Mia Moglie Carla ed il giovane Nico Capitolo 2

Mia Moglie Carla ed il giovane Nico Capitolo 2

>>>>GODI ORA AL TELEFONO CON UN PARTNER OCCASIONALE -CHIAMA IL 899.005.022<<<<<

Mia moglie Carla ed il giovane Nico – capitolo 2 Dopo la bellissima serata, raccontata nel capitolo <1> – la mattina seguente, inaspettatamente Carla doveva partire per raggiungere i suoi genitori a causa di malessere della madre, e quindi si assentava per circa 10 giorni. Durante la sua assenza, Nico veniva immancabilmente a trovarmi e oltre a parlare della serata favolosa, che lo stesso Nico, incredulo per quanto accaduto, commentava in modo entusiasta, pensando già al ritorno di Carla ed a quello che sarebbe accaduto. Davo molti consigli a Nico, anche quello di tastare il terreno con Carla al suo ritorno, perché lei, ha un carattere particolare, se c’è da divertirsi lo fa tranquillamente dando il massimo di se stessa, ma se ha altri problemi, come il malessere della madre, od altra preoccupazione, rimane fredda fino a quando non le ritorna la tranquillità necessaria, e quindi addio sesso in quei momenti. Nico mi ascoltava promettendomi la massima cautela, anche perché io gli dicevo “ stai tranquillo la chiaverai ancora e vedrai come ci divertiremo, ti darò ogni consiglio necessario per fartela cadere definitivamente mettendola a tua completa disposizione come un giocattolo fra le tue mani, perché questo è anche il mio desiderio, perciò, nessuna fretta” . Dopo 10 giorni Carla torna a casa, la mamma sta meglio ed io già la vedo in parte più serena. Nico come sa del rientro di Carla, la sera dopo cena immediatamente arriva di corsa tentando di darle un abbraccio libidinoso e di baciarla sulla bocca, ma lei si ritrae, facendo finta di niente, e lo abbraccia e lo bacia sulle guance come un amico e come se nulla fosse accaduto fra loro due, quella prima sera. Faccio segno a Nico di stare fermo che non è il momento. Carla, rimasti soli, mi diceva “ ho ripensato a lungo di quanto è accaduto quella sera, e mi sono resa conto di essermi comportata da vera puttana e non vorrei che Nico potesse giudicarmi in tal modo, si è trattato solo di una serata eccezionale che doveva essere fatta solo per accontentare il ragazzo, ma solo in modo superficiale, ma poi ci è sfuggita di mano, sia a me che a te e naturalmente Nico non ci ha pensato due volte a farmi completamente la festa, anche se alla fine l’ho favorito io correndogli dietro per le scale, ma non capivo più niente tanto che ero eccitata, volevo ormai quel cazzo fino in fondo e sono contento di averlo sentito fino all’ombelico tanto era grosso e lungo, ma ora non voglio fargli credere che sono il suo giocattolo di sesso, è vero che lo rifaremo ancora, sicuramente, ma non subito, per il momento voglio stare in santa pace”. Passano due giorni e Nico, seguendo il mio consiglio, non si fa vedere, acchè, Carla mi domanda del perché non si è più visto. Le dico che ha capito che per la storia di Tua madre sei di cattivo umore ed ha preferito lasciarti in pace; ritornerà. Non preoccuparti. Il giorno seguente, Carla, nel pomeriggio, mi dice, “vado a trovare la mamma di Nico, così vedo anche il ragazzo e gli chiedo del perché non è più venuto a casa. Capisco, dalle sue parole e da questa iniziativa, che Carla ormai è ristabilita e quindi penso già sul da farsi. Dopo un’ora circa, ritorna Carla assieme a Nico; vedo una situazione normale, non certo di possibilità di sesso, fino a che Carla dice, “ scusatemi vado in camera a stendermi un pochino, sono ancora stanca e voi due fatevi compagnia, poi dopo vi farò il caffè” . Gatta ci cova, come si suol dire, Nico ed io ci guardiamo e poi rivolgendomi a lui:” aspetta una ventina di minuti e poi vai a sbirciare in camera senza farti notare e poi ti saprò dire, ma non escludo che la signora stia in attesa che prima o poi tu la raggiunga” ; comunque stiamo a vedere. Dopo 15 minuti, Nico che non sta più nella pelle, va a sbirciare in punta di piedi e poi ritorna dicendomi “ è stesa sul letto a pancia in giù ma si è svestita in quanto indossa la solita bella vestaglia, ma calza ancora i suoi sandali con tacchi alti a spillo “. Buon segno, “ dico io poi, “ aspetta ancora 10 minuti e poi torna a vedere e quindi fammi subito sapere che ti saprò dire “. Nico, aspetta solo 5 minuti e ritorna a sbirciare e ritorna da me dicendomi “ è come prima, sembra che dorma ma non ne sono troppo sicuro ed ora quasi ci provo; proverò ad accarezzarla e se vede che non ritorno vuol dire che sono entrato in camera e che le cose vanno come spero”. “Buona fortuna dico io ma se vedi che non ci sta, non insistere, ritorna qua”. Nico ritorna a sbirciare, ed io guardo dalla cucina, lo vedo che entra in camera ed attendo; passano 5 minuti e Nico non esce, allora vado io a sbirciare e vedo Nico seduto sul letto accanto a Carla che sembra dormire in posizione bocconi; vedo il giovane che pian pianino le alza la vestaglia, già slacciata, all’altezza degli slip, scoprendo parte del culo e poi inizia l’accarezzamento delle gambe, salendo sino alle cosce, massaggiando il culo da sopra alle mutandine, e così via, su e giù. Torno in cucina, accendo una sigaretta e ritorno sul posto a sbirciare e vedo Carla sempre nella stessa posizione, ma con le gambe lievemente allargate, e Nico che l’accarezza ora anche fra le cosce; cosce che pian piano si allargano sempre più da sole, dimostrando che Carla inizia pian pianino a gradire le mani del giovane sul suo corpo. Nico inizia con il dito a spingere verso le labbra della FIGA sempre sopra alla stoffa delle mutandine; Nico, nel mentre continua a manipolare Carla, si gira guardandomi sorridento e mi fa segno che Carla ci sta ed è già bagnata, io gli faccio segno di continuare e con il palmo della mano gli faccio capire che la deve chiavare nuovamente e Nico annuisce facendomi capire che ormai era sicuro di impalarsela anche questa volta. Il giovane dimostra di lavorarsela con una certa maestria quasi da non crederci, infatti lo vedo con pazienza palparla dappertutto, e quando poi lo vedo insistere con la mano ed il dito verso le labbra della figa e del clitoride, vedo Carla girare la testa facendo notare subito gli occhi lucidi che palesano il suo a me noto stato di forte eccitazione; penso che Nico è sulla strada giusta ed anche questa volta Carla non scapperà dalle sue grinfie. Anche Nico si accorge dell’eccitazione di Carla e continua con maggiore insistenza scostandole le mutandine fra le gambe passando poi il dito sulle labbra della Figa faceldola sobbalzare, poi il dito medio pian pianino penetra nella figa facendola mugolare di piacere; Nico continuava a sditalinarla fino a quando Carla incominciando ad ansimare sempre più forte sussurrava un “ ssiiiiii “; poi Nico la fa girare completamente e le sfila del tutto la vestaglia aiutato dalla stessa Carla, gli si stende accanto ed incomincia a palpare le tette sopra al reggipetto e contemporaneamente inizia a baciarla. Carla risponde immediatamente a bacio, tanto che vedo la lingua di mia moglie fra le labbra di Nico; mi accorgo che ormai Carla era nuovamente nelle mani del giovane e non capiva più nulla; Nico le slaccia il reggiseno mettendo a nudo due tette dure come il marmo nonostante la loro grandezza, i capezzoli erano ormai turgidi ed ingranditi e Nico iniziava a succhiarli prima uno e poi l’altro, Carla ormai non faceva altro che emettere mugolii di piacere, infatti “siiiiii continuaaa”, era una scena eccitantissima altro che film a luci rosse, avevo il mio porno in casa ed era meraviglioso. Ormai Carla era come si suol dire, fatta, e fra poco sarebbe stata pronta ad essere impalata nuovamente da quel grosso e lungo cazzo che ormai aveva già provato quella famosa sera e che, conoscendo mia moglie, ormai desiderava in modo pazzesco tanto da mettersi nelle mani del giovani ed essere trattata a piacimento di questi. Con maestria, Nico continuava anche a baciarla e Carla rispondeva con passione e libidine, Nico passava da una parte all’altra, cioè dal bacio alle tette per poi ritornare fra le gambe. Poi lo vedo prendere ed abbassare le mutandine soffermandosi sulla folta peluria nera, le sfila completamente le mutandine. Carla era nuda completamente e nelle mani del ragazzo che ormai poteva farle quello che voleva. Nico, pian pianino incominciava a spogliarsi senza mai smettere di tintillarle il clitoride, che anch’io ormai vedevo bene da come la troia aveva allargato le gambe; Nico si spogliava ma ogni tanto le infilava il dito nella figa facendola sobbalzare; faceva in modo che Carla non si raffreddasse. Man mano che si spogliava buttava i suoi indumenti per terra, e quando si sfilava i suoi slip, mostrava la sua verga durissima ed all’insù tanto che era rigida, sembrava un bastone, posso dire che era un cazzo che dimostrava di essere pieno di eccitazione e pronto all’occorrenza di riempire di sperma la mia donna. Ormai nudo, avvicina il cazzo alla bocca di Carla che immediatamente prende fra le labbra incominciando a leccare e succhiare la cappella per poi farlo scomparire e ricomparire dalla bocca, e Nico guardandomi mi sorrideva dicendomi “ devo farla prima soffrire ed impazzire e devo farle capire che ormai posso farle tutto quello che voglio e quando voglio io “ ed io rendendomi conto che ormai era fatta, facevo segno a NIico di chiavarla, ma Nico mi sussurra,”no!! Deve soffrire ed impazzire di desiderio, e voglio che deve essere lei a pregarmi di chiavarla “ ed infatti poco dopo sento Carla “ siiii lo vogliooo dammelo tutto che non ne posso più “ vedo Nico che le risponde “ ti chiaverò solo quando mi dirai che sei ormai la mia puttana e che potrò venire a fotterti come, quando e dove voglio io “ e Cala, siiii sono la tua puttana, siiii mi potrai fottere quando vuoi e dove vuoi” e Nico, fecendomi l’occhiolino, le dice “ ti posso fottere anche quando non c’è tuo marito ? “ e Carla, “ siii mi puoi venire a trovare anche quando non c’è lui e mi potrai fottere a tuo piacimento, ma ora dammelo ti prego che non resisto più “ iinfatti, Nico si pone fra le gambe di Carla che lei allarga al massimo, e quando Nico le mette le mani sotto al culo, Carla gli cinge la schiena con le gambe dimostrando di essere aperta al massimo e pronta ad essere impalata. Vedo che con una mano indirizza il cazzo sulle labbra della figa e con un solo colpo, molto potente, la penetra completamente. Riconosco l’urlo di mia Moglie quando viene penetrata ogni volta per la prima volta, infatti “ aahhhhhh – ssiiiii – fottimi tutta, sfondami chiavami “ e qui vedo Nico che incomincia a chiavarla ed a pomparla a più non posso facendola gridare dal godimento. Vedevo questo cazzo enorme entrare e poi uscire e così via dalla figa della mia puttana, dopo circa 20 minuti di questa penetrazione è la stessa Carla che si gira mettendosi alla pecorina e Nico senza farselo ripetere, le va dietro e la sfonda nuovamente con un sol colpo e Carla, “ aahhhhhh –ssiiiii sbattimi tutta – sfondami, che bello, ancora, ancora non fermarti mai “, e qui che faccio segno a Nico e bisbigliando gli dico “ dille che ormai è la tua puttana e che oltre a farsi chiavare quando vuoi tu, dovrà farsi anche chiavare da chi vuoi tu; chiamala puttana, zoccola, troia e mi raccomando se vuoi averla in tuo potere dvrai pretendere che lei ti dica che chiaverà anche con altri che tu vorrai “ e Nico “ puttana, troia zoccola che non sei altro, guarda come ti sbatto, hai capito che devi chiavare come e quando io voglio, ed anche fuori da casa tua dovrò sbatterti, hai capito devi ripeterlo altrimenti non ti chiaverò più “ e lei “ noooo! Continua ti prego, faccio quello che vuoi sono la tua troia, e mi potrai sbattere anche fuori da casa mia dove e quando vuoi tu, ma ti prego chiavami dammene ancora “ e Nico, “ non mi hai detto se ti farai chiavare anche da altri che io ti presenterò “ e lei “ siii lo faccio, lo farò ma continua “, ma Nico le toglie il cazzo dalla figa e la rigira, e Carla “ ti prega dammelo che non resisto, ti ho detto che farò tutto quello che vuoi, ti prego chiavami “ e Nico, che sventolava poi il cazzo davanti alla bocca di Carla, appoggia la cappella passandola sulle labbra come un rossetto e Carla leccava, baciava e succhiava, poi Carla “ ti prego fottimi “ e Nico, “ no!! Non mi hai detto che se voglio ti farai chiavare da qualche altro mio amico in mia presenza, e Carla “ ma sei pazzo? Voglio essere solo tua “ ed allora Nico “ bene abbiamo finito “ e Carla “ nnnoooooo!!! Ti prego lo faccio, ti assicuro che lo faccio “ e Nico “ cosa” e Carla “ mi farò sbattere da chi vuoi tu in tua presenza te lo prometto, ma dammelo ti prego “, allora Nico, le apre nuovamente le gambe e la impala nuovamente con un potente colpo “ aaahhhhhh – sssiiiiiiii – fottimi così ti prego, che belloooo! “ chiavami ancora ed ogni volta che vuoi tu, sarò la tua puttana te lo prometto”. Nico la pompava a tutto andare sbattendola sempre più forte, poi Nico si alza e Carla chiede “ ma dove vai, non andare via “ e Nico “ alzati puttana che voglio chiavarti anche in piedi ma ti porto in cucina “ , infatti Carla si alza e Nico la cinge per la vita e la porta da me, la fa abbassare dice “ fai vedere a tuo marito quanto sei puttana e come mi succhi il cazzo” , e Carla senza farselo ripetere una seconda volta, si accovaccia e prende la verga in bocca succhiandola con passione e libidine, poi Nico la fa alzare e la stende sul tavolo e li, dopo averle aperto le gambe, appoggia il cazzo e mi fa vedere per bene, in quanto mi dice di osservare da vicino come penetra la mia puttana, infatti, vedo questo enorme bastone, tale sembrava, appoggiarsi alla figa e con un solo colpo scomparire dalla mia vista, sento solo “ aahhhhhhh – sssiiii fottimi, fottimi tutta “, e Nico incomincia a pomparla di brutto, tanto che Carla sembrava quasi svenisse dal godimento tanto che diceva “ nnooo!!!! Cosììì sfogo troppo in fretta e subito, ti prego” , ma Nico imperterrito riprendeva ad impalarla e chiavarla per bene, poi rivolgendosi a me “ la vorrei inculare questa troia cosa ne pensa ? “Rispondo, “ fai pure mi piace vedere coma la inculi questa puttana di moglie, così la farai completamente tua e la sottometterai come voglio io in modo che poi programmerò altre cose eccitantissime, vedrai “, e Nico la fa scendere dal tavolo, la gira, la fa mettere con le mani sul tavolo, quasi alla pecorina, ma io dico “ aspetta “ vado in bagno e torno con una crema che personalmente spargo ed ungo il culo di mia Moglie, dopodichè Nico si unge la cappella del Cazzo e dopo averla appoggiata al buco del culo, e nel frattempo raccomando a Nico, “ entra piano in quanto nel culo non lo sopporta a lungo e quando proprio vedi che non resiste più sbattilo nuovamente in figa e riprendi a pompartela “ e Nico “va bene “, ed intanto, per non farla raffreddare la sditalina in figa e poi pian pianino vedo appoggiare la cappella al buco del culo, ed io preferisco aiutare allargando le natiche, e quindi vedo la cappella pian pianino entrare nel culo di Carla e poi pian pianino vedo tutti i 22 centimetri scomparire, poi li vedo ricomparire e poi scomparire e Nico poi incomincia a pomparla più velocemente anche nel culo e sempbra che Carla resista per il momento mentre Nico le pompa il culo, comunque sono contento che la stava inculando, poi dopo una ventina di colpi, Carla dice, “ mi fa male basta ti prego non lo sopporto più è troppo grosso “ed a quel punto vedo che Nico lo toglie e poi dopo aver appoggiato il cazzo nuovamente alla figa, le da un violento colpo infilandoglielo tutto; sento l’urlo a me noto “ aahhhhhh oohhhh così è bello, mi piace così mi piace essere sfondata, che bello !! Sono ormai circa 2 ore che Carla è nelle mani di Nico, ( Carla è molto resistente e quando è eccitata si farebbe chiavare anche da tre o quattro uomini, se li farebbe tutti ) ed ora Nico mi dice “ ora la chiavo in bocca e le faccio bere tutta la mia bora, hai capito troia che se non ingoi tutta la mia sbora questo cazzo non lo vedrai più “e Carla “ ssiiiii berrò tutto come vuoi tu, ma fammi sfogare ancora, sbattimi ancora tutta ti prego e poi berrò tutto come vuoi tu, te lo prometto “ qui Nico, la fa rigirare, la stende sul tavolo si porta le gambe di Carla sulle sue spalle e dopo averla nuovamente impalata, tanto da far sentire ancora “ aaahhhhhh – sssiiiiiiiii, chiavami, fottimi tutta “ e dopo un’altri 15 minuti che Nico la pompa di brutto, vediamo entrambi che Carla sfoga completamente ed allora Nico, la fa scendere dal tavolo, dicendole “ accovacciati puttana “ cosa che Carla obbedisce immediatamente, si pone davanti alla testa le mette il cazzo vicino alla bocca dicendole “ prendilo tutto in bocca troia “ e Carla subito lo prende tutto e Nico dopo aver iniziato a pomparla in bocca, all’improvviso le dice stò per sfogare e devi ingoiare tutto, hai capito troia ? e Carla seppur con il cazzo in bocca, riesce a dire “ ssiiii, bevo tutto come vuoi tu “, ed improvvisamente Nico mantenendole la testa le ficca il cazzo in gola e qui vedo gli scatti del giovane dai quali si capisce che sta schizzando lo sperma nella bocca e gola di mia moglie; una vera ondata di sperma che Carla non riesce trattenere tutto talmente che è abbondante, ma quasi tutto, vedo la mia troia che deglutisce ingoiandolo per la maggior parte, mentre dalle labbra si vedono dei rigagnoli che scendono sul mento. Comunque mia moglie, da gran puttana, ha mantenuto la promessa a Nico, ha ingoiato quasi tutto il suo sperma. Termina tutto, Carla si rialza e si vede ancora la bocca e parte dl collo e delle tette macchiate dallo sperma di Nico. Carla guarda me e Nico e dice “ ma quanto sperma hai!!, me ne hai fatto ingoiare almeno mezzo litro “. Poi va in bagno e quando ritorna, dopo circa mezz’ora, sorride ad entrambi apostrofandoci “ siete due porci “,. Dico a Carla, “ ti è piaciuto ? “Lei prima risponde NO!! Poi ridendo dice “ Nico è stato meraviglioso, sei stato un vero torello da monta “ e Nico sorridendo risponde “ e lei signora Carla è stata e sarà sempre la mia vacca da monta “ e Carla “ ma tu, Nico, sei rimasto contento ? Che giudizio ora ti sarai fatto di me ? “ e Nico “ le ho gia detto, lei è la mia vacca da monta e per me anche una succhia cazzi ed una vera puttana “ , e Carla “ ma come mi volevi tanto ed ora che ti ho dato tutto mi giudichi cosi? “ e Nico “ anche lei è stata meravigliosa ma ora come devo chiamarla signora Carla oppure la mia puttana ? e Carla, ridendo gli risponde “ davanti a tutti sarò per te la signora Carla, ma quando saremo soli e quando vorrai sarò sempre la tua puttana o vacca da monta ; comunque ma come lo hai grosso, sai che lo sentivo fino all’ombellico ? “. A tal punto io li prendevo entrambi per un braccio ed avvicinandoli dicevo “ ora credo che voi due possiate anche arrangiarvi da soli in mia assenza e quindi dovessi arrivare e trovarvi a letto a chiavare come oggi, ne sarò anche contento; consideriamoci un bel trio, poi qualche volta la chiaveremo in tre contemporaneamente che ne dici Nico ? “ e lui “ certamente la faremo impazzire “ ed anche Carla “ che bello avervi qualche volta entrambi “. Poi è Carla che abbraccia Nico baciandolo a lungo e dicendogli “ considerami ormai la Tua amante segreta, quella più grande di te, sposata, con grosse tette che farà , tutto, ma proprio tutto per farti contento e tu però promettimi di non farmi mai mancare quella sventola che hai fra le gambe, ed ora sarà meglio smettre altrimenti sono sicura che finiremo nuovamente a letto. Nico, dice ora vado via mi accompagni alla porta? e Carla “ certo che ti accompagno” . I due si avviano abbracciati e giunti alla porta, ancora una volta non la sentivo aprire, e sbirciando li vedevo nuovamente avvinchiati e Nico nuovamente con la sua verga dura e dritta fuori dai pantaloni, ed ecco che la vestaglia di Carla cade nuovamente a terra, e in un attimo addio al reggiseno e le stesse mutandine, Carla era nuovamente nuda, vedo che Nico la trascina nuovamente in camera da letto e quando mi appresto ad andare a sbirciare, sento il noto urlo a me familiare “ aaaahhhhhhhh sssiiii fottimi, fottimi ancoraaaa!!! “, li vedo sul letto e Nico che la impala di brutto nuovamente pompadola all’impazzata e Carla sotto di lui che impazzisce. Non ho altro da guardare per il momento. I due comunque ne escono dopo circa mezz’ora, entrambi soddisfatti e mi sembravano esausti. Chiedo a Nico, dove hai sfogato ? e Nico,” questa volta gli ho riempito la figa “e Carla sorridendomi mi dice, “ si mi ha completamente riempita ed ora sono sodisfatta ed esausta “. Nico saluta , Carla che lo riabbraccia e lo bacia sussurrandogli “ torna domani che ti aspetto e sono sola “ poi guarda me e sorride ed io annuisco per farle capire che mi sta bene. Ero riuscito nel mio intento, ora Carla sembrava impazzita per la verga di Nico ed io ero contento in quanto potevo gestire la situazione ed approfittare e far fare a mia Moglie ogni porcata possibile, organizzandole ogni situazione come se fossi un regista di film a luci rosse. Comunque, che troia da monta davvero mia Moglie Carla, avevo questa puttana in casa e non lo sapevo. Mia moglie Carla, carattere molto forte, era invece cascata come io avevo desiderato, ed ora dovevo approfittare e dare delle indicazioni a Nico per far si che la plagiasse fino a farle fare tutto quello che a dire il vero, io costruivo per Nico, come se ogni volta dovessi fare la regia per un film. PASSERO’ POI A SCRIVERE IL CAPITOLO ( 3 ) SEMPRE PIUì ECCITANTE.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *