di prenderle dell’intimo dal cassetto della sua camera. Fui attraversato da pensieri morbosi. Corsi a casa sua, mi fiondai in camera da letto e aprì il cassetto che mi aveva indicato. A parte i reggiseno (portava una seconda), la mia attenzione si riverso sulle mutandine. Indossava sia le culotte di pizzo che tanga. Ne presi alcuni che annusai e strofinai sul mio pene che, per l’eccitazione, si era inumidito di sperma. Fatto sta, che le portai quanto mi aveva chiesto ma da quel momento capii che dovevo provarci. Un giorno presi coraggio e la chiamai dicendole che avevo bisogno di parlarle. Mi rispose che la sera si sarebbe fermata a dormire nella sua seconda casa e che mi avrebbe aspettato al mattino. Alle 8 ero a casa sua; si era svegliata da poco ed indossava un t-shirt che le arrivava appena sotto le natiche. Non portava il reggiseno ed i capezzoli, belli grossi, erano evidenti. Mi ha fatto sedere e subito dopo aver preparato la caffettiera, si piegò per prendere le tazze pulita dalla lavastoviglie. Si presenta a me un’immagine che non mi aspettavo, non portava neanche gli slip. Avevo il suo culo e la figa in bella vista, uno spettacolo che mi ha fatto arrapare tanto che avevo il cazzo che mi stava per esplodere nei pantaloni. In quei pochi secondi di piegamento, avrà capito e si è rialzata di scatto voltandosi per capire cosa avessi visto. Ho abbassato lo sguardo ed ha capito che mi ero accorto della mancanza…
Pronto il caffè si è seduta di fronte chiedendomi di cosa volessi parlarle. Mi sono fatto coraggio e le ho dichiarato balbettando ed esitando di quanto fossi attratto da lei e probabilmente l’amavo. E’ rimasta di stucco e senza dire una parola per diversi secondi. Dopodiché, mi ha domandato da quanto tempo provavo queste cose per lei. Le ho subito risposto con un : < da subito dopo che ti ho conosciuta >. A quel punto, ha cercato in qualsiasi modo di persuadermi e, in base alle mie risposte ha capito che la questione era seria.
Mi ha chiesto di aspettarla perché doveva prepararsi per andar via. E’ andata in bagno per farsi la doccia lasciando la porta socchiusa. La cucina era situata di fianco. Mentre sentivo l’acqua scorrere, mi sono avvicinato alla porta ed ho potuto ammirarla nella sua totale nudità. I vetri erano trasparenti e lei era di spalle. Nuova erezione che non riuscivo a controllare. E’ uscita dal bagno per andare in camera a vestirsi e con un asciugamano che la copriva appena e, considerando la posizione favorevole in cui ero seduto non ho potuto fare a meno di guardarla. Come nel film Basic Instinct, si è tolta l’asciugamano ed ha iniziato a vestirsi senza rendersi conto che la stessi guardando. Avevo le palpitazioni e erezione a mille.
Pronta per andare, siamo entrati in ascensore e nel mentre ci siamo guardati, mi ha sorriso e lì non ho potuto fare a meno di avvicinarmi a lei per baciarla. Non si è scostata e mi ha lasciato fare. Per qualche secondo la mia lingua era nella sua bocca.
Fuori dall’ascensore ci siamo salutati ed ognuno per la sua strada. Da quel momento, non ho fatto altro che pensare a lei e quanta voglia avevo di farla mia.
Passato qualche giorno, mi ha telefonato chiedendomi di incontrarci perché voleva parlarmi. Salito in macchina sua, mi ha chiesto subito come stessi. Le ho risposto che il mio pensiero era rivolto a lei. Per cambiare discorso, mi parla subito del suo problema che come avevo potuto immaginare era economico. Aveva bisogno di un prestito! Le ho risposto che potevo ma che avevo bisogno di andare in banca e che ci saremmo rivisti in serata. Metto i soldi una busta ed anche un biglietto sul quale avevo scritto che volevo fare l’amore con lei. Ci vediamo in un posto fuori paese, salgo sulla sua auto e le consegno la busta e la saluto. Lei mi chiede di aspettare, apre la busta e trova il bigliettino. Lo legge e mi guarda creandomi un po’ di imbarazzo. Mi chiede se ero davvero convinto che era diventata il mio desiderio più grande e la risposta fu subito sì.
Si è avvicinata a me e mi ha baciato. Le nostre lingue si sono avvinghiate con foga, non capivo più nulla. A quel punto le ho messo una mano sotto il reggiseno ed ho iniziato ad stringerle le tette e poi strizzare i capezzoli che si erano induriti. Mi ha messo la mano sulla patta ed è rimasta sbalordita per quanto sentiva il cazzo duro nei pantaloni. Mi ha chiesto cosa avessi dentro e le ho risposto ridendo che nascondevo una bestia…rara. Presa dalla curiosità, mi ha slacciato i pantaloni e per la pressione il mio cazzo è sbalzato fuori. Lo guardava e guardava me incredula. -Non ci posso credere che tu abbia una roba del genere! Non ho detto nulla sempre perché non mi sentivo a mio agio; ha cominciato a segarmi pian piano e sono uscite le prime gocce di sperma. Si è abbassata su di esso ed ha cominciato a sbocchinarmi riuscendo a contenerlo a mala pena in bocca.
Tanto che ero eccitato, dopo neanche un minuto, senza avvisarla ho sborrato nella sua bocca. Ne avevo tanta perché era qualche settimana che non mi segavo. Si è tolta appena dopo e con uno sguardo incendiario e con la bocca gocciolante di sborra si è lamentata del fatto che avrei dovuta almeno avvisarla.
Le ho chiesto scusa inibendo ogni ulteriore mia azione. Ho pensato dopo che poteva essere una scusa per impedirmi di andare oltre.
Per diversi giorni non si è fatta più sentire sino a quando arriva il momento in cui dovevo partire e stare via per un bel po’ di tempo e l’ha saputo. Mi ha subito chiamato chiedendomi della novità e facendomi una sorta di terzo grado. Ho percepito che era andata in panico perché la sua cassa… stava per partire.
Si è fatta coraggio e mi ha chiesto se per eventuali emergenze, nel frattempo fossi via, potevo farle la cortesia di lasciarle qualche foglietto di assegno firmato in bianco per dei postdatati che avrebbe poi coperto. Considerando il rischio di qualche eventuale protesto (avevo pochi soldi su quel conto), ho tentennato esternandole il mio timore nel lasciarle qualche mio assegno in bianco.
A questo punto ha tirato fuori l’asso dalla manica invitandomi a cena nella sua seconda casa perché a suo dire aveva un regalo da darmi per ricambiare la cortesia. Ho capito subito a cosa facesse riferimento e le ho detto di sì.
Arrivato a casa sua, mi ha accolto sulla porta con un vestino corto e molto leggero con una scollatura da paura. Mi ha abbracciato stringendomi a se e ci siamo baciati. Ero eccitato da morire ed ho iniziato a palparla. Le ho fatto sentire quanto duro era il mio cazzo ma subito mi interruppe dicendomi che la cena era pronta e che avevamo tutta la sera a disposizione.
Prima di sedermi, ho tirato fuori il carnet degli assegni e le ho lasciato sulla credenza 3 foglietti firmati in bianco, li ha visti e mi ha sorriso.
Mentre cenavamo, mi parlava ma io non aspettavo altro che saltarle addosso. Finita la cena ci siamo messi sul divano per il caffè e sigaretta e, mi chiede se mi andava di dormire da lei. Le ho risposto subito di sì ma anche che non avevo il cambio. – Non c’è n’è bisogno mi risponde, ci facciamo un bel bagno per rilassarci e poi a letto. Ero fuori di me al pensiero.
Prepara la vasca, una semirotonda con idromassaggio e quando fu pronta mi chiama in bagno. Lei era già dentro bella nuda, ed aveva acceso delle candele profumate sul bordo. Mi invita a spogliarmi e raggiungerla nella vasca. Mi spoglio con imbarazzo perchè avevo il cazzo tipo marmo color viola per l’eccitazione. Non smise di togliere lo sguardo dal mio membro e una volta entrato mi fa sedere e lei si mette con la sua spalla appoggiata al mio petto. Le verso l’acqua sul suo corpo massaggiandole le tette. Le mie dita roteavano intorno ai sui capezzoli dritti come cazzetti. Saranno stati almeno 2 cm. Inizia ad eccitarsi e si volta con il viso verso il mio cercando le mie labbra. Le ho messo la lingua in bocca che mi succhiava come se stesse facendo un pompino. Stavo impazzendo. Nel mentre, la mia mano cerca la sua figa che mai avevo toccato prima di quel momento. Era completamente rasata e liscissima. Ho iniziato a masturbarle il clitoride e si è scatenata dal piacere: Dopo qualche istante è venuta la prima volta. Si è poi girata e, messa in ginocchio, ha iniziato a succhiarmelo mentre con una mano accarezzava le palle. Era una succhiacazzi di livello inaudito. Mi teneva la cappella in bocca succhiando senza movimento. Non ci ho messo molto a venire ma questa volta l’ho avvisata prima. Ha continuato imperterrita e si è fatta sborrare in bocca come se non ci fosse un domani. Ho dovuto staccarla con forza perché mi erano venuti i brividi. Mi ha subito baciato e trasmesso il sapore di sborra che aveva ancora nella bocca.
Mi ha invitato ad uscire per andare a letto, ci siamo asciugati a vicenda ed ho potuto ammirare ancora di più la sua figa e il suo culo. Mi ha preso per mano e mi ha portato sul letto. Si è stesa a gambe aperte chiedendomi di dimostrarle quanto fossi bravo con la lingua. Sono sempre stato un maestro in questo e me lo ha confermato per quanto si torceva per la goduria. Le succhiavo il clitoride con maestria e contemporaneamente, con l’anulare inumidito dai suoi umori, le stuzzicavo il buco del culo. Ho trovato subito campo libero a dimostrazione che la troia era già stata sverginata. Mentre succhiavo, il mio dito la scopava nel culo sempre più forte. Le ho fatto cambiare posizione facendola mettere seduta sulla mia faccia per leccarla ancora più nel profondo sino a quando ha squirtato inondandomi. – Sììììììì, godoooooo tesoro mio, mi fai impazzire come mai mi è successo. Ho bevuto di lei e tanto ed aveva un sapore buonissimo. Senza fermarsi un attimo, mi ha chiesto poi di scoparla.
Le ho subito infilato il cazzone dentro la figa piena di umori ed lanciato un grido di dolore. -Piano tesoro, mi spacchi la figa cosi, non l’ho mai preso cosi grosso !!! Ho rallentato il ritmo cambiando più volte posizione sino a quando l’ho fatta sedere su di me per farglielo sentire ancora più dentro. La scopavo con ritmi soft perché voleva sentirlo bene. Ormai la sua figa si era allargata a dovere per contenere il mio cazzo che sentivo toccava la parte superiore dell’utero. E’ venuta ancora e sembrava sfinita. Invece mi sbagliavo, si messa in ginocchio e ha ripreso a succhiarmelo. L’ho girata, l’ho messa a pecorina e le ho leccato il buco del culo ed ho poi iniziato ad avvicinare la cappella sul suo orifizio. -Non penserai di mettermi in quell’arnese in culo? Le ho risposto che non vedevo l’ora. – Stai scherzando, mi apriresti in due!! Non mi dire che non l’hai mai preso dietro le ho risposto. – Te ne sarai certo accorto di sicuro che non sono più vergine ma erano cazzetti, cosi grosso mai. Vorrà dire che adesso proverai un vero cazzo! -No, ti prego, potresti lacerarmelo!! Stai tranquilla, farò piano finché non ti faccio abituare. -Non sono convinta, ho paura. Pensi che un altro assegno potrebbe fartela passare? Detto questo mi ha risposto che potevamo provarci ma che avrei dovuto smettere nel caso di dolore insopportabile. Era proprio una troia a pagamento e che troia.
L’ho fatta mettere a pancia in giù, l’ho prima leccata e poi ho iniziato a poggiare la cappella sull’ano suggerendole di rilassarsi. Aveva preso in mano il mio cazzo per accompagnarlo pian piano all’interno. – Fai piano per favore, inizio a sentirlo e mi fa paura. Le ho ribadito di stare tranquilla, mi sono abbassato su di lei e con l’altra mano le masturbavo il clitoride. Nel frattempo spingevo sempre più dentro ed ha iniziato a urlare di dolore. -Basta, ti prego, mi stai spaccando il culo. Preso dall’eccitazione, avevo il cazzo duro come una pietra e, senza pensarci due volte le ho dato un colpo secco infilandolo tutto dentro. Ha emanato un grido sovraumano che mi ha scosso. –ahhhhhhhh, stronzo coglioneeee, sei impazzito? Tiralo fuori che mi stai spaccando. Non l’ho ascoltata ed ho iniziato a pomparla sempre più e contemporaneamente le masturbavo la figa. -Basta ti prego, mi fa malissimo, sei un bastardo. Sarò un bastardo ma tu sei una troia rizza cazzi le risposi. Ed ancora, cosa pensi che non so delle tue scopate con quei due dell’immobiliare? Mi hanno raccontato delle vostre orge. Addirittura ti facevi pagare profumatamente per farti inculare.
La inculavo sempre più forte e lei che mi pregava quasi piangendo di smettere. – Basta, ti prego, mi sento svenire dal dolore. Non le ho dato ascolto e pompavo sempre di più, forse preso anche dalla rabbia repressa di quanto in passato aveva fatto con me la sostenuta e sofisticata.
Ad un certo punto ha iniziato ad abituarsi anche perché ho continuato a masturbarle il clitoride. – Dai bastardo, continua che mi sto abituando anche se mi fa comunque male. Dopo un po’ mi ha gridato che stava venendo sia dal culo che dalla figa: – Siiiiiiiiii stronzo, più forteeee che sto godendo come una puttana in calore>.
-Godoooooo, sborrami dentro il culoooooo, riempila tutta questa troia. Le ho sborrato tutto quello che mi era rimasto e mi sono accasciato su di lei.
Siamo rimasti fermi per qualche minuto con i respiri affannosi.
Le ho sfilato il cazzo dal culo e avevo la cappella che gridava pietà per l’usura. Il suo ano è rimasto aperto per qualche minuto e sfiatava aria per quanto l’avevo pompato. Una battaglia durata più di 2 ore!
Siamo rimasti in silenzio per diversi minuti con il battito a mille. Le accarezzavo la schiena scendendo sino al culo che mi aveva fatto fodere come mai prima. Si è girata verso di me e sorridendomi mi dice: -non l’avrei mai immaginato che scopavi a certi livelli. Un altro po’ e mi mandavi all’ospedale. Ho il culo e la figa in fiamme. Ridemmo per quella esternazione e ci abbracciammo baciandoci. Poi si giro dandomi le spalle mettendosi in posizione fetale. Si è addormentata mentre io continuavo ad accarezzarla e nel frattempo il mio uccello è diventato semi duro e l’ho infilato nella sua figa e mi sono addormentato anch’io.
Al mattino mi sono svegliato per primo e ancora incredulo per la scopata memorabile l’ho guardata nella sua totale nudità. Era a pancia in su e sono stato qualche minuto ad ammirarla. Nonostante i suoi 50 anni era uno splendore di femmina.
Mi alzo per andare in bagno a farmi una doccia visto che ero appiccicaticcio dei nostri umori e subito dopo a preparare il caffe che le ho portato a letto accompagnato da 2 biscotti. L’ho svegliata e un po’ frastornata mi ha fissato per qualche secondo rendendosi conto che ero nudo con il cazzo pendolante. Si è poi messo una mano sulla figa come per pudore. Le ho detto che non era il caso visto quanto avevamo fatto. Si è seduta a letto e le ho passato il caffè. Dopo averlo bevuto mi ha chiesto che impegni avevo durante la mattinata e le ho risposto che non ne avevo alcuno.
-Ok, vado in bagno a fare pipì e una doccia, tu aspettami qui. Così ho fatto. E’ tornata dopo 20 minuti circa con addosso un asciugamano che la copriva. Ha aperto un cassetto e sorpresa delle sorprese ha tirato fuori da un piccolo asciugamano un vibratore di dimensioni sproporzionate. Si mette sul letto e inizia a mettersi in bocca quell’enorme fallo di silicone, poi una volta averlo inumidito, divarica le gambe e se lo infila nella figa centimetro dopo centimetro per un totale di 25 cm. –Avvicinati e mettimi il cazzo in bocca, mi disse. Non me lo feci ripetere 2 volte, mi avvicinai mettendomi in piedi e gli infilai il cazzo in bocca tenendola per la testa mentre si scopava il vibratore nella figa. Poi mi chiese di girarmi e mettermi seduto con il culo sulla sua faccia e cosi, prese a leccarmi il buco del culo e pian piano cercava di infilarci un dito all’interno. Mi faceva impazzire!! La misi in posizione 69 e ci leccammo a vicenda. La feci girare a pecorina, presi il vibratore e glielo infilai nella figa e contemporaneamente le misi in il cazzo in culo. Era ormai cosi aperto che ci mise poco ad accoglierlo. Inizio a godere come una pazza. – Siiiii, dai, inculamiiiii, me lo hai rotto tutto brutto porco che non sei altro. – Dimmi quante seghe ti sei fatto pensando a me. Tante le risposi. – Perché non ci hai provato prima? Hai ragione le risposi, non immaginavo che tu una fossi troia di tale dimensioni. In quel momento di eccitazione massima, le raccontai di quelle volte che andavo a casa sua e annusavo le sue mutandine e mi strofinavo il cazzo lasciandoci sopra qualche goccia di sborra. Ed anche che l’ho spiata più di qualche volta mentre era in bagno per fare pipì o piuttosto per farsi una doccia. A quelle parole, la sua eccitazione divenne sempre più grande. Se lo sfilò dal culo per metterselo in bocca. –Dai, riempimela di crema calda. Non me lo feci ripetere, la tenni per la testa e le spruzzai non so quanta sborra. Lei continuò a pompare finché non ingoio tutto e pulì la cappella. Esausto, mi accasciai sul letto mentre lei reclamava la sua parte. – Voglio sborrare anch’io. Si mise seduta sulla mia faccia con la figa sulla mia bocca e le infilai la lingua dentro. Faceva su e giù con la sua figa finché non raggiunse un orgasmo enorme che bevvi tutto. I suoi umori erano deliziosi.
Fu la prima ed ultima volta perché non ci fu più occasione per rivederci ed è rimasto un ricordo indelebile, una delle più inaspettate e belle scopate della mia vita.
Nonostante siano passati 20 anni da quella volta, ancora oggi mi sego pensando a lei.

 



2 thoughts on “Zia Bank Check

  1. ferd

    mia zia e mia consanguinea essendo al sorella di mia madre, devo dire per correttezza che non è stato facile corteggiarla per scopare con lei, ma ci sono riuscito tempo dopo il suo divorzio, glie dissi che sarebbe successo, aveva sposato uno stronzo e pure cazzone, visto che mia zia è un imprenditrice di successo, e lui squattrinato faceva la bella vita con i soldi di mia zia innamorata pazza, glielo dicevo che era pazza non meritava un uomo ingrato che la cornificava anche con le segretarie di 20anni, così dopo il divorzio ho visto la strada spianata e ho continuato più di prima a corteggiarla, fino a quando volle che l’accompagnai all’estero per stipulare un contratto di lavoro, visto che parlo bene l’inglese si fidava più di me che del commercialista, alloggiammo in splendido hotel a 5 stelle, quella sera dopo la cena di lavoro stipulato il contratto si bevve champagne a gogò e ritornando in hotel tra qualche abbraccio e bacio per il risultato ottenuto ottenni anch’io il mio regalo, entrammo nella sua camera da letto e ne uscii la mattina dopo alle 9:00, scopammo la notte e la mattina presto, me la gustai dalla testa ai piedi, non tralascia nulla di MIA ZIA una femmina di 55 anni ma bona succosa delicata come poche donne alla sua età, al meno io la vedo così, forse perchè la bramavo da anni da quando avevo 14 anni mi segavo per lei, ora ne ho 36 e per tutte le femmine del pianeta terra se fosse possibile la sposerei e se la natura non fosse egoista la metterei incinta una volta all’anno! A regà le donne cìè fanno uscì matti, non so voi, ma io di sicuro, avevo una ragazza di 28 anni l’amavo ma non la scopo come faccio con mia zia, è una bella donna molto sensuale, incerti frangenti erotica da non resisterle, emana un profumo di femmina, e nell’intimità di figa, si si di figa che sballa la mente, cancella ogni remora, ogni ragione e razionalità, quell’odore mi accompagna in un paradiso femminile che non conosce limiti, impossibile per me dirle di no, impossibile per me non baciarla leccarla e succhiarle ogni centimetro della sua carne.

     
  2. Matt Arello

    ci sono riuscito una volta sola, sapeva che sbavavo per lei fin da ragazzino, crescendo mi sono proposto senza avere successo, ma quella volta non so come e perchè me la fece accarezzare baciare e leccare fin dentro, poi mi scostò mi tirò giù i pantaloni e mutande e sparò una sega per placare l’eccitazione, mi disse, adesso ti sei tolto la curiosità, spero ti sia piaciuta, ma non ci pensare più a me intesi? Questa è stata la prima e l’ultima volta, trovati una ragazza esplica con lei le tue fantasie e curiosità, rendila felice.
    Peccato mi gustava parecchio nonostante avesse 46 anni, ci speravo proprio perchè divorziò pensavo d’avere la possibilità di instaurare un bel rapporto sessuale con lei, le donne sono strane, comunque viva le donne meritano indubbiamente amore.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.