Lungo il fiume

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Lungo il fiume

Spread the love

Buona giornata a voi tutti
Leggendo le storie, vere o sognate, pubblicate dalle diverse persone che amano situazioni che ci donano piacere e soffisfazione, mi sono
deciso a raccontarvi quanto successo a me.
Sono sessantenne in pensione da due anni e di occupazioni ne ho diverse, ma mi dedico anche alla cura della mia persona e mi ritrovo con un
fisico abbastanza atletico, 1,80 di statura con 79 kg di peso.
La passione per le donne mi ha sempre accompagnato nella mia vita e tuttora non mi manca.
In giornate calde come quelle di questo periodo, cerco di fare movimento con lunghe camminate o giri in MTB.
Proprio stamane ho dedicate due ore alla camminata, sempre salutare, lungo la pista ciclabile che costeggia il fiume che scorre nella valle
dove vivo.
Normalmente faccio dai 10 ai 15 km.
Durante il tragitto di ritorno a casa, passando con la camminata molto vicino al greto del fiume, udii dei gemiti.
Pensando a qualcuno che stesse male, ho svoltato per il sentiero che scende verso il fiume e, in una radura, notai qualcosa che mi fece molto
piacere, anzi, il mio cazzo iniziava ad animarsi nei pantaloni corti.
Distese su un telo, due donne, dell’età presunta attorno alla cinquantina, si stavano baciando e toccando fra le cosce, masturbandosi a
vicenda, con le mani ficcate nei pantaloncini slacciati ed aperti..
La prima, mora con capelli corti, corpo un poco rotondeggiante, ma non grassa, aveva un bel seno, a prima vista una buona terza; la seconda
sempre mora, capelli piu lunghi, piu magra con un seno più piccolo, quasi da cerbiatta.
Logicamente quello che notavo sotto le loro magliette.
Non si erano accorte della mia presenza e continuavano a toccarsi e baciarsi con ardore.
A quel punto dissi: “buongiorno ragazze, gradite aiuto?”
Entrambe si fermarono e si girarono verso me, senza togliersi le mani da dosso, e la prima, che si chiama Anna, guardò Maria, la seconda più
magra, come per decidere il da farsi.
Maria allora esclamò: “Se sei capace di mantenere riservatezza, accomodati e facci godere”
A quell’invito non potei certo non rispondere positivamente, e senza di niente, mentre loro si erano rimesse a baciarsi, le raggiunsi e mi
misi ai loro piedi, iniziando ad accarezzarle entrambe e risalendo verso il punto dove le loro mani stavano lavorando.
Iniziai a togliere i pantaloncini e le mutandine a Maria ed iniziai a giocare con la lingua le sue labbra intime, mentre Anna ritrasse la mano e mi lasciò spazio.
Mentre stavo slappando la fica di Maria, che nel frattempo si stava bagnando parecchio, Anna si voltò e si dedicò a me, cominciando a
slacciarmi i pantaloncini e liberò il mio cazzo, già in fase di eccitazione per la situazione che stavo vivendo.
Maria si stava eccitando molto e mi incitava a continuare a leccarla perché voleva godere nella mia bocca. La guardai e vidi i capezzoli del
piccolo seno che si erano inturgiditi e spingevano sulla maglietta e mi ributtai sulla fica di Maria, aiutandomi anche con carezze ed
infilandole due dita nella fica.
Nel frattempo il mio cazzo si stava rizzando in tutta la sua virilità ed iniziai a sentire una presa calda della cappella: Anna si stava
dedicando a me con un pompino favoloso. Una cosa molto bella, una bocca calda ed una lingua saettante che mi avviluppava l’asta e mi faceva
stare bene, dandomi ardore per leccare con più veemenza la fica di Maria.
Devo dirvi che la mia resistenza è molto buona, sia nel leccare la fica ad una donna che sentirsi spompinato..
Ad un certo punto, ansimando, Maria disse ad Anna: “Anna…..sto venendo…..non ce la faccio più…..è troppo bellooooooo”
Anna non fece in tempo a risponderle: “lasciati andare, ne hai bisogno” che Maria ansimando con foga venne copiosamente ed io le leccai tutti
gli umori che stava secernendo dalla fica.
A questo punto, Anna si staccò da me e si spostò a baciare Maria, mettendole la lingua in bocca.
Allora io, dopo aver ripassato tutti gli umori dalla fica di Maria, mi sono spostato davanti la testa delle due donne, offrendo loro il mio
cazzo da succhiare.
Dapprima fu Maria ad assaggiarmi, iniziò a leccarmi la cappella mentre Anna mi leccava i coglioni.
Infilai tutto il cazzo nella bocca di Maria, la quale non se lo lasciò scappare ed iniziò a slapparmi con ardore.
Ad un certo punto un telefono suonò ed Anna rispose: era qualcuno che comunicava il rientro a casa per pranzo (saprò poi che era il figlio).
Guardò l’orologio e si alzò iniziando a ricomporsi.
Maria si staccò da me e fece altrettanto, dicendomi: “hai un buon gusto, ti voglio bere ma ora dobbiamo andare”
Mi spiegarono che erano due cognate e vivevano nella stessa casa e ci siamo ripromessi che, essendoci trovati bene, dovevamo rivederci per
continuare quanto interrotto sul prato, magari nella tranquillità della casa, quando nessuno dei parenti è presente per qualche ora.
Ci lasciammo scambiandoci il numero di cellulare e dandoci un bacio in bocca.
Ora aspetto con impazienza lo squillo del telefono.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

2 thoughts on “Lungo il fiume

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.