La moglie perfetta

La moglie perfetta

“Certo che Valentina è proprio una brava ragazza” dichiara Sandro al barista.
“Infatti. Beato Simone che l’ha sposata. E’ bella e fedele: pensa che sta con lui da quando andavano a scuola. Mai vista fare l’oca con qualcuno, sempre serena, pacata, simpatica e seria. Sai una cosa, però? Detto tra uomini: a queste donne spesso manca il brio al letto.”
“Hai ragione. Pensiamo sempre alla fica, ma alla fine andiamo a cercare la tipa che ci fa stare tranquilli per poterci accasare. E poi dobbiamo ripiegare su qualche troia per un pompino fatto bene.”
“Che vuoi farci, Sandro, mica si può avere tutto dalla vita.”
Mentre i suoi amici spettegolano al bar, Simone è a casa a vedere la partita della sua squadra del cuore.
“Forza, butta dentro questa palla!”
Valentina si presenta da lui nuda, con una cinta larga attorno alle anche. Si siede a fianco al marito che non smette di fissare lo schermo, ma passa una mano sulle cosce piene e sode della moglie.
“Porca miseria, così mi fai morire” le dice.
Scorre i polpastrelli fino al pube e lei spalanca le gambe per farsi toccare. E’ totalmente fradicia. I suoi capelli lunghi e neri le arrivano alle scapole, gli occhi grigi sono spalancati come fari, il naso un po’ pronunciato adombra la bocca piccola e carnosa. Le poppe grosse e succulente come due frutti selvatici restano strizzate tra le braccia conserte.
Simone la masturba con delicatezza e Valentina emette dei gridolini di piacere. Il cazzo dell’uomo scoppia nella tuta di cotone. Lei se ne accorge. Lo fa alzare appena per tirargli giù pantaloni e mutande. Gli guarda l’uccello da vicino.
“Eccolo, il mio amore, l’unico che è entrato e potrà mai entrare dentro di me.”
Se l’è scelto bene, la signorina, perché è veramente un amore sopra la media. Non per la lunghezza, che pur non è da disdegnare con i suoi diciassette centimetri, ma per la circonferenza. Valentina adora il suo partner e altrettanto fa con il suo pisello. Come ogni donna dovrebbe.
Arriva a un centimetro dalla fava rigogliosa di Simone e alita calorosamente sulla sua grossa e umida cappella. L’erezione è vigorosa al punto di fargli male: il cazzo è irrigidito e fermo come un bastone. Nessuno ci sa fare come lei.
Il ragazzo, distratto e confuso, percepisce il contatto della lingua della moglie che gli lecca il glande con attenzione, facendo scivolare dappertutto il liquido che ne emerge, che a lei piace tanto. Prima di ospitarlo tra le fauci, Valentina indugia sulla base del frenulo. Con la bocca socchiusa, morbida e bagnata, scorre su e giù sull’asta. Un attimo più tardi lo assapora, succhia prima la cappella, poi lo ingoia quasi tutto.
Simone ha delle sensazioni uniche: avverte un calore indistinto attorno al pene inzuppato dalla saliva e dalle prime gocce di sperma. Si abbandona anche al suono della donna che biascica, mugola e respira affannosamente, godendo a pieno di quella fellatio da manuale, che non sarebbe tale se non ci fosse una passione vera, totale, un trasporto sincero.
Il pompino prosegue finché Simone sobbalza e sborra, osservandola mentre accoglie il suo seme, follemente eccitata dinanzi al godimento intenso di lui.
Simone è grato e pronto a ricambiare. La fa mettere in piedi sul divano, si fa schiacciare il viso con la vagina e la mangia voracemente, palpandole le natiche nel frattempo. Il sesso di lei è un fiume in piena: bastano pochi movimenti per darle orgasmi a ripetizione. Succede grazie all’amore e della fiducia: la coppia è affiatata e lei è distesa, libera di essere donna.
Quando anche Valentina è ampiamente soddisfatta, i giovani coniugi cenano in pace. La partita è ferma sullo zero a zero. E’ finito il primo tempo. Alla ripresa, Simone chiede il permesso alla moglie di tornare nel salone:
“Ti spiace?”
“Certo che no.”
Quando raggiunge Simone, gli porta una birra gelata. Sa di farlo contento, in fondo non ci vuole molto. E poi il suo uomo è sensibile e dolce, merita queste attenzioni e le dà tutto.
Al termine dell’incontro, la ragazza decide di ridestare l’umore del marito poiché la sua squadra ha perso amaramente a un minuto dalla fine. Mette un po’ di musica e comincia a ballare. Ancheggia mostrando il sedere sporgente, tonico, grosso e succoso, stretto nei leggings. E’ tanto arrapante da far venire il mal di testa solo a pensarci, e Simone dimentica la sconfitta calcistica in un baleno.
La donna pian piano sfila la maglia e ripropone il suo grosso seno sodo: Simone non se ne stanca mai. Dopo averle strusciato in faccia i capezzoli si china e tira giù i pantaloni. Porta un tanga minuscolo, che le sta a malapena.
Simone non ne può più e si alza per scoparla. L’afferra come un selvaggio, la solleva mentre lei gli avvolge le cosce intorno, e inizia a penetrarla energicamente, spingendola contro una parete. Il piacere sale alle stelle e lei viene subito, con una manciata di colpi. Simone è stanco e la fa scendere, quindi la piega su una poltrona. Lei ordina:
“Inculami, inculami adesso!”
Lui le mette l’uccello nell’ano, gode sentendolo dentro, concentrandosi allo stesso tempo sul contatto con le sue chiappe straordinarie.
Lei urla, sempre più forte, e ha un altro orgasmo che si fonde con quello di lui, che le sborra nel culo, inarcando la schiena.

Aut

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.