Ti faccio entrare se vieni nudo

Ti faccio entrare se vieni nudo

Spread the love

Ti faccio entrare a casa se vieni nudo.Così c’eravamo appena lasciati, separati dalle porte dell’ascensore che si chiudevano tra noi.Ero ancora in ascensore, e pensavo a come onorare la sua richiesta.Non potevo scendere dall’auto nudo, dovevo trovare una soluzione.La soluzione arrivò all’apertura delle porte dell’ascensore sull’ingresso del condominio: di fronte a me si presentava l’armadio dei contatori elettrici dei singoli appartamenti. Si aprirono senza difficoltà: bene, avrei lasciato i vestiti li.Sabato sera successivo, ero in giro con gli amici, in una delle solite serate rilassanti a base di birra, quando mi arrivò un messaggio sul telefonino: – che fai? Non dirmi che non vieni più a casa mia perchè ti vergogni a stare nudo? Ma non eri esibizionista? –Provocava lei. La mia risposta fu semplice: – venti minuti e sono da te.Salutai i miei amici con la scusa che avevo bevuto troppo e volevo rientrare a casa prima che mi salisse l’ubricatura.Salii in auto e in pochi minuti arrivai sotto casa sua: ora arrivava il difficile. Il primo cancello era aperto per cui mi infilai senza problemi, appena svoltato l’angolo, mi diressi al portone della scala C, e che fortuna!, il portone era aperto, entrai, mi diressi all’armadio dei contatori, mi spogliai, lasciai tutto dentro in una sacca nera che mi ero portato dietro e uscii di nuovo fuori per suonare al videocitofono.sei stato di parola. Puoi salire –
Corsi subito dentro richiudendomi la porta alle spalle e salii in ascensore. Quando le porte si aprirono, le luci del pianerottolo erano accese, un po’ come il mio pisello, eccitato da quel giro in ascensore con il timore che qualcuno l’avesse chiamato e potesse trovarmi nudo.Invece, il piano era quello giusto. Entrai in casa e trovai la mia amica, già nuda.Ci salutammo con un lungo bacio, il mio pisello durissimo si insinuò subito in mezzo alle sua gambe, lei sorrise e si strinse di più a me. Poi mi prese per il pisello e mi portò in cucina.ho fatto la crema pasticcera, la vuoi assaggiare? –
Risposi affermativamente, e dopo averle tolto la ciotola dalle mani, la spinsi sul tavolo e la feci sdraiare sopra, facendo colare un po’ di crema sul seno e sulla fica.Presi a leccarla con calma, senza fretta, lasciandola rilassare sotto i miei colpi di lingua.Quando finii, su la mia volta, mi allontanai e mi misi la crema sul pisello, lei scese dal tavolo e ingoiò il pisello con tutta la crema.Dopo averlo ripulito, prese a spompinarlo, con voglia con desiderio, sentivo il suo risucchio che mi tirava e stimolava la cappella, lo sentivo gonfiare…Lo tirò fuori per riposarsi, e io la tirai su, la spinsi sul divano, facendola cadere sulo a ponte sul bracciolo, poi presi la crema rimasta e la misi nel culo, presi a leccarglielo e poi dopo aver rimesso un’altra dose di crema la usai come lubrificante, appoggiai il pisello e spinsi subito e forte. Lancio un urlo straziante e mi mando a quel paese, stringendosi al cuscino del divano.Pompai senza tregua, con forza fino alla fine quando le venni dentro.Tirai fuori il pisello dal culo, gli spalmai sopra l’ultima crema rimasta, poi prendendola per la testa, glielo infilai in bocca per farglielo pulire dai suoi umori anali a base di crema.Questo per avere fatto entrare un uomo nudo a casa tua!
Ci mettemmo a ridere, poi dopo aver salutato, usci di casa e scesi giù con l’ascensore.Quando si aprirono le porte, una coppia era appena passata davanti senza accorgersene, raccolsi la mia roba, mi vestii e tornai a casa.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.