Ricordi di scuola

Ricordi di scuola

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Ciao, sono Luna ,sono una grande amante dei racconti erotici,mi eccitano da morire e grazie a questa passione ho avuto modo di conoscere tante persone con la quale ci siamo raccontati tante delle nostre esperienze e una che mi ha particolarmente fatto sbrodolare tra le cosce è stata questa che ora vi racconterò
Buona lettura e perdonatemi se non sono bravissima come scrittrice
Ormai mancava davvero poco alla fine della scuola,il caldo cominciava a farsi sentire e i miei vestitini leggeri che suscitavano la fantasia dei ragazzi,prof e bidelli lo confermavano
Sono stata sempre una troietta,fin dalla giovane età
Mi piaceva già il cazzo anche se fino ad allora avevo provato solo qualche cazzetto di coetanei inesperti
Amavo essere al centro dell’attenzione,mi piaceva darmi delle arie e sentirmi desiderata
Era una mattina come tante a scuola, l’ultima ora avevamo ed. Fisica,io e un ragazzo di classe mia con la quale spesso facevo cose sessuali e non,ci infrattammo di nascosto con la scusa di andare in bagno, nella stanza delle pulizie dei bidelli dove prima feci una sega a lui e lui aveva un sacchetto di erba
Quando accese la canna, come due perfetti idioti non considerammo il fatto che c’era l’impianto antincendio
Scattò l’allarme
Completamente nel panico, il ragazzo riuscì a scappare dalla finestra,io non riuscivo a saltare
Le altre classi uscirono tutti fuori seguendo la procedura antincendio e io mi stavo rassegnando ormai al mio destino, avevo buttato un anno nel cesso, pensavo al peggio, sicuramente mi avrebbero sospesa
Sento dei passi che velocemente si avvicinano a me, ecco, ormai è fatta, sono finita
La porta si apre, Luciano,il custode e nostro bidello,un uomo sulla sessantina, panciuto e stempiato, sempre gentile e sorridente,mai una volta lo avessi visto arrabbiato o scortese
Mi guarda quasi dispiaciuto, non credo si aspettasse di trovare me li dentro,io con le lacrime agli occhi non riesco neanche a parlare
Lui raccoglie la busta con l’erba e il restante della canna ancora accesa,mi afferra per il braccio e mi chiede di seguirlo veloce,mi porta nella sua guardiola e mi dice di non farmi vedere ,esce e lo sento dire che c’erano due ragazzi un po’ più grandi non della scuola che stavano fumando e sono scappati appena lo hanno visto
Dopo un po’ di trambusto, l’orario di uscita è ormai arrivato così vanno via tutti
Quando passo davanti a Luciano,lui mi sorride e io ricambio
Mi ha salvato,ci pensai tutto il giorno.. la sera al letto ci stavo pensando ancora, mentre indossavo solo le mutandine in quanto la caluria era tanto
Cosa potrei fare per ringraziarlo, è stato così gentile,mi ha davvero salvato l’anno e anche le conseguenze con i miei
Potrei fargli una sega pensai sorridendo
Ma quel pensiero nato così per scherzo,dopo poco cominciò a essere sempre più forte nella mia fantasia e iniziai a pensare, chissà come ce l’ha il cazzo, sarà bello lungo?! Caldo?! Tanto che ci stavo pensando che cominciai a bagnarmi e mi masturbai pensando a lui
Anche se l’età era più vicina a quella di mio nonno, la voglia che avevo era troppa,mi masturbai più volte quella notte penetrandomi con la mia spazzola per capelli
La mattina mi alzai molto presto, dissi a mia mamma che dovevo vedermi prima con una mia amica per ripassare delle cose e così quasi due ore prima della apertura della scuola, gonnellina corta e T-shirt mi avvio a scuola
Luciano è scapolo, vive solo con la sua cagnetta nel piccolo appartamento dentro la scuola
Suono il campanello e dopo poco lo vedo uscire solo con i pantaloncini corti e ciabatte, ehy buongiorno, che ci fai qui a quest’ora?!
Attraverso il cancello chiedo, posso entrare un attimo?
Aspetta,ti apro, mi fa entrare e richiude il cancello
Volevo ringraziarti per ieri
Tranquilla, non ti preoccupare, non dovevi disturbarti per questo
Davvero,sei stato molto gentile e non tutti lo avrebbero fatto
Faccio un caffè,ne vuoi?
Grazie, volentieri
Ok,entra
La casa perfettamente in ordine, tutto pulito
Lui prepara il caffè e io gioco un po’ con la cagnolina, ogni tanto butto l’occhio tra le sue gambe e a vedere da come dondola non avrà le mutande
Mi prende il caffè e si siede davanti a me
Il pantaloncino si tira su e si intravede la sua cappella quasi fuori
Faccio finta di nulla
È grossa,lo immaginavo che avesse un bel cazzo li sotto
Buono il caffè, ci voleva
Grazie, ma come ti ho detto non importava mi ringraziassi l’ho fatto volentieri per te
Sei stato davvero gentile
In realtà non so se ci fosse stato qualcun’altra lo avrei fatto lo stesso,dice ridendo
Ah, davvero? Perché a me si?
Beh mi stai simpatica
Grazie, solo simpatica?
Non posso compromettermi,lo sai?!
Perché dovresti?
Per l’età, meglio star zitto e sorride
Dai ma sono curiosa ora
Mi fai passare un guaio, meglio di no,
Perché passi un guaio?
Se sanno innanzitutto che sei qui,poi se dico qualcosa che agli altri può sembrare.. beh lasciamo stare
Chi lo deve sapere, mica lo racconto!? Poi anche tu mi hai coperta ieri
Ok,mi fido, oltre a essere simpatica,sei molto bella e attraente
Questo mi piace di più, basta?
Sei sexy, anche
Io da buona troietta allargo le gambe tirando su la gonna
Che bella che sei
Grazie, secondo te perché sono qui ora?
Dimmelo tu allora..
Voglio sdebitarmi e assaggiare quello che hai lì sotto
Posso fidarmi?
Puoi,sta tranquillo
Lui infoiato mi prende e mi sdraia sul letto spogliandomi nuda
Mi apre le coscia e affonda la sua lingua calda nella mia fessura bollente
Mi dimeno dal piacere intenso
Non ho mai goduto così,sto impazzendo dal piacere e quando poi mette le due dita a uncino e continua velocemente a leccare,per la prima volta in vita mia squirto violentemente senza controllo
Luciano, porca troia sei bravissimo
Non ho mai goduto così, cazzo sto morendo
Vuoi succhiare il mio cazzo?
Si lo voglio anche se non sono brava come te
Sarai bravissima lo so
E a quella frase cerco di dare il meglio di me
Afferro il suo voluminoso cazzo grosso e largo
Quasi il doppio di quello provati prima
Comincio a succhiare e leccare con molta passione
Succhiavo e il suo sapore mi inebriava
Quel cazzo mi stava facendo impazzire letteralmente
Era durissimo ad un certo punto
Pulsava tanto e quando lui mi afferrò la testa e mi chiese di non fermarmi capì che stava per venire
Vengo piccola, cazzo,sei bravissima, così continua vengoooo
Brava brava bevilo tutto, così ingoia ingoia tutto
Per la prima volta ingoiai e continuai a succhiare
Mi baciò e disse che era il più bel pompino della sua vita
Lo baciai contenta e mi sdraiai a pancia in su sul letto mentre lui prendeva un caffè e riprendeva fiato
Che culo meraviglioso che hai,per non parlare della tua figa, morbida e squisita
La vuoi? Abbiamo ancora un po’ di tempo
Lui inizia a menarsi il cazzo per fargli riprendere vita
Così inizio a toccarmi anche io a cosce spalancate
Quanto sei bona e bella
Anche tu sei bello e ci sai fare (in realtà bello non lo era) ma il suo cazzo compensava
Il cazzo di nuovo turgido e la cappella lucida era pronta per entrare dentro me
Mi viene su
La sento appoggiarsi
Mi sento squarciare ma è fantastica la sensazione
Finalmente lo spinge in fondo e inizia a pompare forte
Mi sentivo piena per la prima volta ancora
Mi toccava in punti che mi facevano sentire delle scosse elettriche
Godevo tanto
Tantissimo
Lui con un urlo di piacere lo tira fuori e mi sborra sulla pancia
Cazzo, è stato meraviglioso
Si, anche per me, la tua figa è meravigliosa
Voglio che mi scopi ancora Luciano
Troverai un giovane che lo farà
No, anche fosse voglio ancora farlo con te
Prendo le mie cose ed esco prima dell’arrivo di altre persone
La scuola finì e anche se ho cambiato istituto, continuo a fermarmi spesso da Luciano
Ora sono fidanzata e convivo, ma non riesco a smettere di farmi fottere da quell’uomo,lo desidero troppo e mi sono fatta sfondare anche il culo,cosa che non ho concesso neanche al mio compagno
E capita spesso che dopo aver scopato e farmi riempire di sborra (prendo la pillola) mi piace farmi venire dentro, al mio rientro a casa il mio compagno ama leccarmela e sentire il sapore forte, ovviamente credendo che sia dovuto al fatto che son fuori tutto il giorno e non immagina di leccare i miei umori misti alla sborra di Luciano,ma lui piace e a me pure, magari non tutti condivideranno la mia situazione, ma non ho rimpianti e finché riesco mi sta bene così
Un bacio a tutti e al prossimo racconto

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

One thought on “Ricordi di scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.