Sogno di una notte di mezza estate – Capitolo 2

Sogno di una notte di mezza estate – Capitolo 2

Capitolo 2

Marco si svegliò il sabato mattina col sole che gli batteva in faccia. Pensò che sarebbe stato un altro giorno meraviglioso. Era sdraiato sul letto, il piumone copriva il suo corpo in maniera appena decente, inondandolo con la luce del sole. Sentì la sua erezione pulsare sotto il piumone. Fece scivolare le mani sul suo corpo, immaginando di essere con Giorgio. Le mani si mossero sotto il piumone gettandolo via. Non aveva problemi di privacy. La sua stanza era modesta, ma finché la teneva pulita sua madre non l’avrebbe infastidito. Avrebbe bussato prima di entrare.
Le sue mani giocarono con le sue palle, solleticando il cespuglio di peli neri. Poi la destra si mosse sopra la verga dura, carezzandola delicatamente per tutta la lunghezza, solleticando il punto sensibile sotto la cappella, dove il grumo di pelle dell’operazione sporgeva leggermente. Avvolse la mano intorno all’intera lunghezza del cazzo e cominciò a muoverla lentamente su e giù. La sinistra stava massaggiando le palle muovendosi lentamente verso il culo. Sentì le palle contrarsi quando il suo dito si spinse oltre lo stretto anello di muscoli. Con la fantasia vedeva Giorgio sdraiato su di lui a spingergli dentro profondamente la verga. Spinse dentro il dito, la destra continuava a muoversi e lui era sommerso da sensazioni meravigliose. Si trattenne finché gli fu possibile, una cosa che stava praticando da quando l’aveva letto sulla rivista di una ragazza.
Poi non ce la fece più, si rilassò spingendo dentro il dito il più possibile, l’orgasmo si diffuse in tutto il suo corpo, la sborra fu sparata in alto e ricadde sui suoi capelli. Aprì gli occhi sorpreso quando un fiotto gli cadde sulla bocca. Poi l’orgasmo cominciò a diminuire ed il suo cazzo scaricò liquido salato sul suo corpo.
Si sdraiò indietro e si rilassò, asciugando lo sperma con le dita e leccando via il succo salato dalle sue mani. Pulì gli ultimi resti col lenzuolo e rimase sdraiato al sole, nudo. Un rumore improvviso lo scosse. Saltò fuori dal letto e guardò fuori della finestra… vide suo padre col tagliaerba. Sorrise, prese un paio di boxer mentre andava verso la doccia. Avrebbe dato un colpo a Giorgio più tardi. Rimase sotto la doccia sorridendo.
Mezz’ora più tardi era al telefono col suo amico.
“Ciao Giorgio. Sono Marco.”
“Oh, ciao. Hai già cominciato il lavoro per Pappagallo?”
“No, non ancora.” La mente di Marco stava correndo… l’avrebbe invitato?
“Oh, bene, perché non vieni a farlo qui? Possiamo farlo in piscina… è una giornata magnifica.” Giorgio tentò di essere il più convincente possibile.
“Em, sì, Ok, sicuro. Quando posso venire?”
“Vieni subito se vuoi. I miei genitori sono partiti così abbiamo tutta la casa per noi. Se vuoi puoi rimanere a dormire.”
Marco sentì i boxer stringersi mentre il suo cazzo si riempiva di sangue. “Sì, Ok. Lo dico ai miei ed arrivo. Ci vediamo tra un quarto d’ora?”
“Ok. Ci vediamo più tardi. Ciao”
Marco riagganciò e quasi svenne. Una notte con Giorgio!
Si mise i vecchi Levi lunghi sino alle ginocchia ed una maglietta senza maniche. Poi ci pensò, si tolse i jeans ed i boxer prima di scivolare di nuovo nei calzoni. Sentiva il suo uccello crescere alla prospettiva di camminare per la strada senza boxer. Gettò dei vestiti ed il compito in un vecchio zaino, prima di uscire di casa, quasi dimenticandosi di dire a sua madre dove stava andando e che avrebbe dormito fuori. Erano cose a cui la mamma teneva.

Gli occhi di Giorgio quasi gli uscirono dalla testa quando vide il suo amico tutto abbronzato sulla porta.
“E… entra.” E quasi soffocò sulla mela che stava mangiando.
Marco si precipitò ad aiutarlo e il suo amico, gettando un braccio intorno alla schiena nuda del ragazzo e sorreggendolo. Giorgio si riprese e quasi svenne sentendo la mano di Marco che gli carezzava dolcemente la schiena.
“Tutto ok?”
“Sì” Rise il ragazzo: “Solo una maledetta mela che ha tentato di uccidermi!”
Chiuse la porta e condussero il compagno nel seminterrato. Marco si guardò intorno stupito mentre Giorgio beveva dell’acqua fredda.
“Questo è la tua stanza?”
Giorgio si girò e sorrise: “Sì, mio papà l’ha costruita per me. Così posso venire quaggiù ed essere totalmente separato dal resto della casa. I miei genitori non vengono quaggiù, se mi vogliono mi chiamano al citofono. Vieni, non si può rimanere dentro in un giorno come questo.”
Giorgio gli fece attraversare la casa e lo portò in giardino. Alti alberi lo schermavano dalla vista dei vicini. Giorgio attraversò il prato ed andò al patio, saltando un po’ quando i suoi piedi nudi toccarono le pietre calde del lastricato del patio. Si sedette sull’orlo della piscina e fece segno a Marco di sedersi accanto a lui. L’amico si tolse le scarpe e gli si sedette di fianco. Rimasero a chiacchierare un po’ sguazzando coi piedi nell’acqua fresca, parlando di scuola e della vita in generale. Poi, come per caso, vennero a parlare di sesso. Giorgio era a disagio… sapeva della sua reputazione a scuola e sapeva che era completamente falsa. Lui non aveva mai fatto sesso con una ragazza… lui non voleva farlo. Lui sapeva chi lo eccitava, ed era seduto accanto a lui sul bordo della piscina. Tentò di pensare ad un modo per far togliere i vestiti a Marco e si accorse di essere seduto di fronte ad uno dei migliori modi per farlo.
“Entriamo?” Giorgio si alzò e saltò nella piscina. Marco saltò indietro per evitare gli schizzi… quelli erano gli unici vestiti che aveva portato con sé a parte le mutande.
“Em, non posso… non ho portato il costume da bagno.”
Giorgio aggrottò le ciglia: “Dannazione, avrei dovuto dirtelo.” La faccia di Giorgio si accesa avendo un’idea. “Mai preoccuparsi” Disse togliendosi il costume e gettandolo sul bordo: “Che bisogno c’è di costume?”
Marco quasi collassò. Riuscì a mantenere la calma per non far diventare duro il suo uccello. Ma ci riuscì solo a metà. Pensò per un momento alla proposta: “Er, vuoi dire farlo nudi?”
Giorgio rise, chiedendosi se fosse sul punto di mettere gli occhi sul corpo di quel bel fusto: “Sì. Non preoccuparti, è figo… i vicini non possono vedere cosa sta succedendo perché gli alberi sono alti, in casa non c’è nessuno e non c’è nulla che io non abbia già visto… o tu hai qualche cosa di speciale nascosto là sotto?”
Marco rise nervosamente: “Sì, io ho qualche cosa che nemmeno Dio ha mai visto!” Risero mentre Marco si toglieva la maglietta rivelando un corpo perfettamente formato. Si girò e la gettò di fianco prima di togliersi i jeans. Giorgio tornò a guardare il suo amico che si spogliava ed ammirò il corpo magnifico che aveva di fronte… ben fatto e l’abbronzatura era quella di uno che si allena all’aperto con un brillante culo bianco. Sottili peli color bronzo gli coprivano le gambe. Marco fece un passo indietro verso la piscina. Giorgio pensò che non avesse visto il bordo, ma come cominciò a gridare, il ragazzo piegò le gambe e fece un salto indietro tuffandosi in acqua. Una volta sotto l’acqua aprì gli occhi e nuotò verso il suo amico aprofittandone per guardargli le palle. Affiorò quindici centimetri davanti a Giorgio.
“Wow, figo. Non avevo mai visto qualcuno fare una capriola indietro così!”
“L’ho imparato nuotando nel fiume.” Disse Marco sorridendo. Sentiva il suo uccello pulsare per la scena a cui aveva assistito sotto l’acqua. Se solo avesse potuto metterci sopra le mani lui…
I due ragazzi nuotarono nudi per alcune ore prima di essere stanchi. La tensione tra di loro mentre si chiedevano come arrivare al corpo dell’altro, li aveva fatti faticare più del solito. Uscendo dalla piscina Marco andò verso i suoi vestiti, poi si fermò realizzando che non aveva asciugamano. Si rivolse a Giorgio e vide che il giovane stava andando verso casa… completamente nudo. Lui raccolse le sue cose e gli corse dietro.
Quando Giorgio arrivò alla casa, il suo stomaco sembrava contenesse tutte le farfalle della giungla dell’Amazzonia. Girò per la casa alla ricerca di asciugamani per loro due prima di guidare Marco nel seminterrato. Col sole che stava scendendo fuori cominciava a fare un po’ freddo. Prese due birre ‘in prestito’ dalla scorta di suo padre, ringraziando il cielo che avesse avuto la previdenza di metterle nel frigorifero. Giorgio si spaparanzò sul divano passando una birra a Marco ed accarezzando il posto accanto a sé. Era nervoso per essere nudo di fronte a quel bel teenager, ma scoprì che la combinazione del nervosismo e l’arrapamento stava tenendo a mezz’asta il suo cazzo… un palcoscenico perfetto. Allungato ma che non puntava verso l’alto.
“Vediamo cosa c’è alla televisione.” Gemette Marco. Stasera non dovrebbe esserci niente. Papà se ne stava lamentando ieri sera. C’è un film su di un disabile… che dipinge quadri coi piedi o qualche cosa del genere… È rimasto così per un incidente…” Dannazione era disagevole stare nudo come lo era per Giorgio, se non di più. La sua verga era nella stessa condizione di quella di Giorgio e la tensione sessuale tra i due era incredibile. Non solo erano due adolescenti, pieni di ormoni ed enormi impulsi sessuali, ma erano anche nudi di fronte all’unica persona con cui volevano fare sesso.
Giorgio impallidì brevemente: “Em, è ‘Il mio piede sinistro’ non è vero?”
“Sì è quello.” Disse Marco sedendosi vicino a Giorgio a gambe spalancate strisciando inavvertitamente una coscia contro Giorgio. Questi sentì il suo stomaco sobbalzare quando i loro corpi si toccarono. Cambiò programmi sulla TV fino a raggiungere i canali satellitari.
“Dovrebbe esserci qualche cosa sul satellite stasera.” Cominciò a fare lentamente zapping, telecomando in una mano, guida TV nell’altra. Fece una pausa e lesse sulla guida. Un film su due ragazzi gay? Sarebbe mai…? No… ma se pensasse fosse qualche cosa riferito a lui… Fanculo, pensò, non ho niente da perdere.
“Oh, questo è il film di cui parlava un mio amico.”
“Huh?” Marco sollevò il collo tentando di leggere la guida TV.
“Si chiama ‘La bella cosa’. È un film su due ragazzi che vivono nello stesso condominio e di come si innamorano l’uno dell’altro. Non sembra male. Ne ho sentito parlare bene.”
Marco non poteva credere ai suoi orecchi. Il film che da un po’ voleva vedere: “Sì, ne ho sentito parlare. Lo guardiamo?”
“Sì, ok. Prima però andiamo a prendere del cibo.”
I due ragazzi andarono in cucina. Marco non ci poteva credere, stava per guardare quel film con quel ragazzo, ed erano ambedue nudi. Era sicuro di aver visto Giorgio che lanciava occhiate al suo inguine. Era gay?

Come il film finì Giorgio sospirò: “Era bello, non è vero? Ne prendiamo un’altra?” Chiese, indicando le bottiglie vuote di fronte a loro che continuavano ad aumentare. Marco accennò col capo lentamente, le birre che avevano bevuto avevano rallentato le sue reazioni.
Giorgio ritornò con le due bottiglie, un po’ instabile sui piedi. Gli venne un’idea, fece finta di inciampare nell’orlo del tappeto e versò la birra su Marco. Aveva finto troppo bene ed atterrò sulle ginocchia di Marco, con la testa solo a pochi centimetri dall’oggetto dei suoi desideri, i suoi occhi che fissavano le palle del suo amico. Nessuno di loro si mosse per un minuto, fino a che Giorgio non interruppe la trance e si alzò per prendere un asciugamano. Marco lo seguì in cucina e rimase fermo in piedi mentre l’amico gli asciugava la birra sul torace e sullo stomaco prima di inginocchiarsi per asciugargli l’inguine. Marco chiuse gli occhi quando Giorgio gli strofinò l’uccello e le palle. Si chinò, prese la mano del giovane e lo tirò in piedi.
“Cos…?”
Marco lo fece tacere mettendogli un dito sulle labbra. Quelle labbra così morbide e dolci. Sentiva così caldo vicino a quel fusto e l’alcol gli diede il coraggio di cui aveva bisogno. Tirò Giorgio più vicino e si inclinò in avanti chiudendo i suoi occhi. Le sue labbra incontrarono quelle di Giorgio, le separò e vi inserì la lingua. Il bacio fu dapprima delicato poi, lentamente, divenne appassionato, la tensione sessuale cresciuta fra di loro, finalmente si rilasciava in quel bacio. I due ragazzi si sentirono sempre più a loro agio, la passione crebbe, le loro mani esploravano quanto le loro lingue. Le loro bocche finalmente si separarono, le loro braccia allacciarono l’altro in un abbraccio appassionato, condividendo un momento che chiunque sia stato innamorato può riconoscere.
Marco ruppe il silenzio imbarazzato: “Giorgio, mi spiace, io… io…”
“Sssshhhhh. Non dire niente.”
“No, ho veramente bisogno di dirlo. Mi stai schiacciando l’uccello con la tua gamba.”
Scoppiarono a ridere, allontanandosi e liberando la verga di Marco che stava crescendo.
Si diressero verso la camera da letto, tutti e due con lo stesso pensiero nella mente. Quando vi arrivarono Marco fermò Giorgio.
“Em, odio dirlo, ma non posso farlo.”
Giorgio gelò, scioccato da quell’asserzione. Guardò l’amico e diventò diffidente vedendo un bagliore nei suoi occhi. “Perché?”
“Sono ancora sporco di birra e tutto appiccicoso.” Disse Marco sorridendo al bel giovane che aveva di fronte.
Giorgio sorrise astutamente: “Oh, a questo è facile porre rimedio… ho una bella doccia grande.” Prese Marco per mano e lo condusse nel bagno, chiudendo la porta dietro di loro.

FavoriteLoadingAggiungi ai tuoi preferiti
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *