Oltre una poltrona – Parte prima

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Oltre una poltrona – Parte prima

Spread the love

Era passata con qualche minuto di ritardo e non perché fosse una ritardataria ma solo perché quella sera il traffico era più intenso del solito. Chiara era una ragazza puntuale, Davide entrò in macchina la salutò e come sempre accadeva rimase affascinato da quei due occhi vispi, luminosi e intelligenti incastonati dentro un viso stanco ma dai dolci lineamenti. Percorsero la via che li divideva dal cinema parlucchiando del più e del meno, dei colleghi e d’altro. Parcheggiarono e si fiondarono all’interno della sala giochi accanto al cinema, avrebbero fatto tutto quello che facevano sempre – tradizionalisti pigri – giocato ai soliti giochi, mangiato il solito hamburger, guardato il solito film allo stesso modo e se ne sarebbero tornati nelle proprie rispettive case sempre con addosso qualcosa di incompiuto, di non fatto, di pensato forse.
Iniziarono a giocare come facevano sempre: a sorridere, non troppo, era come se si trattenessero anche nel ridere, erano due anime opposte e diverse, forse in comune, quello che li legava veramente in un’amicizia che andava oltre le convezioni era proprio quello: un senso claustrofobico della propria vita. Avrebbero potuta viverla a pieno ma non lo facevano, non lo facevano nel lavoro, nelle amicizie, in niente forse..e mentre giocano alla solita maniera una voce lontana e mischiata agli schiamazzi dei bambini e delle madri destò la loro attenzione:

  • Ehi chiara, e te? Da quanto tempo? Ma dai non ci posso credere? Che ci fai qui?
    Un ciclone di domande e una vitalità esplosiva li travolse, era Elda una sua vecchia compagna di scuola, e il suo ragazzo Neri. Si avvicinarono, si presentarono come si conviene e come se fossero stati amici da una vita, come se avessero un passato comune trascorsero la serata a chiacchierare e a raccontarsi la vita, erano simpatici e pieni di vita, amorevoli nel descriversi e nel raccontarsi, così come lo erano nel muoversi e nel parlare. Era belli. Elda aveva un vestito a fiori che gli calava dolcemente dalle spalle fin poco sopra il ginocchio, una leggera scollatura facevano intravedere un seno tondo e ben ritto. Neri era alto e slanciato, dentro un jeans e una maglietta aderente.
    Davide aveva più volte incrociato lo sguardo di Elena che cadeva dentro la scollatura di Chiara, all’inizio gli sembrò strano poi lo divertì, alla terza volta iniziò a solleticare le sue fantasie, gli piaceva quella morbosa attenzione, un’attenzione che fino a quel momento lui aveva avuto come si può avere per una qualunque scollatura. Più volte mentre parlavano sia Elda che Neri si lasciavano andare in pacche e carezze affettuose come si fa, forse senza pensarci, verso un amico fidato, un amico di lungo data, forse, erano spontanei e sorridenti e lo facevano con una tale naturalezza che persino Chiara, poco incline al contatto, non se ne accorse.
    Un pensiero lontano invase la mente di Davide, uno strano sentore che saliva dalle viscere della terra per unirsi a quei quattro corpi, che forse quella sera sarebbero diventati altro. Un pensiero forse troppo lontano, così lontano che quasi subito lo abbandonò, così da ritornare immediatamente presente e rispondere alla domanda di Neri:
  • Restate per guardare un film?
  • Certo, rispose Davide.
  • Elda, “allora guardiamone uno insieme, no?”
  • Chiara: “sì sì, va bene”.
    Si diressero tutti e quattro alla biglietteria, era mercoledì e il cinema era semideserto e così andarono in sala, la sala era vuota e tale rimase anche dopo le solite iniziali pubblicità.
    Presero l’ultima fila si disposero uno accanto all’altro: Elda, Chiara, Davide e Neri. Loro due, i due amici finirono in mezzo a quella vitale coppia, a quell’esuberanza che profuma di vita.
    Le luci si abbassarono e le immagini del film iniziarono a scorrere sul grande schermo, dopo pochi minuti Davide venne distratto da un movimento, da una mano nell’aria, senza preavviso e con la sua incredibile naturalezza Elda iniziò a sbottonare la camicetta di Chiara che era impietrita, ferma, non era spaventata però, il modo con il quale Elda lo faceva era così incredibilmente naturale e normale che né Davide né tantomeno Chiara ne furono sorpresi, sbottonava quella camicetta con dei movimenti ampi e sorrideva e cercava prima lo sguardo di Chiara poi quello di Neri e infine quello di Davide, la sbottonò quella camicetta poi si fermò come se volesse gustarsi e far gustare quel meraviglioso seno accarezzato da un reggiseno nero. Davide non aveva mai pensato a quel seno e ne era rimasto affascinato e mentre lo guardava e una strana aria di eccitazione iniziava a trasalire da quei quattro corpi Elda con un’abile mossa tirò fuori quel seno, lo liberò dalla castrazione di quell’indumento inutile, Chiara era come in trans, in una trans consapevole. Quando Davide incontrò con lo sguardo il seno nudo di Chiara un grumo di sangue scese verso il suo basso ventre, si eccitò, e mentre un’erezione completò il quadro Elda prese tra le mani il seno destro di Chiara, si piegò leggermente in avanti e iniziò a baciarlo prima delicatamente poi a disegnare con la sua lingua dei movimenti perfettamente circolari intorno alla sua aureola, i capezzoli di Chiara divennero subito turgidi e si appuntirono come due steli magnifici e lucidi, aveva un seno perfetto Chiara, due coppe perfette. Davide, anche lui sceso in una trans d’eccitazione emulando la naturalezza di Elda si chinò verso Chiara e iniziò a baciare il seno sinistra di Chiara che nel frattempo si era lasciata andare, pose le sue mani sulle teste dei suoi rispettivi amatori e chiuse gli occhi, Davide iniziò a succhiare avidamente il capezzolo di Chiara così come faceva Elda, si fermavano solo per scambiarsi qualche bacio, sfiorarsi le lingue per poi subito riprendere a baciare e succhiare avidamente il seno meraviglioso di Chiara, intanto Neri che prima si era goduto lo spettacolo aveva iniziato ad accarezzare prima il ginocchio e poi la gamba di Davide che si era accorto di tutto e che sperava che Neri avrebbe continuato, salendo più su.
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

One thought on “Oltre una poltrona – Parte prima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.