Marzia: la Dominicana bollente

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Marzia: la Dominicana bollente

Spread the love

Da molto tempo… circa tre anni ho una chat a distanza con una donna molto calda. Lei è una dominicana e sebbene mi attiri veramente molto poiché ha tutte le caratteristiche che eccitano la mia mascolinità….ancora non la ho presa. Lei è molto sciolta sotto tutti punti di vista, ha molto desiderato me sin dall’inizio, tanto da farsi spingere a fare sesso telefonico e un gioco erotico che è durato per molto tempo…e poi…e poi io facevo collezione di donne, lei si indispettiva, forse si ingelosiva e io andavo ancor più a donne e ci allontanavamo…ma bastava un colpo di chat a ravvicinarci. Quella era una attrazione forte fortissima e prima o poi sapevo che sarebbe sfociata. Da qualche tempo abbiamo ripreso a scriverci…la voglia c’è ma se prima ero io a fare il freddo adesso è lei. Lo so basterà solo un mio segno per farla bagnare e renderla una amante dedita e sottomessa nelle mie mani. La sua voglia si sente…nella voce e si vede negli occhi ad ogni videochiamata. Non nascondo che quando una donna mi piace e mi entra in testa posso fare di tutto per averla…., non importa se sposata, single o altro: la voglio? La prendo. Nessuna ha mai rifiutato….e nessun marito fidanzato o amante ha potuto fare nulla quando le ho preso la donna. Ormai ho deciso la voglio. Ho già preso la brasiliana e so che le latino americane sono belle polpose, e sugose. Marzia, cosi si chiama lei è una bomba sexy, grandi tette, viso da porca, culetto bello anche se non grossissimo e irrimediabilmente maiala …..una mulatta che non vuole altro che cazzo. Tanta carne che insieme al suo modo di parlare un italiano spagnoleggiante e la sua voce arrochita mi fa sangue da morire. Seppure un pochino tesa dopo un pochino mi mosta la sua sesta misura di tette, mi sento esplodere, lei sa toccarsi, sa come si eccita un uomo e allora io sono grosso e le basta veramente poco per farmi eccitare ancora di più…così le posso promettere tutto e infatti…lei mi chiede di andarla a prenderla al treno, il sabato, la incontrerò tra tre giorni, e in men che non si dica mi devo impegnare a cercare un albergo, devo prenotare per il sabato e la domenica. Non vi è dubbio che se il colpo lo si vuole portare a termine bisogna assestare un uno due formidabile. Un po’ confuso ma risoluto definii in breve tempo la questione e quando conclusi la telefonata con la reception dell’albergo romano mi sentii più rasserenato. Era un albergo senza pretese particolari in zona stazione ma ottimo per il bisogno.. Sorrisi del mio imbarazzo che svani e proiettai tutto a sabato. Per fortuna i tre giorni che seguirono furono ben goduti sessualmente e questo mi aiuto. Venne il sabato …venerdì ci eravamo sentiti in video per l’ultima volta e avevo constatato che lei era pronta. Il sabato mattina mi svegliai con una erezione fantastica ero turgido e mi resi conto che il mio pene parlava per me, feci tutto in fretta e non vedevo l’ora di stringere fra le mie labbra i capezzoli di Marzia… pregustavo l’incontro. Arrivata l’ora giusta mi fiondai verso la stazione. Arrivai in un battibaleno, ero eccitato all’inverosimile, sapevo che lei aveva fatto un lunghissimo viaggio per arrivare da me …Lei voleva sesso e io ero certo che non sarebbe rimasta delusa. Gli attimi di attesa furono interminabili…non si capivo dove il treno giungesse….quale fosse il giusto binario. Era in ritardo….. io stavo scoppiando ma dovevo attendere con una certa calma. Finalmente il numero del binario, l’arrivo, la corsa ed eccola…un pochino più bassina e tracagnotta rispetto a quanto me la aspettavo. Rideva in continuazione e abbracciandomi fece subito allusioni….la lasciai toccare… faceva bene. Ero intenzionato a prenderla subito, se non fosse che l’albergo era molto vicino…avrei voluto spingerla in un bagno pubblico e giustiziarla con il mio pene che ora era divenuto un martello. Senza perdere tempo demmo i documenti e prendemmo l’ascensorino che ci portò al 3 piano, mentre la mia lingua era già padrona della sua bocca, del suo collo e la slinguavo con autorevolezza, mentre lei subiva la mia carica. Aprimmo la porta e io la scaraventai letteralmente sul letto senza aspettare nulla. Andai subito ad impadronirmi delle sue magnifiche tettone e lei me le offriva grosse e sode con orgoglio. Succhiavo, ciucciavo e leccavo mentre lei era in mia balia. Il copione fu scritto: io dominavo e lei subiva. Fui io a decidere cosa fare. L’ho messa di fronte al tavolo nell’ingresso, appoggiandola con le mani, in modo da potersi reggere, le ho strappato il reggiseno e le ho strappato il perizoma, ho tuffato le mie dita in figa ed era bagnatissima. Mi aspettava da troppo tempo. Era piena di umori. Più La mia azione nella vagina l’aveva portata a serrare le cosce, ma io le stavo sgrillettando il clitoride con energia, con vigore, titillandolo tra l’indice e il pollice. Ansimava, godeva e soprattutto la sentivo gemere, ogni tanto, poi, volgeva lo sguardo all’indietro, verso di me, e sorrideva la porca. I suoi occhi erano soddisfatti. Le ho infilato il bastone nella fica. Desiderava il mio cazzo il pene sino alle palle in maniera risoluta. Lei parlava, mi diceva che la facevo sentire donna assecondava con il movimento del bacino i miei colpi che erano sempre più possenti, la facevo saltare tanto la sbattevo forte, aveva imparato a godere e a farmi godere e spesso sbatteva la testa al muro per l’energia che le infierivo dentro. Giocava con le sue poppazze, le ammassava, le impastava, le soppesava e poi le faceva ciondolare, sotto i miei colpi poderosissimi. La sbattevo sempre h più forte per il gusto di vedere saltare le sue tettone, mentre lei si teneva forte al tavolo, questa volta con sempre maggior forza. Era diventata rossa in viso, per lo sforzo e la tensione. La spingevo e soprattutto le spremevo quelle tettone da infarto, dominandola …lei era troppo piccola per resistere alla mia potenza. Ho pompato ad un ritmo forsennato, e lei ha cercato di riuscire a tenermi testa fino a quando ha potuto, poi l’ho squagliata, è divenuta liquida, lasciva e ha iniziato ad implorarmi di arrivare. Lei era già venuta innumerevoli volte, e non riusciva più a tenermi testa. Io, tuttavia per quanto l’abbia sbattuta e continuavo a sbatterla non ero ancora pronto a siringarla con la mia sborra. Ero solo eccitato in maniera bestiale. L’adrenalina mi aveva reso furibondo mentre lei col passare del tempo era sempre più in mia balia. Ero colto dalla frenesia, l’ho liberata, le ho tolto il pene dalla vagina, l’ho rivolta di nuovo verso di me, ho visto il suo seno debordante ed era ancora più grande. Sapevo di non essere adatto alle sveltine e sebbene Marzia mi implorasse di orgasmare continuai a goderla e a farla venire …. Mi buttai sul suo seno, la trascinai di forza nell’altra stanza sul divano, con lei che provava a fermarmi. Era fradicia, zuppa, gocciolante di umori, di orgasmo suo e io iniziai a leccarla tutta, senza lasciarle scampo, senza farla pensare. Lei teneva con le sue mani giù la mia testa, godeva e gemeva fino a perdersi, in balia delle sensazioni che la mia lingua e le mie labbra impartivano al sua clitoride. L’altro lo fecero le mie dita nella sua vagina..,in modo arrapante ossessivo violento con lei che finalmente urlava sconquassata dal godimento. Il mio cazzo era turgido, troppo grosso, non si aspettava di essere assaltata si sistemò in modo che potessi godere anche io. Si preparò le poppe, scese in una posizione ottima tanto per me quanto per lei e il mio cazzo si insinuò nella valle piena di mia saliva fra le due montagne di carne, a farcire il suo petto mentre lei con la voce roca in spagnolo mi incitava. Mi fece impazzire con una spagnola favolosa. Il suo seno era così grande che il mio pene scomparve fra le poppe e io sbattevo, mentre tratteneva il tutto con le mani e io che infilavo ancora mentre il mio cazzo venne forte, imperioso, pieno. Marzia lasciò i suoi seni, e io ho così potuto dilagare, allagare tutto. Il primo schizzo le aveva riempito volto collo e seno. Marzia era soddisfatta e vedeva nei miei occhi tutta il mio desiderio, tutta la mia riconoscenza e anche lei si sentì molto sollevata carezzandomi. Potevamo essere soddisfatti. Io, comunque ero appena arrivato per la prima volta e molto di più mi aspettavo mentre lei cercava di bloccare i miei ardori. La condussi con me questa volta in camera da letto spogliandola e ricominciando a lavorarla partendo dai seni. Quei seni che sapevo di dover maneggiare con molta cura perché in grado di farmi arrivare subito. Dopo aver leccato succhiato, munto e ciurrato, soprattutto pastrugnato le sue poppazze ero sceso a rigenerare il suo desiderio nella fica succhiandole nuovamente il clitoride. Marzia era un gemito continuo e urlava tanto. Io potei così dedicarmi alla zona perianale con forza risoluta. La insalivai molto bene, leccandola alla grande e lavorando con le dita tutto compreso il suo secondo canale. La cosa che io ho sempre desiderato è impormi a donne vogliose, ma qui Marzia cercò di bloccarmi. Sapevo che Marzia era dall’ano vergine e io dovevo prendere proprio questo fiore…raccogliere questo frutto. Cosicché in maniera risoluta la impostai a pecora e senza parole la infilai con fermezza e decisione nel culo mentre lei che ormai aveva capito cercava strenuamente di resistere e di togliermi da sopra. Mentre me la inculavo con la mano le lavoravo la clitoride, con lei che gemeva e ansimava….non voleva ma non poteva liberarsi da questa violenza….urlava la porca…urlava e cercava di bloccarmi ma io ormai ero una bestia aumentai la mia potenza nello stantuffarla pensando solo che volevo spaccarle quel solco profondo che divideva le due natichone dure, massicce, infilando nel suo buco quanta più panna potessi mentre le titillavo i capezzoli duri delle tettone ciondolanti. Marzia era sottomessa e pronta per esplodere in nuovi orgasmi. Chiuse gli occhi e si arrese. La lavorai al clitoride, quindi le infilai due dita in fica con lei che si dimenava ancora. Il suo bacino era un vortice e io cavalcavo quel buco ormai senza difficoltà. I muscoli dello sfintere erano vergini e scoparle il culo fu sensazionale. Lei finalmente aveva capito stringeva e allargava come un mantice il buco e io la godevo tutta…sia quando si allargava l’ano sia quando si restringeva. La inculai per molto tempo e quando vidi che iniziava a dare segni di cedimento la impostai a culo alto e la riempii in tutto il suo intestino nonostante le sue urla. Venni di nuovo e mentre Marzia pensava che era finita io continuai…volevo fare una doppietta e per lei fu un calvario. Il mio cazzo è sempre ritto, per cui non mi fermo mai….grazie a dio, continuando a pompare fortissimo e aprire, spaccare. Marzia la bocca facendo sgorgare il mio liquido. Ripartii senza riposo e questo stroncò definitivamente le residue forze della dominicana. Mi piaceva quel culo e lo stesso desiderio sentivo per quel seno enorme. Ricominciai a leccarle il collo e la parte interna delle orecchie si era posta di culo quasi come avesse capito che la mia scelta era di ripartire nel secondo canale, ma sono io che comando. Scesi giù le aprii le cosce e iniziai la danza della mia lingua attorno alla sua fica, e poi dentro e poi fuori, la penetrai con la lingua mentre lei si squagliava nuovamente in preda alle sue emozioni provocate da me, sospirando e gemendo. Sapevo che al io gioco di lingua non avrebbe retto. Sono gemiti sempre più frequenti che diventano grida e urli di eccitazione che segnano il suo godimento. La mia bocca fu preda di tutti i suoi umori, dei suoi liquidi e intanto leccavo e succhiavo tutto il nettare di Marzia. La sua fica era un brodo di effluvi e Marzia godeva tutto…… aveva ancora una volta perso la testa e questo anche per la capacità delle mie dita di inserirsi in ogni dove, con delicatezza ma con assoluta sicurezza. Le dita si imponevano dove volli io. La mia lingua giocò con il suo fiorellino anale e l’orifizio si aprì a far passare prima un dito, poi due e quindi tre. La stimolai in maniera continua e senza darle riposo diventando irresistibile leccavo la fica e l’ano quindi mi diedi a pastrugnarle la fica con entrambe le mani. La carne era carne, e il desiderio era una sensazione indefinibile ma Marzia mi sentiva tutto. Senza perdere tempo prese di sua iniziativa il mio cazzo teso duro e grosso e senza aspettare consenso da parte mia se lo calò nella bocca partendo con un bocchino esaltante che mi mise in debito di ossigeno per quanto era intenso. Dovetti fare del mio meglio per resistere a quell’attacco e anzi cercai di trovare tutti i modi possibili per rallentare il suo ritmo indiavolato ma sembrava incredibile, presa da una foia pazzesca più io tentavo di rallentarla più Marzia ciucciava scatenata. Ebbi l’impressione concreta che il gioco era nelle sue abilità e per quanto provassi con tutta la mia capacità a riprendere il controllo nulla potetti fare. Provai a toglierle il pene dalla bocca ma era una ventosa non potei fare nulla… lei era padrona e mi condusse all’orgasmo senza remissione mentre il mio pene come un idrante impazzito spargeva il seme sul suo seno grandissimo. Non contenta mi spinse a succhiare e a leccare tutto condividendo il mio seme con baci appassionanti. Io ero forte ma lei aveva preso vigore. Mi prese per mano e mi portò in bagno e li facemmo una magnifica doccia, mentre io per sua volontà le onorai per l’ennesima volta il clitoride succhiandola intensamente. Era ora di cena e Marzia ridendo mi fece notare che era riuscita a farmi godere molto più di quanto le avevo promesso. Difficilissimo, infatti è indurmi all’orgasmo…ma lei era riuscita. Ci vestimmo e Marzia mi apparve favolosa. Aveva messo un tailleur grigio con corpetto color amaranto che si intonava perfettamente con la sua pelle mulatta. La generosità del suo corpo traspariva da una sontuosa scollatura e dalla gonna che fasciava i suoi glutei a mandorla. Ero arrapato e lei non fece nulla per soddisfarmi, anzi sembrava sorridere e compiacersi di vedermi così. Arrivammo a Testaccio in un localino niente male. Sedemmo in un tavolo appartato per due. Rimasi tutta la serata magnetizzato da quel seno enorme e dalle sue continue allusioni alla mia potenza sessuale e alla sua forza nell’aver resistito ai miei assalti. Non facevo altro che avere in mente che mi faceva sangue e che la volevo…. L’avevo avuta più volte ma non mi bastava e lei lesse il mio desiderio nei miei occhi e più lo leggeva più si muoveva arrapante. Fu una cena buona, il vino contribuì e io le infilai le mani nelle mutandine. Si era alzata ancheggiando arrivò alle scalette e scese nel bagno……. Io aspettai qualche secondo e poi la seguii. Chiudemmo la porta a chiave e la denudai alla meglio.. Io volevo di più ma lei si impose prese tutto in mano e mi sollecitò ad essere svelto a godere di quegli attimi non potevamo bivaccare in quel bagno. La feci venire a pioggia…tre…quattro, cinque, tantissime volte… davanti allo specchio il suo viso prima sfottente era ora soddisfatto. Ero arrapatissimo non riuscivo a venire e lei ormai aveva capito che lo avrebbe scontato il mio arrapamento in una notte senza tregua. Il mio cazzo era di marmo. La mia voglia di lei era aumentata a dismisura e non sapevo come trattenere voglia e rabbia che si comprimevano dentro me. Avevo un bastone in mezzo alle gambe, non potevo stare. Lei volle il dolce e il caffè poi pagammo e io feci di tutto per traghettarla sino in albergo. Sul taxi a forza le imposi le mie dita sotto la gonna, strappai il perizoma e le infilai l’intera mano nella vagina con decisione pastrugnai energicamente. Non dissi altro lavoravo a piena mano e lei ansimava mi accorsi che eravamo arrivati. Non le tolsi mai la mano dalla fica neanche quando giungemmo di fronte al portoncino… solo di fronte alla reception lasciai la presa. Marzia era eccitata e avrebbe voluto una pausa. Salimmo in ascensore e aprii la porta chiudendola dietro di noi. La spinsi verso il tavolo all ‘ngresso e scesi a impadronirmi con il viso della figa iniziai a lapparla, succhiarla, farle i ditalini più arditi senza grande rispetto e soprattutto senza limite. Le infilai alternativamente tutte le mie dita nell’ano e poi anche due alla vola compreso i pollici mentre Marzia non parlava più. La sovrastavo e lei gemeva e guaiva laida come un cagna in spagnolo sguaiato. Era la situazione in cui la preferivo. Ansimava la porca. La godevo senza tregua sulla figa e il clito e Marzia si arrese ad una danza convulsa, con le mie dita che giocavano dentro il suo buco del culo. La leccavo senza ritegno. La mia lingua a punta era dentro la sua figa e intanto penetravo manualmente il suo ano. Era un bagno di umori che le fiottavano sul mio viso senza controllo, lei non riusciva a trattenere più nulla e orgasmava ansimando…urlava in spagnolo…non aveva più voce…sudava.
Continuai a leccare, e infilai un secondo dito nel buco del culo. Marzia emise un gridolino, poi tornò a gemere si sentiva invasa. Emise altri urli in spagnolo forti e poi strazianti. Le diedi un bacio in figa, e tirai fuori le due dita dal culo, respirava a fatica e prima che potesse dire qualche cosa ero sopra di lei a montarle quelle straordinarie poppone… mentre me la stavo facendo mi vennero in mente le sue parole… con cui più volte mi aveva detto che nessun uomo era mai riuscita a distruggerla, a metterla sotto e a possederla senza darle tregua…eccola la donna delle meraviglie…la superdonna ora godeva e orgasmava senza tregua come una fontana. Avevo portato Marzia a squirtare di brutto. Voleva riposare ma io ficcai dentro il buco del culo il mio cazzo e iniziai a martellarla. Anche l’inculata fu brutale e li finalmente dopo quasi una ora di forcing venni spaccandola senza pietà. A quel punto ci fu un momento di relax…la penetrazione anale fu intensa…io ci misi tutto e lei si schiantò. Si abbandono ad un sonno ristoratore che durò qualche ora. Io rimasi sveglio toccavo le tette e ben presto cominciai a muovermi… pensavo che avevo perso troppo tempo per pippe mentali…questa dominicana era veramente una grandissima porca e io la volevo ancora.
Nel suo dormiveglia io ero già ripartito, leccando le tettone. Non aspettai che si svegliasse…la montai con forza sulle tette. Si sveglio e io la costrinsi a tenere il seno stretto intorno al mio cazzo. Iniziai a cavalcarla ancora una volta in maniera instancabile. Gli e lo sbattei per molto tempo, Marzia decise di prenderlo in bocca, non venivo per cui ci provai a farmi fare un bocchino. Sentivo la bocca, la lingua calda, la gola …ma non venivo mentre lei continuava nel tentativo, ma niente. Rimisi il mio pene tra le sue poppazze ma neanche così, mentre lei era infoiata in modo pazzesco. Fu così tutta la mattinata e lei continuò a venire senza riposo…Le feci tutto poi facemmo una doccia lunghissima e anche li la feci godere senza tregua, tanto che quando la accompagnai per prendere il treno, sfiancata come era mi disse che avrebbe recuperato dormendo nel viaggio e sognando il ritorno…la revencida… dopo essere stata annientata.

Salì sul treno con me che la aiutai e mentre continuava a dirmi che mai era successo che un uomo l’avesse posseduta così e mi giurava che a breve mi avrebbe dimostrato che poteva distruggermi….. se solo avesse voluto…io sorrisi di gusto….si a questa dominicana concederò il bis e forse molto di più.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.