Cornuti si nasce

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Cornuti si nasce

Spread the love

CORNUTI SI NASCE

I racconti che seguono rappresentano la parte centrale della mia vita, volutamente ho tralasciato l’adolescenza una prima parte di gioventù (non so se mai la scriverò) ho tralasciato anche la vita odierna, che scriverò certamente in seguito.
Il racconto è tutto vero ad esclusione dei luoghi e dei nomi per ovvi motivi.
Sono nato in un paese del centro Italia ma appena nato ci trasferimmo in un paese della Sicilia Occidentale (entroterra trapanese)
Ho alle spalle due matrimoni non andati bene,
Il primo in giovane età sotto i vent’anni, Dal punto di vista dello scopare eravamo vergini tutti e due.
Le nostre famiglie di provenienza, sessualmente parlando si difendevano abbastanza bene. La madre di lei sposata è stata beccata a letto insieme alla sorella, che scopavano con un uomo.
Non è successo niente il marito cornuto l’ha perdonata.
Tutto questo me lo ha raccontato mia madre che non aveva marito, io sono nato in una relazione clandestina.
Anche lei si faceva chiavare da un vicino di casa,ma questa è un’altra storia.
Il nostro matrimonio era ostacolato da parte della madre di lei.
E’ successo come si suol dire il fattaccio, siamo stati costretti a fare la “fuitina” la regia è stata quella della troia della mamma di lei, aveva un “amico” a circa trenta km ci ha fatto ospitare nella sua casa che viveva insieme alla madre era separato.
Siamo partiti con i soli vestiti addosso per stare due o tre giorni, ed invece siamo rimasti li per dieci giorni dietro insistenza della mia futura moglie Carmela che diceva di non essere pronta ad affrontare la gente.
Il posto era bellissimo vicinissimo ad un bel bosco dove ogni tanto si vedevano anche gli scoiattoli, la mattina ci svegliava il canto degli uccelli
Le notizie di casa ci arrivavano da parte della madre di lei che ci rassicuravano che tutto era a posto.
Carmela era innamorata di quel posto e mi disse fermiamoci un po di giorni mia madre è al corrente possiamo stare tranquilli, e poi tu puoi aiutare la madre del signor Angelo a farla camminare, anche per sdebitarci di tutto quello che loro stanno facendo per noi.
Volendo la felicità di Carmela accettai la sua proposta.
Tutti i pomeriggi portavo fuori la signora Assunta per una lunga passeggiata tra i boschi e Carmela rimaneva in casa per mettere in ordine la cucina dopo che il signor Angelo si ritirava dall’ufficio, alle 14 mangiava e poi andava a fare un risposino.
Un giorno la signora Assunta mentre eravamo fuori ha avuto un giramento di testa mi fermai, per farla riprendere ma il disturbo continuava, gli dissi allora di tornare indietro, disse di no che sarebbe passato,constatando che che non passava ed era almeno venti minuti che eravamo seduti si decise di tornare indietro.
A circa cinquanta metri dalla casa si sentii una specie di rantolo come se qualcuno si sentiva male, chiesi alla signora cosa poteva essere, mi disse non preoccuparti sono i gatti che si stanno accoppiando,anzi fermiamoci facciamoli finire e poi andiamo ,siamo rimasti una decina di minuti quando non si udiva più niente la signora Assunta gridò vai a dormire gattaccia e ci siamo incamminati, arrivati a casa era tutto in silenzio ci siamo seduti fuori al fresco la signora si stava riprendendo.
Dal balcone si affacciò Angelo ho chiesto, Carmela che fa , e da un po che sta riposando mi rispose.
Salgo per vedere se gli serve qualcosa dormiva saporitamente avrà impiegato molto tempo per addormentarsi girandosi nel letto la camicia da notte era tutta arrotolata dietro il culo il letto sembrava un campo di battaglia tanto era disfatto.
Era uno spettacolo a vederla quel culetto arrotondato che sembrava invitasse e violarlo, le cosce lisce lievemente abbronzate,solo una punta di rossore tra le chiappe del culo,forse gli bruciava li si mangiava un po piccante.
Non riuscii a trattenermi mi spogliai e mi misi a letto dietro di lei, il mio cazzo si svegliò subito al calore del culo nudo senza mutandine,ma siccome non aveva portato cambi quando li lavava rimaneva senza.
Appoggiai il cazzo alla rosellina si svegliò e mi fermo’ subito dicendo che gli bruciava cambiai apertura mi disse che non aveva voglia, ma io stavo scoppiando e feci finta di non sentire, il cazzo scivolo dentro in maniera sorprendente, come, sei un lago e dici che non hai voglia, sono un lago perchè sono incinta.
Io continuai quella fica era piena di umori non mi era mai capitato di vederla cosi eppure si scopava tutti i giorni, per un attimo ho avuto l’impressione che era come quando scopavamo gli riempivo la fica di sborra poi mi riposavo un po e quando lo rimettevo dentro nuotava in mezzo a quella sborra in quel momento era la stessa cosa, continuai fino a godere.
Mi alzai mi vestii scesi sotto dopo un po si affacciò Carmela dalla finestra era felice riposata, è una meraviglia stare qui, chiudeva gli occhi sembrava in estasi era bello vederla emetteva sospiri si stiracchiava sembrava che danzava.
Dopo un po scese anche lei e si sedette con noi,io son salito per andare in bagno e mi sono accorto che sotto la finestra dove prima lei era affacciata era presente una chiazza sembrava pi pi quando sono sceso mi sono avvicinato al suo orecchio e gli dissi vai a pulire sotto la finestra mi sembra che hai fatto un po di pi pi.
Era passata una settimana effettivamente si stava bene li una grande tranquillità tutti felici.
Era Sabato nel pomeriggio dovevamo rientrare ci siamo alzati presto La signora Assunta era già sotto,il signor Angelo non doveva andare al lavoro e dormiva,
la signora Assunta mi disse oggi andate via? perché non la facciamo stamattina la passeggiata?, Carmela fa qualcosa da mangiare e noi andiamo in giro.
Quando siamo rientrati era ancora presto ci siamo seduti su un muretto nelle vicinanze della casa,
Ad un certo punto si senti Carmela che diceva “ dai spingi ancora…. spingi forte, hai…. che male….. “ la signora Assunta mi disse : stanno sistemando il tavolo della cucina.
“cosi va meglio disse Carmela però mi hai fatto male prima.”
Siamo entrati la tavola era apparecchiata abbiamo pranzato dopo ci siam seduti al fresco. Carmela stava sistemando la cucina e disse perchè non accompagni per un’altro giro la signora cosi poi rientriamo.
Qui manca un passo molto importante. Forse un giorno………………
Nel tardo pomeriggio rientrammo a casa, dopo il primo giustificato trambusto passato qualche giorno si sistemò tutto.
Carmela mi disse che mi doveva parlare,una sera mentre cenavamo inizio un discorso che cambiò la mia vita.—————————————–

[email protected]

 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.