L'amica di mia sorella

L'amica di mia sorella

Spread the love

Mi chiamo Mario, ho 36 anni, ancora per pochi mesi vivo in casa con la famiglia, poi finalmente sarà pronto il mio nuovo mini.
A casa con i miei vive anche mia sorella Chiara che ha solo 18 anni. Per l’esattezza è sorellastra, per questo c’è questa grande differenza di età.
Andiamo abbastanza d’accordo.
Il fatto che voglio raccontarvi è successo l’estate scorsa ma non con lei, con la sua amica Tatiana, di un anno più grande di le e giovanissima confronto a me.
Tatiana è una ragazza bionda, media statura, visino innocente, una bella terza piena di tette e bella soda, longilinea con due belle gambe ed un culetto niente male.
Tatiana è spesso a casa nostra perché mia sorella è un po’ pigra, si prende sempre all’ultimo, perciò quando devono uscire Tatiana arriva in anticipo e stanno qua anche più di un’ora a volte prima di andarsene.
Io sono libero professionista, lavoro con il pc da casa e, con mia grande fortuna, mi basta lavorare mezza giornata, perciò l’altra mezza se non sono via sono in giro per casa.
Era luglio, era caldo, Tatiana arrivava vestita (si fa per dire) con canottierine e sotto dei reggiseni a balconcino col risultato che aveva una scollatura mozzafiato. I pantaloncini erano sempre ridottissimi ed a vita bassa, se si chinava le usciva il perizoma o lo spacco del culo quando portava le mutandine mini, mentre quando era in piedi da dietro le usciva un pezzetto di natica.
Sarà stata anche molto giovane rispetto a me ma era maggiorenne ed era strafiga, perciò non perdevo occasione per ammirarla.
Era da qualche giorno che mi sembrava mi ronzasse attorno un po’ di più del normale ed ho notato che in molte occasioni se era di fronte a me si chinava per esempio a prendere qualcosa mostrandomi una buona porzione delle sue tette, un giorno era davanti a me di spalle e si è piegata a 90 per prendere su una cartina da terra, il mini pantaloncino le è quasi sparito tra le natiche.
Era mia impressione o stava facendo di proposito per provocarmi?
Un giorno arriva, io ero in un’altra stanza e sento mia sorella che le dice “mi dai 10 minuti che mi lavo i capelli?”
I miei non c’erano e Tatiana le risponde “ok, io intanto vado a fare compagnia a tuo fratello”. E’ arrivata in soggiorno dov’ero io che mi guardavo la TV. Una visione da infarto! Aveva una canotta di quelle chiuse fino al collo super attillata e senza reggiseno sotto. Le metteva in super evidenza le sue tette stupende ed i capezzoli sembrava che dovessero bucare da un momento all’altro la stoffa.
Tatiana “ciao Mario”
Io mi sono soffermato un istante sulle sue tette e poi riprendendomi “ciao Tatiana”. Per fortuna ero seduto ed ho potuto mascherare la mia erezione perché ce l’avevo già in tiro!
Stavamo parlando del più e del meno quando lei con fare annoiato perché mia sorella tardava si è stiracchiata portando le braccia sopra la testa. Credevo che si aprisse la maglietta da tanto era attillata.
Avevo il cazzo durissimo! Lo stava facendo di proposito? Il dubbio era sempre più forte!
Io facendo la battuta e ridacchiando un po’ “Tatiana guarda che se fai così ti esplode la maglietta!”
Tatiana “dici?” e passandosi le mani sui seni e con un’espressione innocente mi chiede “dici che sia troppo stretta?”
Io “no è che…” ed in quel momento arriva mia sorella e se la porta via. Sono andato in bagno e me lo sono menato furiosamente!
Il giorno dopo arriva con una mini molto corta, è li in stanza con me e mia sorella, io la tengo d’occhio attendendo qualche movimento “sbagliato” che mi faccia vedere qualcosa. Mia sorella esce dalla stanza, Tatiana si incammina per seguirla poi ad un tratto si piega a 90 per prendere su una cosa. La mini le si è alzata fino a quasi metà culo facendomi vedere le natiche ed il perizoma che scorreva al loro interno e che poi andava a coprire la fighetta.
Il cazzo mi è diventato di marmo, avevo un’erezione poderosa. Ero li in piedi imbambolato con una bella erezione bene in evidenza, visti i pantaloncini fini. Tatiana si alza, si gira guardandomi con un sorriso malizioso e passandosi la lingua tra le labbra, poi abbassa lo sguardo vedendo la mia erezione e riguardandomi negli occhi mi fa l’occhiolino. Poi se ne va di la da mia sorella ed escono.
Altro segone in bagno! Però adesso avevo la conferma, mi stava provocando! E dopo questa performance avevo capito che me la potevo trombare, c’era solo da sistemare mia sorella…
L’occasione si è presentata qualche giorno dopo, mi ero preso il DVD del film Titanic, non l’avevo mai visto. Mia sorella si stava preparando, a momenti sarebbe arrivata Tatiana e doveva andare in un negozio a cambiare una camicetta che si era presa mia sorella.
Arriva Tatiana, canottierina con reggiseno sotto ma quel giorno era una di quelle canottierine che arrivano a metà pancia ed un po’ svolazzandi, di quelle che se ti pieghi in avanti da dietro di vedono le tette da sotto. Sotto portava una minigonna a metà coscia di quelle un po’ svolazzanti. Era anche quel giorno da infarto.
Tatiana mi saluta, vede il film e dice “bello il Titanic!! L’ho già visto varie volte e lo rivedrei sempre! E’ la mia passione!”
Mia sorella ridendo le dice “la solita romanticona… Dai che dobbiamo andare!”
Tatiana “Chiara, non c’ho mica tanta voglia di venire io in quel negozio… Fuori fa un caldo boia!”
Chiara “ma dai siamo in macchina, abbiamo l’aria condizionata!”
Tatiana “si ma poi dal parcheggio al negozio saranno almeno 10 minuti sotto il sole”
Chiara “ma è l’ultimo giorno per cambiarla, poi non posso più e mi tocca tenermela…”
Tatiana “senti, non è che andresti tu? Io proprio non ce la faccio con questo caldo… rimango a guardare Titanic e ti aspetto qui, tanto non do fastidio a tuo fratello” e guardandomi “vero?”
Io avevo il cuore in gola, avevo capito che era una scusa per rimanere soli così le ho guardate ed ho risposto “no, nessun problema, basta che non ti metti a chiacchierare durante il film” sembrando disinteressato.
Mia sorella farfugliando qualcosa se n’è andata. Non sarebbe rientrata prima di un’ora e mezza.
Tatiana va alla finestra e quando la macchina di mia sorella parte mi guarda e mi dice “bene, se n’è andata, perciò siamo rimasti solo io e te… ed il film…”
Io spengo la tv e la correggo “no, soli io e te…”
Mi si avvicina e sale a cavalcioni sulle mie gambe che ero seduto sul divano. Mi si avvinghia ed iniziamo a baciarci. Era seduta sopra il mio pacco durissimo e si muoveva lentamente sfregandosi sopra la fighetta.
Io le infilo le mani sotto la canottierina sulla schiena e scopro che non ha reggiseno. Faccio scivolare le mie mani sui fianchi e poi in avanti ed arrivo alle sue fantastiche e sode tette. Passo le dita sui capezzole e li sospira.
Si stacca da me e guardandomi negli occhi si sfila la canottiera. Vedo le sue tette meravigliose, mi chino un po’ ed inizio a succhiargliele. Lei geme e sussulta quando le strizzo dolcemente i capezzoli con i denti.
Poi prende la mia maglietta e me la sfila via accarezzandomi il petto ed iniziando a maciarmelo e leccarmelo andando sempre più giù. Arrivata all’ombelico con le mani prende ai fianchi i miei pantaloncini e le mutande assieme, io alzo leggermente il bacino e lei mi sfila tutto ed il mio cazzo le svetta davanti. Continua a leccarmi scendendo sempre più fino ad arrivare all’asta. Me lo lecca tutto, mi lecca la cappella tutt’attorno, poi scende, mi lecca le palle, me le succhia facendomi impazzire. Sarà anche giovane ma ha esperienza. Me lo prende in bocca ed inizia un avanti e indietro favoloso.
Non voglio venire subito, perciò la stacco e la facccio alzare, le sfilo la minigonna e rimane con un perizoma di pizzo. Glielo sfilo, è zuppo di umori. La sua fighetta è completamente depilata. La faccio sedere a gambe spalancate sul divano ed inizio a leccarlgliela. Le piace tantissimo, geme e mi preme la testa per godersi la leccata il più possibile.
Dopo un po’ mi fa alzare un po’ e mi dice “lo voglio dentro”
Punto il mio cazzo all’ingresso della sua fighetta e lo faccio entrare. Entratutto senza nessun problema, inizio a scoparla e fin che la scopo con una mano le strizzo una tetta ed il capezzolo.
Dopo un po’ che la sto scopando viene gridando, l’ho baciata perché altrimenti i vicini ci sentivano. Adesso toccava a me, le ho detto che dovevo venire. Mi ha detto che non prendeva la pillola, mi ha fatto sfilare e sedere sul divano ed ha ripreso il pompino interrotto prima. Poco dopo sono esploso nella sua bocca. Lei non ha perso nemmeno una goccia ed ha ingoiato tutto ripulendomi anche il cazzo con la lingua.
Si è alzata e poi di scatto si è girata dandomi le spalle guardando l’orologio ed esclamando “oh cavolo! a che ora era uscita tua sorella non è che adesso ritorna e ci becca?”
Io leho detto di star tranquilla, era uscita da 40 minuti, avevamo ancora quasi un’ora. Poi abbasso lo sguardo e vedo il suo culetto, cazzo che bello! L’ho tirata a me ed ho iniziato a mordicchiarglielo ed a baciarglielo. A lei piaceva molto ma voleva qualcos’altro così si è piegata in avanti appoggiandosi al tavolino che c’è di fronte al divano ed io ho insinuato la mia lingua sullo spacco tra le natiche fino ad arrivare a leccarle il buchetto del culo.
Lei gemeva forte e mi diceva “si mi piace… mi piace prenderlo anche nel culo”
Io avevo già il cazzo duro, le ho insalivato per bene il culetto, le ho puntato la cappella ed ho iniziato a premere un po’. Doveva averne presi un bel po’ perché è entrato facilmente. Ho iniziato ad incularla con degli affondi poderosi.
Lei si masturbava la figa e mi diceva di continuare, di fare ancora più forte.
Siamo andati avanti un quarto d’ora, poi siamo venuti assieme.
Dopo esserci rinfrescati velocemente in bagno ci siamo ricomposti e ci siamo messi davanti alla TV. Dopo un quarto d’ora è arrivata mia sorella con la camicetta cambiata e tutta sudata dal caldo. Tatiana la guarda e le dica “eh si, ho fatto proprio bene a non venire con te!”