In mountain bike

In mountain bike

Spread the love

La fine del lock down aveva iniziato a riportare le cose alla normalità, ma mancavano ancora tante cose. Palestra e piscina erano in cima alla lista dei desideri

Non si sapeva ancora come sarebbero ripresi corsi e lezioni, così decisi di provare altre attività fisiche….. camminate, corse serali e anche la mountain bike, ripresa dono un paio di anni di abbandono.

Riscoprii subito l’ebbrezza dei giri nella zona, nei sentieri boschivi, e mi piaceva ancora. Tutto sommato era una bella alternativa, dovevo solo riprendere un pò il fiato.

In una delle uscite in bici, per lo più in solitaria, percorrendo un itinerario faticosetto per chi è a digiuno di condizione fisica, conobbi Enrico.

Stava facendo la mia stessa strada, ovviamente con molto più fiato di me, e veniva pure da molto più lontano. Bel fisico, molto carino, sui 30 anni

Mi chiese come stavo andavo e dove fossi diretta. Pedalando e cercando di non mostrare segni di stanchezza, spiegai dove volevo arrivare. Era sul suo stesso itinerario, anche se per lui era un passaggio il paesino dove avevo posto la mia meta.

Mi chiese se avessi avuto piacere a fare un pezzo di itinerario assieme

“” Si, nessun problema se vuoi andare piano perchè più di così non posso “”

“” Tranquilla, nessun problema, vado piano ora, sono quasi alla fine e un centinaio di chilometri li ho fatti”

Ecco….. un centinaio…… si vedeva comunque che era in forma, e , come mi avrebbe raccontato dopo, che era agonista, faceva quelle gare misto corsa, nuoto bici a dir poco massacranti.

Continuammo la pedalata, e iniziò la salita decisiva…. una doppia rampa di qualche chilometro, con una piccola discesa in mezzo prima di diventare più ripida, utile a far desistere chi volesse rinunciare dopo averla oltrepassata

La salita fu meno faticosa del previsto, nonostante lo scarso allenamento, e la meta nel paesino, un parchetto pubblico con fontanella per l’acqua, fu graditissimo anche per il caldo.

Appoggiammo le bici e mi fece posto alla fontana, che nel frattempo aveva lasciato aperto per far scorrere e rinfrescare l’acqua. Bagnai testa, corpo, gambe, bevvi un pò e riempii la borraccia.

Poi , come da abitudine, mi sedetti un attimo a contemplare il paesaggio, scarsino a dir la verità, e a vedere la discesa che mi aspettava dopo

“” Tu come prosegui poi ? “” chiesi

“” Vado dalla vecchia strada al paese dopo, scendo, faccio un pezzo della strada statale, poi ci sono delle strade secondarie fino a casa, ancora una quarantina di chilometri in tutto””

“”Ah, sei a casa praticamente”” dissi ridendo

Notai che cercava di guardarmi, distogliendo lo sguardo appena lo volgevo verso lui.

Anche i pantaloncini rivelavano i suoi sguardi.

“”Cosa c’è?” chiesi ridendo “Ho qualcosa che non va ?” volgendo lo sguardo verso la maglietta e tirandola verso il basso.

“”No no scusa, figuraccia. Si stavo guardando quanto sei carina con quel completino”

Risi anche io e ringraziai.

Avevo una maglietta normalissima, con reggiseno sportivo sotto che un pò si intravedeva, un paio di shorts corti da bicicletta, senza intimo, scarpette e casco protettivo.

Riprendemmo la chiacchierata presentandoci reciprocamente. Era sposato, sua moglie era in lieta attesa, con evento ormai prossimo. Gli feci le congratulazioni e decisi di congedarmi da lui per far rientro a casa.

“”Facciamo ancora un pezzo di strada assieme ? Se non la conosci ti mostro il sentiero, sono pochi chilometri , facile e divertente, poi riprendi la tua strada”

Accettai e ci mettemmo in viaggio.

Arrivammo subito alla fine del paesino e da lì, dietro al muro, partiva una ciotolata che terminava in un sentiero boschivo, ampio e facile da percorrere

“”Vai comunque con calma visto che non lo conosci”

Il consiglio era sensato,e andai avanti a lui, dando il ritmo

Il giro fu breve ma divertente e si arrivò alla fine del sentiero. Mi fermai prima dell’ultimo tratto che conduceva alla strada asfaltata.

“”Finito! Bel sentiero, grazie, non lo conoscevo”

“Mi fa piacere, se passi qua a sinistra tagliamo la strada e torniamo sotto, così vedi la strada che devi fare per tornare a casa”

Imboccai la sottile traccia nel prato e arrivai ad una piccola altura , seguita da Enrico.

Mi fermai senza scendere dalla mia bici, lui si affiancò.

“” Ecco vedi, segui il sentiero, prendi l’asfaltata e scendi. Arrivi circa 1 km più avanti del punto dove saresti uscita prima, poi sicuramente sai come proseguire “”

Annuì e accidentalmente posai gli occhi su lui, e sul suo pantaloncino…… che mostrava un notevole rigonfiamento. Distolsi lo sguardo per non metterlo in imbarazzo.

“Tu da dove torni ?” Chiesi

“Scendo anche io da qua, poi però vado a sinistra attraverso l’abitato e riprendo la strada principale”

“Ah bene allora scendiamo assieme”

“No, vai pure, aspetto qua un attimo” disse.

Rapidamente cercò di celare il suo stato scendendo dalla bicicletta e appoggiandola a un albero. Non credo si fosse accorto del mio sguardo precedentemente.

Scesi anche io e mi avvicinai

“”Tutto bene, davvero ?””

“”Si si scusa tutto bene davvero, solo un pò accaldato”

Passai davanti a lui e ora potevo vedere bene l’accaldamento che diceva…… i pantaloncini disegnavano bene la forma del suo sesso, che cercò di nascondere dopo qualche secondo.

“”Scusami moltissimo, sono un coglione”” disse “”Non vorrei averti imbarazzato ma tra lo sforzo, la fatica, …. poi vederti da dietro”

“Vedermi da dietro ?” chiesi quasi ridendo

“Si, sei uno spettacolo fantastico….. e sai com’è…. da qualche mese sto molto tranquillo ma oggi non mi sono controllato….. Ti chiedo scusa, va tutto bene non preoccuparti, vai pure”

“E tu cosa fai ?”

“Mi sfogo un attimo, mi riprendo e torno anche io. Nessun problema”

“”Se vuoi posso aiutarti……. “ dissi allungando la mano verso lui, e facendo scendere verso il basso l’elastico dei suoi calzoncini, permettendo al suo membro di saltare fuori…… era di lunghezza normale, ma decisamente spesso

“”Ma che fai ?? Dai !!”

Non risposi, tolsi il caschetto, presi la borraccetta dalla bici e misi dell’acqua su una salvietta che avevo in tasca, e lo passai sul membro, per togliere le asperità del sudore e rinfrescarlo

Al contatto pulsò, sembrò quasi ingrandirsi ulteriormente. Era sicuramente molto teso, sia Enrico che il membro…..

“Dai tranquillo non succede nulla di male, vieni”

Lo condussi dietro all’albero dove aveva appoggiato la bici, e mi inginocchiai davanti al suo membro. Lo presi in mano e iniziai a baciare la cappella mentre con la mano massaggiavo lentamente l’asta. Non serviva altro, era già incredibilmente duro.

Enrico non parlava, alzai lo sguardo, mi fissava come in trance.

Sorrisi e aumentai il ritmo del pompino, mettendo in bocca la cappella e parte dell’asta, stringendo le labbra mentre la lingua lo solleticava. Poi lo lasciai, lo misi in verticale, e scesi dalla cappella fino al fondo, per poi risalire. Pulsava era molto teso, come lui..

“Sei agitato, non mi sembra il caso “ dissi ancora.

Nel frattempo i suoi pantaloncini erano scesi del tutto, e con l’altra mano toccavo i muscoli delle gambe e delle natiche.

Davvero notevoli ed eccitanti!

Il mio lavoro di bocca invece sembrava non dare troppi risultati……era eccitato ma troppo teso per goderselo appieno…. mi alzai, appoggiandomi a lui e sollevandogli la maglietta per godermi e baciare anche i pettorali. L’odore e il gusto aspro portato del sudore non mi dava fastidio, e arrivai in punta di piedi per essere al livello della sua faccia.

“”Non ti piace proprio il mio pompino “”

“”No anzi, sei fantastica,…… è colpa mia””

“”Dai rilassati e lasciati andare, mica mi stai obbligando a fartelo”.

Bacia il collo, lui cercò di stringermi a se, la sua mano scivolò sul sedere.

Restammo così qualche istante, avevo in mano il suo cazzo duro, mentre lo baciavo sul collo e sulle spalle, e sentivo che lo spingeva verso di me, tenendomi e tirandomi a lui

Capii il messaggio…..

“Preferisci scopare ?” chiesi

“No che dici dai no va benissimo così”

Mi staccai da lui, levai maglietta, reggiseno e pantaloncini. Per un attimo mi concessi alla sua vista completamente nuda.

Per abitudine tengo sempre dei preservativi con me, ne presi uno e rapidamente, inginocchiandomi ancora davanti al suo membro, glielo misi…. fortunatamente andava bene…… poi lentamente mi sdraiai sull’erba, aprendo leggermente le gambe.

Afferrai la sua mano e lo tirai verso di me. Il gesto lo scosse e recepì l’invito. In un attimo fu sopra di me, dopo aver appoggiato le ginocchia a terra e diretto il suo membro verso la mia passerina. Entrò praticamente fino in fondo. Sentii un lieve dolore, per il gesto brusco e per lo spessore del membro che mi aveva appena messo dentro.

Mi scappò una smorfia, che notò. Si fermò

“Scusa scusa. non dovevo farlo scusa. sono un coglione. Sono sposato, ho una moglie a casa, e sto qua con te , ti faccio pure male. Scusa”

Non si muoveva, era dentro, sopra di me. Cercò lentamente di sfilarlo, ma misi le gambe dietro le sue e le braccia attorno alle spalle

“Non preoccuparti, ora è tutto a posto. Vai tranquillo, dai, scopa senza pensieri”

Lentamente riprese la posizione, facendo scorrere il cazzo dentro di me, di nuovo fino in fondo

Ora sentivo il piacere di essere così riempita…… iniziai a muovere il bacino per invogliarlo ad agire…. pochi secondi e iniziò pure lui a spingere…. finalmente! molto lento all’inizio, poi sempre accellerando…. da pochi millimetri iniziali ora sentivo il suo pene uscire per un tratto e rientrare forte e deciso, sempre cercando di arrivare più in fondo ogni volta. Era davvero intenso, e il furore con cui dopo qualche minuto stava pompando, tradiva la lunga astinenza che aveva avuto. Pensavo venisse subito….. invece no.

La sua asta continuava a muoversi forte e decisa dentro di me, dandomi un grandissimo piacere.

Improvvisamente si ferma, ed esce. Mi afferra per i fianchi e mi fa girare; mi trovo sulle ginocchia, con la faccia quasi a terra. La sua mano mi afferra la pancia e la solleva, sento l’altra sulle natiche e di colpo lui dentro, fino in fondo. Quasi sdraiato sopra di me, comincia a pompare forte, tenendo però fermo il mio bacino con le mani, altrimenti sicuramente sarei finita a terra. Continuava senza tregua, con un ritmo molto alto…..inziai a sentire l’ enorme calore dentro di me aumentare e percepire gli umori che fuoriscevano.

Mi mancava il fiato, ero venuta sotto i colpi delle sue forti e robuste penetrazioni. Eccitato da quanto successo, aumentò ancora, io ero quasi incosciente di quanto accadeva, finchè arrivo una penetrazione ancora piu forte delle altre. si fermò, dando dei brevi e rapidi colpetti e poi mi lasciò andare, con lui che si sdraiò al mio fianco dopo essere uscito. Il sacchetto del preservativo era completamente pieno, usciva da sotto e continuava ad emetterne.

Glielo sfilai.

“”Beh complimenti! non ne avevi per nulla bisogno” dissi quasi ridendo

“”Scusami non avrei dovuto”

“Non so se ci hai fatto caso, comunque ho voluto farlo io”

“”Grazie, sai. Era da tanto che mi mancava”

“”Si si me ne sono ben accorta”

Scappò a entrambi una lieve risata. Mi sdraiai accanto a lui. avevamo entrambi il fiatone, più che al termine della salita

“”Ma tu scopi sempre con il primo che capita ?” mi chiese

“”Solo se ne vale la pena “ risposi. Ancora risatine

“”Fortuna che non passa nessuno da qua, altrimenti avremmo dato spettacolo” dissi.

Guardammo dove eravamo…… un paio di metri dal sentiero, chiunque passando avrebbe potuto vederci, come dalle prima case del paese

Ci stavamo godendo il caldo non eccessivo della giornata, nudi, sudati, stanchi, o quasi……

Perchè dopo pochi secondi….. iniziò a dar segnali inequivocabili di desiderio

“”Hai un bel cazzo sai! Tua moglie sarà bene indaffarata a fartelo star tranquillo””

Sorrise . “”Anche tu non scherzi, ci sai fare molto bene””

Allungai le mani verso lo zainettino della mia bici e presi un altro preservativo “”E sei anche ben fornita… scommetto che non è la prima volta che capita”

“Può darsi” dissi guardandolo….. mi chinai verso lui e ricominciai di bocca, dopo averlo di nuovo passato con una salvietta bagnata per levare i resti del seme spruzzato prima.

“Non ti piace il succo del maschio ?”

“No per nulla”

Rise. “A me invece quello di donna piace moltissimo”

Approfittando del suo fisico possente mi prese per i fianchi e mi tirò su di se con i piedi verso la sua faccia. Mi fece appoggiare il corpo a se, senza farmi interrompere il pompino, e iniziò a leccarmi con avidità. Le mani aprivano le mie labbra e sentivo le lingua infilarsi,e bere i succhi, quelli di prima e anche quelli che dopo pochissimo cominciarono a uscire a tradire la mia eccitazione.

Dopo qualche minuto di quel 69 sull’erba le sue mani arrivarono ai fianchi, e sentii che cercava di mettermi sull’erba come prima. Lo fermaii.

“Ora a modo mio”

Non obiettò. Gli infilai il secondo preservativo mi alzai, mi girai verso di lui e iniziai lentamente, dopo aver messo i piedi a fianco delle sue gambe, a sedermi sul suo cazzo.

Ci volle qualche istante, ma riuscii nell’impresa e a mettermi comoda su di lui. La sensazione che avevo dal mio ventre era profonda, forte, mancava il respiro. Appoggiai le mani al suo petto forte e iniziai a muovere il bacino, destra e sinistra inizialmente, poi facendolo roteare per muoverlo dentro di me. Anche lui apprezzava la situazione….. mi afferrò i fianchi per assecondare i movimenti e renderli ancora più intensi. Mi fece abbassare le spalle verso di lui, alzò la testa e portò le labbra sui miei capezzoli, che erano duri e rigidi come il suo membro. Li afferrò tra i denti alternandosi tra uno e l’altro, e moltiplicando il mio piacere. Le sue mani tornarono a percorrere il mio corpo, a toccarmi il sedere, il solco tra le natiche, finchè il suo indice trovò il mio buchino

“”Le hai provate proprio tutte…..” disse

“”Scordatelo”” ribattei seccamente. L’indice continuava a muoversi, toccando quel piccolo ingresso

“”Tranquilla non se ne parla proprio , ti farei solo del male””

Effettivamente, considerato quanto sentito davanti, una eventuale penetrazione anale di quel cazzo così largo avrebbe potuto fare davvero dei danni

“”Non vorrei mai che non riesci a tornare a casa da sola e devi chiamare il tuo ragazzo a prenderti perchè sei stata inculata “.

“”Tranquillo sono single, nessun ragazzo, al massimo mi toccherebbe chiamare mio padre”

Ridemmo, e, complice anche il piacere abbassai la guardia.

Fu un attimo per lui prendermi e mettermi sdraiata su un fianco. Si mise dietro di me, alzandomi la gamba. Sentivo dentro la cappella, ma non andava oltre

“Rilassati, stai tranquilla, ti piacerà”

Alzò ulteriormente la mia gamba, mise due dita nella passerina, poi accompagnò il cazzo e dolcemente lo spinse. Sentivo che era aperta e accessibile e infatti trovò la via dentro di me. Quando fu dentro, lo lasciò qualche secondo, poi, sempre tenedomi una gamba alzata, inziò a spingere da dietro. Di nuovo il piacere mi travolse, anche quella situazione era fantastica, sentivo lui dentro di me accendere il piacere. Lo estrasse, e di nuovo, come fossi una bamboletta, mi dispose a suo piacimento…. sdraita pancia sotto, mi divaricò i piedi e poi si mise su di me. Mi sollevò con una mano il pube e di nuovo sentii la sua mano indicare al cazzo la strada. Quando giudicò sufficiente la penetrazione, sfilò la mano dal ventre e, delicatamente, si trovò sdraiato sopra di me. Mi afferrò i seni mentre mi baciava il collo, e, spingendo contro il mio corpo col suo, faceva affondare il suo membro dentro di me. Il calore degli umori e dei suo tocchi mi stavano facendo perdere la testa, non pensavo, volevo godere di quel momento pazzesco

“”Sei fantastica Bea, una dea”

Aumentò il ritmo finchè sentii di nuovo il suo piacere vincere con gli ultimi colpi, decisi e profondi, che scatenarono anche il mio orgasmo.

Di nuovo eravamo in silenzio, sdraiati, uno a fianco dell’altro. Restammo così alcuni minuti.

Poi si alzò, rimise i calzoncini, prese delle salviette e me le porse assieme ai miei abiti.

“”Meglio rivestirci e salutarci prima che ci scappi il terzo round”

Sorrisi, mi diede un bacio sulla fronte

“Sei stata molto gentile, ti ringrazio. Anche perchè è stata una scopata fantastica, ne avevo molto bisogno”

“Mi fa piacere, anche per me non è stato male”

Rise come se avessi detto una spacconata

“Non è che adesso mi fai qualche sorpresa strana, tipo dirmi che non sei maggiorenne ?” Sembrava serio

“No, puoi tornare da tua moglie tranquillo, potevamo farlo tranquillamente”.

Ridemmo, ci salutammo e imboccammo, al termine del sentiero, le rispettive vie per tornare a casa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.