La suocera…abusi e umiliazioni

La suocera…abusi e umiliazioni


Ormai le condizioni di salute di mia suocera erano diventate sempre più precarie fino al punto che mia moglie decise di portare la vecchia in casa. Visto che io ero disoccupato e a mia moglie piaceva fare la bella vita pensammo che la pensione della mamma ci faceva comodo. Mia moglie mi disse vedrai, mamma é buona ed ubbidiente, non farà storie, quello che gli chiedi, fá.
Sacrificammo il mio studio per allestire una cameretta per la vecchia, mia moglie la prima sera mi chiamò dopo aver messo a letto la mamma e davanti a me gli disse ricordati che Lui é il padrone di casa e tu gli devi ubbidire altrimenti mi costringe a portarti in un ospizio.
La vecchia terrorizzata disse che avrebbe fatto la brava.
Mia moglie andò a letto ed io con la scusa di controllare dei documenti rimasi in studio lasciando accesa la lampada da tavolo.
Dopo aver guardato i documenti accesi il computer e cominciai a guardare dei siti pornografici, prima delle immagini poi dei video.
Eccitato iniziai a masturbarmi poi mi girai verso mia suocera e mi accorsi che la vecchia invece di dormire mi guardava…io la guardai e gli chiesi se le piaceva guardare che mi masturbavo…Lei disse che ero un gran porco e se non smettevo chiamava la figlia…allora le ricordai che era mia ospite e che se non ubbidiva avrebbe fatto la fine della madre quando i figli, prima uno e poi l’altro La buttarono fuori di casa senza un soldo…mi avvicinai a lei e gli misi il cazzo davanti al viso…La vecchia era terrorizzata, tremava dalla paura…la situazione inizió ad eccitarmi, il cazzo Mi diventò ancora più duro….invitai la vecchia ad accarezzarlo…la vecchia lo prese in mano e lo strinse forte…Dai vecchia Troia fammi una bella sega, vediamo se sei brava come tua figlia….inizió a masturbarmi piano piano…poi aumentò il ritmo…la cosa inizió a piacermi e allora avvicinai La cappella alla sua bocca e le dissi…Dai vecchia troia…leccalo.
Lei terrorizzata avvicinò la bocca al cazzo e lo baciò sulla punta…io con tono minaccioso la invitai a metterlo tutto in bocca e di succhiarlo per bene.
La vecchia inizió prima a leccarlo poi a succhiarlo, io le presi la testa e tirandola con forza verso il cazzo glielo misi tutto in gola fino in fondo…Lei con gli occhi di fuori cercava di liberarsi ma io le tenevo con forza la testa e la scopava in bocca come una cagna in calore.
Le sborrai in gola un fiume di sperma.
Ingoiò tutto fino all’ultima goccia…ci vediamo domani le dissi…Lei mi chiese…Adesso te vai a scopare mia figlia…Si quella porca già si starà masturbando dalla voglia…allora va lá e scopatela.
Raggiunsi mia moglie in camera e come immaginavo si stava sgrillettando la sorca…ce l’hai fatta mi disse ma che sei stato a fare fino adesso…mi sono fatto fare un pompino da quella gran Troia di tua madre…Lei pensando che lo dicevo solo per eccitarmi assecondò il discorso chiedendomi se era stata brava…e iniziando a leccarlo e disse…vediamo se sono più brava io o mamma…la scopai prima nella sorca poi nel culo…pensando a quella troia della mamma.
Anche mia moglie con la bocca non scherza…ancora oggi nel quartiere dove é cresciuta se la ricordano tutti…da ragazzina già all’età di 13/14 anni succhiava il cazzo ai ragazzi e anche ai vecchi …infatti tutti ancora oggi si ricordano di Antonella la puttanella.
La mattina presto mia moglie usciva di casa e andava a fare le pulizie e quando aveva l’occasione arrotondava con qualche pompino…io me ne stavo a casa con mia suocera.
Appena mia moglie usciva mia suocera mi guardava e sorridente mi diceva…siamo rimasti soli…allora io mi tiravo fuori il cazzo e lo avvicinavo alla sua bocca…Lei prima me lo accarezzava dicendomi che era…super…poi lo baciava e se lo metteva tutto in bocca…io dopo un po’ mi sedevo vicino a lei e gli slacciavo la camicetta e gli toccavo le tette…che nonostante l’età erano ancora eccitanti…poi con la lingua gli iniziavo a stuzzicare i capezzoli, glieli mordicchiavo e poi li ciucciavo…Lei si eccitava molto…ormai non opponeva nessuna resistenza anzi debbo dire che partecipava sempre più eccitata.
Sei più arrapante di tua figlia…preferisco a te che mia moglie…Lei compiaciuta mi diceva che gli piaceva fare certe cose.
Ormai la vecchia era la mia Troia.
Ogni tanto, cercava la mamma allora una volta feci squillare il telefono cordless e feci finta che era la mamma che la cercava…gliela passai…Lei tutta contenta…Mamma come stai…quando mi vieni a trovare…tu fai la brava e ubbidisci…fai tutto quello che vogliono…Io approfittavo e mentre lei era convinta di parlare con la mamma io gli mettevo il cazzo in bocca…e gli dicevo…Dai digli a mamma quello che stai facendo…Lei si vergognava allora io la minacciavo dicendogli che se non lo diceva non la facevo parlare più con la mamma…allora Lei impaurita gli diceva…Mamma…sto facendo un pompino al marito di mia figlia…allora facendo finta che ero la mamma gli chiedevo…ce l’ha grosso…si tanto…é duro…si durissimo…poi gli dicevo di dire alla mamma se veniva a trovarci e se voleva poteva succhiarlo anche lei.
Lei si vergognava allora io la minacciavo dicendole che se non glielo diceva la portavo in uno ospizio.
Allora Lei con voce tremolante…Mamma se vieni a trovarmi te lo fa succhiare anche a te…allora io le suggerivo…digli che me lo succhiate insieme…allora Lei…Mammina…se vieni glielo succhiamo insieme…digli che c’è lho grosso…allora Lei…Mammina…vedessi quanto ce l’ha grosso.
Un giorno venne a un’amica di mia moglie…molto graziosa…purtroppo il marito non se la scopa mai e lei ha una gran voglia di cazzo.
Stavamo tutti e tre seduti in salotto…io iniziai a baciare mia suocera…l’amica di mia moglie quando vide il cazzo e come mia suocera lo succhiava non perse tempo si avvicinò con la bocca ed inizió a leccarlo poi a baciarlo poi a succhiarlo…iniziarono a farmi un pompino da favola…si passavano la cappella da una bocca all’altra….iniziarono anche a leccarsi le lingue reciprocamente…spogliai completamente Marina…iniziai a succhiargli i capezzoli…poi la invitai a farseli ciucciare da mia suocera…Marina, eccitatissima avvicinò le tette alla bocca della vecchia che senza esitare inizió a succhiargli i capezzoli…io intanto mi masturbavo guardando la scena…poi invitai Marina a infilarsi il cazzo nella sorca…non se lo fece ripetere due volte…si sedette di schiena e si infilò il cazzo nella sorca…e poi rimanendo con le gambe strette si alzava e si abbassava facendomi provare un piacere immenso.
Mia suocera ci guardava arrapata…poi Marina cambiò posizione…si mise sempre a smorza candela però girata in avanti in modo che potevo succhiargli i capezzoli.
Dopo due orgasmi decisi di inculcarmela…allora la feci girare alla pecorina e gli infilai il cazzo nel culo…inizió a godere come una gran troia…mia suocera ci guardava compiaciuta…Dai spaccagli il culetto a questa puttana…Marina eccitatissima si sbrodolava con un orgasmo dietro l’altro…poi si abbassò verso mia suocera e la inizió a baciare in bocca…la vecchia rispose con passione…Marina eccitatissima diceva…Vedi la nonnina quanto é troia…gli piace.
Purtroppo la cosa non durò molto perché mia suocera si ammalò e ci lasciò…ancora oggi io e Marina quando scopiamo pensiamo alla nostra amata vecchietta e a quanto era porca.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *