Il portiere incula mia moglie in cantina

Il portiere incula mia moglie in cantina

Le risatine sarcastiche di quell’uomo mi infastidivano ormai da giorni.Tutte le qual volte che passavo davanti all’uscio di casa, quell’uomo mi sorrideva con un fare da presa di giro , ma siccome lo reputavo una persona poco piacevole e antipatica,non ci feci caso. Solo qualche periodo dopo, compresi la regione del suo ridere così sfrontato.

Con mia moglie siamo una coppia piuttosto affiatata, entrambi lavoriamo dalla mattina e la sera e torniamo a casa verso le 17. Da buoni compagni, ci dividiamo i compiti nelle faccende domestiche, così io  solitamente mi occupo di rassettare la casa e lei della cena e della cucina in generale.

Avevo notato che da qualche periodo, mia moglie andava spesso nella nostra cantina; alle volte per prendere l’olio, altre i pelati etc. Non feci caso a quel comportamento, tutto sommato era legittimo anche se ormai si ripeteva da giorni. Un giorno però, appena lei scese in cantina per prendere non so cosa, notai che per la sera sarebbero mancate anche delle mele; così qualche minuto dopo la sua discesa, mi avviai per raggiungerla e prenderle. Stranamente mentre mi avvicinai alla cantina, notai che la luce antecedente il corridoio della cantina era spenta e la porta della nostra cantina invece era chiusa. Insospettito, mi avvicinai pian piano alla porta della cantina e sentii dei gemiti.

Sbalordito, mi inginocchiai a terra e guardando dal buco della serratura, con mia grande sorpresa vedo mia moglie tutta nuda inginocchitaa a terra che sta facendo un pompino al portinaio. Mi vengono a mente le sue risatine e finalmente ne capisco il motivo. Brucio di rabbia in un primo momento e penso di entrare e far buriana con i due. Ma guardando la scena mi ritrovo eccitato e con il cazzo duro. La visione di mia moglie che succhia il cazzo tra l’altro enorme del portinaio, in modo così animalesco, mi provoca un piacere inaspettato. Continuo a guardare la scena dal buco della serratura. Mia moglie  viene afferrata per le mani e messa a pecorina sul mio tavolo da lavoro. Il portinaio gli incrocia le mani e le sistema bene le gambe quindi inizia a leccarle l’ano per poi infilzarla nel culo.

La bastarda… penso tra me, a me il culo non vuole darlo e si fa sfondare come una vacca da un cazzo molto più grande del mio. Ancora una volta, malgrado lo sfregio e l’offesa, mi eccito all’idea che mia moglie si faccia inculare come la peggio puttana di strada. Ho il cazzo gonfio che mi struscia nei pantaloni e  solo muovendo leggermente le mie gambe sento che questo sta per esplodere.  L’impeto e la passione con il quale il portinaio incula mia moglie aumenta e con questo i loro gemiti di piacere, fin quando non sento un sospiro finale e vedo che il portinaio sborra nel culo a mia moglie. Io stesso mi sborro senza neanche toccarmi nei pantaloni alla visione dell’atto, quindi  mi affretto a risalire in casa per non essere visto

Non ho mai avuto il coraggio di dire a mia moglie che sapevo tutto e forse non ho neanche voluto. Ho continuato infatti a spiare mia moglie che veniva scopata altre volte dal portinaio nella nostra cantina. Ho compreso che questo ruolo da voyeur cornuto, volente o no mi provoca estremo piacere.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

2 thoughts on “Il portiere incula mia moglie in cantina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *