Esperienza in villaggio xx

FACCIAMO SESSO AL TELEFONO! CHIAMA IL 899005022 O CLICCA QUI

Esperienza in villaggio xx

Spread the love

Ciò che voglio raccontare è tutto veritiero,solo i nomi sono di fantasia per tutelare le persone, questa mia prima esperienza risale a circa una quindicina di anni fa, mi trovavo in un villaggio turistico una struttura di circa 800 posti letto situato al mare, molto verdeggiante con tanti vialetti et vari ristoranti.
Un mese dopo mi raggiunge mia moglie solo poche persone ne erano al corrente, così passava il tempo al mare e piscina gironzolare nel villaggio vedere spettacoli e andare nei vari ristoranti per tutti era una cliente.
Ogni tanto mi diceva che qualche cliente ci provava gli dissi che se gli piaceva poteva anche andarci ma con molta discrezione e mai andare con il personale,poi fece conoscenza con una ragazza che faceva la baby-sitter si chiamava Pina che teneva i bambini di una coppia che lavorava li e sono diventate subito amiche erano sempre insieme.
Mia moglie si chiama Sandra,una donna di 27 anni molto solare in carne alta 1,70 capelli neri con una quarta abbondante di seno ma anche un po’timida molta calda, diverse volte nei nostri momenti di intimità gli avevo manifestato il mio desiderio di poterla vedere tra le braccia di un uomo mentre fa l’amore, gli dissi che le occasioni qui non mancano, che non avremmo più rivisto la persona mi rispose che se si sarebbe presentata l’occasione me lo avrebbe fatto sapere, gli dissi di fare molta attenzione perché nei villaggi si viene a sapere tutto, mi disse di stare tranquillo da quel punto di vista,lei terminato lo spettacolo verso le 23,30 andava in camera con il bambino è guardava un po’di TV mentre io rientravo sempre verso la 01,00/01,30 spesso mi fermavo o al bar oppure alla reception.
Arrivati al mese di luglio la struttura si riempì con i vari clienti arrivo anche un gruppo con i propri pullman e autisti, che durante il giorno andavano in escursione in base ai loro programmi tre volte alla settimana, già il primo giorno un autista cerco di staccare bottone con Pina che non era interessata ed in più era fidanzata,a quel punto incominciò a corteggiare mia moglie che la sera mi raccontò tutto,disse che che era un uomo pugliese di 43 anni si chiamava Giuseppe molto simpatico educato e galante ma anche molto insistente mi chiese cosa doveva fare gli risposi che se gli piaceva se lo poteva fare, Sandra gli disse che che è sposata che il marito è qui stava al villaggio ma che questo non sarebbe stato un problema,sia a pranzo che a cena al ristorante andavano sempre insieme così anche al mare,poi la sera in anfiteatro era sempre accanto a lei, spesso dopo cena faceva una passeggiata con il bambino tra i vialetti del villaggio varie volte l’ho visto che la prendeva per mano, poi una sera sono stati al ristorante tipico dove c’era anche Pina,con i due bambini che accudiva di cui anche mio figlio mentre rientravano Pina con i bambini erano molto avanti, così Giuseppe mentre la teneva per mano si è fermato dandogli un bacio con la lingua che mia moglie a corrisposto,le ha sbottonato la camicetta palpandogli il seno anche perché Sandra non portava il reggiseno poi lo a subito fermato che c’era Pina che poteva vedere è raccontare dopo andarono in anfiteatro per lo spettacolo io ero al bar mentre prendevo il caffè mia moglie è venuta vicino e mi ha raccontato l’accaduto era eccitata le si vedevano i capezzoli turgidi poiché aveva la camicetta semitrasparente, sorridendo gli chiesi se voleva rinunciare mi disse di no che ne avremmo parlato in camera quando sarei rientrato, gli ho detto di dargli corda di non farselo scappare mi rispose di stare tranquillo che non scappava che eventualmente gli avrebbe concesso qualcosa.
La sera quando sono rientrato gli chiesi di raccontarmi tutto, mi ha detto che finito lo spettacolo l’accompagnata vicino vicino la nostra camera è l’ha baciata così mia moglie gli disse di aspettare un po’che metteva a dormire il bambino che si è addormentato subito, uscita di camera Giuseppe era lì che l’attendeva l’ha subito abbracciata baciandola mi disse che era eccitato le prese la mano posandola sopra i suoi pantaloni per fargli sentire il cazzo dicendogli apertamente che la voleva scopare, mia moglie gli disse di avere ancora un po’di pazienza che lo avrebbe fatto,poi le ha infilato la mano sotto la gonna fino a toccare le mutandine che erano già bagnate…a quel punto guardandola le disse: anche tu ne hai voglia, mia moglie gli rispose certo mica sono fatta di legno è in più ne ho tanta voglia… dammi ancora qualche giorno è sarò tua nel letto in camera chiesi a Sandra se era da molto che era andato via perché avevo incontrato qualcuno che mi aveva salutato disse senz’altro era lui dato che quando al bar mi a vista parlare con te aveva chiesto gli dissi che sei mio marito.
La cosa andò avanti ancora qualche giorno, la coppia che lavora che ha i due bambini chiese a Pina se li poteva accudire tutta la notte perché erano invitati da parenti e non sarebbero rientranti la notte a questo punto Sandra gli chiese se poteva tenere anche il nostro bambino che anche noi saremmo andati fuori è non sappiamo l’ora che rientriamo, Pina gentilissima disse che non c’era nessun problema che lo faceva volentieri dì stare tranquilla anche perché i bambini giocano sempre insieme.
Così terminato lo spettacolo Pina prese i bambini con se dicendo a mia moglie di stare tranquilla…augurandoci una buona serata, così Sandra era tranquilla che avevamo tutta la notte per noi, Giuseppe portò mia moglie a fare una passeggiata, andarono al ristorante al mare già chiuso è si sono soffermati a vedere le rocce sul mare sotto la luna e le stelle, era una notte molto calda non vi era un alito di vento o brezza, si era già fatta mezzanotte ho fatto un giro ma non vedevo mia moglie poi passando alla reception mi dissero che Sandra aveva chiamato già due volte mentre passavo per il bar ho subito chiamato in camera mia moglie mi disse che è in camera già da 10 minuti con Giuseppe mi disse di venire subito, dato che stavo al bar ho preso una bottiglia di spumante ben ghiacciata con un secchiello con ghiaccio… arrivato nel corridoio senza far rumore messa la chiave ed ho aperto la porta mia moglie e Giuseppe erano seduti sul bordo del letto si sono subito alzati Sandra mi ha subito baciato sulla bocca dicendomi finalmente sei arrivato… presentandomi Giuseppe come suo amico… mia moglie era con una camicia da notte tutta trasparente con le mutandine nere senza reggiseno mentre Giuseppe era vestito ma con la patta dèi pantaloni aperta ricordo che c’era una canzone che ascoltavano “maledetta primavera” posato il cestello con la bottiglia sul tavolino sono andato a farmi la doccia poiché ero tutto sudato.
Una volta terminato ho messo l’asciugamano alla vita li ho raggiunti sedendomi sul letto mettendo a centro mia moglie vi era un po’d’imbarazzo da parte mia e di Giuseppe mentre Sandra era apparentemente tranquilla e rilassata, si parlava delle cose più banali, chiesi quando tempo restava rispose che purtroppo solo tre giorni…dopo rivolgendomi verso mia moglie gli chiesi sé gli aveva detto tutto con un sorriso e con un filo di voce disse si .. certo che l’aria era resa…. cercai di dialogare dicendo che l’avevo notato quanto passeggiava con mia moglie mentre la teneva per mano non avevo nulla in contrario gli chiesi solo la massima riservatezza è discrezione di è molta segretezza di questo incontro mi disse potevo stare tranquillo.
Ad un certo punto Giuseppe dicendo che si è fatto tardi non se la sentiva salutando a quel punto dissi a mia moglie di convincerlo che lo baciava sulla bocca ma non voleva rimanere, nel mentre mi dava la mano gli e la presi posandola dentro le mutandine di mia moglie è gli dissi: non puoi lasciarla così in queste condizioni sentì bene come è che Sandra gli fece sentire come era bagnata…sei tu che gli hai messo il fuoco e adesso la devi spegnere forse non ti piace…. dopo un istante di ripensamento disse che gli piaceva tanto così mia moglie gli rispose adesso è il momento dimostamelo gli mise le braccia sul collo è lo baciava vedevo le loro lingue che sì cercavano freneticamente in continuazione distesa al centro del letto il fuoco era partito lo aveva spogliato lui tolse la camicia da notte mentre io gli ho stilato le mutandine Sandra si messa al centro del letto chiamando Giuseppe di venire accanto a lei a quel punto mia moglie gli tolse gli slip mentre gli prese il cazzo in mano poi lo prese in bocca spompinandolo mi piaceva tanto vedere mia moglie con il cazzo in bocca,poi se lo passava sul seno per poi passare la cappella sui capezzoli turgidi era uno spettacolo divino poi luì la fece aprire bene le cosce dove poso la sua bocca leccandola tutta, sentivo che gemeva di piacere lui le teneva le grandi labbra aperte passando la lingua facendola godere l’ho sentita godere diverse volte poi mia moglie a detto Giuseppe prendimi non c’è la faccio più dopo un po’prese un preventivo nel metterlo si ruppe era il solo che aveva chiese se prendeva precauzioni gli rispose che erano tre mesi che non prendeva più la pillola a questo punto Giuseppe non voleva più scoparla mia moglie lo supplicava di prenderla aveva tanta voglia è bisogno di cazzo invocava di penetrarla anche io ho insistito di prenderla mia moglie divaricò le cosce per accogliere il suo cazzo mentre sollevava le gambe sulle sue spalle vedevo quel cazzo che entrava piano piano dolcemente fino in fondo poi incominciò con ritmo sempre più intenso ogni tanto le dava un colpo più intenso affondando tutta quella verga fino in fondo godeva come una matta gli sussurrai all’orecchio se gli piaceva mugolando di piacere disse che era bellissimo che stava in paradiso erano già una ventina di minuti che Giuseppe la martellava poi le disse che era prossimo ad attivare mia moglie rispose: anche io sto per venire mi nanca poco sbattimi più forte non ti fermare vai più in fondo…. sto godendo sono venuti insieme mentre Giuseppe stava per uscire lei lo ha trattenuto si è faffa venire dentro dopo qualche minuto lo ha lasciato … quando è uscito vedevo la figa di mia moglie tutta aperta è lo sperma che gli usciva colandogli tra le cosce era meraviglioso vederla non ho saputo resistere che mettergli le dita dentro massaggiando la figa.
Giuseppe le chiese perché non mi hai lasciato uscire Sandra gli disse che voleva che godeva per bene e che voleva sentire la sborra calda dentro di lei…poi con un sorriso gli disse mi hai riempita tutta sei stato meraviglioso…..
Questa è la prima parte
 


ASCOLTA AUDIO LIBRI EROTICI - PROVA 30 GIORNI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.