Una serata bollente

Una serata bollente

Spread the love

Ciao mi chiamo Miriam, ho 23 anni e mi reputo una bella porca, sia nel parlare e sia a letto, ho una 4 di seno, sodo che anche se non metto il reggiseno mi sta su! Non sono molto alta, ma ha un culo così duro che se mi dai uno schiaffo ti fai male! Amò vestirmi provocante, e quella sera che vi sto per raccontare, mi sono messa addosso il vestito più corto che avevo nell’ armadio, così corto che se mi sedevo, avevo tutto il culo di fuori, Poi nn parliamo del seno, non avevo neanche il reggiseno, e le mie tette stavano coperte solo da un filo che passava sui miei capezzoli! Qiella sera con il mio ragazzo avevamo serata libera, quindi sia io che lui potebamo uscire per i fatti nostri…Io decisi di andare in una discoteca scambisti. Appena entrai, un tipo, mi porto fino al bancone per offrirmi da bere! Parlando del più del meno, ci siamo bevuti 3 cocktail, la testa iniziava a girarmi, lui li mi chiese se mi andava di andare in una stanza un Po più tranquilla. Io accettai perché secondo me non c era niente di male. Andiamo in questa stanza, c era un letto con dei cuscini, lui entrando lascia la porta aperta, beviamo un altro cocktail, affinché io non ci capisco più niente, Lui mi inizia a toccare le cosce a finché mi sono ritrovata a limonare con lui! Dopo poco avevo già il suo pisello tra le mani, e la figa fradicia con le sue dita dentro. Mi prende la testa e mi dice di succhiargli il cqzzo, io in ginocchio lui sul letto gli prendo il suo grosso cazzo e me lo infilo in bocca, nel frattempo entrano due ragazzi e come se niente fosse si spogliano e mi iniziano a schiaffeggiare con il cazzo, io non volevo ma loro continuavano, me lo infilavano di continuo in bocca, poi ne sono entrati altri che ho perso il volto! Ho preso cazzi in culo e in fino a farmi sborrare tutta! Sono rimasta in stivali che colavo da quanta ne avevo addosso. Il giorno dopo come se niente fosse sono tornata dal mio ragazzo.

 

One thought on “Una serata bollente

  1. Sandra

    non ti reputare porca, anch’io non sapevo… noi donne non sappiamo molto della nostra sessualità, sono i maschi che ci trasformano in porche, la mia esperienza potrebbe essere quella di tante donne, anzi forse quasi tutte, ho un nipote di 25 anni che mi ha sempre dimostrato affetto e io lo stesso come non potevo ricambiare le sue attenzioni da vero gentleman, mai pensavo che arrivasse a desiderare una donna di 54 anni per di più sua zia sorella di sua madre, non è che voglia trovare scusanti o chissà cosa ma fu lui in un particolare giorno a pretendermi, mi prese mi abbraccio con vigore non volevo ma non lo respinsi e così successe l’irreparabile, non sto nemmeno a trovare le classiche scuse del matrimonio stantio e mio marito poco attivo sessualmente, lo capivo dopo 20 anni di vita matrimoniale, insomma quel giorno quando mio nipote mi pretese lascia che facesse il suo porco comodo, quelle braccia forti che mi stringevano e volevano mi davano una bella sensazione che non provavo da anni, era vigoroso e molto virile il suo approccio, lasciai che facesse il maschio depravato, ammetto che mi piaceva tutto ciò che mi stava facendo, quel giorno trasformò la mia vita, da donna fedele, brava mamma tutta casa e lavoro mi scoprii una porca senza eguali, ho con lui una relazione sessuale totale, che nemmeno con mio marito ho mai avuto, grazie a lui mi sento disinibita come liberata da delle catene che mi trattenevano il diritto di godere appieno della mia sessualità, ha slegato la mia femminilità, i desideri le voglie pazze di godere e ne sono felice, meglio tardi che mai.
    Ecco perchè non devi reputarti porca ma donna matura e libera di provare sentimenti e piaceri sessuali altrimenti negati.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.