Antonella che donna

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Antonella che donna

Spread the love

Antonella che donna
E una storia di molto tempo fa, non avrei mai osato neppure sfiorarla e
mia cognata la sorella più piccola di mia moglie, mi piaceva questo non
posso negarlo, ho pensato tante volte a come sarebbe stato bello scoparla,
con mia moglie e da molto che abbiamo superato i luoghi comuni come
fedeltà astinenza, tutte stronzate se ci va una scopata extra di tanto in
tanto non ci troviamo niente di amorale e solo sesso gli affetti l’amore
sono altra cosa, non sono geloso di mia moglie ma non mi piacerebbe
nemmeno vederla scopare con un altro, quando ci capita lo facciamo e via
tutto finisce li, non ci piace nemmeno parlarne tra noi.
Siamo nel mese di Agosto sono solo a casa mia moglie e già partita per le
ferie con i ragazzi nella nostra casa al mare, sono a casa stravaccato mezzo
nudo con una birra fresca tra le mani, ma la sto godendo sorso dopo sorso
sento il citofono non aspetto nessuno e non mi muovo, dopo un po ancora il
citofono, di mala voglia vado a rispondere al mio chi e? Sento la vocina di
Antonella rispondere sono io apri, schiaccio il pulsante e corro a mettermi
una maglietta non mi rendo conto di essere senza mutande.
Come una saetta entra e prima ancora di dirmi ciao mi chiede cosa bevi?
Birra ne vuoi una le rispondo.
Si grazie o una sete da cani.
Vado al frigo afferro la birra l’apro e gliela porgo chiedendole come mai
sei qui hai bisogno di qualcosa.
Con un sorriso smagliante mi risponde perché per bere una birra con mio
cognato devo per forza aver bisogno di qualcosa passavo e ho fatto un
salto a salutarti so che sei solo.
Hai fatto benissimo, cominciamo a parlare delle solite banalità seduto
davanti a lei noto che mi guarda tra le gambe e sorride.
Le chiedo; cosa c’è perché mi guardi e sorridi.
Mi risponde; tu sei un porco lo hai fatto apposta vero il tono non e da
arrabbiata, davvero non lo sai ma guardati ti spunta la testa la sotto.
Ci do un’occhiata e vedo davvero la testa del cazzo spuntare, le dico scusa
ero solo e non aspettavo nessuno e faccio per coprirmi.
Antonella si sporge mi prende la mano mi ferma mi dice; lascialo stare
anzi dai tiralo fuori fammelo vedere bene.
Resto un attimo interdetto lei ne approfitta allunga la mano lo afferra lo
tira fuori e dice; pero’ ai un bel coso.
E ora che si fa le chiedo?
Tu cosa faresti mi risponde.
Ti scoperei te lo farei sentire dentro.
Davvero faresti questo non pensi a tua moglie.
Perché dovrei sono qua con te, ho voglia di farmi una scopata e dovrei
pensare a tua sorella con te qui disponibile.
Chi ti dice che sono disponibile replica.
Ma dai te lo si legge negli occhi che ne hai voglia, dai andiamo di la ti faro
godere vedrai, tranquilla sara il nostro segreto.
Mi segue docilmente e li ferma in piedi vicino al letto, faccio scivolare a
terra i pantaloncini sono nudo, la tiro a me gli infilo la mano sotto il vestito
sento le mutandine bagnate, le levo aiutato da lei le passo le dita sopra
sento il pelo, le metto dentro due dita vado in fondo, con la mano libera le
faccio saltare i bottoni della camicetta, porto il reggiseno al di sotto delle
tette stupende sono due meloni duri un capezzoli dritto lo stringo tra il
pollice e l’indice, sento la sua mano stretta sul cazzo mentre lo sega mentre
tira fuori tutta la cappella mi dice; me lo dai in bocca voglio assaggiarlo
ma non venirmi in bocca mi raccomando.
Gli rispondo; tranquilla quando sono pronto te lo metto nel culo.
Si basta che non mi fai male, ma prima fammi godere.
L’ho messa supina le vado sopra a 69 mi fermo con la bocca sulla fica la
allargo con le mani, la tengo aperta e comincio a leccarla, intanto anche lei
ha preso a leccarlo in lungo, sento la lingua sulla cappella ho le scosse
lungo la schiena e brava ci sa fare, dopo un po lo ingoia tutto fino alle palle
si ferma lo sento tutto chiuso in bocca, prende ad andare avanti e indietro
la vedo muovere il bacino, sento il clitoride duro pare in piccolo cazzo, lo
prendo in bocca lo succhio in quel momento lei lascia tutto smette di
succhiare si stringe a me sento che mi dice; si si non ti muovere continua
cosi sto godendo che bello, ancora sento la fica colare bevo lecco tutto
continuo senza mollarla fino a quando calmatosi riprende a succhiarlo,
ancora un po e le dico; Anto sono pronto! dai vieni su mettimelo in fica
scopami non sprecare tutto, chiavami fammi venire ancora insieme a te
poi lo metti dove vuoi, mi giro mi fermo un attimo per calmarmi intanto
mi porto sopra, lo tengo in mano pronto gli vado sopra lo passo dentro la
fica sento che ha trovato la strada da solo, lo sento scivolare dentro mi
fermo per farglielo assaggiare tutto, lei mi dice; scopami ora spingi e
bellissimo, prendo a scoparla non ci vuole molto che e pronta ad un’altro
orgasmo una volta calmata le dico; girati che ti vengo in fica e il mio turno
la faccio mettere alla pecorina, le vado dietro lo punto lo spingo e riprendo
a scoparla mi aggrappo alle tette le stringo poi mi lascio andare e con
piacere mi svuoto dentro di lei quando ho finito e calmato lo tiro fuori
ancora duro bagnato le allargo le chiappe lo punto e spingo trovo un po di
resistenza insisto, cede sono dentro, lei si e irrigidita mi fermo lascio che si
rilassi e ricomincio a spingere piano ma costante, ad ogni colpo un po
dentro sono arrivato alla fine sono piantato fino alle palle sento Anto che
mi dice; tiralo un po fuori mi stai facendo male, arretro un po mi piazzo
bene la tengo ferma per le cosce, che pelle di velluto ricomincio piano vedo
ad ogni colpo le tette ballare vedo il suo culo perfetto, spingo in fondo vado
avanti finché non sento che sto godendo un’altra volta, mi lascio andare
fino a quando il cazzo ormai vuoto si e afflosciato ed esce da solo Anto si e
distesa sul letto, vedo il bianco dello sperma uscire dal culo poi mi stendo
di fianco a lei con una mano stringo una tetta, lei mi si butta addosso mi
dice; e stato bellissimo, devo andare si e fatto tardi.
Ma dove vuoi andare resta qua con me stanotte fammi compagnia.
Mi piacerebbe, ma lo sai c’è’ lui a casa domani perché no approfittiamone.
La vedo mentre corre in bagno, la seguo nudo come sono la guardo mentre
sotto la doccia si lava, stando attenta a non bagnati i capelli, si riveste, si
ferma si stringe al mio petto ci baciamo, un bacio passionale si sposta mi
afferra il cazzo mi dice; ciao a domani.
Sono rimasto sul letto steso sento il telefonino lo guardo e vedo un msm e
lei che scrive; “e stato favoloso grazie spero tanto che ti sia piaciuto”
Il giorno dopo e stato ancora più bello ho finalmente avuto il piacere di
fare una spagnola degna di questo nome tra due quelle due tette fatte
apposta, lei poi lei una vera esperta in materia, abbiamo scopato in tutti i
modi che conosco alla fine ero sfinito mi faceva male la mascella a furia di
leccarla, il cazzo si rifiuta di risalire e morto non da segni di vita.
Abbiamo scopato tutti i giorni fino a quando non sono partito per
raggiungere mia moglie con i bambini, in seguito non lo abbiamo mai più
fatto si e sempre rifiutata.
Ovviamente mia moglie non ne sa niente.

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.